venerdì 13 settembre 2013

47

Diablo III su console, le Ninja Turtles sotto sale e i kaiju degli anni 70 su 3DS

Diablo III PS3 Xbox 360 recensione
Infornata veloce di un po' di videogiochi in heavy rotation in casa Manhattan nelle ultime settimane: Diablo III in versione console, TMNT: Out of the Shadows e Attack of the Friday Monsters: a Tokyo Tale. Pronti? Via [...]

DIABLO III
L'ultimo gioco Blizzard che avevi provato a giocare su una console era stato il primo Diablo per PSone nel '98. Alle volte, il ricordo torna ancora a tormentarti nei tuoi peggiori incubi. Il concetto stesso di "Diablo su console" era diventato, per te e molti altri sfortunati protagonisti di quella esperienza, affascinante quanto il mal di denti. Eppure, incredibile dictu, c'è che questo Diablo III su Xbox 360 e PlayStation 3 è una favola. Non una discreta conversione, o una buona conversione, o financo un'ottima conversione: una favola.
Certo, graficamente risulta di minore impatto rispetto alla versione pompatissima con cui hai provato a fondere il mac sedici mesi fa, e sono scomparse le spernacchiatissime aste online, ma c'è tutto il resto, assieme a qualche aggiunta non certo di secondo piano. Si può giocare anche offline, tanto per cominciare; c'è il multi in locale per un massimo di quattro giocatori; c'è una nuova mossa, la rotolata (stick destro), che diventa utilissima per chi predilige le classi dall'approccio più ignorante come il barbaro (eccolo!); c'è che venendo meno le aste, il loot è mediamente di qualità migliore, con molto meno pattume digitale da accumulare e rivendere alla fiera dell'est per due soldi o un topolino.
Ma, più in generale, c'è che la trasposizione su pad dei comandi e la gestione dei vari menu sono perfetti: ci si mette davvero un secondo a prendere quel minimo di confidenza necessario. Il resto è Diablo III, con i suoi pregi e i suoi presunti nei, come il fatto di poter cambiare al volo set di abilità, senza doversi per forza impiccare a un albero delle abilità e portare avanti fino a fine gioco una certa scelta. Un aspetto che a molti puristi di Diablo proprio non è andato giù, ma in cui te, personalmente, non vedi invece assolutamente nulla di male. Anzi.
Immediatamente gratificante e frenetico, ludoesperienza viscerale e spesso fracassona in grado di succhiarti un inverosimilione di ore di vita come se niente fosse, Diablo III sguazza su console come un nerd a una convention di cosplayer gnocche.   
TMNT: OUT OF THE SHADOWS
Il titolo di questo gioco scaricabile delle Turtles, approdato su Xbox Live e Steam a fine agosto e disponibile anche sul PlayStation Store dal 24 di questo mese, è diventato nella versione italiana TMNT: Usciranno dall'ombra. Col futuro. Un futuro di speranza, perché, così com'è, Out of the Shadows è un gioco rotto. La telecamera ha un'incredibile abilità nel piazzarsi sempre nel posto sbagliato; le Turtles ogni tanto sfondano lo scenario e si ritrovano sospese nel grande baratro digitale dell'ignoto; la risposta ai comandi è lenta e imprecisa; gli interruttori non fanno sempre quello che devono; dopo ogni scontro non si capisce mai bene dove diavolo si debba andare, così ci si ritrova spesso e malvolentieri a vagare per lo scenario, elemosinando una via d'uscita. E potresti continuare, perché sono così tanti gli aspetti che fanno della campagna di TMNTOOTS lo scheletro di un gioco ancora incompleto, da far venire a chiunque l'orticaria. Ed è un vero peccato.
Già, un peccato. Perché TMNTOOTS ha anche alcuni dei momenti più fichi mai visti in un gioco dedicato alle Tartarughe Ninja. La possibilità di personalizzare il sistema di combattimento, tanto per iniziare, con una serie di customizzazioni del set di mosse di ciascuna tartaruga incredibilmente vasta. Basta spenderci un po' di tempo per veder tirar fuori delle combo pazzesche, con Michelangelo che fa volteggiare i suoi nunchaku, mette mano al kusarigama, esegue un hurricanrana e chiude il numero con una mossa combinata con tutta la squadra. 
Ci sono dei brevi momenti in cui da generic clone diplomato alla scuola radio elettra dei cloni in Unreal Engine dei Batman Arkham, il sistema di combattimento si tramuta in un qualcosa di galvanizzante. Inanelli la serie di mosse giuste e ne viene fuori una scena incredibilmente ninjaturtlesica su una scala da zero a cowabunga. Da chiudere magari con una bella taunt di squadra
come un cinque alto, un guscio contro guscio o un accenno di balletto. Ma sono per l'appunto momenti brevi. Perché anche lì, il gioco ci tiene proprio tanto a dimostrarti che è rotto. Ti fa un pippone assurdo nelle fasi tutorial sull'importanza del calcio per infrangere le parate dei nemici, quando invece è più pratico lasciarli parare, perché anche i colpi bloccati fanno salire il contatore delle combo e permettono quindi di attivare gli attacchi KO: quello para, para, para e poi se la prende comunque in saccoccia. Oppure: il gioco pone tutta un'enfasi superflua sulle contromosse, quando invece, complice una certa lentezza nell'esecuzione, è più semplice rotolare via per schivare quegli attacchi telegrafati.
C'è del genuino amore per le TMNT là in fondo, da qualche parte, ma è seppellito da cumuli di roba e di spade e di bug. Per un attimo, ci si trova alle prese con il miglior gioco delle Turtles mai visto, un degno erede del picchiapicchia storico Konami da sala. Ma è solo un attimo, e quindici carte sono quindici carte.
ATTACK OF THE FRIDAY MONSTERS: A TOKYO TALE
È l'estate del 1971 in un quartiere della periferia di Tokyo. Il piccolo Sohta, figlio dei proprietari della lavanderia, sbriga delle faccende per conto dei suoi ed è un grande fan dei telefilm aventi per protagonista un eroe dello spazio che sembra proprio Ultraman, anche se non si chiama Ultraman. Il venerdì è il giorno più atteso dalla settimana per Sohta e gli altri bambini della città, perché va in onda il telefilm… e i mostri veri attaccano Tokyo. 
Titolo scaricabile per 3DS (7,99 euro), Attack of the Friday Monsters è un gioco molto particolare. Un'avventura che si basa più che altro sull'andarsene in giro e parlare con i vari abitanti del quartiere. Che detta così sembra una palla assurda, e invece è un'esperienza peculiarissima, perché musica, stile grafico, temi e ambientazione sembrano usciti di peso da una produzione dello Studio Ghibli.
Attack of the Friday Monsters è uno di quei titoli in grado di catapultarti per la manciata di ore che dura in un altro mondo. Un mondo in cui la fantasia dei bambini in calzoni corti pronti all'arrivo di Mazinga si fa largo tra i problemi del Giappone industriale, e in cui il confine tra ciò che è reale e ciò che non lo è corre su un filo sottilissimo. 
Dura solo un pomeriggio, ma è un pomeriggio che chiunque abbia un 3DS e non possegga il cuore di un troglodita digitale dovrebbe dedicargli. Perché di giochi così, con dentro un po' di magia, non se ne trovano mica tanti in giro.

47 commenti:

  1. Doc, Diablo 3 vale la pena di acquistarlo per il solo gioco offline? O lascio perdere? E' una vita che voglio provarlo ma non ho mai avuto un pc carrozzato come si deve per farlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il gioco in sé, se non hai amici con cui giocarlo in locale, è tutta un'esperienza in singolo. Solo che su Pc/Mac era un singolo da giocare con una connessione online costante antipirateria... Vai Brooklyn, insomma.

      Elimina
    2. @Dan:
      Vai tranquillo, io ho giocato ai primi due (la Logitech ringrazia ancora per lo stock di mouse rotti) e Diablo III su xbox e' una meraviglia! Forse manca un po' la componente dell'inventario-tetris e la distribuzione dei punti di caratteristica.
      Ma e' un capolavoro!

      Elimina
    3. Grazie a entrambi, allora lo metto in lista acquisti!

      Elimina
  2. Picchiomazzate contro Una Storia. Credo che A Tokio Tale finisce nella lista del "to do"

    RispondiElimina
  3. Allora Diablo 3 non è un push botton tremendo come pensavo, c'è un po di strategia dietro o no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, "strategia" è un pò eccessivo... Devi ragionare un pò per fare una build con abilità sinergiche tra loro e mettere insieme armi e armature che siano coerenti con quel tipo di build. Poi tutto sta nel conoscere i vari nemici e i vari affissi dei nemici elite/champion, così sai come sopravvivere quando hai davanti dei mostri con abilità "desecrator-reflect damage-waller-arcane enhanced". Alla fine è un gioco che ha alla base il farming rapido ed efficiente, se ci volesse troppa pianificazione e troppo ragionamento sarebbe impossibile.

      Elimina
    2. Non mi sono espresso bene sul concetto di strategia. Leggendo del gioco mi sembra di aver capito che si basa sul farming spietato e sull'andare avanti a testa bassa perché tanto, dopo pochi sforzi, diventi in grado di asfaltare qualsiasi essere ti si pone d'innanzi in modo abbastanza ignorante (e non strategico).
      Per quanto sia una attività divertente massacrare orde di gente se la parte di build è messa in secondo piano si perde un componente importante; inoltre ricordo che con Diablo 2 cercare i pezzi dei vari set alla lunga è una gran rottura di palle.
      Avendo poco tempo continuo con Dark Souls dove il build è fondamentale e trovare gli oggetti è più legato alla scoperta anziché al genocidio dei mostri.

      Elimina
    3. Dark Souls e Diablo III sono due esperienze di gioco completamente differenti. Il primo è un gioco di soffrire, in cui ogni metro quadrato al nemico e ogni boss genuflesso a coppini è motivo di giubilo. Diablo III è, come dicevo, un'esperienza più immediata e viscerale.

      Elimina
    4. @Drakkan: sulla prima parte del tuo post mi permetto di dissentire: su console i livelli di difficoltà funzionano più o meno come su PC, quindi prima di riuscire ad "asfaltare qualsiasi cosa" ti ci vorranno mesi... Una volta arrivato ad Hard/Inferno, la difficoltà subisce un'impennata notevole, inoltre puoi settare il "monster power"/"master level" più alto o più basso. Per piallare qualsiasi cosa a Inferno MP10 su PC ci vogliono equip da end-game che in AH costano miliardi... Probabilmente su console il drop più equilibrato faciliterà le cose, ma dubito sia una passeggiata, bisognerà comunque farmare come dei cinesi...

      Per la seconda parte del tuo post, la build non è in secondo piano, anzi, è fondamentale per sopravvivere e per avere un buon rate di mob uccisi/minuto, senza il quale si perde un sacco di tempo. Il reperimento degli item leggendari dovrebbe essere più facile su console, ma va molto a fortuna, l'unica cosa che può fare il giocatore è aumentare un pò la probabilità dei drop giocando tanto tanto tanto, e facendo run con molti elite/mob.

      Però trattandosi di un h'n's "puro", è normale che alla lunga possa venire a noia, dopo 300 e passa ore, o ti fai prendere dalla scimmia del PG "uber", oppure ti stufi, è inevitabile. Considera comunque che Blizzard è maestra nel fare giochi basati su meccanismi che incollano il giocatore e creano dipendenza (WoW e SC2 hanno questo effetto), quindi ti consiglio di provarlo, rispetto a Dark Souls è fisicamente meno stressante e puoi anche iniziare con u napproccio più "light" (a patto di non giocare in modalità hardcore).

      Elimina
    5. Quello che scrivevo, come accennavo all'inizio, l'ho captato da varie recensioni quindi sono lieto di sapere che il build è stato preservato e che la regolazione della difficoltà aiuta a rendere il gioco più interessante e longevo.
      L'unica cosa che mi scoraggia è il fatto che ho poco tempo e mi annoio molto a farmare.

      Poi come diceva qualcuno sotto arriva GTA e quindi chi a tempo per altri giochi.

      Elimina
  4. Da giocatore PC di D3 sono contento che la versione console non abbia il perma-online e soprattutto l'AH. Un goco basato sul farming frenetico e sul gear, deve dare un minimo di gratificazione al giocatore nel loot che raccoglie; nei primi mesi su PC potevi passare giornate intere con un barbaro che droppava solo oggetti per mago o DH, il che dopo un pò diventa frustrante. Nell'end-game ci sono parecchie differenze perchè la densità dei mob è diversa rispetto al PC, quindi probabilmente bisognerà cercare percorsi diversi dalle solite Alkaizer-run per fare exp (anche se non so quanti giocatori avranno la perseveranza di arrivare a NV100). La schivata credo l'abbiano aggiunta per sopperire alla minor precisione del pad, soprattutto per chi decide di giocare in modalità hardcore: immaginate di perdere il vostro PG per non essere riusciti a schivare un goblin esplosivo in Atto III... Per come la vedo io D3 su console è concettualmente più vicino a come doveva essere D3 in assoluto. La parte tecnica ovviamente è un'altra cosa. Peccato non abbiano fatto un multiplayer crossplatform, ma sarebbe stato impossibile per le differenze di hardware delle diverse piattaforme. Chissà, magari con le prossime XB1 e PS4... Comunque, ad oggi preferisco Dark Souls a D3, perchè fin da subito offre un livello di svida molto alto e non ti costringe a finire il gioco 3 volte prima di doverti impegnare un minimo per non morire...

    RispondiElimina
  5. Diablo 3 l'ho preso subito, contagiato dalla solita febbre diabolica (mi e' successo anche con i primi due). Bella storia, finalmente eliminati gli insopportabili DRM (che causavano anche lag), ed e' tutto piu' veloce e manovrabile (ottima la schivata). Purtroppo non si possono piu' assegnare punti attributi e punti abilita', ma e' tutto gestito in automatico. In D2 mi piaceva molto lo sviluppo del personaggio, perche' potevo decidere quali poteri curare e potenziare a seconda dello stile di gioco. Questione di scelte personali, e' evidente che anche Diablo ha subito il solito processo di "streamlining", che serve proprio per piacere un po' a tutti.
    Ah, belli i nuovi personaggi, ma lo sciamano fa un po' ridere: le maschere come quel lottatore di World Heroes 2? Una cerbottana come arma iniziale? LOL

    Per TMNTOOTS ok, aspettative zero. Provero' la versione PC da un amico semmai.

    Friday Monsters... ok, devo decidermi a fare acquisti sullo store del 3DS. Volevo prendere anche Kokuga (se ne parlera' in un prossimo Shooterama?).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kokuga cèlo, se ne parla in un prossimo Shooterama.

      Elimina
  6. La citazione di una delle più belle canzoni degli 883 è da dieci e lode.

    RispondiElimina
  7. Doc avevo sentito che nel gioco TMNT era compresa una versione aggiornata di un gioco vintaggio, è una truffa o si tratta del mio secondo picchia picchia preferito Turtles lost in time? Mi pare poi che era stato già rifatto in single player un po di tempo fa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque. Nel gioco c'è un piacchiaduro a scorrimento orizzontale, ma non è altro che una versione semplificata della campagna vera e propria, con meno mosse e le stesse magagne. Due minuti e ti agguallerà tantissimo. Il gioco Konami da sala, Teenage Mutant Ninja Turtles, è uscito su Xbox Live sei anni fa, ma mi pare non sia più disponibile. Il seguito, Teenage Mutant Ninja Turtles: Turtles in Time del 1991, è stato invece oggetto di un remake 3D nel 2009 (scaricabile su Xbox 360 e PS3) con l'aggiunta di un "Re-Shelled" in fondo al titolo.

      Elimina
    2. Turtles in time! Per aver sbagliato il titolo dovrei giocarci su mame tutto il giorno se non avessi da lavorare, ma soprattutto giocare a Elder Scrolls Arena. La cosa di fare lo stesso identico gioco in 2d a scorrimento mi puzza parecchio, se era un gioco diverso, meglio ancora un vecchio gioco agggiornato, rendevano il pacchetto inutilmente più invitante visto che il contenuto, come dici, è più che pessimo. In Turtles il time si combatte bene? I nemici di fine livello ci sono tutti con le loro caratteristiche di combattimento? Si lanciano ancora i nemici verso lo schermo?

      Elimina
  8. Concordo sul fatto che Diablo 3 su console è il "vero" Diablo 3 senza la mossa meschina della Auction House e dei loot inutili che costringevano all'acquisto con soldi veri, quindi un must have per console, se ovviamente piace il genere, in quanto la meccanica hack'n'slash potrebbe venire a noia...il problema vero è che tra 4 gg esce GTA V e forse, sarà difficile trovare il tempo per mangiare/dormire/lavorare figurarsi per giocare a Diablo 3.

    RispondiElimina
  9. Ci mancherebbe anche che Diablo per console fosse brutto, è un'anno e passa che i pc user fanno Playtest per la Blizzar pagando una beta come un gioco finito. Ora i frutti se li godono quelli che giocano su console è una vergogna!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un mondo duro per videogiochisti da PC: noi videogiochisti da console lo abbiamo sempre sospettato. Questa è la conferma e ti devo la mia solidarietà. ;)

      Elimina
  10. Personalmente Diablo III a me non è piaciuto, mettendo da parte tutto il discorso di grafica e giocabilità (di cui può piacere o meno), quello che proprio non mi è andato giù è stata la storia che l'ho trovata scritta con i piedi con personaggi poco sviluppati e piatti, con atteggiamenti e scelte molto discutibili. Uno di quei giochi per pc che vorrei non aver mai preso, detto ciò meglio per te doc se l'hai trovato godibile in console, che almeno non l'hai considerato uno spreco di tempo e soldi. :-)

    RispondiElimina
  11. Caaacchio, per il gioco delle TMNT avevo tante speranze :\
    Vabbè la versione per pc la provo comunque, ma probabile che vedrò di non spendere un euro per averla...

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Fuori tema - Doc ho finito gli episodi di Attack on Titan: adesso come faccio a resistere una settimana per l'episodio 22? Tocca comprare Diablo III per la mia console?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eeeeh, benvenuto nel club. Io sono in pari adesso anche col manga, figurati.
      Aspetta di vedere quello che succede ora... ;)

      Elimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. Ottimo e condivido il giudizio su Diablo 3, poi attendo con impazienza il giorno 17 che segnerà molto probabilmente la fine della vita sociale di gran parte dei gamers; compresi quelli più attempati come me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe figo tirare fuori una sorta di post in divenire di GTA. Un diario di viaggio/gioco da aggiornare progressivamente in base alla propria ludoesperienza. Me e, nei commenti, anche voi. Che ne dite?

      Elimina
    2. Bell'idea. Quoto fortissimo ma ad una condizione: Doc se puoi non farlo su feisboc.

      Elimina
    3. ecco, un'altra esperienza additiva in arrivo...

      Elimina
  16. Turtle in time era più bello sul Super Nes , anche se aveva una grafica inferiore al coin op: era più vario, con più livelli, cambiamenti qui e là che facevano la differenza.
    Giocato e rigiocato fino alla nausea da adolescente.

    RispondiElimina
  17. Sai perché i puristi storcono il naso, davanti all'arcadetudine di "DIII", doc?

    Perché la struttura di "Diablo" è fondamentalmente quella di un "roguelike", e come tale, i puristi la intendono.

    Più semplifichi e vai limando i fattori punitivi (tipo la "permadeath"... ;) ), più il purista si scoccia e sbuffa. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il che è anche comprensibile, intendiamoci. Non lo sono magari le sbroccate sull'Internet in cui si sono prodotti alcuni figuri, secondo cui "il pad è il male" (mica vero. E lo dico avendolo finito su mac col mouse), ma sbuffare ci sta. Ci mancherebbe.

      Elimina
    2. Ma infatti questi figuri si sbagliano di grosso. Il "pad" non è "il MALE" (tant'è vero che ne uso uno anche su "PC"...).

      La frase corretta è: «Le "consoles" sono "il MALE"!!!». :P ;)

      Elimina
  18. Da PC gamer integralista e talebano quale sono (e me ne vanto pure) il fatto che Diablo III vada così da favola su console non fa altro che aumentare il mio disprezzo verso di esso. Allora lo dicano alla Blizzard che hanno dato via il c*lo per arruffianarsi i consolari piagnoni che non potevano giocare (seriamente, intendo) ai primi due, soprattutto il secondo + espansione. No, Doc, non ce l'ho con te, tranquillo ;)

    Mi interessa giusto il titolino magico per 3DS, ma finchè non tolgono il region lock da quella maledetta console, può rimanere dov'è, lei e i suoi giochi. Mi mordo un pò le labbra, ma passerà.

    Doc, a proposito, attendo un post spernacchioso sul 2DS :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, anche perché io ce li ho tutti e tre (più espansioni) per PC e lì me li sono giocati. Beh, DIII su un mac, ma ci siamo capiti. Blizzard, per il resto, non vuole arruffianarsi i consolari piagnoni: vuole i loro soldi. Versione PS4 dietro l'angolo, per dire.

      Il 2DS, infine, è stato spernacchiato a sufficienza sui social cosi a suo tempo. Grandi momenti di ridere e facepalmarsi a nastro :)

      Elimina
  19. Ultimamente io,invece, sto cercando di recuperare titoli PSOne su Vita (anche perché non c'ho manco un euro per giochi Vita e PS3..) e sto dando un'occhiata anche a tutta quell'accozzaglia di giochi da 3-5 € sullo Store .
    Per il momento ho preso solo Crash Bandicoot 3 : Warped , l'unico che non avevo giocato da pischello . E mi ci sto divertendo parecchio , specialmente su Vita .
    E se non fosse per il fatto che la mia PS3 e il router si pestano a sangue a vicenda , avrei già preso Tokyo Jungle che è un gioco che aspetto da decadi .


    Ma a proposito Doc , a te la ps3 non ha mai dato problemi ?
    Mi spiego : se provo a connettermi..semplicemente...rimango senza linea per tipo 2 settimane . Mi perdo un sacco di roba .

    RispondiElimina
  20. azzo, in effetti pensavo fosse migliore TMNT:OOS... peccato, perchè le varie chicche disseminate qua e là mi facevano bene sperare (il cabinato nel rifugio che ti faceva giocare in 2D ecc)

    dall'inizio non mi ha convinto affatto la faccia dei nostri mutanti preferiti, davvero troppo bruttine!

    RispondiElimina
  21. Bravo Doc, quella puttanata clamorosa di Diablo 2, con gli alberi delle abilità che puoi resettare solo, tipo, 3 volte non si poteva vedere. Io personalmante preferisco un gioco che sia completabile al 100% e quindi mi piaceva, per lo meno, sbloccarle tutte; che poi uno debba scegliere mi sta bene, ma devi fottermi kilotoni di ore di gioco perché ho scazzato 2 punti?

    RispondiElimina
  22. Posso sapere a quale gioco ti riferisci con "picchiapicchia storico Konami da sala"? Cioè, lo so che è un videogioco Konami da sala con protagoniste le Tartarughe Ninja (...), ma voglio dire: la Konami ne ha fatto più di uno? E se sì, qual è quello storico cui alludi? Solo per sapere se è quello che ho giocato io! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne hanno fatti 2: TMNT

      http://www.youtube.com/watch?v=ih9huP9aOL8

      e TMNT turtles in time

      http://www.youtube.com/watch?v=-NVtcrXnCvQ

      ma queste sono le basi!

      Elimina
  23. ma le tartarughe ninja quando si battono le mani dicono " dammi il tre" ? :o

    RispondiElimina
  24. Un bel pensierino su "Attack of the friday monster" ce l'avevo già fatto, ma finora avevo desistito a causa delle voci sulla scarsissima longevità. Se dici che ne può comunque valere la pena però, magari...

    RispondiElimina
  25. barbedwirekisses17 settembre 2013 15:49

    A me diablo III pare più una giapponesata di colori ed esplosioni rispetto al precedente..ma lo stò giocando con 3 amici su PS 3 ed è una figata litigandoci le armi raccolte e sparando sganassoni (il mio barbaro è il top). Gioco delle TMNT potenziale inespresso...convintissimo di comprarlo ho mollato dopo il demo

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails