martedì 24 settembre 2013

97

20 cose che forse non sapevate su Rocky IV

Torna, dopo due mesi esatti, la rubrica plurivincitrice dell'Internet 20 cose che forse non sapevate su, e lo fa con un film che pur appartenendo a quel magico quinquennio lì (1985), è molto meno magico degli altri. Ti hanno portato a vederlo al cinema, Rocky IV, e anche se avevi solo dieci anni lo trovasti un film pieno di mimmate (ci arriviamo subito). Con gli occhi di oggi, e riguardandolo in lingua originale come hai appena fatto, è una roba ancora più agghiacciante su una scala da zero a filmografia di Lorenzo Lamas. Eppure. Eppure sarà la voce di Amendola che rendeva tutto migliore, come la panna montata sui gelati; sarà che quando Rocky mette in moto la Lamborghini nera targata S0THPAW (per il suo stile da mancino) e parte il giro di basso di No Easy Way Out si torna rEgazzini; sarà che ognuno, almeno una volta, in vita sua ha corso/fatto palestra/preparato mentalmente una partitella del giovedì sera contro gli odiati rivali del CNR (ehr...) ascoltandone la colonna sonora, ma proprio non ti riesce di classificare Rocky IV come un film di melma. Tanto è vero che gli hai trovato un posticino qui, e ora ci andiamo a sparare la solita dose ipercalorica di trivia [...]
"Ma compagno segretario…"
"Zitto tu, ché il Gulag non te lo toglie nessuno"
20 - Una delle cose che sembrarono più stupide al te stesso di 10 anni, quella sera al cinema, era ovviamente il tema di fondo del film. Gorbacev avrebbe lanciato di lì a poco la fase Glasnost, e quando Rocky IV è arrivato in Italia (14 febbraio 1986) si respirava già l'inizio del disgelo. Ma Stallone ci teneva proprio tanto a raccontare la storia dei russi stronzi e disumani convertiti all'amore cosmico dai suoi cazzotti. 
Dice: e i russi come l'hanno presa? Pare che la pellicola sia arrivata nell'est Europa solo dopo la caduta del muro, nel 1990. Per allora, forse, i russi avevano smesso di ridere per il loro campionissimo superdopato con un cognome da rumeno. Ma più incazzato dei russi era sicuramente Timothy Burton Anderson, autore che aveva realizzato uno script per Rocky IV. Dopo essersi visto rifiutare la sceneggiatura e aver riscontrato comunque molte somiglianze con la pellicola finale, Anderson fece causa a Stallone e alla MGM. Il giudice stabilì però che a sviluppare senza autorizzazione delle storie su un personaggio altrui, a giocare con i copyright non propri si corrono questi rischi, e Anderson se la prese in saccoccia.
19 - Ma torniamo a Ivan Drago. Varie fonti parlano di oltre OTTOMILA attori provinati per il ruolo, con listoni giordano della morte che includono chiunque, da Tom Selleck a David Hasselhoff, da Roddy Piper a Sean Bean. Ovviamente, se avessero preso Roddy Piper, il film si sarebbe chiuso con la sconfitta di Rocky per sleeper hold. Se avessero scelto Sean Bean, sarebbe morto lui. Entro la fine del primo round.
18 - La parte andò alla fine a Dolph Lundgren dopo parecchie titubanze iniziali. L'attore era stato infatti scartato in un primo momento, perché troppo alto. Ma Adolfino non si diede per vinto, mandò delle foto a Stallone - non si sa se accompagnate o meno da minacce - e lo convinse a tirarlo dentro. Stallone ci mise una buona parola, insomma, ma consigliò a Lundgren di metter su almeno un'altra decina di chili di muscoli. Avrebbe poi avuto modo di pentirsi amaramente del consiglio, ne parliamo più avanti. Ma Lundgren era davvero un tizio sconosciuto all'epoca?
Non proprio. Lo svedese, futuro He-Man in uno dei film più pezzenti di sempre, aveva già avuto una particina in 007 - Bersaglio mobile, pellicola in cui interpretava Venz, uno degli sgherri del generale Gogol.
17 - Un incontro come quello tra Drago e Rocky non avrebbe mai potuto svolgersi. Non veniva infatti permesso ai pugili sovietici di affrontare dei professionisti. Olimpiadi per il bene della causa o ciccia, hai visto mai si fossero fatti venire in testa perniciose idee capitaliste vincendo dei soldi.
16 - Il film è tutta una lunga sequela di marri di vario livello, dalle traduzioni in russo sbagliate - famosa quella dei "20 milioni di persone" che il presentatore/traduttore russo trasforma in "20 milioni di dollari" durante il discorso finale volemosebene di Rocky - a un concetto molto peculiare della differenza di fuso tra Mosca e Philadelphia. Ma tra le magagne più flippotrippissime ti piacciono particolarmente queste due. Uno: quando scorrono sullo schermo le prime pagine di giornali e riviste per spiegare le conseguenze del match di Rocky con Drago (ci torniamo su tra un attimo), si vede questo quotidiano qui
Il testo dell'articolo è preso da un qualche pezzo su una partita di baseball. Due: quando Drago inizia a prenderle, e lassù in tribuna Gorbacev inizia ad innervosirsi, 
il commissario Koloff - il tizio che segue l'atleta e l'aveva presentato alla stampa USA con la celebre frase "Qualsiasi cosa colpisce, lui la distrugge" - corre giù a bordo ring, 
minaccia Drago, si becca una chokeslam da quest'ultimo 
("Combatto per vincere! Per me! Per me!" urla in russo al pubblico il pugile russosvedorumeno) e torna al suo posto. Tutto questo nella pausa tra il 14° e il 15° round. Solo che le pause tra le riprese, nella boxe, durano un minuto.
15 - La frase "Becca quello di mezzo" (in originale "Hit the one in the middle") che Paulie rivolge a Rocky, quando questi all'angolo dice di vederne tre di avversari per le papagne prese, è una citazione storica. Nel match tra i pesi massimi Max Baer e Max Schmeling, nel 1933, lo stesso scambio avvenne all'angolo di Baer tra quest'ultimo e l'ex campione Jack Dempsey, che gli faceva da secondo. Baer, per la cronaca, quello di mezzo poi riuscì a beccarlo, aggiudicandosi l'incontro al decimo round per KO.
14 - All'epoca delle riprese, Lundgren pesava circa 115 chili, per il suo metro e novantasei d'altezza. I pesi che solleva, se ipotizziamo che i dischi del bilanciere siano standard, arrivano fino a 204 kg (405 lb). Sembrerebbero tanti, ma con quella tecnica di sollevamento (lo slancio) il fintoconnazionale Vasiliy Ivanovich Alekseyev era arrivato già negli anni 70 a 256 kg. Alekseyev, sempre per la cronaca,
era questo bell'ometto qui.
13 - Stallone, invece, aveva ridotto il suo grasso corporeo al 5%. Il che significa che era troppo leggerino per un peso massimo (minimo 200 libbre, cioè 90,72 kg) e che non avrebbe avuto comunque la forza per affrontare un vero incontro. Perché per asciugarti fino a quel fisico da bodybuilder devi accontentarti dell'apporto calorico quotidiano di un moscerino, e poi le braccia te le deve reggere qualcun altro. Avete presente il fisico di Tyson o i bicipiti misurabili in metri cubi di un Cammarelle? Ecco.
12 - I pugili sovietici, dicevamo poco sopra, non potevano affrontare una carriera da professionisti, anche se Drago e il suo team sono tutti sponsorizzati dall'Adidas. Ma perché la federazione americana manda Rocky ad affrontare Drago dopo la morte di Apollo? Che tipo di match è? C'è in palio qualche cintura? No. Nel film è solo la summenzionata carrellata veloce di quotidiani e riviste a spiegare che la Boxing Board americana non approva l'incontro, e che per affrontarlo Rocky dovrà rinunciare al titolo per due anni.
In realtà nel cut originale della pellicola era presente una scena tra il funerale di Apollo e la conferenza stampa con Drago e Rocky, nella quale Balboa andava a discutere appunto la cosa con la federazione. Ma si ritenne che la scena appesantiva troppo il ritmo del film, e perciò venne eliminata all'ultimo minuto.
11 - Il robot che Rocky regala a Paulie per il suo compleanno non era un pupazzo con due lucette, ma un vero robot, prodotto dalla newyorkese International Robotics Inc. 
L'azienda sosteneva che il loro robot fosse dotato di una vera e propria intelligenza artificiale, e perciò "SICO" venne iscritto alla Screen Actors Guild, il sindacato americano degli attori. Pare abbia partecipato in seguito anche a dei tour con James Brown, tornato sulla cresta dell'onda con Living in America un attimo prima di finire di nuovo in galera per quelle storie di droga, possesso d'armi non registrate e fughe rocambolesche della polizia in autostrada. 
Ché il padrino del Soul a GTA ci giocava già live prima di tutti.
10 - Il personaggio di Ludmilla, l'algidissima moglie di Ivanuzzo Drago, è stato aggiunto all'ultimo momento. Le occhiatacce al povero pugile incompreso e quelle quattro parole che dice spettavano a Koloff. Stallone però ne pretese l'inserimento, giusto perché Brigitte Nielsen - all'epoca pheega astrale di primissima - stava per diventare sua moglie. I due si sposarono un mese dopo la prima di Rocky IV. Lundgren è svedese, la Nielsen danese… ma almeno Nicoli Koloff era russo, no? No.
Michael Pataki era un americano dell'Ohio con trent'anni di carriera alle spalle. Tre decenni in cui aveva fatto di tutto, dai western a Star Trek, dal Batman mimmissimo con Adam West al telefilm dell'Uomo-Ragno del '77.
9 - Rocky IV è stato il quinto film diretto da Sylvester Stallone, dopo Taverna Paradiso, Rocky II, Rocky III e… una certa altra pellicola. Aggiungendo Rocky Balboa, Sly ha diretto tutti i capitoli della saga tranne il primo e Rocky V. Qual era quella certa altra pellicola? Staying Alive.
Ah! Ah! Ah! Ah! Stein Elaaaaaaaa… ahahaaaaaa... Quello.
8 - Noto al grande pubblico da quando ha interpretato Apollo Creed, Carl Weathers ha iniziato la sua carriera nel 1973 con una particina in Una 44 magnum per l'ispettore Callaghan, e negli anni 70 è apparso in tutta una serie di telefilm: Kung Fu, Starsky & Hutch... Di Predator, abbiamo detto, ma forse non tutti lo ricordano nella serie Vietnam Addio di fine anni 80, che ricordi fichissima, ma poi vai a sapere.
7 - "Non corre buon sangue tra i due, se ne sono già accorti tutti", dice uno dei due commentatori a bordo ring quando si stanno per affrontare Apollo e Drago. E, beh, era vero. In un'intervista di qualche tempo fa, Stallone raccontò che Dolph Lundgren e Carl Weathers arrivarono a odiarsi. Un giorno, durante le riprese, a Lundgren girarono gli svedesoni e scagliò il collega dall'altra parte del ring. Weather voleva lasciare il film, ma grazie all'intervento di Stallone decise di restare e si potè continuare a girare, dopo quattro giorni di stop.
6 - L'allenamento sano e genuino di Rocky in Siberia, mentre quell'altro veniva aiutato dal compiùter e dalle droghe, è stato girato in una fattoria del Wyoming. 
L'incontro tra Rocky e Drago, invece, al Vancouver Forum, in Canada, teatro negli anni anche di un frappilione di concerti rock e match di bresslinz.

5 - Rocky IV è il primo film della serie in cui non appare il vecchio allenatore Mickey Goldmill (Burgess Meredith): Meredith sarebbe tornato poi in Rocky V, prima di salutare tutti alle soglie dei 90 anni, nel 1997.
Tra i tanti film e telefilm interpretati in carriera, Meredith era stato, come noto, anche il Pinguino nel Batman televisivo del '66. Rocky IV è però anche il primo film alla cui colonna sonora non ha lavorato Bill Conti, perché all'epoca stava componendo le musiche di un altro film:
4 - I tre Oscar vinti dal primo Rocky fecero piovere sui cinematografì nell'arco di una decina d'anni una quantità impressionante di film sulla boxe. Capolavori come Toro Scatenato di Scorsese (1980), certo, ma anche tantissime pellicole con altri tizi che - esattamente come Rocky - sul ring sembravano tutto fuorché pugili. 
Tipo? Tipo Il campione con Jon Voight (1979), Il duro più duro con Dennis Quaid (1983), il terrificante Il guerriero del ring (1981) e tanti, tanti altri. Su wikipedia si legge che Kickboxer - Il nuovo guerriero (1989) ricalcherebbe la storia di Rocky IV: il protagonista che vuole vendicare un amico aggiso da un tizio sconosciuto, e per farlo deve andare in una terra lontana. 
Un film di Van Damme poco originale? Naaa, impossibile.
3 - Rocky IV è il film della saga che ha incassato di più: poco più di 300 milioni di dollari in tutto. Per fare un paragone, Rocky V si sarebbe fermato nel '90 a 119 milioni. Sedici anni più tardi, nel 2006 (e con il costo dei biglietti gonfiato ovviamente dall'inflazione), Rocky Balboa avrebbe piazzato la bandierina a quota 155 milioni.

2 - Dicevamo sopra della richiesta fatta da Stallone a Dolph Lundgren di metter su una decina di chili di muscoli per il film. Per la serie Le idee geniali di Silvestro, dopo essersi fracassato tutto il fracassabile sul set di Rambo, per amore del realismo Sly chiese a Lundgren di fare sul serio sul ring.
Bella pensata, Stallò.
Quello lo corcò di mazzate, e dopo tre giorni di riprese in cui aveva incassato giusto quel centinaio di cazzottoni nelle costole di troppo, Stallone iniziò a sentire un bruciore al petto. Ma fece finta di nulla, come quelli che cadono in motorino in centro e per timore di azzeccare figure di merda si alzano e urlano NON MI SONO FATTO NIENTE! NIENTE! Se ne andò a dormire e durante la notte rischiò di schiattare: non ce la faceva a respirare. Portato al pronto soccorso, si scoprì che la sua pressione era alle stelle e dovettero trasportarlo con un volo a bassa quota dal Canada a Santa Monica, dove rimase in terapia intensiva per otto giorni. Perché? Perché Lundgren gli aveva martellato a tal punto la gabbia toracica da schiacciargli e mandargli in sofferenza il cuore.
1 - Prima del match con Drago, il commentatore americano a bordo ring definisce Balboa lo "stallone di ferro", anziché lo stallone italiano, ma è così anche in originale. Leggermente diversa è invece proprio la frase di Drago diventata simbolo del film, "Ti spiezzo in due". In inglese, infatti, è "I must break you": devo spaccarti.

Anche se no, sarà la voce fatta coi rutti, ma non fa decisamente lo stesso effetto.


97 commenti:

  1. Questo, come tutti i film della saga di Rocky, è un film che rivedo -gasandomi - ogni volta che lo passano in tivvù...visto al cinema anche io nel lontano 86: all'uscita avevo voglia di fare il crunch per gli addominali.

    RispondiElimina
  2. Certo, Rocky IV non e' bellissimo (super eufemismo), ma e' sempre divertente vedere l'allenatore di Apollo che vince a scacchi con l'agente russo, Rocky che esulta con le bandiere americane sullo sfondo e tutti quei videoclip di cui e' composto il film!

    RispondiElimina
  3. -Momento LOL del film: Paulie che se la fa con la robottana... Da piccolo pensavo fosse una versione modificata di Emilio...

    -Tra l'altro il finale mimmissimo con Gorbachov che applaude il campione avversario è stato preso paro paro da "Fuga per la vittoria", dove Max von Sydow alla rovesciata di "VAI FERNANDEZ E' TUA!" si alza in piedi e da buon graduato Nazi applaude l'impresona dei prigionieri (d'altronde solo in un film può succedere che una squadra che all'intervallo sta sopra di 3 gol alla fine pareggia, no? :P ).
    Casualità che ci fosse anche lì Silvestro Stallone? noi di kazzenger pensiamo di no!

    -Ottimo il Pinguino (o Penguin? da noi mi pare lo lasciarono così) di Burgees Meredith, ma il suo ruolo più iconico, almeno per me, è quello dell'episodio ipercitatissimo di "Ai confini della realtà" tempo di leggere, doppiato da uno straordinario Oreste Lionello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Subtrivia su Fuga per la vittoria: non tutti sanno che il film si basa su una storia "vera", con un finale molto, ma molto più brutto: http://it.wikipedia.org/wiki/Partita_della_morte.
      Perché le virgolette su quel vera? Perché le ricerche storiche hanno dimostrato che la versione degli eventi raccontata dagli ucraini era stata parecchio romanzata, pura propaganda:
      http://en.wikipedia.org/wiki/The_Death_Match

      Elimina
    2. Certo che la pagina in italiano e' proprio aggiornata sui fatti...alla faccia.

      Elimina
    3. http://www.youtube.com/watch?v=KRneqe_skSE

      io la conoscevo tramite le parole dell'avvocato!

      Elimina
    4. Si, da noi nella serie TV lasciarono il nome inglese. Nel film però, a differenza della serie arrivata negli anni 80, che uscì negli anni 60, se non erro tradussero i nomi del Pinguino e di Catwoman ecuriosamente chiamarono Joker Jolly!

      Elimina
  4. Silver Stallò... Che quello è stallone di nome e di fatto (cit.)
    Flipposissimo

    RispondiElimina
  5. Carl Weathers è famoso anche per Action Jackson e questo potrebbe essere un nuovo personaggio per il Twisted Theatre:

    http://michaelnorthrop.net/?p=2919

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    2. I commenti anonimi non sono ammessi. Se vuoi partecipare alla discussione sei il benvenuto, ma loggati.

      Elimina
  6. Abbiamo un collega che è pazzo di Stallone. Ovviamente questo magnifico articolo gli verrà inoltrato.
    Per il film... beh, una tamarrata ottantiana ai massimi livelli di steroidi, mi sono sempre divertito con 'sta caxxata, quando lo passano non lo perdo MAI.
    Colonna sonora, comunque, da urlo.

    RispondiElimina
  7. Ma quante ne sai. :D
    Comunque, classificato tra gli errori di gioventù, andai a vederlo anch'io al cinema, con il mio fratellino ed un paio di amici del posto di mare dove si andava in villeggiatura. A parte che avevo 15 anni, che la musica degli allenamenti di Rocky sulla neve ti galvanizzava, che all'epoca i russi erano tutti stronzi nei film (americani) e che Ivan Drago era cattivo-cattivo e meritava una gragnuola di mazzate, anche a me alla fine sembrò un film abbastanza rozzo e qualunquista, soprattutto nella parte finale con il discorso di Rocky che sembra aver ispirato da solo la Perestrojka e la fine della guerra fredda. Comunque, rimane il fatto che i film più visti in America e Italia di quell'anno erano tremendamente reazionari: Stallone aveva fatto ambo con Rambo e Rocky IV, rispettivamente al 2° e al 3° posto nella classifica italiana degli incassi nelle sale... (battuti solo da Ritorno al Futuro, al 1° posto). Che anno di bei film fu quello: da Goonies a Witness-Il testimone, da Cocoon all'Ammazzavampiri, dall'Anno del dragone a Piramide di Paura, da 007-Bersaglio Mobile a Spie come Noi, da Il Cavaliere Pallido a Silverado, da Mad Max oltre la Sfera del Tuono a Lady Hawke. Li ho visti tutti al cinema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paolo Pugliese si corregge da solo24 settembre 2013 09:23

      Rambo 2 volevo dire, naturalmente.
      (e tra gli altri film reazionari ricordo Commando con Schwarzy e roba urrenda come L'Ultimo Dragone e la tripletta Missing in Action 2-Invasion USA-Il Codice del Silenzio con Chuck Norris)

      Elimina
    2. Il peggiore, sotto questo profilo, è Rambo III. Non fosse altro, perché si tratta di un film del 1988.

      Elimina
    3. però i primi 2 rambo sono abbastanza antimilitaristi e antiamericani, pur nascosti sotto una patina reaganiana...

      Cioè, il primo vorrebbe raccontare il problema del reinserimento dei reduci, il secondo come l'america abbia dimenticati in vietnam i propri soldati, rei di essere stati sconfitti...

      Elimina
    4. io il terzo rambo l'ho sempre considerato una versione sotto steroidi del secondo. Il secondo ha i suoi momenti belli, come quando Rambo parla del suo Vietnam personale, che non e' mai finito, a Trautman, invece il terzo e' tutto uccisioni dei cattivi rossi e battutine tra Trautman e Rambo decisamente fuori luogo. E la dedica finale suona oggi come una beffa...

      Elimina
    5. L'inesorabile intamarrimento progressivo delle sue serie di punta è un marchio di fabbrica del cinema di Stallone.

      Elimina
    6. @Paolo Pugliese:minchia, che elenco di film grandiosi! Il cavaliere pallido, Silverado, L'anno del dragone! (e anche gli altri, ovvio)

      Elimina
    7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    8. I commenti anonimi non sono ammessi. Se vuoi partecipare alla discussione sei il benvenuto, ma loggati.

      Elimina
    9. In Italia fecero primo e secondo mentre negli states come hai scritto li precedette "Ritorno al futuro".

      Elimina
    10. Il primo non mi sembra abbia una patina reaganiana. Anche perché quando uscì Reagan c' era da neanche due anni!

      Elimina
  8. Ti aggiungo una perla d'epoca. Quando fecero la prima di Rocky IV a Milano era presente lo svedesone, che alla domanda se Stallone fosse davvero così forte si avvicinò ad una 500 e la sollevò tipo carro attrezzi.

    RispondiElimina
  9. Un video-parodia su rocky IV che ho trovato su youtube tanto tempo che mi ha fatto ridere tanto!!

    http://www.youtube.com/watch?v=7JxhjoIa-DI

    RispondiElimina
  10. Quella di Mickey e Penguin non la sapevo! O_O

    Certo che Sly ha scelto bene, quello da cui voleva essere reso pugni al corpo!
    http://www.youtube.com/watch?v=QyX8OUiC2wY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se è per questo nel tf di "nanana nananana Batman! Batman!" c'era anche John Astin, il Gomez della Famiglia Addams originale come Riddler/Enigmista :D

      http://t2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTMMPHc4_rZe_a-_1w3XphNHxT4zPRclgx1RHwAfvNi0uVArFvF

      Elimina
  11. Ricordo che durante il film uno dei commentatori, immagino proprio per giustificare la stazza pezzente di Stalline al confronto col beniamino di noi tutti (grazie per l'anedoc di Rocky all'ospedale!), disse "Sembra quasi un peso medio", mi pare.
    Comunque tutta la serie Rocky è e rimane dispettosa, a Stallone stava sul culo che i negri spiezzavano in due tutti i biancuzzi, e come tutti gli immigrati o figli di era più razzista lui degli wasp! E dopo aver rimesso al loro posto i negri, lo fanno coi russi. Purtroppo poi Rocky è invecchiato, altrimenti ci passava anche l'Iran!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, però neri senza la g, dai.

      Elimina
    2. :-D

      Ps lo ammetto, il primo lumpen Rocky però mi commuove ancora, ero pure romanticamente cotto di Adriana... stupido, stupido ragazzino!

      Elimina
    3. giusto per fare il pdf, la frase da te citata era in Rocky III, dopo l'allenamento basato sulla velocità a cui Rocky veniva sottoposto da Apollo Creed.

      Elimina
    4. Mmmhh, di sicuro c'era anche dove dici, non lo metto in dubbio, ma la ricordo anche nel VI, magari se ci riesco la cerco!

      Elimina
  12. Quando penso di sapere tutto su un film ecco che il Doc. mi illumina d'immenso!! :) Io la filmografia di Rocky l'ho vista tipo ventordici volte escluso il quinto capitolo perchè mi faceva troppa tristezza, è vero sono il nonplusultra delle americanate ma mi piacciono troppo.
    Doc. tra l'altro hai saputo del film in lavorazione sul nipote di Apollo?? Lo allenerà Rocky!

    RispondiElimina
  13. mi associo allo sbigottimento su Penguin....
    che saga straordinaria rocky, la rivedo ogni volta che passa in tv, film incompresi dalle donne (o dalla maggior parte) ma che contengono TUTTI i valori che un uomo deve avere nella vita

    RispondiElimina
  14. Uno dei miei film preferiti di quando ero piccolo! Poi rivedendolo da adulto, mi sono accorto della propaganda squallida ammeregana... :-/

    Comunque lollai al pensiero di James Brown in GTA! :-D
    E quando anni fa raccontavo agli amici che Stallone aveva diretto Staying Alive, nessuno mi credeva (non c'era Wikipedia per controllare)

    PS: ma che il secondo nome di Stallone è GARDENZIO ne vogliamo parlare???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per questo ha chiamato tutte le sue figlie Rose qualcosa... ;)

      Elimina
    2. Il primo figlio (morto l'anno scorso fra l'altro), l'ha chiamato SAGE MOONBLOOD!
      Sembra un nome da druido di WoW...
      Cioè, ma come si fa a chiamare una figlio "Salvia"? -__-

      Elimina
    3. Paolo Pugliese in modalità PdF24 settembre 2013 21:28

      Se ricordo bene, Stallone non si limitò solo a dirigere Staying Alive, MA NE SCRISSE PURE LA SCENEGGIATURA, apparendo pure ad inizio film in un auto-cameo in stile Hitchcock (è il tamarro con gli occhiali che poi metterà in Cobra che si urta con John Travolta in mezzo alla gente). Staying Alive fu un bagno di sangue ai botteghini, affossando la carriera di travolta che ci metterà diversi anni per risorgere (per inciso, nel 1989 con il successo della commedia "Senti chi Parla").

      Elimina
  15. Ad occhio, Stallone stava andando incontro a tamponamento cardiaco. Per la cronaca, sarebbe stata una morte orribile.

    RispondiElimina
  16. Questo è uno dei film cardine della mia infanzia, a mia madre piace la box (passione ereditata da nonno) e mi ha fatto conoscere tutta la saga. Questo in particolare è quello che ricordo meglio, su italia 1 lo passavano ogni 2 x 3 .

    RispondiElimina
  17. ogni volta che riguardo i vari rocky trovo sempre più difetti, film che invecchiano malissimo....e nonostante tutto rimani incollato allo schermo e arrivi allo scontro finale gasato come non mai ADRIANAAAAAA!!!!! :)

    RispondiElimina
  18. Forse avevano la sceneggiatura pronta, aspettavano che si calmassero le acque (di Anderson) e quando è iniziata la Perestrojka han fatto il film di fretta prima che il tema "russi comunisti cattivi" divenisse demodè? :-)
    In realtà non so quanto potesse sembrare imminente la trasformazione dell'URSS nel periodo di produzione (primavera '85)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può essere. Ma il film è uscito in America nel novembre dell'85 quando erano già in atto i patti per il disarmo nucleare. Il discorso di Reagan sull'Impero del Male era già roba vecchia di un paio d'anni. Hollywood, e gli spettatori dal collo rossissimo, impiegarono però degli anni per accorgersene... ;)

      Elimina
    2. Mi sembra più buffa la prima versione (si sono precipitati a fare il film prima che diventasse obsoleto). Non so, io - come te - ero piccolo, mi ricordo di Gorbacev ("Gorbaciov"), della Perestrojka, la Glasnost, i sAmmit (ricordo anche di aver inventato uno sketchino in cui Gorbacev dava dello "sporco capitalista" a Reagan, alla faccia del disgelo), ma non così bene da essere certo che nell'85 fosse scontato che "il mondo sarebbe cambiato"

      Elimina
    3. Avevo 16 anni e me lo ricordo abbastanza bene.
      In Italia arrivò con quel minimo di ritardo sufficiente a far sì che la scena finale dell'applauso e il discorso tragicomico finale fossero già visti come una strizzatina d'occhio alla glasnost. Un anno prima sarebbe stato visto semplicemente come una sboronata stalloniana stile "Rocky spaventa i sovietici coi cazzotti e li fa diventare buoni".
      In quel periodo uscì anche Russians di Sting, che in pochi mesi divenne il simbolo di quel processo di disgelo, anche se era stata scritta prima che iniziasse e con ben altro in testa: (fonte Wikipedia)

      "I had a friend at university who invented a way to steal the satellite signal from Russian TV. We'd have a few beers and climb this tiny staircase to watch Russian television... At that time of night we'd only get children's Russian television, like their 'Sesame Street'. I was impressed with the care and attention they gave to their children's programmes. I regret our current enemies haven't got the same ethics." (2010)

      Poi arrivò Venditti che mise tutto insieme con un'analisi sociopolitica ancor più fine di quella di Sly, ma questa è un'altra storia... :-)

      Elimina
    4. Ricordiamo anche la coeva Nikita di Elton John. Con la soldatessa pheegona della DDR, anche se Nikita è un nome maschile...

      Elimina
  19. vabbe' Doc, devi essere proprio orgoglioso di te stesso: se sei riuscito a farmi leggere un post su uno dei film che ho odiato di più (a pari merito forse con 'Dirty Dancing') vuol dire che sei proprio bravo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso non quotare questo commento, a quanto si capisce siamo sembra che siamo i soli due che hanno odiato sto film da subito. Ricordo infatti che feci una fatica immensa per arrivare alla fine, e da allora l'ho sempre rivisto solo a pezzi, perchè intero non ce la faccio proprio. Colonna sonora bellissima (per l'epoca) per carità, ti riporta all'infanzia e la cassetta originale che si comprò mio fratello l'ho consumata. Ma il film è melma pura.

      Elimina
    2. Caspita la seconda riga sembra scritta da un dislessico, ma non si potrebbe aggiungere la funzione "modifica" in futuro?

      Elimina
    3. Seee. Già è un miracolo che con Blogger funzioni quel poco che funziona.

      Elimina
  20. Meglio Rocky che "Fermati o Mamma Spara!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma che c'entra, quello era un film de' ride

      Elimina
  21. Saranno quel paio d'anni in più, fatali a quell'età, ma io manco riesco a salvarlo con il filtro della nostalgia. Era un film patetico e imbarazzante allora e lo è rimasto.
    Il primo "Rocky" era stato un bel film, il secondo era già mediocre, gli altri dei monumenti alla pacchineria più avvilente.

    Poi per carità, una lacrimuccia per il tormentone "Ti spiezzo in due" la si spande, ma anche quello era più per merito del trailer che del film.

    PS per me di Stallone regista e sceneggiatore c'è da rivalutare solo l'incompreso e sottovalutato "Taverna paradiso".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben inteso che, nonostante la materia trattata, il post del Doc è stato comunque al solito piacevolissimo e interessante da leggere.

      Elimina
    2. secondo me Stallone e' un talento vero, a tutto tondo (anche a me piace Taverna Paradiso, dove tra l'altro canta anche!), solo che avrebbe bisogno di qualcuno che lo aiutasse ad ingabbiare questo talento in prodotti meno esagerati. Vedi ad esempio Cobra, poteva essere un buon film d'azione e invece (per quanto io me lo goda), e' l'inno alla figaggine del protagonista, che sfocia poi nel ridicolo.

      Elimina
    3. Cobra in effetti è un'esagerazione del poliziotto con la macchina dei fighetto :) però ragazzi mi ricordo che ai tempi dopo il film a scuola si girava tutti con lo stuzzicadenti in bocca!!

      Elimina
  22. tempo fa mi dilettai a crare questo filmatino buffo mischiando rocky 4 e Boris :)
    http://m.youtube.com/watch?v=16nkSCz6upo

    RispondiElimina
  23. Roddy Piper!? No, dai, hanno commesso un errore clamoroso a non scritturarlo! Altro che Sleeper Hold, avrebbe concluso il match con una bella noce di cocco Old School, in puro stile Piper's Pit!

    RispondiElimina
  24. Sto forse per dire l'ennesima sciocchezza...perdonatemi se fosse così!

    Dai miei ricordi scolastici di inglese quello che noi traduciamo come "devo" (dovere) in inglese si può dire in due modi.
    Posso dire "I have to..." o posso dire "I must...".
    Non sono uguali! "I have to" è più debole di "I must".
    "I have to go" è come dire: Scusatemi , devo proprio andare via.
    "I must go" vuo dire "Sono obbligato ad andare! Non ho altra scelta".

    Quindi Drago gli sta dicendo "Io sono obbligato a spezzarti!". Come se fosse un ordine dall'alto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "I Have to" è, se non sbaglio, è una regole imposta dall'esterno, qualcosa che sei costretto a fare. Must è più una volontà, se ricordo bene le lezioni d'inglese. Ad esempio "non posso andare alla partita, devo lavorare" andrebbe tradotto con "have to". Quindi Drago, nell'uso del Must, indica la sua volontà di "spieeezzare" Rocky in due

      Elimina
    2. A questo punto credo si possa dire "L'Antro Atomico, il blog che ti impara le lingue!!!" :)

      Elimina
    3. (Farsi imparare è flipposissimo :-))
      Credo che sia uno dei tanti casi in cui la casistica e le regole sono millemila, e in parte sembrano contraddirsi (come per ser/star in spagnolo, uso o meno dell'articolo "the" in inglese). Comunque in teoria "must" si utilizza quando la decisione viene presa da chi parla o l’ordine è impartito da chi parla, "have to" quando chi parla è obbligato "dall'esterno" (e quando il modo o tempo verbale di "must" non è disponibile)

      Elimina
    4. Ma soprattutto, siamo sicuri che un russo con due neuroni due ancora non disintegrati da quel doping per cavalli come Ivanuzzo conoscesse l'inglese al punto da distinguere le due forme? ;)

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    6. Senz'altro no :-)
      Must comunque è la forma più nota e immediata... Ma tanto valeva fargli dire, appunto, "I break you"/"Io ti sp(i)ezzo", e bom...

      Elimina
    7. E', molto semplicemente, più facile per uno straniero dare un colpo al cerchio e uno alla botte usando il "must" come capita, rispetto altre forme. Spaghetti baffoner balalaika.

      Elimina
    8. E' semplicemente che "have to" non riusciva a dirlo con i rutti!

      Elimina
    9. Premesso che sono questioni di lana di caprina...
      Wasp, pensandoci ora, mi sembra più naturale che uno straniero con poca dimestichezza salti proprio l'ausiliare. Quel "devi" serve davvero? In italiano, dimenticando per un attimo la "i" di troppo, "Io ti devo spezzare in due" sarebbe stato meglio di "Io ti spezzo in due"?
      Se dovessi esprimere il concetto in una lingua che non conosci bene (e se fossi un personaggio un po' stereotipato) diresti "io ti DEVO spezzare in due"?

      Elimina
  25. Ricalchero' un po i post scritti da altri ma tant'e': il post e' ben scritto,alcune curiosita' sono sfiziose...ma questo film e' insalvabile,Amendola permettendo.Certo,per me tutti i seguiti di Rocky sono rumenta ma questo li batte tutti...penso che di peggio a livello di americanate ci sia soltanto Top Gun.

    Ps. Lundgren l'anno prima aveva preso parte ad uno dei film di Bond peggiori di sempre,secondo me,poi He-Man...la miseria,il tipo era un portatore (poco) sano di pezzenteria :D

    Ps2. parlando di pesistica l'anno dopo usci' anche il bellissimo World Games della Epyx per Commodore 64,e per la gara di sollevamento pesi la nazione ospitante era proprio la Russia.

    RispondiElimina
  26. Ma come le hai sapute tutte queste cose, Doc?

    Questo film l'ho rivisto con un amico circa quattro anni fa, è invecchiato malissimo.

    Apice del ridicolo: Uno dei dottori che segue l'allenamento di drago, inserisce nel computer di controllo delle funzioni vitali una specie di stick rosso semitrasparente con dentro una luce colorata che fa avanti indietro, na roba tipo "bomba segreta per risultati garantiti" ma che non rende per niente l'idea, sembra più una di quelle meenchiate che vendono gli indiani nelle città.

    Cioè ma perché queste cose?

    E poi........rivedere quella Brigitte Nielsen fa sempre un certo effetto rispetto al VICHINGO senza buone maniere di oggi. Mamma mia che cos'era!

    RispondiElimina
  27. Nessun accenno al fatto che Dolph Lundgren a causa di questo film sia sempre stato considerato il classico bodybuilder mononeurone, quando nella realtà è tutt'altro (poliglotta, laureato, campione sportivo ecc.)?
    In questo ricorda un po' Schwarzy...

    RispondiElimina
  28. Ok, non sarà il film più meglio bellissimo di sempre, ma chi tra noi non ha mai sofferto, in Lamborghini nera, per la morte del proprio amico pugile nero mentre lo stereo passava la cassetta mixed by Erry di No easy way out?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammazza Doc che ricordi...
      Più che altro del tempo che fu,più che il film in se stesso.
      Io c'avevo 16 anni all'epoca e lo vidi col mio amico fraterno,poi divenuto dimmerda exfraterno.....
      Erano gli anni,ricorderei pure,di quello che il prof Pazzaglia in "Quelli della notte"chiamava edonismo reaganiano.Infatti come tutti noi abbiamo notato e puntualizzato,il film trasuda machismo,bell'america,brutti i russi ecc. ecc. da tutti i pori,e comunque si lascia ancora vedere.Non fosse altro che per il fatto che mette in moto i ricordi di quei tempi:rokkettari,paninari(che da me ne hanno prese a uffa)e tante altre cose li!!!

      Elimina
    2. La scena di No Easy Way Out è una delle più gasanti della storia del Cinematografò.

      Elimina
  29. Ma quanto si usciva gasati ad ogni proiezioni di film di stallone negli anni '80? Certo che Rocky 4 era tamarragine a profusione ma di quelle che in un bambino di 10 anni sapevano entrare in ogni poro, fingendo di essere il massimo dei massimi. Chi non ha sognato di avere le mani fasciate di bianco per allenarsi, un paio di guantoni, il paradenti.
    Quella cosa del 5% di massa grassa forse fa parte un po' dei miti messi in giro da sly stangon (tipo che si picchiassero per vero anche in rocky 1 e 2, mah, chi potrà mai confermarcelo?!) sapendo che i culturisti o Brad Pitt in the snatch, riescono ad ottenere una massa grassa pari al 7-8% e solo nell'arco di 24 ore per la gara o le riprese del film, non bevendo acqua per un bel periodo, dieta iperproteica durissima e una scarica di pesi a finirsi nell'immediato momento utile. Poi è anche soggettivo, chiaramente. Cosa che ovviamente vi fa schiantare fegato e reni - non fatelo o urlerete doppiati da Ferruccionostro.

    RispondiElimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  31. Ah, le lacrime (vuoi per le risate, vuoi per la commozione)! Tamarrata d' altri tempi, ma erano appunto altri tempi, perdonabile, nonostante tutto. Forse la cosa che mi pesa di più è il fatto che sia uno dei tanti sequel di Rocky non all' altezza del primo film.

    P.S. Bellissimo pensare che Stallone fosse fissato con il realismo, considerando cos' è Rocky IV. XD

    RispondiElimina
  32. Stallone era veramente idiota! Ma lo sapete che
    21) Lunrgen è un campione di Karate Kyokushin?
    ecco da wiki
    "Intanto si appassiona al karate, diventando cintura nera terzo Dan nello stile Kyokushinkai. Diventa capitano della squadra svedese di karate e campione europeo dei pesi massimi sempre di questa specialità nel 1980 e 1981. Successivamente si dedicherà anche allo studio del taekwondo. Si trasferisce a New York e a Manhattan frequenta i corsi di recitazione di Warren Robertson."

    praticamente è quanto di più MMA il karate abbia

    e picchiava uno anoressico e coi muscoli gonfiati !!!

    mamma mia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Ok Dolph, ora non so se ne sei al corrente, ma a me piace un certo realismo nei miei film. Voglio che nelle scene dell'incontro, tu faccia sul serio"

      ".....ma Sly, sei sicuro? Non mi pare una..."

      "Si, sta tranquillo, fa come ho detto"

      "Sly, davvero... non so se è il caso"

      "Oh il film è mio, fa come dico io!"

      "Vabbè"

      PA-PAMMM!! XD

      Elimina
    2. hehe l' ho immaginata uguale !!!

      Elimina
  33. Quando hai scritto del tizio che cade in motorino mi è venuta in mente la peggior figura dimmerda della storia:
    http://www.youtube.com/watch?v=o5Qi4GxpIZo
    Leggendo sempre della numero 2, mi viene in mente: MENOMALE CHE C'HA PENSATO LUNDGREN!!! Nel V sbaglio o l'attore che interpretava Tommy Gunn era un vero campione del mondo? Avesse chiesto a lui un po' di autenticità a quest'ora si scordava di essere ancora in vita...

    RispondiElimina
  34. Visto al cinema quando uscì con babbo e fratello.
    Già all' epoca notavo la leggere propaganda americana.
    Per quanto mi riguarda , il primo Rocky è un capolavoro o quasi, tutti gli altri, pur non brutti, se ne poteva fare a meno.

    RispondiElimina
  35. LA cosa più divertente che mi ricordo (o almeno la prima che mi viene sempre in mente se ci penso) è l'elenco interminabile dei soprannomi lollosi di Apollo, fra i quali Gancio Pancho e Conte di Montefisto.

    Poi devo dire che da bambino, il personaggio di Drago non mi stava antipatico. Lo trattavano come un robot e quindi non riuscivo a ritenerlo veramente cattivo.

    RispondiElimina
  36. Ricordo una storia di Paperino che rimaneva bloccato nei canali di un televisore e interagiva con i vari programmi ( avete presente "Sotto Shock" e "Frequenze Pericolose "? ) finendo in un programma di bressling, in una royal rumble tutti contro di lui, e c'era un anatra enorme che gli diceva " ti spiezzo in due".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Sam: Paperino e la video-sogno avventura, di Ferrari/Amendola, Topolino 1719 del 6 novembre 1988. Ricordo anch'io che ci finiva dentro perché adoperava un'invenzione di Archimede che gli consentiva di vivere le avventure televisive, ma (tra gli altri...) arrivava Ciccio che gli cambiava canale e si metteva a guardare il CATCH.

      Elimina
    2. Mazza che avventura anticipatrice di un certo cinema! °_O

      Elimina
  37. e niente, da buona toscana a me Rocky IV riporta subito in mente il Nido Del Cuculo...
    http://www.youtube.com/watch?v=7xvnEzHBsbM

    RispondiElimina
  38. Sì è vero... è un film dalla trama banalotta, infarcito di propaganda yankee anni '80 e di situazioni-cose-nomi-città improbabili... ma io ci voglio bene lo stesso ai Rocky, tutti e 4 (perché di altri non ne esistono, chiaramente). Dall'alto dei miei 7 anni di allora ricordo l'esaltazione per la scena dell'allenamento pane e salame sulla neve e quella del "power up" finale di Stallone, durante l'incontro con Drago. E il fatto che da fine anni '80 a fine anni '90 metà dei cani del mio paese, compreso il mio, si chiamavano Rocky :)

    RispondiElimina
  39. Mi sono deciso ad unirmi alla grande famiglia di antristi dopo aver visto la pubblicazione delle 20 cose che...su ROCKY IV : che dire un mito della mia generazione.Un film entrato nell'immaginario popolare di tutti noi rEgazzini.Cinematograficamente inguardabile eppure irresistibile da non perdere ad ogni passaggio tv e addirittura da comperarlo nell'ordine prima in vhs poi in dvd e quindi in blu ray !

    RispondiElimina
  40. Il mio film americano preferito in assoluto insieme a Commando. Alla faccia di tutti gli intellettualoidi con la puzza sotto al naso che lo criticano, questo film è quanto di più rappresentativo di quell'ignoranza anni '80 che tanto ci manca e mai più tornerà. Per non parlare poi della colonna sonora eccezionale, un cult assoluto!!!

    RispondiElimina
  41. Non dimentichiamo che Carl Weathers ha fatto anche PREDATOR

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Butta un occhio a quel link su Predator nel post ;)

      Elimina
  42. Breve subtrivia: Stallone aveva rifiutato il ruolo di protagonista di Beverly Hills Cop, con una frase sprezzante "Neanche un negro accetterebbe questa parte" (e sappiamo come andò a finire) preferendo "Nick lo scatenato", che fu un flop.
    L'anno seguente per tirarsi su girò appunto Rocky 4 e Rambo ".

    RispondiElimina
  43. Decisamente "articolati" i poster di "Rocky III" e "Rocky IV"! XD Comunque quest' ultimo assieme al primo se non erro è il più famoso. Dovrei rivedere il secondo mentre per il tre ed il quarto devo dire che hanno una trama alquanto minimale e durano magari un po troppo poco.
    Nel tre è Rocky che perde, si rialza e vince mentre nel quarto è Rocky che vendica Apollo. Lo svolgimento è quasi tutto qui alla fine.
    Dovrei rivedere anche il V, ma quantomeno è un po più complesso.
    Anche se la sceneggiatura del primo è di Sly, si vede penso il tocco di Avildsen. Difatti secondo me Karate kid è più bello del terzo e quarto Rocky! Chiaro che da piccolo il quattro mi piaceva e anche tutt' ora mi piace rivederlo, anche se alquanto minimale come film in fatto di svolgimento.
    Non abbiamo ricordato che quell' anno uscì anche Rambo 2! L' apogeo di Sly! XD Pensare che nei primi Rambo e Rocky si respira altra aria.
    Comunque è vero come ha scritto qualcuno. Stallone prima seguiva comunque un po la new hollywood, ma poi ha contribuito a portare una certa estetica minimale negli anni 80! Ancor più dei Rocky con il citato "Staying alive", che fatico decisamente a vedere come sequel de "La febbre del sabato sera", che come i primi Rocky e Rambo ha decisamente altra aria!

    "E quando anni fa raccontavo agli amici che Stallone aveva diretto Staying Alive, nessuno mi credeva"

    Io quando l' ho letto sulla cassetta (o forse prima sul Mereghetti) di mia sorella rimasi proprio sorpreso! XD

    "a pari merito forse con 'Dirty Dancing"

    Sta antipatico pure a me. Però assieme a questa pellicola invece di "Rocky IV" c' è "Titanic". XD

    " Stallone aveva rifiutato il ruolo di protagonista di Beverly Hills Cop, con una frase sprezzante "Neanche un negro accetterebbe questa parte""

    Ma veramente!?! Ah, però!

    "fu un bagno di sangue ai botteghini,"

    Anche se non ebbe lo stesso successo del precedente in realtà andò comunque bene. Direi forse più "Perfect" visto che poi tra l' 85 e l' 89 mi pare abbia fatto un solo film!

    RispondiElimina
  44. Ma perché a suo tempo non avevo letto questo post? Proprio io che sono uno degli altri sti più aficionados????

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails