mercoledì 26 giugno 2013

46

Kentozzi contro Dracula

Uh, guarda. Proprio.
Finalmente ci siamo: la storia di Kentozzi di oggi chiude un cerchio, perché dopo averle prese dai paninari, esser finito vittima dei feroci appetiti sessuali dei canimostro e aver subìto l'insubibile, il gran visir dei burattini senza fichi affronta Dracula, come già il ragioniere Giandomenico Fracchia prima di lui. Preparatevi all'orrore. Tenetevi. Forte. Un po' di più. Mo' troppo, ché poi vi si intorpidiscono le mani, un po' meno. Ok, così va bene: andiamo [...]

(cliccate sulle foto per ingrandirle)
"Durante un viaggio sul Mar Nero, i nostri amici si spingono fino in Transilvania", cioè si fanno tipo 700 chilometri con il fuoristrada ciulato a Big Jim. Perché? Per pescare. Tutti amano andare a pescare in Transilvania. Esattamente in mezzo alle balle di Kentozzi, perfettamente equidistante dalla sinistra e dalla destra, c'è la solita cacaminchia da competizione Skipper, che questa volta, per portare in maniera più aggressiva la sua azione orchiclasta, si è stretta in fronte la fascia di Rambo. Kentozzi prova a percuoterla con la canna da pesca, ma purtroppo la manca, e con la scusa del temporale sono costretti ad andar via. Apprezzabili i pantaloni da cavallerizza di Barbie color mer... nocciola.
Il diluvio è così violento da cancellare le impronte del veicolo. Si sono persi. E sono talmente "inzuppati fradici" da sembrare perfettamente asciutti. Per loro fortuna, i tre americani che erano andati a fare un giro sul Mar Morto e poi son finiti in Transilvania gridando "A Pinerolo!", intravedono una luce su una montagna. Si tratta, leggiamo, di "una fortezza" che ha "un aspetto sinistro". È, si evince dalla quinta foto, il tipico maniero transilvano signorile del centro Italia. La pioggia, intanto, è sempre "incessante", viene giù così forte da non essere visibile da occhio umano, e perciò il cielo nella foto sembra azzurro. Sembra, ma è tutta una roba fisica, tranquilli. "Barbie, Ken e Skipper bussano al portone del maniero", tutti e tre insieme, ché uno da solo non era capace; illuminato da un sole bugiardo, Ken spera che il padrone di casa, chiunque sia, li ospiti, perché ormai le strade "sono allagate". Prego notare la visierina da contabile di Barbie, disponibile come accessorio esclusivo del modello Barbie Contacaz... Ragioniera.
Skipper ricorda con un brivido i racconti spaventosi fatti dai contadini di quelle terre, che lei ha conosciuto quando andava a vendere le uova al mercato, e all'improvviso il portone si apre. Trak-trak-trak, fa il portone caricato a petardi, e sull'uscio appare il mostro di Frankenstein vestito da benzinaio. "Io sono il barone Klaus, entrate, siete miei ospiti", dice il nobilebenzinaro, facendo dei gesti volgari. "Il maniero è davvero tetro", leggiamo. "Rumori strani popolano gli antichi saloni". SCUSATE, dice Igor, il maggiordomo, rintanato in un angolo per i suoi noti problemi di meteorismo. Il barone assegna a ognuno una stanza diversa, Barbie e Ken separati, hai visto mai che le giovani lettrici si traumatizzano. L'Algida, vista la sorella minore, la giovane aspirante al trono di Imperatrice del Regno, chiaramente spaventata, la congeda con un gesto. "Buonanotte, Skipper, mo' vai fuori dalle balle". Ma i misteri del castello si fanno sempre più fitti: non solo il Barone ha piazzato in due delle tre stanze degli ospiti un letto a baldacchino rosa come quello di Barbie, ma le lenzuola sono sempre piegate allo stesso modo. "Fuori piove ancora a catinelle", dice Ken, illuminato da un sole tipo spiaggia della Calabria tirrenica alle sei del pomeriggio ad agosto. Ma all'improvviso si sente un grido agghiacciante: Ken sulle prime si spaventa, ma poi si rende conto che l'urlo proveniva dalla stanza di Skipper, si rasserena e con tutta calma va a dare un'occhiata
Skipper ha visto una strana ombra, ma Ken la tranquillizza: Ora dormi e non rompere più i cog*ioni, Skipper, le dice, con affetto fraterno, minacciando di colpirla con una cinquina a mano aperta. Intanto Barbie se ne sbatte e continua a dormire, quando all'improvviso viene raggiunta dal VAMPIRO! Il Vampiro con la faccia di Mangoni! "Il mantello si apre con un fruscio": è un pericoloso vampiro esibizionista. L'orrore! L'orrore indicibile! Stai parlando ovviamente del pigiamino di Ken, chi se ne sbatte di Dracula. No, scusate, fermiamoci un attimo: Per. Quale. Cacchio. Di. Ragione. Un. Uomo. Dovrebbe. Indossare. Per. Dormire. Quella. Tutina. Fatta. Di. Carta. Stagnola. Cioè, coso, come ti chiami, Ken. Noi si prova pure a difenderti, sono due anni che Kentozzi di qua, povero cristo di là, ma te le cerchi, eh. Echeccaz*o.
Scusate lo sfogo. Dicevamo: Barbie ha intravisto il vampiro, ma per dimostrarle che non c'è nulla da temere, Ken fa un po' di flessioni sul tappetino scendiletto. Le ultime, per la sua tragica, fisiologica condizione di arrapato insoddisfatto, senza mani. Con passo sicuro nel suo pigiamino della vergogna, Ken passa quindi a controllare Skipper, ma la ragazzina è sparita. MA VAI!, grida Ken, AHHAHHH, grida Skipper dal piano di sotto
Scattante, il Ken iscritto al Running Man come Schwarzenegger si precipita giù per le scale e anche lui, quando un lampo illumina una vetrata, vede finalmente il vampiro. La diabolica creatura è all'esterno, e sta dando gas alla sua motoretta. Suspense. Paura. Pubblicità.
Barbie collo spezzato è in vendita dal tuo giocattolaio.
Tutta la gamma di Barbie vendute in quell'autunno del 1984, tra cui la famosa "Barbie magia nei capelli". Non era magia.
Faceva eccezione questo modello speciale dell'Algida Stronza. "Ecco i miei mobili: è la frase con cui Barbie ACCOGLIE gli amici". "Posso presentarti il tinello?". "Signora, vengo per la lettura del gas, buongiorno", "Prego, le ho già presentato il cesso?". Barbie malata di mente in cura al CIM è in vendita dal tuo giocattolaio.
E qui si piange. Le tonnellate di merendine motta, quando ancora non erano le nuove merendine motta di legno, ingurgitate per portare a casa Tendy, la tenda degli indiani. Hai ingerito quantità disumane di grassi idrogenati e lecitina di soia, ma non ce l'hai fatta. E quei rEgazzini lì della pubblicità, il piccolo nerd, i due figli gemelli di Banshee e la tizia, a godersi il piccolo teepee pieno di merendine. Gli stronzi.
Secondo tempo. Anche Ken ha visto DRAKULA, il vampiro con la K perché fa più giovane (o più conte Duckula/Dacula): deve fare qualcosa. Non può permettere che venga fatto del male alle due ragazze. È un uomo e decide di agire da uomo: va da Barbie e le dice, teh, Skipper tienitela tu. Poi va a controllare la stanza del Barone, il quale dorme in un lettino come quello di Skipper, ché per risparmiare il castello l'ha arredato tutto con stanzette dei bambini dell'IKEA. Il Barone non ha visto o sentito nulla, ma Ken nota il mantello nero sotto al letto. Zan-zan-zan-zààààn.
Ken ha una teoria, e usando Barbie e Skipper come esche smaschera il Drakula con la K: è il grande momento scooby-doo. Dai vestiti appesi gocciolanti immaginari, Ken ha capito che il Barone è uscito sotto la pioggia. Il nobile transilvano è costretto così a confessare che il suo unico hobby è spaventare la gente. Nulla di preoccupante, quindi: hanno solo chiesto ospitalità a un FOT*UTO MANIACO. "Rimanete, vi prego!", dice il Barone. "Ciupa", rispondono quelli. E se ne vanno, felici e ancora in camicia da notte/tuta da reality show omicida del futuro, perché "fortunatamente ha smesso di piovere". Lì in Transilvania, dalle parti di Belvedere Marittimo (CS), erano ancora le sei di un pomeriggio di agosto. 

LE ALTRE STORIE DI KENTOZZI

Si ringrazia come sempre per le scan la gentilissima Elisabetta

46 commenti:

  1. Risposte
    1. Su, ildani, sei una persona adulta.
      Pure doppio. :)

      Elimina
  2. La tutina argentea di Kentozzi è stata chiaramente sottratta da un set di un film finto porno spaziale. Aggggghiacciante!
    Grazie Doc per questo post Kentozziano, ci voleva :D

    RispondiElimina
  3. Ken heatherpariso e il BARONE DRAKULA (pure il titolo nobiliare m'hanno sbagliato, e che cavolo), 'nuff said. E comunque m'ha perso di credibilità il tutto quando il barone non ha esordito con "Buonasera, sono il conte DRAAACULA, meenchia"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prenda una cadrega, Conte.

      Elimina
    2. Infatti il barone Klaus di Transilvania era in realta il rag. Fumagalli Brambilla di Trezzano sul Naviglio...

      Elimina
  4. (Per carità, Doc, cancella il commento di ildani qui sopra, che mi pare di essere su Youtube!)

    Ho visto Running Man giusto l'altro giorno, quindi che coincidenza. :D

    RispondiElimina
  5. La tutina in domopak di ken è un tocco horror autentico ed efficace. Manco nel più ispirato Dario Argento ho visto tali ardimenti visivi.

    RispondiElimina
  6. Che tristezza... non solo hanno allegramente preso per i fondelli un povero mani... vampiro, ma anche si dimostrano sprezzanti del pericolo, dopo aver colorato di nocciola le mutande! Se in Transilvania la pioggia fa vedere le ombre, come si vede quando bussano, ci voglio andare anch'io!

    RispondiElimina
  7. Ho capito tutto: Ken in realtà è Pepsiman (o viceversa).

    RispondiElimina
  8. noooooooooo..draKula bimbomin*ia..cioè zio..

    RispondiElimina
  9. Pubblicità nei commenti: io ero riuscito a prendere il tendy rischiando overdose di Buondì motta... tuttoggi non li posso più vedere... -_-'

    RispondiElimina
  10. Perfino MIrkos si è tirato fuori stavolta, ed è tutto dire (o forse è rimasto bloccato nel bauletto della motoretta di Drakula)!

    RispondiElimina
  11. Per essere un capolavoro mancano solo i Kanarini! XD

    RispondiElimina
  12. Il pezzo del vampiro maniaco mi ha fatto piangere dalle risate. E questo ancor prima di leggere i tuoi commenti doc. Ma seriamente, possibile che non si fossero resi conto di come suonasse malissimo quella vignetta?

    RispondiElimina
  13. Dove l'ha trovato Ken quel pigiamino imbarazzante? Ma si possono avere dei gusti così terribili? Ha perso una scommessa con Big Jim?

    Barbie, invece, dorme avvolta in un dodici metri di tulle. Comodo, davvero comodo XD

    RispondiElimina
  14. русский спамер26 giugno 2013 10:15

    Qualcuno e' in grado di identificare il ridente paesello? :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a prima vista ti direi qualcosa tra Firenze ed Arezzo

      Elimina
    2. Io restringerei il cerchio a qualcosa tra Catanzaro e Bolzano.

      Elimina
  15. Il cielo azzurro e le didascalie parlano di pioggia...tristissimo ^^

    RispondiElimina
  16. la scena più paurosa è quella del primo fotogramma con kentozzi zombi tutto storto che aggredisce skipper con un bastone appuntito

    RispondiElimina
  17. ...al momento Mangoni è partito il partibile....

    RispondiElimina
  18. Ma Drakula con la K per problemi di copyright?
    Comunque il castello è quello tipico transilvano, basta vedere anche lo stile architettonico delle case vicine, proprio tetro guarda.
    Che poi io mica lo sapevo che la luminosità in Romania cambia a piacere, per non parlare della pioggia invisibile, probabilmente è fatta di acqua diamante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, come ho fatto a non pensarci da solo: è chiaramente acqua diamante. Per questo tutti lì sono più intelligenti. Tipo.

      Elimina
  19. "Illuminato da un sole bugiardo" è stupenda... Una delle storie di Chentozzi (per fare pari con la K di Drakula) più belle in assoluto!!! :-D

    P.S. All'età di 4-5 anni, il conte Dacula era il mio cartone preferito insieme ad Holly e Benji... Grande citazione del Doc!

    RispondiElimina
  20. AHAHAH!
    Ommiodio, Kentozzi che sale le scale di profilo con quel pigiamino!
    Cmq anche Skipper non scherza con quella fascia stramba tra i capelli XD

    RispondiElimina
  21. Ah ah ah, un'apice kentozziano!
    Sul Drakula esibizionista e il pigiamino laminato sarei morto anche senza i commenti del Doc, comunque in splendida forma.
    Mai come stavolta l'atmosfera squallida / pressapochista della messa in scena è degna delle più svogliate scene di raccordo da film sozzo. Anche la "trama" si presterebbe bene a certe esigenze "narrative".

    RispondiElimina
  22. No, ma il pigiama di Ken. Il pigiama di Ken. Io rinuncio alla causa, Kentozzi noi ti amiamo ma sei l'essenza dell'indifendibile! E dire che aveva quell'alter ego figo (ma che fine ha fatto il Ken piacione? Ucciso anche lui dalla bruttezza di quel pigiama in alluminio? Eh, come ci manca...) che ci ha dato tante soddisfazioni.
    Il nobile col vizietto dello scherzone è probabilmente la cosa più inquietante mai vista in un fumetto per ragazzine, comunque, eh.
    Grazie del magnifico episodio, Doc. E sempre grazie ad Elisabetta che scova queste perle :D

    RispondiElimina
  23. Con Tendy puoi giocare e inventare mille avventure.
    E' facile averla in regalo: basta raccogliere i punti nelle confezioni convenienza delle tue merendine Motta preferite.
    Chiedi l'album al negoziante più simpatico che conosci e riempilo subito di punti.
    L'ALBUM, naturalmente, non il negoziante!

    Io non commento, controllate la pubblicità, dopo aver superato il momento nostalgiacanalis.... naturalmente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già.
      Me li immagino, i poveri commessi dell'epoca, ricoperti di francobolli da marmocchi annoiati simpatici come un calcio negli stinchi.
      PER FAVORE, non riempite i negozianti di punti. VI PREGO.


      (Menzione d'onore per la camicia da notte dell'Algida: mi chiedo se per metterla in valigia abbia dovuto chiedere il trasporto eccezionale.)

      Elimina
    2. allora non sono l'unica ad aver notato la nuvola rosa fluttuante dell'Algida

      Elimina
  24. Mi sembra del tutto normale andare a letto vestiti come Gary Glitter... forse Ken e la Barbie avevano in programma qualche giochetto un po' così per la notte...

    RispondiElimina
  25. Uomo dal cuore calmo come l'acqua immota26 giugno 2013 14:36

    La tenda delle merendine Motta! Con l'aiuto di parenti vari io e mia sorella eravamo riusciti a ottenerne una. Quanti ricordi. Quanto era bella. E quanto si trasformava in una sauna d'estate, con quelle pareti finto-indiane-vera-plastica! Piangiamo(C).

    RispondiElimina
  26. una storia proprio fiacca, mi immagino gli sceneggiatori che hanno detto "facciamo una storia sui vampiri" e per contestualizzarla hanno scritto la prima puttanata che li è venuta in mente, compreso lo stupido finale. fantastico il costumino di kentozzi. a proposito di dacula, mai fatto un post su di lui? o hai intenzione di farne?

    RispondiElimina
  27. faccia da mangoni, con la motoretta...ma è Supergiovane!

    RispondiElimina
  28. Kentozzi col pigiama di amianto, temeva gli dessero fuoco nel sonno. E la tenda, chi non l'ha bramata ardentemente quanto inutilmente?

    RispondiElimina
  29. NO, vabbhè ormai si è toccato il fondo.
    Questo è un Kentozzi targato paura!

    RispondiElimina
  30. Il titolo dell'episodio è "a tu per tu con la paura"

    Evidentemente il riferimento era al pigiamino glitterato.

    RispondiElimina
  31. "Prego, le ho già presentato il cesso?"

    Grande Doc!!!

    RispondiElimina
  32. Naaa,raga,il pigiamino glitterato di Kentozzi era perche' se casomai ti capitasse, in vacanza, di rifugiarti per la pioggia in un castello tetro popolato da strana gente, meglio essere preparati a tutto, tipo chesso', pornoalieni che ballano Time Warp...e Kentozzi ci sperava davvero tanto (e invece flessioni senza mani anche stavolta!)

    RispondiElimina
  33. Gran bell' episodio: trama che fa molto scooby doo o film scollacciato di Jesus Franco, e poi nella pubblicità Motta, la bambina è vestita come Lalabel

    http://www.cartonionline.com/gif/CARTOON/lalabel/Lalabel_02.jpg

    RispondiElimina
  34. A parte il castello " transilvano" si Transilvano Silvani, con i panni stesi sul filo tirato dalla finestra in basso a sinistra al ramo dell'albero, a parte quello e la pioggia di acquaragia che evapora prima di cadere, a parte il vestito da mongolfiera che Barbie indossa per dormire, al contrario di quello di Skipper che in realtà è un Baby doll di Barbie uscito negli anni 70 assieme a Barbie Mannequinne, dico sul serio, a parte quello, il pigiamino argentato di Ken, è in realtà una tuta da astronauta di Barbie and The Rokers, lei stessa la indossava in uno spot di quel periodo e nel famoso cartone animato annesso alla linea di giocattoli e precisamente quando Barbie e ciumpa andavano a cantare su una piattaforma nello spazio. Quindi quì si scambiano pure tutti i vestiti, feticisti allo stato puro. Stendiamo invece un velo pietoso sui pantaloni da cavallerizza color mer....nocciola di Barbie, usciti in vera pelle con una pelliccia in vero gatto randagio,cioè volevo dire coniglio, negli anni 70 ad un prezzo esorbitante.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails