mercoledì 18 settembre 2013

83

GTA V: dodici ore in giro per Los Santos più tardi... (no spoiler)

Quella che state per leggere non è una recensione di GTA V. Potrebbe esserlo, ma non lo è: hai il gioco da qualche giorno, ma quella dozzina di ore di cui parla il titolo di questo post sono magari sufficienti per fartene un'idea, ma in un mondo come quello dell'ultimo gioco Rockstar non sono niente. Dodici ore, in GTA V, le puoi passare semplicemente senza fare nulla di preciso. Andandotene in giro, scoprendo un mondo. Non un mondo di gioco: un mondo. C'era un sogno ad occhi aperti che facevi spesso quando hai iniziato la tua carriera di videogiochista, più di trent'anni fa. La scorsa notte, dopo aver posato il pad al termine di una sessione di quelle pese, ti sei detto che finalmente quel sogno si era realizzato. Principio di momento mariomerolo, minibrindisi con fanta svampita rimasta in frigo [...]
E che diavolo c'entra questa roba da vecchi? E un attimo. In principio erano le montagne sullo sfondo di Pole Position, appunto. Erano le città stilizzate, una manciata di rettangolini laggiù all'orizzonte in mille giochi diversi: lontane, irraggiungibili. Le guardavi, e sognavi dei vg che un giorno ti avrebbero permesso di esplorarle. Di coprire quei dannati cento chilometri infiniti per farti un giro in centro, parcheggiare, fare due passi, entrare in un negozio. 
Ma anche quando i primi giochi free roaming sono arrivati sulla scena, anche con GTA III e i suoi fratelli su cui hai speso, letteralmente, centinaia di ore, non si era ancora arrivati davvero al traguardo. C'era sempre qualcosa che ti ricordava che quello era solo un gioco, che c'erano dei limiti, delle barriere più o meno gigantesche. Non si può nuotare, non si può volare, si può volare e nuotare ma i grattacieli compaiono solo all'ultimo secondo, i comandi sono un palo nel colon, c'è qualcuno che continua a telefonarti per obbligarti a fare delle robe. Al senso di immersione totale sei arrivato solo con il mai troppo lodato Red Dead Redemption, ma bella forza, quello era un gioco western (e, più che altro, IL gioco western). Bene, GTA V è finalmente il concretizzarsi di quanto sognava il te stesso di trent'anni fa. E c'entra anche Red Dead Redemption? Sì, c'entra anche Red Dead Redemption.

Basta qualche ora di gioco, basta arrivare giù in città dopo un prologo che non ti è piaciuto, infatti, per rendersi conto di come Rockstar abbia attinto a piene mani dagli aspetti migliori dei suoi giochi usciti nel dopo GTA IV: ci sono i controlli sparacchini di Max Payne 3, l'handling dei veicoli dell'ultimo Midnight Club, tutta una serie di cose (animazioni, caccia) che arrivano dritte da Red Dead Redemption e perfino un paio di spunti presi da L.A. Noire. No, non le facce: provate a crepare a nastro in una singola missione e capirete. 
Con intelligenza e una discreta dose di umiltè, Rockstar si è impegnata infatti per piallare via alcuni dei difetti più barbosi di GTA IV, sfruttando il know how acquisito nel frattempo. I caricamenti in streaming nascosti dall'impossibilità di correre in un determinato frangente, le telefonate ai conoscenti che sono un contorno interessante e non un obbligo nei momenti più frantumaleghisti, i salvataggi rapidi. Ti eri fatto una lista mentale delle cose che ti erano piaciute meno cinque anni fa in GTA IV, e le hai spuntate quasi tutte. Resta che il controllo della telecamera a scopo per così dire turistico (sei in auto e vuoi guardare di lato o in alto per goderti il paesaggio) continua a sembrarti troppo rigido, ma non c'è grossomodo altro.
E poi, ovviamente, ci sono i tre protagonisti. Che non sono solo completamente diversi per background e carattere - senza voler spoilerare nulla, uno è il classico personaggio principale da GTA, teoricamente buono ma praticamente un ammucchiacadaveri, un altro è un tizio molto differente dai precedenti personaggi principali da GTA, e il terzo è uno schizzato iper-aggressivo, talmente stronzo da fare il giro - ma danno spessore alla trama principale e permettono di ammazzare i pochi tempi morti, infilando un'altra cosa da fare tra due cose da fare. Switchare dall'uno all'altro dei tre personaggi consente infatti di non doversi sorbire un viaggio di ritorno dopo una missione che ti ha spedito in Culonia, ad esempio, o di trovare nuovi lavoretti, missioncine opzionali e attività sportive (ce ne sono così tante che ci sarebbe da scriverne per dieci post). Il tutto pucciato nei soliti dialoghi fantastici, che per quanto ti riguarda fanno un GTA tanto quanto la sua ambientazione.
L'ambientazione, già. Hai iniziato da e vuoi chiudere lì. Los Santos non è solo una versione super zippata di Los Angeles strapiena di dettagli - chiunque sia stato in città e sulla costa riconoscerà al volo tutta una serie di strutture e arterie principali, da Downtown a Santa Monica, dal LAX a Venice. Los Santos è il più vasto e incredibile mondo che oggi sia possibile comprare con sessanta euro: basta decidere una direzione a caso e percorrere qualche metro per trovare qualcosa da fare. GTA V è un gioco di una tale portata, che al confronto tutto sbiadisce come una camicetta lasciata per due mesi in ammollo con l'omino bianco. È tutto quello che GTA IV avrebbe voluto ma non è riuscito ad essere. Non avete mai visto qualcosa del genere e difficilmente la vedrete nell'immediato. Beh, a parte il seguito di Red Dead che stanno sviluppando per PS4 e Xbox One, chiaramente... 

Discussione libera, ma niente spoiler. Non dovete, ma se proprio dovete usate il tag [SPOILER] all'inizio. I commenti spoilerosi e privi di tag finiranno a nuotare coi pesci a Vespucci Beach.  

83 commenti:

  1. Ieri ho avuto una giornata mostrusamente piena ed ho giocato solo un'ora scarsa quindi ho giocato ma non ho giocato. Supertato lo scoglio controlli (che per me essendo un neofita non è poco) ho idea ci sarà da divertirsi, essenzialmente li devo ricordare e non pasticciare.

    Doc tu hai qualche edizione exstra lusso o quella base e poi giochi su PS o XBOX?

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Se il Seguito di Red Dead non esce anche per PC IO diventerò uno schizzato iper-aggressivo talmente stronzo da fare il giro.

    RispondiElimina
  5. ma i 3 protagonisti si possono incontrare? cioè se io switcho da un personaggio ad un altro e con quest'ultimo vado sul posto dove ho switchato il primo personaggio, lo trovo la impampinato senza far niente o lo prende in consegna l'IA artificiale e gli fa fare qualcosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le risposte: a) sì, b) la seconda che hai detto.

      Elimina
  6. e niente, non mi funziona il tag Spoiler, quindi epuro e riscrivo:

    momenti "Nuoooo, non è possibileeeh!!" a non finire. Questo mi aspettavo da GTAV, e non sono stato deluso. La possibilità di cazzeggio sconfinata di San Andreas ma meno fine a se stessa. Vuoi per la caratterizzazione psicologica dei personaggi, vuoi per il livello di immersione totale. La trama e i dialoghi di livello irraggiungibile per gli altri franchise, La continua presa per il coolo della "società" e anche di te che se li con in mano il joypad e butti via la vita dietro a un gioco. E CHOP.

    E devo ancora "usare" Trevor, per dire, e sono già perso.

    Best Ever, per me. E ancora sorrido a pensare che la redattrice di Gamespot USA ha levato dei punti al giudizio finale perchè il gioco è "misogino". Come dire che GranTurismo non è un gioco completo perchè mancano i cavalli.

    No, GTAV è la realizzazione dei miei sogni di gamer, e basta. E mancano ancora GTA Online (tremo) e chissà che si inventeranno a livello di DLC.

    Best Ever, lo ripeto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La misoginia, all'inizio, sembra molto forte. A guardare oltre il dito, però, anche il sarcasmo che il gioco fa degli uomini, della crisi, dell'America e di tutto il resto è impietoso.

      Elimina
    2. Si, intendevo dire proprio che anche nei precedenti capitoli i personaggi più misogini o machisti erano SEMPRE trattati per quello che valevano; un redattore che recensisce un gioco come GTA non può far finta di non saperlo, è una questione di contesto. Un'opera d'arte spesso rispecchia la società, e la realtà è che nei modelli comportamentali che i media e la società ci propongono, spesso, l'uomo e la donna debbono rispecchiare un certo tipo di archetipo. GTA non perpetua questo tipo di stereotipo, lo mette alla berlina, ne demolisce le fondamenta e ci mostra le fragilità di tutta la costruzione, e per questo io lo AMIAMO (da ieri sono uno e trino.) Come dire, il comico che fa una battuta sessista ride delle donne o del sessismo? dipende dal comico, e in questo credo di potermi fidare di Dan Houser.

      Elimina
  7. Quindi vuoi dirmi che devo comprarmi la ps4 per giocare a red dead 2? Me lo stai dicendo? Ah, insisti? No, lei asssagggia! Ok, lo stai dicendo. Me l'hai detto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella o un Xbox One. Io conosco chi si è comprato una PS3 solo per Red Dead Redemption (ciao Matteo!). Fai te ;)

      Elimina
    2. E comprerò anche un PS4 per Red Dead 2. Lo sai. Da sempre.
      Adesso però come faccio, che sto iniziando (lo so, non ho scuse...) GTAIV? Non insultarmi. Anzi, guidami... :)

      Elimina
    3. Fai che te li tiri di fila, uno dietro l'altro :D

      Elimina
    4. Io il IV l'ho finito meno di un mese fa dopo averlo abbandonato al 50% nel 2010 (data ultimo salvataggio) per dedicarmi al cazzeggio... È il primo GTA che finisco e la trama avvincente giustifica le missioni. Nel nuovo mi sembra che la fotta delle missioni che unatiralaltra sia ancora aumentata anche se sono solo al 10% (è tanto? è poco? ho cazzeggiato un po' ma non zero, quindi boh)

      Elimina
    5. ICSBOCSUAN. Dai non scherziamo. :)

      Elimina
    6. @Perfect Pop: non sei l'unico. Io dopo essere arrivato a metà ho cambiato la PS3 con quella slim dimenticandomi da niubbo di esportare i save: morale, gioco da reiniziare da capo...e mai più toccato. Ormai vado direttamente di 5.

      Elimina
  8. So che mi farò dei nemici con il mio commento, però: io il brand GTA non l'ho mai capito.
    Nel senso, ho messo le mani su quelli per PS2 fino a Vice City e, dopo un iniziale entusiasmo per la possibilità di fare di tutto, la cosa scemava rapidamente soprattutto per missioni a volte frustranti, sotto-missioni innumerevoli di cui perdevo il conto e la sensazione che il gioco fosse tremendamente lunghissimo e (per me) impossibile da finire.
    Insomma, non che non apprezzi l'enorme sforzo degli sviluppatori, ma col tempo ho iniziato a pensare che a tanti piaccia GTA solo (o quasi solo) perché si può ammazzare la gente a colpi di mazza da baseball.
    Ok ora sfasciatemi il cranio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, quali nemici. "I gusti son gusti, e ognuno c'ha i suoi".
      Va detto però che Vice City è un gioco di undici anni fa. Nel frattempo la saga ha dato spessore a tutti quegli aspetti (dalla guida al combattimento, dalla sceneggiatura all'interazione con lo scenario) che lì erano solo abbozzati. Quello che intendo è che un po' come giudicare un trailer di dieci stagioni dalla puntata pilota.

      Elimina
    2. Sì diciamo che dopo Vice City la mia conoscenza si esaurisce, e in effetti la cosa che più mi faceva annoiare era il fatto che nei giochi PS2 non esistesse una vera e propria trama. Da adoratore di MGS, senza trama muoro! :)

      Elimina
    3. Se è la trama quella che cerchi, io una possibilità a GTA la darei ;)

      Elimina
    4. Ma per essere curioso lo sono, ho solo il terrore dell'infogno eccessivo come con MGS. ;)

      Elimina
    5. allora lascia perdere, te lo sconsiglio vivamente! :D :D :D altro che infogno. :D

      Elimina
    6. Ahahah!!! Hai solo fatto crescere la mia curiosità! :D

      Elimina
    7. non ho mai giocato a MGS, quindi non posso fare paragoni, dico solo che da GTAIV in poi le cose si sono fatte molto serie. Già in San Andreas c'era un tentativo di trama "adulta", benche un pò troppo stereotipata, e in fondo il fulcro del gioco era il cazzeggio totale nella mappa sconfinata, ma IV, con i suoi episodi complementari/DLC fa fare un salto in avanti pauroso. Qui a Los Santos, non voglio scomodare Tarantino, ma diciamo che sembra (e l'effetto è voluto, secondo me) di essere al cospetto di una produzione HBO, se m'intendi.

      Elimina
    8. Posso dirti che ai tempi di Vice City avevo tempo da buttare e il gioco mi sembra fin corto ma ora che non ho tempo per nulla iniziare un gioco pensando di dover imparare materialmente a giocare (sono una chiavica sia a guidare sia a sparare con il joypad, quando usavo tastiera e mouse ero molto preciso) e metterci una vita a finirlo mi spaventa e mi spinge a mollare in tempo zero.


      Ho provato pochi giochi per xbox puntando solo e soltanto su quelli più blasonati e consigliati però per ora mi ha preso solo e soltanto Dark Souls (ometto i nomi dei giochi per non farmi stracciare la tessa). GTA V è sicuramente un capolavoro a cui devo tassativamente dedicare delle ore di "allenamento palloso" così da non disintegrare la macchina sempre e comunque, puntare i nemici in tempi ragionevoli e non riflettere su quale cavo di tasto serve per coprirsi e quale per puntare e quale per sparare e/o correre. Fatto questo posso capire veramente se questo gioco molto bello è fatto per me.

      Tutto questo discorso è per dire che se uno vuole divertirsi con questo tipi di gioco deve necessariamente investirci un po' di tempo, cosa che non tutti voglio o posso fare.

      Elimina
    9. Allora Casper, facciamo un patto: entro fine anno io mi procuro GTAV e tu MGS. La legacy collection, che è appena uscita e contiene tuuuuuutti i giochi della linea è perfetta. ;) Così ci guadagnamo entrambi!

      Drakkan, comprendo quello che dici, ma per esempio quando anche io avevo tempo da buttare il cazzeggio eccessivo alla fine mi annoiava. mi dicevo: la missione non mi viene, stare a cercare tutti i trofei nascosti è un palo nel sedere e mettere sotto la gente a caso ha anche un po' rotto. È questo che mi ha sempre fermato sui GTA. Ma se i salti in avanti sono stati così clamorosi, a questo punto DEVO procurarmi uno degli ultimi! :D

      Elimina
    10. Fabrizio, da qui a fine anno sarà difficile evadere da GTA, ma ci proverò, anche per rispetto a Snake, che poverino se lo merita. Vorrei spezzare una lancia in favore dei controlli, che francamente non mi sembrano davvero così difficili. Cioè, se Dark Souls è il tuo metro di paragone, GTA per te sarà difficile quanto "Giulia Passione Estetista" :D Anche perchè i "tutorial" sono dosati bene, a mio avviso.

      Elimina
    11. Lascia stare i mille mila trofei, solo le missioni sono un lavoro a tempo pieno.

      PS: anche io odio sta roba dei trofei.

      Elimina
    12. @Fabrizio: ti capisco, giocai gta III e Vice city e, come a te, mi risultavano alla lunga noiosi... E poi comprai Gta San Andreas: a mio parere è con SA che la Rockstar ha fatto un salto sulla sceneggiatura --> se fino al Vice City si manteneva quella sensazione di "sono un terminator che compie le missioni per la Mala" e finita lì, ti posso assicurare che col capitolo successivo (ovvero SA) ti immedesimi completamente nel personaggio, come nelle migliori storie da vg; il che mi fece appunto guardare con occhio completamente diverso la serie, che ora cominciava ad avere tutto e sbarazzandosi dell'etichetta di "quel gioco violento e volgare EBBASTA".

      Morale: hai smesso di giocare proprio quando le cose cominciavano a farsi interessanti! ^^

      Elimina
  9. Completamente d'accordo con te Doc. Sono però abbastanza incazzato, perchè su FB i ragazzetti brufolosi super simpatici hanno deciso di spoilerare con screen vari la fine del gioco. Evitate i social se non per lo stretto necessario perchè la mamma degli idioti è sempre incinta

    RispondiElimina
  10. Iniziato ieri sera. Ho provato una missione ma poi mi sono già perso nel magnifico girovagare! Come scritto all'inizio del tuo post, ho "giocato" due ore senza fare "niente"! Splendido :) È davvero il sogno che si realizza per i gamers di vecchia data. :)

    RispondiElimina
  11. Come il seguito di RDR????

    Quando è prevista l'uscita????

    "Shut up and take my moneeeeeyyyyyy!!!!"

    RispondiElimina
  12. Giocato ieri per qualche ora, quindi non ho fatto praticamente niente, è già mi ha affascinato, davvero le città sono "vive", enormi, da roba da fare e da vedere c'è ne tantissima, molto più che in qualsiasi altro free roaming e in qualsiasi altro GTA. E' un must have, un gioco da provare e da spolpare fino alla fine...sempre che, come mi succede con tutti i free roaming (compreso, ahimè, Red Dead che non ho mai finito...ok, tessera dell'antrista appena presa e già ritirata con sdegno...) dopo un pò mi vengono a noia, proprio perchè inizio a cazzeggiare in giro, come un rEgazzino che fa sega a scuola e deve perdere tempo prima di tornare a casa, senza concludere nulla...

    RispondiElimina
  13. Ci ho messo le mani ieri grazie ad un regalo della mia signora. Lacrime Napulitante e un'oretta intensa di gioco...non vedo l'ora di rituffarmici.

    RispondiElimina
  14. Che dire? Come al solito colpisci nel segno! Gioco incredibile!!!
    Davvero stanno sviluppando un nuovo RDR? Ommioddio non vedo l'ora *ç*

    RispondiElimina
  15. Quindi è un videogame flippissimo?

    RispondiElimina
  16. Un po' come Fabrizio Iuliano che ha postato poco sopra, anch'io GTA non l'ho mai "capito".
    O meglio, non ho mai capito perché dedicare tutte quelle ore ad un gioco in cui alla fine si fanno delle cose "reali" (guidare, cacciare, giocare a tennis), in luoghi "comuni" e con personaggi "normali" (e in alcuni casi direi anche stereotipati).
    Boh, escludendo Red Dead Redemption, ho evitato qualsiasi seguito o pseudo clone di Vice City.
    Giochi del genere mi attirano solo se hanno ambientazioni particolari (vedi RDR) o se sono completamente esagerati (Saints Row 3 e 4).
    Una possibilità a questo GTA V gliela voglio comunque dare, sarà molto lontatno dalla mia idea di Videogioco, ma sarà sicuramente un prodotto valido.

    RispondiElimina
  17. Cacchio se me lo comprerei... MA - c'è un "ma" - mi vedo costretto ad attendere: sono l'unico che crede (qui si parla di fede, religione gente) che uscirà una versione ps4 e che quindi non vuole sborsare 70 sacchi per un gioco che, se la fede lì sopra verrà premiata, già è considerabile potenzialmente "vecchio"?

    Che poi è lo stesso problema con MGS 5 --> tempo di sborsare il male per poi gioire quei settordici secondi precedenti all'annuncio delle rispettive versioni PS4 e che mi faranno giocare al gioco in modalità "meh", ovverosia "come mi piace questo gioco, peccato che sia la versione scrausa..." ... Del tipo che mentre guido investendo quale battona ho la copia immaginaria dello stesso gioco ma PS4 che mi fluttua davanti dicendomi "inferiore, inferiore, inferiore, inferioreee..." ... . ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In teoria potrebbe funzionare come per FIFA 14: se uno ha comprato la versione old-gen, poi può prendere la next-gen con 10$. Il che mi pare onesto, quindi non ci scommetterei.

      Elimina
    2. Sì, la cosa sarebbe già più onesta, ma il mio non è solo un problema di denaro: non riuscirei a rigiocare un gioco già "vissuto", mi spiego meglio --> sarò romantico, ma per me la copia del gioco è una ed una sola, che segna la storia di quella particolare generazione di consolle; dover passare dalla 3 alla 4 mi scoccerebbe. Detto questo mi scoccerebbe anche giocare alla versione per la 3 quando potrebbe uscire la 4, come spiegato sopra.

      Ahah, ora la cosa comincia a dipendere da una mia fissa, ma ritengo il problema della "doppia copia" del salto generazionale comunque a suo modo noioso per chi, come me, non ha molto tempo per giocare... uff...

      Elimina
    3. sinceramente? Secondo me gtaV per ps3 è talmente avanti che non lo potrò mai considerare una versione scrausa. poi vedremo, eh.

      Elimina
    4. Stesso mio ragionamento, avevo prenotato il gioco da amazon ed ho cancellato tutto all'ultimo momento proprio per questo. Non so perché ma ogni volta che vedo qualche screenshot o qualche video del gioco mi compare davanti una PS4 che mi ride in faccia col dito medio alzato. Sarò mona io, ma non riuscirei a godermelo finché ho questa idea in testa.

      Elimina
  18. Preso ieri in Limitedediscion.
    Che dire... è il Gta dei miei sogni. Ci ho giocato fino alle 2 e mezza inoltrate della notte.
    E stanotte si ripete!
    Capolavoro. Punto e basta.

    RispondiElimina
  19. Doc spero tu possa aiutarmi a risolvere questo dilemma: ho il gioco per X360 ma noto che è affetto da un pesante aliasing (soprattutto di giorno), così pesante da dar fastidio agli occhi. E' un problema solo mio? Ho provato anche a giocarci su un altra tv ma non è cambiato molto...
    Devo forse cambiare cavo HDMI o è proprio il gioco ad essere così?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'aliasing c'è. Non so dirti se su 360 sia più marcato che su PS3 (come la sfocatura di alcune texture), ma c'è.

      Elimina
    2. Domande stupide:hai installato il gioco? E solo il disco install?Perché leggevo che, installando anche il disco "play" si possono creare e problemi nella gestione dell'aliasing e del frame rate. Anche perché non vedo grossi difetti grafici in Gta 5.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Il problema è solo per xbox (la versione ps è a disco singolo) mentre il Doc ha la versione per PS3 (almeno così ha scritto).
      Io ho seguito l'installazione proposta ed ho installato solo il disco di installazione e non ho avuto alcun problema.

      Elimina
    5. Sì ho installato solo il disco "Install". Comunque sono sempre più convinto che sia un problema solo mio dovuto forse alla scarsa qualità del cavo HDMI (ho letto su Internet che in alcuni è addirittura meglio utilizzare un cavo VGA) o al televisore...boh...

      Elimina
    6. Il cavo HDMI è digitale, quello da 5 euro cinese e quello d'oro e diamanti da 500 euro fanno la stessa cosa! O vedi o non vedi.

      Elimina
  20. I videogiochisti vecchio stampo come me usano il PC per giocare ai giochi...
    Quindi mi toccherà aspettare mesi... :-(
    O forse no.
    http://www.idigitaltimes.com/articles/19912/20130916/gta-v-5-pc-release-date-proof.htm

    RispondiElimina
  21. Ma doc, i personaggi sono legnosi da comandare come nel capitolo precedente? Nel precedente Nico pareva un camion a rimorchio da quanto era rapido a rispondere ai comandi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nope. I personaggi hanno molte movenze riprese da RDR, come scritto nel post. Non corrono velocissimi come quelli degli ultimi Saints Row, ma sono meno impalati di Niko.

      Elimina
  22. Comunque "Pole Position" non è una bruschetta nell'occhio, ma un filone intero!

    RispondiElimina
  23. dovete tutti soffrire lentamente, come soffro io che aspetto l'uscita su PC, maledetta rockstar! >:(

    RispondiElimina
  24. Figata! Ma per motivi socioeconomicofamiliari mi acchiapperò GTA V al 27 di settembre, da allora le quattro ore a notte di sonno caleranno sensibilmente. Auz!!

    RispondiElimina
  25. Per me , appassionato di cinema (specialmente di Tarantino e dei film sul crimine in generale) , musica e un po' di tutta la cultura pop , Rockstar è la miglior SH della storia . Dopo essermi goduto al massimo la trama da Oscar del IV , non riesco neanche ad immaginare come sia quella del V .

    Un po' di legno per un rosicone squattrinato , grazie .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mr. Lol, io che in questi giorni il gioco lo sto soprattutto ascoltando mentre studio nella stessa stanza in cui mio fratello tiene la playstation, posso garantire che la colonna sonora è OLTRE anche per gli standard dei vecchi GTA.

      Elimina
    2. Cioè, non mi stupirebbe se saltasse fuori che il grosso dell'elefantiaco budget se ne fosse andato per i diritti d'autore delle canzoni anche molto note che sono riusciti a metterci.

      Elimina
  26. Per me , appassionato di cinema (specialmente di Tarantino e dei film sul crimine in generale) , musica e un po' di tutta la cultura pop , Rockstar è la miglior SH della storia . Dopo essermi goduto al massimo la trama da Oscar del IV , non riesco neanche ad immaginare come sia quella del V .

    Un po' di legno per un rosicone squattrinato , grazie .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Doppio post , sorry (what the...) .

      Elimina
  27. Doc, ti leggo da un bel po' ormai, ma è la prima volta che commento (cioè, in realtà seconda, ma la prima era un sondaggismo, facciamo che non vale, dai). E niente, ti volevo fare i complimenti. Parlando soprattutto del post in questione, mi è piaciuto tantissimo come hai reso la storia del "voglio esplorare quella roba lì all'orizzonte", quel fastidio che prende ogni videogiocatore quando si ritrova davanti una barriera invisibile che ti ricorda brutalmente che, oh, quella è pur sempre una simulazione, il mondo esplorabile è quello del livello, il resto è solo sfondo. Insomma, complimenti, è un piacere leggerti.

    RispondiElimina
  28. E' affascinante il parallelo con gli sfondi dei giochi anni '80!

    Credo che il mito del free-roaming sia un po' il pallino di tutti noi vecchi videogiocatori che siamo partiti da dei mondi virtuali fatti da scelte binarie 0-1 (spara o muori... oppure sterza o sbatti... oppure salta o fatti mangiare... etc.).

    Già il IV mi aveva decisamente colpito perchè Liberty City sembrava quasi viva (ma poi ti rendevi conto che Niko era un piranha in un acquario di tre isole e che la maggior parte dei locali fichissimi dove volevi portare il serbo a far serata erano sempre chiusi per ferie).

    Adesso dopo la recensione e i vostri commenti sono decisamente curioso di mettere le mani su GTA V... Anzi per usare uno slang degno dell'antro sono decisamente in fase gorilla!

    RispondiElimina
  29. E' affascinante il parallelo con gli sfondi dei giochi anni '80!

    Credo che il mito del free-roaming sia un po' il pallino di tutti noi vecchi videogiocatori che siamo partiti da dei mondi virtuali fatti da scelte binarie 0-1 (spara o muori... oppure sterza o sbatti... oppure salta o fatti mangiare... etc.).

    Già il IV mi aveva decisamente colpito perchè Liberty City sembrava quasi viva (ma poi ti rendevi conto che Niko era un piranha in un acquario di tre isole e che la maggior parte dei locali fichissimi dove volevi portare il serbo a far serata erano sempre chiusi per ferie).

    Adesso dopo la recensione e i vostri commenti sono decisamente curioso di mettere le mani su GTA V... Anzi per usare uno slang degno dell'antro sono decisamente in fase gorilla!

    RispondiElimina
  30. Doc, non puoi ogni volta convincere a prendere un gioco quando navigo nel dubbio, il mio portafogli ne piange... Comunque stanno preparando veramente un nuovo Red Dead (hai info ufficiali) o è una supposizione? Perché sto rischiando di saltare dalla sedia per l'entusiasmo...

    RispondiElimina
  31. I giochi che nella mia carriera di videogiochista mi hanno frustrato di più facendomi sognare un mondo free-roaming sono mission:impossible per NES e Resident Evil 2... GTA V è decisamente un sogno che si realizza, anche se nel suo piccolo (ripensandoci era un bel gioco di melma) mi aveva quasi soddisfatto il primo Midnight Club

    RispondiElimina
  32. A me 'sto gioco mi sta tanto sulle scatole.

    Magari è un gioco bellissimo (anche se sicuramente non è il mio genere).

    Ma porca miseria, se ne parla talmente TANTO, come se un ripetitivissimo simulatore di criminale in cui vai a pu***ne e investi la gente fosse il Gioco del Secolo (mi riferisco per esperienza ai GTA che ho provato: ma non credo che il 5 sia tanto diverso).
    Ed è quello che mi dà fastidio: se ne parla TANTO, TROPPO. Non è nemmeno più un gioco originale, visto che di GTA ne sono già usciti a iosa.

    E poi è come Call Of Duty: un gioco amatissimo dai giovani di 12-13 anni. Lo so per esperienza personale.

    Vogliamo poi dire che gli autori del gioco sono talmente pusillanimi che hanno apertamente rifiutato di mettere una protagonista femminile (cosa che Saints Row fa da anni)?

    In conclusione: qualcuno mi sa dire, in tutta sincerità, COSA c'è di bello in questo gioco? Perché l'hype è veramente troppo esagerata... mi pare come i casi di Titanic o Avatar, due film assolutamente mediocri ma che per mesi sono stati decantati come capolavori del secolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GTA V è tanto discusso perché oramai un "meme"; è l'emblema del videogioco di nuova generazione: free-roaming, con un mucchio di cose da fare e soprattutto costosissimo, tanto costoso da imbarazzare. Uber-Commerciale, ma il commerciale fatto con cura. Per il suo intreccio sempre più complesso (3 personaggi dalle storie "approfondite" come i film, per limiti di tempo, non potranno affrontare ancora per molto)presumo possa rappresentare quel "piccolo passo" verso il futuro dell'entertainment, ovvero quel mix alla lunga sempre meno distinguibile fra cinema, letteratura e videogioco.

      Questo il mio punto di vista mattiniero e spensierato... (P.S.: probabilmente comprerò GTA V fra un paio d'anni)

      Elimina
    2. Concordo nel diffidare del Hype: è assolutamente una cosa saggia e, parlando personalmente, una filosofia che ho sposato in tempi non sospetti.
      Comunque, rare volte, dove c'è hype si può trovare qualità.

      Io non ho provato il V ma ti rispondo per il IV: per me la cosa bella stà nella differenza tra gioco e giocattolo.
      Mi spiego, nel gioco segui le regole rigide e non ne esci (e.g. uno shooter o un gioco sportivo) mentre il giocattolo è duttile e lo puoi interpretare come meglio credi: sia con il game style da cazzone che descrivi tu (e che schifo anche io) ma anche in tanti altri modi e sfumature diverse. Ho provato un'esperienza simile anche con RDR o con Fall Out 3 (quest'ultimo l'ho rivoltato come un calzino giocandolo in tutte le sue declinazioni).

      Elimina
    3. Bhe, avendo io passato ore fra Oblivion e Fallout 3/New Vegas (grazie anche ai mods, che rinfrescano sempre il gioco quando comincia a diventare stantio!)....... non è che non capisca il fascino di GTA.
      Semplicemente, i giochi Rockstar mi annoiano sempre, ma quelli sono soltanto gusti miei. Perfino Red Dead Redemption, nonostante ci mettessi in sottofondo la colonna sonora dei film di Sergio Leone, mi ha annoiato. E' come se qualcosa nella narrazione e nel gameplay dei giochi Rockstar, mi desse il sapore di "vuoto".

      Ma fin là. Un videogioco anche se bello mica può piacere a tutti, oé. E' la ASSURDA esaltazione, l'hype maniacale verso il gioco, che me lo rende terribilmente antipatico. Ed è lì che vorrei sapere che hanno i fans da esaltarsi tanto. Perfino se si fosse trattato di un gioco che mi piace, l'hype eccessivo mi sarebbe sembrato imbarazzante.

      Ma forse è come dice LO-Resto: GTA è il meme dei giochi moderni: free roaming, violenza a casaccio, macho men, America.

      Elimina
  33. trovare luoghi di los angeles dove sono stato è stata un emozione, ho trovato il whisky a gogo ed in una missione per gli sconosciuti, dove ti chiedono di fare una gara di corsa siam partiti a correre dal punto panoramico dove ho scattato qualche foto ed abbiamo fatto lo stesso identico percorso he ho fatto il primo giorno là per raggiungere la spiaggia. ne son valsi i soldi sono per quello!!

    RispondiElimina
  34. Sembra (per ora, non mi è ancora spuntato il terzo personaggio) di lunghissima durata, i dialoghi sono fantastici, il mondo di gioco è fantastico, la varietà e le possibilità sono incredibili (e, strano a dirsi, talvolta le attività disponibili sembrano anche avere un senso all'interno del gameplay). Riguardo alle critiche sulla violenza a casaccio, il machismo e l'America, consiglio di giocare anche solo il quarto capitolo e fermarsi a osservare i dettagli. C'è un'altissima dose di ironia e autoironia, elemento che raramente ho riscontrato in altre (mega) produzioni. Non si tratta solo di montare prostitute e investire o detonare gente a caso. Mai seguito quel tipo di gameplay eppure mi son sempre divertito un casino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mha.... io GTA4 l'avevo giocato. Un po', poi proprio mi ero stufata.

      Ti chiedo: secondo te la gente compra GTA peril suo "alto tasso di ironia"? O perché si spara alla gente e si va a pu***ne?

      Elimina
  35. Io aspetterò pazientemente la versione PC.

    RispondiElimina
  36. Buonasera, non ricordo di avere scritto su questo blog prima, comunque ho deciso di farlo ora perchè voglio dire la mia su GTAV. Allora, fin dai primi minuti di gioco ho capito che mi trovavo di fronte ad un capolavoro, e col passare delle ore questa convinzione non solo ha trovato conferme ma si è andata a rafforzare, fino a creare l'adepto pronto a difendere l'opera sull'Internet (...) Per dirla velocemente, tutti voi che avete dichiarato di non capire il fascino di questo gioco(alcuni anche senza aver mai giocato GTA) non l'avete capito, è l'unica. Non fa per voi, non si tratta di girare in auto e ammazzare la gente, come ha ben detto il Doc è un mondo, vivo! La storia, i personaggi, i controlli, la grafica, le abilità, le attività e tutto il resto, la cura per i dettagli per ognuno di questi elementi è stata maniacale. La radio! Ancora una volta il comparto sonoro è fantastico, impreziosito dalle colonne sonore per le rapine che sono stupende, ma ascoltare il notiziario che si aggiorna in tempo reale sui colpi che hai fatto tu o un tuo conoscente inframezzato da pubblicità di una satira così spietata è fantastico. Prima di questo quinto episodio ho giocato al primissimo il 3, San Andreas e al 4 tutti bellissimi giochi, ma mi lasciavano sempre deluso in un frangente (cose piccole ma che non aiutano l'immersione), vuoi i controlli o latelecamera, la grafica scarna o il telefono che stressa, insomma c'era sempre quel pelo nell'uovo, questo GTA non ce l'ha, è davvero un'altra cosa, è un capolavoro e chiunque si definisce un gamer dovrebbe averlo.

    RispondiElimina
  37. Sono sempre stato attirato da GTA, ma pur avendoli giocati tutti sino a San Andreas non mi sono mai divertito veramente. Tre elementi mi hanno sempre mandato in bestia:

    1) Il sistema di combattimento (gioco su PC) che pur avvalendosi di un maledetto mouse sembrava sempre mutuato dalla levetta di un joypad e mai sempre preciso
    2) Molte missioni frustranti, lunghissime e senza check point di sorta (ma qui vedo che si può fare un salvataggio veloce, però mi chiedo se si possa fare pure in missione): trovarsi a pochi passi dalla fine, crepare per un'idiozia e doversi rifare tutto mi faceva veramente incaxxare
    3) La sensazione di libertà era un'illusione. Non dico che volevo Morrowind (sì, sono vecchiarello) in chiave moderna, ma se mi parli di libertà e poi mi fermi perché devo prima grattarmi il sedere, girare due volte su me stesso e farmi 10 missioni per entrare in un posto non lo chiamo free roaming

    San Andreas l'ho trovato irritante, ma a me le trame da nigga in da ghetto attirano poco.

    Quindi mi chiedo se quelle che per me erano magagne sono state finalmente superate.

    RispondiElimina
  38. Hai un grande dono Doc. Scrivi davvero bene. è sempre un piacere leggerti... Poi, con la calma, appena esco dalla buca di diablo 3 me lo compero sto pezzo di gta!

    RispondiElimina
  39. Penso che non riuscirò mai a giocare al nuovo GTA.
    Mi rifaccio con i pokèmon...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tra l'altro promettono scintille, i cazz di mostrini X e Y. Se non avessi il culo a terra me li appiopperei entrambi all'uscita.

      Elimina
  40. Io mi son fatto prestare una 360 per giocarci, dato che su pc ancora non c'è. Gioco fantastico da tanti punti di vista, ma graficamente ormai siamo alla frutta con le console attuali. Molto insufficiente. Sarà che sono abituato troppo bene col pc, sarà quel che sarà. Sono curioso di vedere come sarà su pc, se uscirà

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails