lunedì 28 ottobre 2013

21

I 20 Easter Egg più spettacolari di GTA V

Easter Egg GTA V 5
Se non hai ancora parlato, come promesso da tempo, di Beyond e Jojo’s Bizarre Adventure All Star Battle, è perché stai giocando ancora a GTA V. Dopo averlo finito e dopo aver terminato anche tutte le missioni secondarie, sei ancora lì ad andare in giro, scoprire cose, detonare gente. Come saprete, GTA V è letteralmente zeppo di piccole, grandi meraviglie, cose che se non lo sai rischi di perderti. ll tizio vestito da Master Chief davanti al finto Chinese Theater lo conoscono tutti, ok, ma il resto? Seguono i venti easter egg del gioco che hai trovato più tanto molto flippotrippissimi. Tenete pronto il sopracciglio delle grandi occasioni WTF […]

A Los Santos e dintorni si incontrano almeno un paio di questi chioschi con una palla gigante arancione sul tetto. 
Se raggiungete quello nel punto indicato sulla mappa e sparate alla palla (o salite sul tetto per prenderla a calci, a scelta), la vedrete rotolare giù per la montagna in un canalone, fino ad arrivare in strada.
Nico Bellic, il protagonista di GTA IV, viene citato più volte in GTA V. Lester ne parla a Michael durante un dialogo a inizio gioco: c'è questo tipo dell'est che vive a Liberty City e che, a quanto sembra, ha lasciato il giro. O è finito sotto terra, una delle due. 
Durante un’altra missione, Jimmy, il figlio di Michael, sta navigando su Internet con il portatile in cucina. Zoomando con la fotocamera del telefonino, si scopre che è sulla pagina di LifeInvader di Nico. Tra gli amici di quest’ultimo, nella colonna a sinistra, c’è ovviamente anche il cugino Roman.
Un altro personaggio di GTA IV che fa più volte capolino nel quinto capitolo è Brucie Kibbutz, contatto di Nico Bellic in fissa con macchine sportive e palestra. Ha un account su Bleeper, la versione di Twitter del gioco, e lo si trova come testimonial di un prodotto (presa per i fondelli di un certo drink energetico...) nella pagina Internet che vedete qui sopra. Non è tutto: provando a digitare sul cellulare il 948-555-0100, si sentirà il suono di una connessione a Internet dial up: è il numero di ZiT, l’app per riconoscere le canzoni in GTA IV.
Percorrendo l’autostrada lungo la costa a nordovest, si vedranno comparire sulla mappa dei puntini rossi. 
Raggiunta la posizione, uno spiazzo sterrato, ci si trova davanti ad alcuni cadaveri, uno dei quali accasciato sul clacson del suo furgone. Poco più avanti c’è una valigetta con dentro parecchi testoni: uno dei tizi, moribondo, consiglia di lasciarla stare. Dopo averla ovviamente raccolta e aver lasciato la zona, ci si ritrova inseguiti da alcuni tizi piuttosto incazzati. È tutta una citazione di una delle scene più famose di Non è un paese per vecchi dei Coen, questa:

L’appartamento di Floyd a Vespucci Beach è strutturato esattamente come quello di Melanie in Jackie Brown di Tarantino. Ci sono perfino delle foto simili incollate sulla colonna dell'angolo cucina. Nella fase del gioco in cui Trevor è ospite non gradito, entrando in casa con un altro dei due personaggi lo si può sorprendere mentre dorme con un pigiama rosa. In Pink a casa di Floyd...
Immergendosi nel punto indicato, si trova sul fondo la botola di Lost. Man mano che ci si avvicina, la botola inizia ad emettere un po’ di luce. Ma se ci si avvicina troppo ti uccide. No, davvero.
Le citazioni di altri giochi della serie e più in generale di altri titoli Rockstar si sprecano. Nella prima missione con Trevor, il pazzoide è alle prese con un motociclista a cui ha appena portato via la donna. Si tratta di Johnny Klebitz, il protagonista di GTA IV: Lost and Damned, e non fa una bella fine. 
Yellow Jack Bar di Sandy Shores: dietro al bancone sono appese delle banconote con la faccia di Rochell'le, la cantante hip hop di GTA: San Andreas, presa da uno degli art del gioco.
A casa di Franklin ci sono un poster di Madd Dog e un disco di OG Loc: il primo era in GTA: San Andreas un rapper, il secondo un criminale aspirante musicista.
Nella seconda casa di Franklin, la villa sulle colline, tra i libri allineati su uno scaffale c’è un “Red Dead”, scritto da J. Marston: il protagonista di Red Dead Redemption.
E ancora: il vecchio John può essere scelto anche come proprio longevissimo paparino scorrendo le possibili scelte nell'albero genealogico del personaggio in GTA Online. Diversi nomi di luoghi nel gioco sono ispirati a Red Dead Redemption: Cholla Springs Avenue (dalla regione di Cholla Springs), Armadillo Avenue (dalla cittadina di Armadillo) e il monte Gordo (Gordo il cinghiale era uno dei quattro animali leggendari da cacciare in RDR). Infine, una fattoria a sud della prigione è identica a quella di John Marston.


Nel negozio di maschere di Vespucci Beach ce n’è anche una identica a quella di Manhunt.
La macchina truccata che si guida in due missioni, una JB 700 con mitragliatrici, spargichiodi e sedile eiettabile (omaggio alla Aston Martin DB5 di Agente 007 - Missione Goldfinger) è targata 463NT: Agent è il titolo di un progetto di Rockstar, un gioco ambientato nel mondo dello spionaggio anni 70, che non si sa bene se e quando vedrà la luce.
La Elysian Fields Freeway è un omaggio alla compagnia Elysian Fields Development Company, che in L.A. Noire aveva in programma per l'appunto la costruzione di un’autostrada che attraversasse la città.
La citazione più flippotrippissima di tutte è però quella sperimentabile durante la missione "Safari nel ghetto". Nell’ultimo tratto del percorso per arrivare a destinazione, svoltando a destra anziché a sinistra si finisce a Groove Street, dove abitavano CJ e i suoi amici in GTA: San Andreas. E chi saranno mai quei tre giovanotti in bici che assomigliano proprio tanto a CJ, Big Smoke e Sweet?
Ma in GTA V vengono citati anche altri titoli non Rockstar. Un paio d’esempi: durante la lezione di yoga, Michael deve assumere la posizione “Praise the Sun”: è un omaggio al cavaliere Solaire e al Patto del Guerriero del Sole di Dark Souls. Alla radio si sente parlare di una droga chiamata Zombix, probabilmente una strizzata d’occhio alla Zombrex di Dead Rising.
Su diversi muri della città (uno dei quali viene inquadrato durante una missione con il paparazzo Beverly, quando lo si trova nascosto nel cassonetto) si legge la scritta Karma: It’s A Chameleon”, in omaggio a Kharma Chameleon, successo dei Culture Club di Boy George del 1983. Sempre parlando di musica, scendendo sulla spiaggia di Vespucci Beach di notte, si incontrano diversi falò. C’è anche qualcuno che suona la chitarra, ma niente canzoni di Battisti. Strano.
La casa di Lester è piena di citazioni. Dai pupazzetti allineati nell’ingresso al poster con il disco volante e la scritta “Accept the truth”, presa per il chiulo del poster “I want to believe” di X-Files.
Questo non è un vero e proprio easter egg, quanto uno dei tanti tocchi di classe del gioco. Come le macchine più vecchie che ci mettono di più a mettersi in moto o i camerieri che trovi sul retro dei locali a fumare. Se, alla guida di un’auto sportiva, ci si ferma accanto a un’altra belva a un semaforo e si dà un po’ di gas, l’altro accetterà la sfida, facendo altrettanto. Pronto a scattare al verde, per vedere chi è il primo che va a stamparsi da qualche parte…
Tutte le sere, tra le 7 e le 8 orario del gioco, su una montagna nel punto indicato qui sotto va in scena il finale di Thelma & Louise
Due donne in una decappottabile, inseguite dalla polizia, decidono di buttarsi di sotto appena si avvicina loro un agente. Volendo, basta raggiungere il veicolo prima che ciò accada per far scendere le due donne e salvarle. Almeno fino alle 7 di sera del giorno dopo...
Su una delle texture usate per le pareti del monte Chiliad, nella parte nord della mappa, appare questa faccia. C’è chi sostiene sull’Internet trattarsi del volto di Jesse Pinkman di Breaking Bad, ma te non ci vedi tutta questa somiglianza. A ogni modo, Jesse e il signor White sono presenti comunque nel gioco. In un certo senso. In una delle prime missioni di Trevor, lo schizzato parla di laboratori segreti per la metanfetamina ricavati all’interno di camper…
Alla fine della Walk of Fame di Vinewood si incontra questo zombie, indicato sulla mappa da un puntino celeste. Avvicinandosi, è possibile parlare con lui. Ma sarà davvero uno zombie?
In uno dei negozi di vestiti del gioco, il Suburban nel punto indicato qui sotto, è possibile comprare questa camicia orripilante.
Ricorda niente?
È quella sfoggiata in Brasile dal protagonista in Max Payne 3. Basta abbinarle un paio di occhiali, una rapata al cranio e una bella barba per trasformare Michael in un cosplayer perfetto del vecchio Max.
In un negozio accanto alla pista d’atterraggio di Trevor (Discount Store), invece, vendono questa giacchetta qui: è quella di Drive, ma con un granchio al posto dello scorpione…
Nello stesso negozio, infine, c’è anche questo completino da Jack Torrance di Shining.
Nel mondo di gioco si incontrano varie scritte sui muri che fanno riferimento al numero 8. Mettendo assieme gli indizi, si riesce a ricostruire la storia di un serial killer: un uomo di Sandy Shores chiamato Merle Abrahams che, andato fuori di melone dopo essersi fissato con il numero 8, ha deciso di uccidere otto persone. Finito in prigione, Abrahams ha lasciato una delle sue ultime scritte proprio su un muro del penitenziario. 
Seguendo le indicazioni (il disegnino incima alla scritta della prima foto: delle isole sopra a un monte, il Chiliad), si scova un piccolo arcipelago nell’estremo nord della mappa. Sulle isole non c’è niente, ma immergendosi nello spicchio di mare al centro si scoprono sul fondo i cadaveri delle otto vittime del serial killer…
Ogni sera, attorno alle 11, in cima al monte Gordo appare il fantasma di Jolene Cranley-Evans. Avvicinandosi, lo spettro scompare, lasciando a terra la scritta "Jock". È il nome del marito, Jock Cranley, in corsa per la carica di governatore di San Andreas secondo quanto si apprende in una missione secondaria di Trevor. Uomo politico e, a quanto pare, uxoricida…
Accanto al campo da golf di Richman, nel nord-ovest di Los Santos, c'è una villa identica alla Playboy Mansion di Hugh Hefner
Ovviamente con tanto di grotta, piscina e, tutte le sere, feste con conigliette in topless... che si allontaneranno schifate nel vedervi arrivare.
Durante la missione "Predator", utilizzando gli infrarossi è possibile vedere nel mirino la sagoma di un Bigfoot/Sasquatch. Durante una delle missioni random che si sbloccano dopo aver completato il gioco al 100%, si può dare la caccia al bestione, con tanto di sorpresa finale...
Sul fondale del punto indicato qui sopra è possibile invece ammirare quanto resta di un qualche mostro marino...
Sono ben quattro gli UFO disseminati in GTA V. Il primo si trova sott’acqua,
accanto al molo acquistabile. Gli altri tre spuntano fuori solo dopo aver completato al 100% il gioco: 
uno nei cieli sopra Fort Zancudo,
un altro nei paraggi di Sandy Shore, 
l’ultimo sopra il Monte Chiliad e solo durante le tempeste. Agli UFO è collegato uno dei misteri al momento ancora privi di soluzione del gioco,
questa sorta di murales nella stazione della cabinovia sul Monte Chiliad. Sull’esatto significato dei simboli sono già nate nell’Internet un inverosimilione di teorie. Quello che non tutti sanno, però, è che oltre ai dischi volanti, è possibile incontrare anche un alieno. Al di là di quelli che appaiono in una missione secondaria dopo aver fumato l’impossibile, parli di un alieno vero e proprio.
O meglio, di un ALIEN. Durante la fuga del prologo, scendendo sul letto ghiacciato di un fiume si intravede uno xenomorfo intrappolato nel ghiaccio. 
Coming soon: Alien Vs Predator VS Trevor.

21 commenti:

  1. una sola parola sbavvvss oggi torno è mi ci attacco :)

    RispondiElimina
  2. Io continuo a ripetermi di aspettare... di prenderlo per le console next gen (se uscirà) o aspettare un'edizione completa tipo quella che avevano fatto per il 4, che già così ho poco tempo... se ci aggiungo GTA è la fine!
    Però se continui a parlarne in questo modo mi sa che scatta l'acquisto... :)

    Comunque i ragazzi di Rockstar sei dei veri geniacci... i loro giochi son dei veri must have!

    RispondiElimina
  3. Ma Trevor *è* Jack Torrance! Soltanto più scoppiato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto, molto, molto, (molto) più scoppiato. Trevor è il protagonista più agghiacciante della storia del videogioco.

      Elimina
  4. Ad Alien vs. Predator vs. Trevor mi è venuta ufficialmente la pulsione di comprarmi una xbox o ps3 e non aspettare GTAV per nuova generazione e giocarci fino allo sfinimento.

    Sì, perché la mia xbox è sparata in un'afosa notte d'estate di quest'anno e mi stavo convincendo che non c'erano motivi realu per sobbarcarmi ADESSO di tale spesa.

    Fino ad ora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto a scanso di equivoci, la roba di Alien vs Predator vs Trevor è solo una gag per chiudere il post, eh :)

      Elimina
  5. grande DOC bella lista, mi metto subito a cercare quelle che mi mancano!

    ma Gesù ubriaco e fumato l'avete incontrato anche voi?

    RispondiElimina
  6. Per tornare sull'argomento citazioni in uno degli eventi random nel gioco figura Packie, l'amico irlandese fissato lui e quelle minchia di freccette di Niko in GTA IV. Se dopo quell'evento non finisce a concimare le margherite diventa assoldabile nei vari colpi, mia presenza fissa tra l'altro perché A) c'ha tutte le stat maxate e non si prende troppi soldi B) ogni cosa che gli esce di bocca è una strizzatina d'occhio o una tirata di gomito dopo l'altra

    RispondiElimina
  7. Ne ho uno che stranamente non hai citato. Se si va al luna park sulla spiaggia, poco avanti all'entrata principale, si incontra un hippie molto particolare di nome Jesse. Parla un sacco di suo papà e di come questo voglia un sacco di bene a tutti gli esseri della terra anche se in passato è stato davvero cattivo con loro. Indovinate a cosa o chi si riferisce questo easter egg :-)

    Io ho torvato olo questo e niko su life invader...gli altri vado a vederli dopo aver finito dark solus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I discorsi di Jesse sul padre sono fortissimi. Ma troppi ce ne sono: come scritto all'inizio, mi son fermato a 20 punti, ma ce n'è da riempirci un libro.

      Elimina
  8. i rapper di San Andreas non sono gl unici a ritornare: in una side quest di non ricordo che personaggio si ha a che fare con il cantante dei Love Fist, il gruppo glam/metal di Vice City; non solo: se si va su internet e si cerca la pagina dello show Fame or Shame è possibile vedere l'ultima puntata trasmessa del programma dove il Nostro fa un'esibizione penosa con il pezzo "Power Ballad".

    In città tra i locali acquistabili c'è il Tequila-La-La che fa il verso al Whiskey A Go Go, storico locale dove hanno mosso i primi passi un sacco di gruppi metal (i Metallica, tra i più famosi) e se ci si reca per la missione secondaria poco sopra citata ci si troverà appese le locandine di un imminente concerto proprio dei Love Fist.

    RispondiElimina
  9. Non per fare sempre il PDF, ma alcune mi sembrano forzatissime. Il fatto che puoi comprare a Trevor uno Harrington, ad esempio, per me non è una citazione di Shining, lo fa sembrare molto più uno skinhead (abbinato a jeans risvoltati ed anfibi che non devi nemmeno comprare).
    Rimane che il gioco è pieno di citazioni fighissime però.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo tu non abbia notato nello screenshot la camicia che viene abbinata a quel giubbino...

      Elimina
  10. Grande doc, devo mettermi a cercare quelli che mi mancano!
    Un altro easter egg (o almeno suppongo lo sia) è la maschera da scimmia col sigaro che dovrebbe chiamarsi "space monkey" come le "scimmie spaziali" di Fight Club

    RispondiElimina
  11. Lo devo ammetterlo, ci ho giocato il giorno che è uscito ma poi l'ho mollato perché, come scrivevo in un vecchio commento, devo imparare a giocare ovvero mi incarto con i tasti e nella fase di guida mi disintegro tutte le volte contro gli altri. Voglio fare delle lunghe sessioni di free roming e poi ricominciare.
    Logicamente questo potrà avvenire solo e soltanto quando avrò un ciclo del sonno simile al Doc (oggi prima della 5,00 ero sveglio quindi ci stiamo lavorando) o il mio lavoro mi permetta di avere una vita normale (cioè nel giorno del mai).

    Prima o poi mi gioco la tessera.

    RispondiElimina
  12. Quei 70 € che ho preferito risparmiare adesso pesano come un macigno legato ai coglioni (vediamo chi capisce la citazione) .

    RispondiElimina
  13. Doc, pare che per il mistero degli UFO si debba tornare sulla cima del monte Chiliad dopo la fine del gioco (dietro la piattaforma di legno c'e' la scritta 'come back after you finish the game' e pare che sotto ci sia il primo simbolo), tu lo hai fatto? io sono ancora dentro la storia quindi non posso confermare...comunque lo avevo gia' scritto ma lo ripeto ancora: che peccato che in un gioco del genere una compagnia molto poco politically correct come la Rockstar non abbia pensato di fare almeno uno dei tre personaggi principali donna...(ehi Rockstar, ci siamo anche noi!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, quella scritta credo si riferisca all'UFO che appare lì solo dopo aver completato il gioco al 100%. A ogni modo, d'accordissimo sul personaggio femminile.

      Elimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails