venerdì 19 aprile 2013

35

Fables, Superman Terra Uno e Dio in Terra (un po' di volumi DC e Vertigo)

Ti è arrivato, si diceva giorni addietro sui socialcosi, un quintale abbondante di albi e volumi DC dalla Lion. Sei partito dalla roba che per varie ragioni ti intrigava di più e, lasciando da parte l'Absolute di V for Vendetta per il post che hai promesso di scrivere sulle Absolute Edition, parliamo dunque di una serie Vertigo che dovreste già conoscere (e se non la conoscete dovreste vergognarvi), di un Superman che non è Superman e di religione (sort of) […]

Ti fa molto strano parlare di Fables, perché ti costringe a pensare che lì fuori sia davvero pieno di gente che ancora non conosce uno dei fumetti Vertigo più fighi dell'ultimo decennio. Cioè, non lo dici mica tu. Lo dicono i millemila premi vinti e tutti i tizi che l'hanno letto, grossomodo. O il fatto che gli autori del gioco di The Walking Dead (quello bello-bellissimo, non lo spara-spara ridicolo) ne tireranno a breve fuori un'altra serie a episodi con le stesse dinamiche. Così come ti fa strano sentir parlare ai TG di interpretazioni "originali" delle vecchie fiabe in tutti quei film di hollywood pieni di bianchenevi e cappuccetterosse degli anni duemiladieci e abuso di blue screen e colori troppo saturi, visto che Bill Willingham e Mark Buckingam (with a little help di altri disegnatori come Medina e Talbot) certe cose le raccontavano già dieci anni fa. Undici, se proprio vogliamo fare i PDF.
Le leggevi su Vertigo Presenta della Magic, le storie di Fables, e ti dicevi Uh, tosta questa Bianca Neve (scritto staccato); uh, figo il Lupo dei porcellini che fa il detective e sembra Wolverine; lolle per il Pinocchio incazzato nero con la Fata Turchina. Si partiva da un giallo e si proseguiva con una rivoluzione e una serie infinita di tradimenti e voltagabbana. 
Il gioco Telltale - che si intitolerà The Wolf Among Us per non far casini con la serie di Molyneux - sarà incentrato sul personaggio di Bigby Wolf, in italiano Luca Wolf
I due volumi Deluxe usciti finora propongono in edizione cartonata antiproiettili rispettivamente 10 e 9 numeri della serie originale, a 29 e 28 euro. Ché magari per un volume a fumetti quasi-30-euro possono sembrare tanti, almeno finché non pensi a quanti soldi ti spillano determinate case editrici come quella di un certo nano per edizioni di melma di romanzi che in America costano la metà. O alle 100 carte che un sacco di gente spende felice per un videogioco, giusto perché assieme al gioco ti danno un pupazzetto cinese che vale 4 euro e una bella scatola. Ma quella è materia per un altro post.
Passiamo a Superman: Terra Uno. Anche qui due volumi (16 carte cad), versione italiana della graphic novel in due parti Superman: Earth One di JM Straczynksi e Shane Davis. Ora, problema numero 1: a te Superman ha sempre fatto pena e schifo. Sempre. Hai provato per anni a seguirne le storie ai tempi della testata Play Press e recuperando volumi americani di ogni tipo, ma sei riuscito solo a farti piacere quelle di Moore (come l'arcinota Che cosa è successo all'Uomo del Domani?, e parliamo di roba di quasi trent'anni fa) e la bellissima maxiserie All Star Superman di Morrison. E grazie a cicciodinonnapapera. Problema numero 2: di Straczynski hai gradito in passato le storie su personaggi suoi (buona parte, ma non tutta, la saga Rising Stars), ma molto meno la run su Amazing Spider-Man. Bei dialoghi, ok, ma troppe, troppe, troppe meenchiate, dai poteri totemici ai figli di Gwe… Ecco, non riesci neanche a scriverlo. Il (doppio) problema, però, con Superman: Terra Uno non si pone, perché si tratta a tutti gli effetti di un personaggio nuovo.
Un altro Superman, un giovane Clark Kent che arriva nella Metropolis dei giorni nostri e deve capire il suo posto nella città e nel mondo, perché Terra Uno è una sorta di versione DC Comics dell'Universo Ultimate della Marvel: riletture moderne dei personaggi chiave, calati nel mondo di oggi. Nel complesso la storia ti è piaciuta, perché gioca molto sulla natura aliena di Clark, anche se il personaggio che alla fine ti resta più impresso è Perry White, perché sa di cosa parla quando impartisce lezioni di giornalismo (Stracchino, come lo chiamava l'amico Max Brighel, ha lavorato per il Los Angeles Times) e se ne esce con certe frasi da antologia, e anche se alcune scelte morali compiute da Superman fanno rabbrividire. D'altronde, dicevi, questo non è Superman. Non quel Superman.
Chiudiamo con Dio in Terra (A God Somewhere. Volume unico, 16 euro), graphic novel di John Arcudi e Peter Snejbjerg. Dio in Terra è la storia di un tizio comune che ottiene dei super-poteri, ma non è la storia che avete letto mille volte. Parla di Dio, di famiglia e di responsabilità, ma non c'entra una fava Peter Parker. Di due fratelli e un loro amico cresciuti ai margini di una metropoli, ma è zeppa di sangue e morti e scene che ti rivoltano lo stomaco come un calzino, perché, beh, siamo pur sempre nel campo da gioco della Vertigo. Di Arcudi conoscevi in pratica solo i lavori comici in coppia con Dough Mahnke, come The Mask e il divertente Major Bummer (ai tempi compravi il Lobo Play Press solo per i comprimari: Hitman e Major Bummer, in Italia ribattezzato secondo il linguaggio dei gggiovani "Lo Skatzato"), e sei rimasto sorpreso da questa graphic novel. Anche se sorpreso non è magari la parola adatta. L'altra sera pensavi a un amico che non c'è più e a Dio, come ti capita spesso di fare quando stai sveglio per troppe ore di fila e ti diventi profondo. O ti vengono le allucinazioni mistiche di Fantozzi, non l'hai ben capito. Una delle due. E insomma ti metti lì e, con ogni probabilità attirato dal titolo, peschi dalla pila del da-leggere proprio questa storia che parla di amicizia e morte e, se vogliamo, religione. E, beh, ti ha messo sotto come un autotreno. Un'unica cosa, il titolo originale è molto più bello di quello scelto per l'edizione italiana: "Un Dio da qualche parte" avrebbe spaccato pure nella lingua di Dante. Parola.

35 commenti:

  1. Doc, immagino che avrai letto anche quella sporcaccionata di Iron Wood , sempre di Whillingam, vero ?

    Cmq, io Fable lessi la prima miniserie e la trovai motlo bella ( anche perché era il tipico giallo dove bisogna scoprire il colpevole) , poi però, nei numeri seguenti, pur piacendomi, l'ho trovato un pò sottotono.
    Magari provo a recuperarla ora che escono le raccolte.
    Ma in USA continua o è finita ?

    RispondiElimina
  2. Anche io provo un senso di odio represso verso il tizio coi mutandoni, però se mi dici che sto Terra Uno è carino mi fido, anche perchè ho sentito parlare molto bene anche di Batman Terra Uno....Riguardo Stracchino l'hai letta la run su Thor in coppia con Coipel, per me quello è uno dei suoi lavori migliori..!

    RispondiElimina
  3. Io devo recuperare tutti e 3 gli albi...
    Cazzarola, sto proprio indietro.
    Specialmente "Dio in Terra"

    RispondiElimina
  4. Sam:
    Ironwood, dici? Qualcosa, molti anni fa, perché comprai un blocco di albi USA e c'erano anche i numeri della Eros Comix. Oltre a scrivere bene, mi par di ricordare che non se la cavasse male come disegnatore, Willingham.

    Il primo arco narrativo di Fables, comunque, serve solo a scaldare i motori (presentare setting e personaggi). Dopo la storia diventa secondo me molto più intrigante. In USA continua, ed è ormai uno dei pochi pilastri rimasti alla Vertigo.

    RispondiElimina
  5. Rick:
    Sì, non male, in effetti. Ma con quel Coipel per me al word processor potevano anche metterci un gibbone: ne veniva fuori comunque un capolavoro :D

    RispondiElimina
  6. Segno il consiglio su Dio in Terra, lo scaffale rivolge insulti al Doc.

    Fables lo seguo sin dall'edizione Magic, ho quindi una quelle collezioni a casa editrice mista che ti fanno evocare dei egizi. Molto bello tutto il primo arco narrativo, con punti di vero lirismo, tremendo il crossover con Jack of Fables che ha distrutto l'intuizione geniale dei Literates (timore/mancanza di interesse del Willingham nel confrontarsi con gli Eterni gaimaniani o tremenda poottanata?); in effetti meno toccante, fino ad ora (per quanto abbia punti pregevoli ed aggiunga suggestioni interessanti alla "mitologia interna" della serie) la guerra contro il Signore Oscuro.

    @Sam: Ironwood, fantastico ;)

    RispondiElimina
  7. "Dio in terra" lo conoscevo, ma non sapevo che l'avessero pubblicato anche in Italia. Buon a sapersi.
    Di Fables com'è la traduzione, Doc? Perché l'edizione della planeta era tradotta dallo spagnolo, con risultati a tratti allucinanti...

    RispondiElimina
  8. Doc ma un bell'articoletto sui must read della vertigo non ci scappa? No? No.

    RispondiElimina
  9. Zero:
    Mi è sembrata buona... tranne che per qualche personaggio che passa dal "voi" al "tu" da un numero all'altro.

    Sangi:
    Ho promesso a un paio di antristi un post sulle Absolute Edition della DC. Partiamo da lì, poi si vede ;)

    RispondiElimina
  10. @Doc
    Iron Wood l' hanno pubblicato in italiano due volte.
    La prima in edicola in tre albetti della collana Eros Comix, la seconda in un volume della Magic Press che a qualche fiera dovresti trovare scontato a metà prezzo al loro stand, sempre che non l'abbiano esaurito.
    Però se sei minorenne stanne alla larga perché ci sono le cose brutte e spocche. :)
    Cmq, il mio personaggio preferito di Fables è il Principe Azzurro.
    Mentre per la serie ero arrivato fino alla lotta coi manichini costruiti da Geppetto.

    RispondiElimina
  11. Quindi, in pratica, Stracchino è andato a fare Supreme Power per la Dc...
    Dio in terra mi è sfuggito e sembra davvero interessante, grazie per la segnalazione.

    RispondiElimina
  12. Doc , ma tu l'hai mai letto "Superman : Secret Origins"?

    RispondiElimina
  13. Fables me lo vorrei recuperare se ci avessi i danè, anche solo per quelle strabellissime copertine di James Jean! Ma come procede? A miniserie? Nel caso qualcuna me la posso pur prendere...
    A proposito di "letti di recente", qualcuno che ha letto SAGA di Vaughan e Staples e pensa come me che sia una figata astrale? Leggetevelissimo!

    RispondiElimina
  14. Fables, insieme ad American Vampire, é l'unica cosa che la DC (OK, la Vertigo) pubblica ancora di bello regolarmente. Li ho tutti e le storie diventano sempre meglio. Inoltre a breve (maggio?) verrà pubblicato il primo volume di Fairest, secondo spin-off della serie (il primo fu Jack o' Fables, che in realtà non ho mai apprezzato molto).

    E anche Superman: Terra Uno lo sto trovando l'unica versione leggibile dell'azzurrone. Sarei curioso di leggere anche il volume 1 di Batman.

    RispondiElimina
  15. Doc, è la prima volta che scrivo un commento, ma vorrei il tuo parere: visto il tuo giudizio abbastanza tranchant su Superman... Red Son non ti è piaciuto? Io ho cominciato da poco (sono un vecchietto che si sta appassionando ai fumetti usa dopo una infanzia a girelle e Dylan Dog...), e di quelli che ho letto è di diverse spanne il più bello secondo me.

    RispondiElimina
  16. Mr.LOL:
    No, ma siccome è di Johns (aka "l'uomo che mi fa leggere la DC) prima o poi lo recupero.

    LaMara:
    Saga rulez. Tra le mie serie preferite nell'ultimo anno, assieme a Daredevil e Aquaman.

    Jan Mattys:
    Molto, ma Red Son era un Elseworlds, una storia immaginaria. Anche lì, insomma, Superman non era Superman.

    RispondiElimina
  17. Allora visto che concordo sui primi due, devo correre a pigliare Aquaman!

    RispondiElimina
  18. la cosa strana è che superman oramai pare avere la faccia di dylan dog

    RispondiElimina
  19. Io ho adorato il superman di 'per il domani' e "superman stagioni e kriptonite" questi assieme a all star e anno uno a mio parere sono il meglio di superman che ho letto :) fables é meraviglioso.. Ho comprato tutto il comprabile ( regolare,jack of fables,cenerentola,vari speciali) e credo anche io che sia una delle cose migliori della vertigo degli ultimi tempi.. Dii in terra notevolissimo e bella edizione.. Concordo su tutto in somma ma volevo dire la mia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bello saga! Non vedo l'ora del secondo volume italiano.. D'altronde l'autore é quello di y e ex machina!

      Elimina
  20. Grazie al Doc e agli antristi per le dritte!

    RispondiElimina
  21. Sono mesi che medito se comprarmi Fables (avevo letto fino al crossover) e finalmente so cosa farmi regalare per la laurea (oh, se l'offerta arriva da loro poi non si lamentino che gli chiedo fumetti)!
    Però secondo voi quella italiana è all'altezza? Sennò mi sa che punterò alla versione americana della Vertigo a sto punto, tanto dopo essermi letta tutto Moore in inglese nn mi spaventa più nulla...
    PS: con tutte ste serie parallele io poi ogni tanto mi ci perdo, di jack, Cinderella & co esistono delle raccolte che voi sappiate?

    RispondiElimina
  22. Da buno pubblicitario sono sempre stato attirato dalle cover e quelle di Fables mi attiravano non poco. Nonostante questo non ho mai comprato neanche un volume mannaggiaame, anche se di vertigo preferisco i classiconi (tipo Swamp Thing mooreniano; Shade, che adesso lo ristampano; Sandman, senza aggiungere altro...), è una mancanza che prima o poi devo colmare. Mentre il Mutandone di Straccotto lo presi nell'era Planeta, rigorosamente e ibridamente italo-espanico, sotto consiglio di un mio amico appassionato che lo preferiva al Batman sempre di terra uno. Sono 2 anni che tento di leggerlo. Ancora niente...

    RispondiElimina
  23. Per quanto riguarda gli ambiti fiabeschi-Fantasy, mi permetto di consigliare anche Smax, speciale di Top10 (Se conoscete America's best comics di Moore conoscete anche Top 10), e anche se c'entra poco, Nextwave di Warren Ellis, magari le sapevate già, però nell'incertezza lo si dice...

    RispondiElimina
  24. Questi consigli sono vermente interessanti ma con sommo rammarico debbo registrare che non ho minimamente tempo di fare nulla quindi credo proprio che passerò.

    Doc mi devi spiegare come fai a leggere tutta questa roba, io arrivo a casa alle tra le 20 e le 21 e il mio cervello, appena tocco il divano, va a massa. Ormai leggo quasi esclusivamente camminando mentre faccio uno dei miei spostamenti giornalieri.

    PS: hai per caso letto Red Hood and The Outlaws, personalmente sono attratto moltissimo dalla figura di Jason Todd.

    RispondiElimina
  25. A me sta piacendo parecchio.. Sicuramente una delle proposte della bat family piú divertenti dei nuovi 52!

    Per chi chiedeca di fables,attualmente in italia il materiale é diviso cosi:
    Fables serie regolare 18 numeri edito da planeta e poi da lion in tp in prosecuzione
    Fables ristampa cartonata 2 numeri in prosecuzione (la versione del doc)
    Jack of fables 8 numeri mi sembra.. Conclusa in tp edita da planeta
    Cinderella 2 numeri in tp lion comics
    1001 notte di biancaneve (speciale cartonato) edito da planeta
    Lupi mannari americani (speciale cartonato) edito da lion

    Spero di essere stato utile :)


    RispondiElimina
  26. Drakkan:
    Nope. Non l'ho mai letta.
    Il tempo? Rientra nel solito discorso di ottimizzazione e abolizione della barbara pratica del sonno :)

    RispondiElimina
  27. @Doc
    se chiedi i due volumi usciti al tuo pusher DC/Lion dovrebbe procurateli, credo che lo leggiamo in pochi.

    RispondiElimina
  28. русский спамер20 aprile 2013 13:28

    A me Fables fa girare vorticosamente i rognoni.

    Perche' bellissimo, ma pur sempre stampato su normale carta non placcata oro e non sono mille mila pagine a volume, ma nonostante questo usciva alla pene di animale inutile e a costi sempre piu' alti. E ora che voglio recuperarlo, gli arretrati non si trovano nemmeno a piangere.
    A volte odio l'Italia (vedi Eddings, per dirne un'altro)

    RispondiElimina
  29. Allora, prima ribadisco che la miglior storia di Superman degli ultimi trent'anni è a parere mio "Superman:identità segreta", scritta da Kurt Busiek e disegnata da Stuart Immonen. Per quanto riguarda Fables, sono sempre stato tentato di cominciarlo, ma sono frenato (immotivatamente?) da quanto letto su wikipedia relativamente alle idee politiche dell'autore, che a suo dire ne fa una propaganda fanaticamente pro-Israele. Mi autolimito stupidamente?

    RispondiElimina
  30. Il vol. 2 di Supes Terra uno devo ancora recuperarlo (gli inconvenienti del vivere oltreconfine), ma ho un ottimo ricordo del vol. 1, perché amo le storie di origini e le riletture moderne, e per un taglio quasi cinematografico della narrazione. Non mi sarebbe dispiaciuto avere questo Superman come protagonista del reboot post-flashpoint, invece della versione un po' scialba che hanno tirato fuori.

    RispondiElimina
  31. E fu così che mi partirono altri 100 euro in fumetteria.

    RispondiElimina
  32. Io non conoscevo Fables nel 2013!! Ma recupererò prontamente!!! (Sperando che ci sia su Comixology, cosi posso cominciare oggi stesso ^_^)

    RispondiElimina
  33. Fables già lo conoscevo, l'ho dovuto abbandonare un paio di anni fa (ai tempi del grande crossover), ma è sempre stata una serie di qualità, specialmente per la varietà di co-protagonisti sempre interessante (tra cui Belle, la bestia e la signora bimbimorti).
    Invece la Superman non mi ha mai convinto troppo, l'ho trovato un po' generico, ma se lo continuassero non mi dispiacerebbe leggerlo.

    RispondiElimina
  34. Inaspettatamente bello Superman: Terra Uno. Il volume due pure non è brutto, ma, personalmente mi è piaciuto di meno. (consigli per gli acquisti) Batman: Terra Uno, invece, è semplicemente bellerrimo.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails