martedì 17 settembre 2013

116

Le pubblicità fuorvianti di Topolino (stagione IV, parte I): aprile-maggio 1982

Di GTA V, parliamo domani, buoni. Nel frattempo, torna dopo due mesi esatti, a granderrima richiesta, l'appuntamento con le pubblicità fuorvianti di Topolino, rubrica ormai prossima al traguardo dei tre anni di cinquinamento dell'Internet. Questa volta parcheggiamo il TARDIS nella primavera dell'82, quando si era tutti a un passo dal diventare campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo, ma non ci credeva proprio nessuno. Come nel 2006, ma con un allenatore che non vomitava nelle interviste come cippalippa. Paradise di Phoebe Kates o Bravi Ragazzi di Miguel Bosè a palla in cuffia e si va verso quei Topolino 1378-1380 (aprile-maggio 1982, 700 lire cadauno) laggiù in fondo: nuovi, grandi momenti di ringere sono pronti ad aggredirvi alle spalle, i vigliacchi [...]

E allora così, tah, a tradimento, subito la pallina brillantina rimbalzina, che andava di brutto, pur essendo un giocattolo inutilmente inutile. Personalizzabile con "le adesive" - ché la maschilizzazione forzata del termine con decreto legge nell'82 ancora non era avvenuta - leggiamo, per chi si sentisse "re, domatore o pirata". O, come nella pallina d'esempio, drag queen di Plutone.
Qui l'attacco di lacrime napulitante è duplice, non solo per lo storico Tango, ma per la presenza di Sport Billy, superprecisino dello spazio in un cartone di cui si diceva qui
Il super aquilone di Nesquik, che "si gonfia come un pallone". E se ci andavi a giocare in un parchetto frequentato solo da laziali, come un pallone gonfiavano pure te.
Nella grande famiglia dei Micronauti, Emperor era il fratello con la sciatica di Baron Karza. Se ne stava lì, con i suoi pugni luminescenti, sognando un futuro come ballerina a Fantastico
La sportivissima Fashion Candy, in una delle sue ultime apparizioni. Il cadevere fu ritrovato casualmente anni dopo in un pilastro di una villa di Barbie
E parlando dell'Algida Stronza, nasceva in quei giorni lì il Giornale di Barbie. Il mago Mirkos, RoccoKen e soprattutto il ragionier Kentozzi erano dietro l'angolo.
La Acrobat, residuato bellico degli anni 70, pronta ed esser spazzata via dal ciclone BMX. Zac Ferguson pare fosse un cantante italiano, già interprete nel '78 del grande successo Aa Aa Uu Ae Ee. L'hai letto su uichipidia. Giuri.
Ma i Topolini vintaggi erano bellissimi, lo sappiamo, anche per le rubriche, grazie a cui voialtri giovani selvaggi imparavate un sacco di cose su come andava il mondo. Qui, ad esempio, ti insegnavano l'importanza per un rEgazzino dell'82 di saper eseguire come si deve le penne con la bici.
Si parla di "un bolide che prende potenza e si allunga" grazie alla carta di credito, ma per quanto possa sembrare incredibile, non era una pubblicità ante litteram del v1agra venduto online.
E qui ripiangiamo, perché queste Hot Wheels ce le avevi tutte, compresa quella fantascienza verde lì in alto
Già che ci troviamo nel pieno di un momento mariomerolo, tiriamoci di fila tutti i meravigliosamente-meravigliosi robottoni della linea Diaclone-Micronauti-Diaqualcosa:
Non lasciatevi distrarre dalla bellissima, toccante poesia con cambio di ritmo (ah-ah) finale: l'articolo ci parla della storia del portoricano Erik Estrada, diventato il Poncharello della serie CHiPs. Solo che qui è scritto Poncherello. Così, per sfizio.
Ma in TV c'era anche l'ALLEGRISSIMA serie Cuore, tratta dal libro di De Amicis. Le storie del piccolo Enrico Bottini, talmente piene di gioia che poi uno voleva buttarsi dal balcone insieme ai pennarelli blu. Tutto questo spazio dato a Rete 4 su Topolino si spiegava, ne abbiamo già parlato mesi fa, col fatto che il canale televisivo era di proprietà della Mondadori. Solo qualche anno, e sarebbe diventata il terzo pilastro dell'impero del Male
 Tale e quale a Retefragola, ma con un target di pensionate teocon
Purtroppo i termini del concorso sono scaduti da trentuno anni, ma se scrivete alla Hero, al posto del disco di Sbirulino qualche copia di Meno male che Sirbiu c'è ve la rimediano uguale, tranquilli. 
La Talbot numero 26 di Jacques Laffite, un'auto di Formula 1 resa immortale dal fatto che poco dopo ti è diventata Mistero/Mirage/Ligier dei Transformers:
Patrese e Fittipaldi, a voi niente, pedalare.
Sempre a proposito di macchine, nella rubrica L'Angolo delle Idee, un lettore di Termini Imerese proponeva questo suo Prototipo.
Concorso del dentifricio con in palio il solito viaggio in America, ma anche il glorioso gioco elettronico Simon e delle bamboline di melma. La cosa inquietante è ovviamente il castoro dentista che parla di estrazioni per i vincitori. Non capivi se ti volessero premiare o tirar via un dente.
Ma il Topolino dell'82 non ti diceva solo di fare le penne con la bici, attenzione. Venivano veicolate sulle pagine del giornalino altre nozioni importantissime: ad esempio, ti insegnavano a giocare in borsa con le azioni.
Dice: vabbè, ma sarà stata una roba così, con azioni farlocche, un gioco, no? NO. Perché le azioni erano di società realmente esistenti (secondo colonnino qui sopra) e si vincevano dei lingottini d'oro.
Pur di vendere qualche scatola di Mon Chéri in più, la Ferrero ricordava che la festa della mamma era anche la festa della mamma della mamma e della mamma del papà e di tutte le altre catananne laterali in famiglia.
Skipper Western, "una vera campionessa, la più brava nei rodei, quando si esibisce con il lazo". Intanto il suo cavallo si sta ammazzando in mezzo a quei rovi, ma lei se ne fot*e, la campionessa di stronzaggine.
E qui si ripiange, ché questa collana di libri Mondadori per ragazzi, sia pure in una versione con copertine blu dell'83 o giù di lì, ce l'avevi. Scartati quelli per femmine, come Piccole donne, Piccole donne crescono e Piccole donne vanno in menopausa, gli altri te li sei divorati in meno di un mese. I ragazzi della via Pal, L'ultimo dei Mohicani, L'Isola del Tesoro, Zanna Bianca e così via, letti tutti di fila a sette anni. Fai il piacere, Geronimo Stilton, vatti a fare un attimo un giro.
 Big Jim, l'agente 004, con il suo impermeabile da maniaco al parco,
 i pantaloncini strettissimi devirilizzanti
 e la sua collezione di maschere TERRIFICANTI. Utilissime per passare inosservato in ogni situazione, tipo in un circolo per mimi o al club dei miliardari col monocolo. "Cosa nasconde sotto l'impermeabile?". Non vogliamo saperlo, grazie tante.
Continuiamo con la sezione dedicata alle pubblicità più fuorvianti, con questo dittico della Pavesi: i biscottini Ringo offerti a dei ragazzini da due adulti chiaramente con l'aria da maniaci.
Fortuna che oggi come testimonial ci sia El Shaarawy, che conduce i suoi Ringo Boys del duemilaetredici dritti verso il proprio futuro: la panchina.
Prosegue intanto l'odissea di Yoko Yoko Pelocaldo - che non è, lo ricordiamo a beneficio degli ultimi arrivati, un'attrice di film zozzi giapponesi - e dei suoi amici. Come Patapuf, che è cascata dalle scale e c'ha tutti e due gli occhi acciaccati.
E poi... ehr... no, niente. Lasciamo stare. Fine della sezione, andiamo avanti.
"E l'Uomo-Ragno disse: 'Com'è che Gianni, Fabio, Enrica e Carletto hanno le scarpe dell'Uomo-Ragno e io no?' così corse a comprarsi le kid land". Poi però non riuscivà ad aderire più bene ai muri con quelle suole di gomma, e Octopus gli fece un coolo a tarallo. "Ghraffie tante, Gianni, fei un vevo amico", disse l'Uomo-Ragno prima di stramazzare al suolo privo di sensi.
Chiudiamo con una perla troppo a Lungro (CS) tenuta sepolta sotto una copertina di oblio. I pupazzini di Flippo Trippo, il clown cretino che parla il trippese.
Nasce allora, ufficialmente, in questo preciso istante, un nuovo tormentone dell'Antro: gli aggettivi flippissimo e flippotrippissimo. Tra qualche mese, quando qualche nuovo antrista chiederà "Scusa, ma che vuol dire flippissimo?", voi potrete dire Io c'ero. Anzi, Io c'eroflippotrippo.

LE ALTRE PUBBLICITÀ FUORVIANTI DI TOPOLINO
 

116 commenti:

  1. Il bello è che dei Flippo Trippo avevo sia il carretto che il blindato della polizia... :D

    RispondiElimina
  2. ma Filippo non era il bimbo tifoso perculato a scuola dai compagni perchè tifava per una squadra di pagliacci??
    il cerchio si chiude e tutto torna :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bel commento da troll, complimenti. Dopo il 3-1 a Torino di un anno fa però non ti sei fatto vedere per settimane: a fare i tifosi così son bravi tutti, pure Fede.

      Elimina
    2. Eddai Doc, lo sai che noi Juventini siamo molto orgoglioNi! Io dopo l' 1-3 dell'anno scorso ho indossato il lutto al braccio x un bel po'!!! Pero' devo ammettere che quella volta avevate meritato...

      Elimina
  3. La battuta su El Sharaaway mi ha fatto...flippotrippare tantissimo!!!

    RispondiElimina
  4. flippotrippissimo :-)
    per non farsi sgamare, la bambola l'avevano chiamata Candi, con la i...

    RispondiElimina
  5. Vabbè io c'avevo Emperor. Coi pugni e le gengive fluorescenti e ci facevo il superiore con gli amici miei che invece avevano i loro normali non-inquietanti-la-notte Baron Karza e Oberon.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emperor l'ho ritrovato un anno fa su una bancarella dell'usato, in perfette condizioni. Potevo lasciarlo? No che non potevo :D

      Elimina
    2. io non ho idea di che fine abbia fatto il mio. Morte per trasloco suppongo. :(

      Elimina
  6. Il clown dislessico l'avevo rimosso...dannazione, anni e anni di analisi buttati alle ortiche, manco fossi il cavallo di Skipper :D

    RispondiElimina
  7. Una credit card racer ce l'avevo: sarò stato scemo io, ma non riuscii mai a farla funzionare. Ricordo vagamente che era durissima da estendere. Mah.

    La tripletta di Diaclone è stata un pugno nel cuore come sempre, così come la hot wheels gialla e nera: facevo finta che fosse l'auto di Lupin III ç_ç

    RispondiElimina
  8. Le maschere di Big Jim sono raccapriccianti, sembrano la collezione di un serial killer stile Hannibal che conserva le faccie..

    Cmque viva la nascita nell'82 del giornale dell'Algida per le grandi risate che ci ha portato (e ciò mi ricorda che ho ancora quintali di numeri da scansionare XD)

    RispondiElimina
  9. E dopo tre anni, eccolo: l'amplEin! Oltre ad aver posseduto quasi tutto quello che c'e' pubblicizzato qua sopra, ricordo perfettamente anche quest'album, che possiedo da qualche parte,in attesa di un secondo vano di casa esclusivamente dedicato a scaffali. Piango fortissimo.

    RispondiElimina
  10. Però il Big Jim mutafaccia era figo, ricordo di averci giocato (mi pare ce l'avesso un mio amico) e che mi gasava molto.
    Con il Tango ci giocai millemila ore, ed era per me IL pallone. Nesquik era l'abbinamento indissolubile con il latte, ma non ricordo assolutamente l'aquilotto romanista (cugino della lupa laziale).
    Forse di Brillantina avevo una versione tarocca.
    Invece non ricordo chi avevo dei Micronauti, ma somigliavano magnificamente a Jeeg :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'aquilotto Nesquick/romanista era una sòla, non volava e si sgonfiava.

      Elimina
    2. A proposito di Big Jim, io ci avevo la versione subacqueo che lotta contro un piovrone gigante tipo quello di Fantozzi; che io ricordi non è mai stato pubblicizzato sulle pagine del topo.
      Qualcuno sa darmi ulteriori ragguagli sulla cosa?

      Elimina
    3. Se era il Big Jim palombaro con tanto di pugnale e piovra gigante, la ricordo qualche pubblicità su Topolino.

      Elimina
    4. Per me la piovra di gomma resta quella di Ed Wood (La sposa del mostro) ripresa da Tim Burton nel film omonimo...
      OT: di Tim Burton straconsiglio "Ed Wood" e "Big Fish" a chi non li avesse ancora visti...

      Elimina
  11. Prima volta primo commento! Diatron e baron Karza li avevo come quasi tutti i robot di quel periodo (se ne avessi ancora anche solo la metà, con box e tutto sarei ricco)...comunque ancora non si è trovata una pubblicità dell'epoca di "Ruzzolo"(se non sbaglio della Gig)e di "Squillo Languillo"...qualcuno ricorda??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ruzzolo ce l'abbiamo di sicuro.
      'Spe un attimo... Eccolo:
      http://docmanhattan.blogspot.it/2011/09/le-pubblicita-fuorvianti-di-topolino_19.html

      Elimina
    2. Comunque mi ero illuso di aver scritto io il primo commento del post, saranno i postumi della serata...ma squillo languillo? Era un salsicciotto marroncino chiaro che come lo prendevi e prendevi,ti scappava dalle mani...roba di gig anche quella se non sbaglio!

      Elimina
    3. Un salsicciotto chiamato squillo languillo che come lo prendevi, ti scappava dalle mani?

      ....

      MA CI RENDIAMO CONTO??!!!

      Elimina
    4. Tutti gli esemplari prodotti li hanno comprati quelli del MOIGE, cosparsi di benzina e bruciati in piazza.

      Elimina
    5. Mia madre ce ne aveva preso uno...

      Elimina
  12. Sempre sognati i Diaclone, ma dovrei ancora avere da qualche parte Red Falcon dei Micronauti e una specie di formica-scheletro a 4 braccia viola, che nella sua pezzenteria era uno dei miei giocattoli preferiti. Mi pare che li regalassero anche con raccolta punti di una specie di Nesquik.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. parliamo di lui, immagino ;-)

      http://www.micro-outpost.com/pictures/aliens/antron/antroncard.jpg

      Elimina
    2. Grazie mille, anche con un artwork di un certo livello!

      Elimina
    3. Eh eh, le confezioni con quegli artwork bastavano da sole a farci comperare i pupazzetti :D

      Elimina
    4. Red Falcon, quanto cacchio era bello! Con la morte nel cuore, pochi mesi fa lo ho regalato a mio nipote di 6 anni.

      Elimina
  13. "Big Jim controlla sempre il suo bagaglio perchè...non si sa mai!" . Solo a me è apparsa l'immagine di Big Jim che si da una potente ravanata al pacco stile Enzo di Un sacco bello?

    ps: una volta non avrei mai notato certe frasi o fatto certi collegamenti, è proprio vero quel che si dice...frequenta l'antro e sarai dannato per sempre...o bannato, boh forse ho capito male

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, mi hai fatto avere un flash di un ipotetico Big Jim Enzo, con confezione, artwork e tutto XDXDXDXD

      Elimina
    2. Accessorio indispensabile..la valigia piena di calze :D

      Elimina
  14. Non è che lì sarà scritto "Poncherello" perché si è sempre chiamato Poncherello?

    RispondiElimina
  15. Guardando la pubblicità del Libro Cuore ho ricordato la sigla. E ho pianto. Forse non esiste sigla più triste di quella, roba che nemmeno Lana del Rey. Che depressione flippotripposa.

    RispondiElimina
  16. Doc, è stato già richiesto un post sulle pubblicità di Occhiali a Raggi X, Scimmie di Mare etc che si trovavano al fondo di alcune riviste? Troppo vecchie?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcuna l'abbiamo trovata in passato, altre salteranno fuori in futuro. Garantito alla lemonsoda.

      Elimina
  17. Diatron, Dia-attacker, quanta bava su quelle vetrine luminose.

    RispondiElimina
  18. La macchinina fantascientifica verde Hot Wheels, comprata oltre 30 anni fa, LA CONSERVO ANCORA OGGI nella bacheca della mia ex-cameretta. Ed è pure in ottime condizioni.
    La linea dei Micronauti era già bellissima di per sé, ma divenne proprio Cult quando arrivarono i robot giapponesi, assemblabili e magnetici come Diatron, Dia-Attacker e il gigantesco, meraviglioso e costosissimo Diaclone. Io avevo solo Baron Karza (conservato ancora oggi) e il suo cavallo, oltre al sedicente "Guerriero Spaziale", bellissimo, iper-snodato e pieno di gadgets come il casco, fucile, spada laser, jet da agganciare ai fianchi e jetpack da montare sulla schiena.
    Una lacrimuccia di nostalgia per Poncharello e i Chips, alfieri di una televisione ruspante e ingenua che oggi non c'è più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E le Kid Lang dell'Uomo ragno erano davvero flippotrippissime

      Elimina
    2. Io ho 35 anni. Con quella macchina verde flippotrippa ci ha giocato fino a un paio d'anni fa il mio nipotino. Ora lui è grande e le macchinine non gli interessano più tanto, e lei è ancora là, impervia al tempo, in attesa di SUO nipote.

      E poi non si dica che i giocattoli di una volta erano fragili!

      Elimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. La superflippissima Hot Wheels verde fantascienza ce l'ho anche io!
    Ma non ho mai capito cosa cavolo fosse...

    RispondiElimina
  21. ma quando erano bellini i dianauti con i piedini calamitati dei vari diaclone & co.?! :D


    p.s.
    per caso qualcuno qui ne vende un paio?

    RispondiElimina
  22. Doc,io in soffitta ho una collezione di Topolino che parte dagli anni 70.Posso contribuire alla rubrica?

    RispondiElimina
  23. E' uscito il full trailer de Tiger Mask live action... lacrime, ma non napulitane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il live action dell'Uomo Tigre è come dire...

      ...flippissimo e flippotrippissimo!

      Elimina
  24. Sai che ogni tanto mi ricordo di robe tipo "...e SherlockTrippo vigila"?

    Guarda, ora manca solo che mi tiri fuori i "Luciotti" (e non ti dico che cosa mi ricordo della loro canzoncina pubblicitaria, ché è meglio... :P ) e siamo apposto! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Done.
      http://docmanhattan.blogspot.it/2012/07/pubblicita-topolino-novembre-1987.html

      ;)

      Elimina
    2. http://www.nijirain.com/toy-flip4.JPG Tutti (credo) i flippo trippo (pippo), tra cui Sherlock

      Elimina
    3. C'è anche Super Trippo! Flippissimo!

      Elimina
    4. c'è anche Trippula! L'unico vampiro che anzichè succhiarti il sangue ti fa una liposuzione gratis!

      Elimina
    5. dimenticavo: supertrippulissimo!

      Elimina
    6. Il Convitato di Pietra17 settembre 2013 13:50

      Al Trippone. Lucky Trippano. Cecil B. De Trippo. Puro genio?

      Elimina
    7. Stravolta Trippo, PURGA TRIPPO! Cecil B. De Trippo è davvero da intenditori. Fantastico.

      Poi c'è l'anomalia degli unicorni, con uno che si chiama Ernesto, ma non hanno avuto i medesimi per chiamare l'altro Evaristo.

      Elimina
    8. Naaaaaaaaaa. Lisergico, 'azz.

      Elimina
    9. Illuminazione! Ma era lo stesso mercato de I Puffi, concorrenziale. Una specie di rivalità, come tra Master e tutto quel pupazzame simil-clone. Fallito miseramente, ovvio.

      Elimina
  25. Mi mancavano le pubblicità fuorvianti. Sempre uno spasso :)

    RispondiElimina
  26. Stavolta è stato un vero cazzotto nello stomaco perchè le ricordo tutte! Anche perchè anni fa mi sono riletto tutti i Topolini dal 1978 in poi.

    Alla vista dei Diaclone piangevo anche dal naso....sob...
    Prima o poi me ne compro uno visto che da piccolo nisba!

    RispondiElimina
  27. Flippazzi, le bambole Yoko-Yoko sono veramente creepy.

    RispondiElimina
  28. ...dopo quasi trent'anni rivedo quella macchinina verde...e piango quasi... l avevamo tutte pure io e mio fratello...e risento la sigla di "Cuore" e piango (ma mai quanto piango per quella di chiusura della "Balena Giuseppina").

    Altri momenti di constatata vecchiaia e lacrime sono la ligier di Laffite (e Villeneuve che proprio in quei giorni ci lasciava per sempre...) e il prototipo stile DeLorean/Lotus Esprit/Beta Montecarlo (ho passato anni a disegnare prototipi smepre stranamente simili a auto già esistenti).

    Infine, come un lampo, FlippoTrippo!!! ....ricordavo pure il nome della Carrozzella Calliope...pur non sapendo allora che fosse il nome della Musa...

    Grazie come sempre, Coetaneo...o quasi!!!

    RispondiElimina
  29. comunque, per l'angolo del Pdf, sono 2 ragazzini equivoci che offrono i Ringo a un povero lavoratore (probabilmente dopo aver rotto apposta la finestra col pallone)

    RispondiElimina
  30. Le brillantine rimbalzine hanno girato per anni, mi ricordo sempre gli espositori nelle vecchie cartolerie che vendevano un po' di tutto.

    Comunque retefragola è meravigliosa, peccato che non ero ancora nata!

    RispondiElimina
  31. Io c'ero, flippotrippissimamente.

    RispondiElimina
  32. "Uno dei percorsi più sicuri del mondo". Gufata colossale nei confronti del povero Villeneuve.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....è vero!!! avevo ricordato il povero Gilles ma non avevo letto bn l'articolo...è proprio maggio 1982...ed il circuito di Zolder!!! tragiche coincidenze!!!

      Elimina
    2. Non ci avevo fatto caso. All'anima della gufata.

      Elimina
  33. Voglio anche io la maschera di V for vendetta di Big Gimmo!!! Comunque tanti auguri alla rubrica!

    RispondiElimina
  34. A sette anni dovevano solo provarci a regalarmi un libro; altro che I ragazzi della via Pal, L'ultimo dei Mohicani, L'Isola del Tesoro, Zanna Bianca e così via, gliel'avrei tirato in testa, tsk...
    Doc, ma lo fai apposta a procurarmi ricordi agrodolci? Il Diaclone lo desideravo non puoi capire quanto, ma costava troppo e quindi niente :( Il fatto è che sono stato pure perculato riguardo questo regalo, ma lasciamo stare, neh...
    Riguardo i Ringo il nuovo spot mi aveva giusto fatto venire in mente la prima versione (correggimi se sbaglio) con il "ricamo spagnolo" anzichè la R stampata sopra al biscotto; e preferisco pure la confezione vecchia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh dai, meglio un libro (che non mi sarebbe piaciuto moltissimo da bambino: avevo la fissa invece per le enciclopedie e quelle le divoravo) del tremendissimo maglione. Ad oggi, se mai mi capita di pensarci, mi risulta totalmente incomprensibile come possa sembrare una buona idea come regalo per un bambino. Passi nel millenovecentodimenticami, quando aveva un suo perchè....

      Elimina
    2. Ah, ecco l'altro genere di regalo con cui da bambino facevo rischiare sempre l' "incidente diplomatico": i capi d'abbigliamento...
      Dài, l'unico regalo adatto per i bambini sono sempre i giocattoli.

      Elimina
  35. OT OT OT OT OT
    Doc,
    come probabilmente saprai la Banca Popolare di Milano è stata uno degli storici partners dell'Inter, questo fino alla scorsa stagione,ed era demandata alla vendita di abbonamenti e biglietti (credo quasi in totale esclusiva). Alla BPM ci facevano anche le assemblee dei soci dell'Inter.
    Ora ha allestito un campo da calcio in miniatura davanti all'entrata della sede principale in centro a Milano ed in torno ha messo una serie di cartelloni rossoneri. Per me è stato un trauma, quasi sotto l’ufficio.

    SIGNORA MIA DOVE ANDREMO A FINIRE!!!

    RispondiElimina
  36. I Chips! Poncharello! Grandi compagni delle mattinate passate a casa con la tonsillite!
    Insieme ad Hazzard e Magnum P.I. erano troppo trippi!

    RispondiElimina
  37. I Chips! Poncharello! Grandi compagni delle mattinate passate a casa con la tonsillite!
    Insieme ad Hazzard e Magnum P.I. erano troppo trippi!

    RispondiElimina
  38. Il Big Jim modello Casini ce l'avevo.
    Bellissimo, flippotrippissimo!

    RispondiElimina
  39. Doc, ma a proposito di libri, ma a sette anni li divoravi già? Tipo Automan (che, mi pare, "leggeva" i libri sfogliandoli). Ma lui è arrivato da noi un paio di anni dopo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì. Pinocchio l'ho letto in un pomeriggio, molti dei libri di questa collana in un paio di giorni. Leggevo così in fretta che molti fumetti li leggevo due volte.

      Elimina
    2. Lo odio ancora adesso, e mi chiedo come possa essere il terzo libro più tradotto in assoluto nel mondo :(
      Dannatamente perturbante, non fa per me, e se avessi figli preferirei che leggessero l'opera completa di Lovecraft piuttosto che pinocchio...

      Elimina
    3. Il Convitato di Pietra17 settembre 2013 19:46

      Pinocchio di Collodi è un maledetto capolavoro oscuro, Gaiman prima di Gaiman.

      Elimina
    4. In Pinocchio molti hanno visto un'opera massonica (non scherzo), con le vicissitudini del protagonista che ricalcherebbero il percorso iniziatico del novizio).

      Elimina
  40. Emperor ce l'avevo, ma sono ancora sconvolto dalla figherrima impaginazione dell'annuncio Nesquik... con le colonne di testo A CASO.......

    RispondiElimina
  41. I Robottoni Diatron fanno sempre malissimo a guardarli...

    RispondiElimina
  42. allora, stavolta varie cose:Flippotrippo non lo conoscevo, ma è di una bruttezza ed un'antipatia rara! I robot della Diaclone, invece, sono di una bellezza disturbante! Non capisco il riferimento a Lippi che vomita, mi si può delucidare? E, Doc, com'era il piccolo Manhattan dopo aver letto in un mese tutti quei libri? Perchè penso che un bimbo non possa fagocitare in così breve tempo tutti quei capolavori e restare uguale a prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. era un vomito figurato, relativo alle sentenze

      Elimina
    2. Lippi c'ha quel modo di parlare che sembra vomiti quando apre bocca. Nella sua "indimenticabile" gestione dell'Inter era noto tra molti tifosi, perlappuntamente, come "il vomitatore".

      Elimina
  43. Oh mamma.....c'ho le lacrime vesuviane.......
    Dunque,se posso dire,io c'avevo.
    Il Tango(di vera mia proprietà che siccome sono sempre stato una schiappissima a calciare palle,lo portavo sempre io così le regole delle partitelle erano leggermente favorevoli! Tipo:vi siete scelti i più forti in squadra? e allora noi si fa un rigore ogni 2 corner e voi uno ogni 5,tiè!)
    La palla rimbalzina ma moooolto bastarda dentro.
    L'Emperor,il suo stallore(che poi sarebbe stato un "castrone"...ci mancherebbe!)e avevo pure quello bianco,non ricordo il nome.
    E poi ho mangiato un sacco di ringo,rigorosamente aprendoli e leccando prima la cremina(secoli prima degli insegnamenti di kaka-cazzi).

    Sigh.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cavallo bianco mi pare si chiamasse Oberon (mi pare)...

      Elimina
  44. ... corro per casa gridando "Flippoptrippo", ascoltando la sigla di quel poveraccio di Bottini e piangendo lacrime da 2 chili...

    RispondiElimina
  45. La Talbot-Transformer... mio dio quanti ricordi e quanti pomeriggi a giocarci con quel robottino!

    RispondiElimina
  46. Prima di tutto, i bimbi di Gragolandia sono copiati da nonricordodove.

    Secondo, io delle Hot Wheels ho la macchinina di ken Falco fatta qualche anno fa.

    http://home.att.ne.jp/iota/j-hotwheels/charawheelfolder/CE_MachineHayabusaV3.jpg

    Se l'avessi avuta ai tempi che giocavo sulle piste fatte col gessetto sarei stato l'idolo del cortile.

    RispondiElimina
  47. Ma Papà Trippo non è il Pernascone sotto mentite spoglie?

    RispondiElimina
  48. Flippotripposo ! Le macchinine della Hot Wheels sono " precipitate " dal balcone di casa grazie al mio meraviglioso fratellino e non sono ai tornate .... Il Diaclone gigante un sogno proibito anzi proibitissimo ma .... La testa dell' Emperor e' ancora in mie mani ... Arghhhhhhh

    RispondiElimina
  49. Paolo Pugliese ancora una volta17 settembre 2013 21:37

    Piccola nota: visto quanti hanno risposto nei commenti precedenti, non credevo che la macchinina verde Hot Wheels ce l'avessero in così tanti. Per inciso, si chiamava Bubble car e pare sia anche molto ambita sul mercato del collezionismo.

    http://i.ebayimg.com/t/1978-MATTEL-GREEN-BUBBLE-GUNNER-HOT-WHEELS-DIECAST-TOY-CAR-/00/s/MTIwMFgxNjAw/$(KGrHqFHJF!FCRy,k5puBQwMRLVh8g~~60_35.JPG

    RispondiElimina
  50. La mitica linea Diaclone, un tempo sogno bagnato e oggi fabbrica di bruschette (ma pure ancora sogno bagnato)

    RispondiElimina
  51. Momentissimo mariomerolissimo...lo stallone lanciamissili!!!! Ce l'avevo!!!
    I Minipony erano usciti più tardi e mi ero accontentata di quello! XD

    RispondiElimina
  52. Lacrime trippesitante per la brillantina rimbalzina, anche se io l'ho conosciuta attraverso vari dispenser sparsi nei bar e sale giochi.

    È flippatissima l'aquila-pallone-aquilone (ma il bambino da dove la sta gonfiando?)

    Epistassi e flippotrippate sindromi di Stendhal per la Talbot/Mirage e i Diaclone!!!!!!

    Fashion Cand"I"???? #OMiGidio!!!!

    Trippatissime le pubblicità ambigue, che ancora una volta ci fanno chiedere: eravamo super sprovveduti ieri o siamo super maliziosi oggi?

    Circa le Credit Card Racers: apparentemente, mettevi quella cartina di plastica nel retro nella macchinina, spingendo la cartina la macchinina si allungava grazie a un meccanismo a molla finché la cartina si bloccava all'interno. A questo punto si premeva una linguetta sulla cartina, sbloccando il meccanismo a molla e la macchinina schizzava via.

    Bene, non penso ci siano altre flippate da segnalare. Grazie per il trippatissimo articolo che mi sono flippato con la solita trippezza...

    RispondiElimina
  53. Yoko Yoko pelocaldo e i gelo succosi uno appresso all'altro mi stavano uccidendo. Avrai notizie dal mio flippo avvocato :D

    RispondiElimina
  54. Ma di Micronauti esistevano due gruppi di giocattoli diversi? Cioè, c'erano i pilotini dei robottoni coi piedini magnetici e poi i cloni di Jeeg? Mi sto perdendo, qualcuno mi aiuti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque, Diaclone (ovvero i robot pilotabili coi pilotini magnetici ed i futuri transformers) erano una linea di giocattoli a se stante.
      I Micronauti erano invece composti dai cloni americani di Jeeg e dai giocattoli giapponesi di una linea chiamata Microman.

      Elimina
  55. Ma solo a me il Big Jim capellone con i baffetti ricorda tanto Stallone ne "I Falchi Della Notte"?

    RispondiElimina
  56. A parte Big Jime il Clown nel finale, il resto non me lo ricordo

    RispondiElimina
  57. Ma Flippo Trippo e i suoi congiunti erano parenti dei Puffi? Invece di "puffare" dicevano "flippare" e/o "trippare"?

    RispondiElimina
  58. Giustamente, in quel tempo la festa della mamma era anche festa della nonna, così come la festa del papà era anche festa del nonno, perché la festa dei nonni non era stata ancora inventata.

    RispondiElimina
  59. Due anni dopo la pubblicazione di questo Topo, "Cuore" divenne uno sceneggiato Rai diretto da Luigi Comencini, con Johnny Dorelli e Giuliana De Sio. Altro remake nel 2001 sulle reti Mediaset, con Giulio Scarpati e Anna Valle. Ma i baby-attori dell'edizione terzo millennio confessarono a "Sorrisi e canzoni" che più che "Cuore" amavano le avventure di Harry Potter (e io pur avendo già una certa età la penso come loro, tant'è vero che il mio nick è formato proprio dai nomi delle due amichette del maghetto).

    RispondiElimina
  60. ma perché l'aquilotto si gonfiava dal coolo?
    cmq per il prototipo vedo una "vaghissima" somiglianza con la lancia stratos più che con la de lorean

    RispondiElimina
  61. "tutte le altre catananne laterali" è semplicemente magnifico. Grazie.

    RispondiElimina
  62. Brillantina: ottima descrizione del Doc. INUTILMENTE INUTILE.

    Candi: emulazione di Barbie che mi fa anche tenerezza, il che diverso dalla pena di certi cloni che ho visto nel mio emporio di detersivi vicino casa mia di Bari. Gambe sformate e gonfie, faccia spoporzionata. Almeno questa è carina. Brava ragazza, tipologia D1, secondo il compianto Tommaso Labranca.

    Cuore: ho negli occhi "Cuore" di Comencini (RAI 2, autunno 1984) ma sarei curioso di vedere il cartone. Da notare che il B-side del 45 giri contiene gli opening credit di "Flo, la piccola Robinson".

    Hero e disco di Sbirulino: pubblicità superata nel vero senso della parola. NEL NEGOZIO DELLA MAMMA. Superata allora, figuriamoci adesso che ci sono le famiglie separate e quindi il papà ha il suo negozio di alimentari e la mamma avrà il suo. E magari la mamma avrà una relazione con il titolare.

    Bontà divina per Massimo Lucania. Grande GIove!

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails