martedì 5 febbraio 2013

49

Tutti i videogiochi di Alien (Parte I, 1982-1995)

Sì, sì, ok, vorreste sapere di Aliens: Colonial Marines, ma di quello si potrà parlare solo settimana prossima, quindi non vi si può ancora dire se sia il caso O MENO di correre a comprarlo al day one. Nel frattempo e per restare in tema, ci spariamo la prima parte di uno di quei post a puntate che parti tutto carico, poi magari ti scocci, la seconda parte ciao, ti arrivano un sacco di lamentele tipo Eeee dove sono finiti i Difensori e gli altri mostri di Mazinga, e te rispondi: Oh (oppure Nun ce rompete, dipende). E dunque: la prima parte della giga-carrellata su tutti i giochi legati alla saga di Alien, dal 1982 al 1995. Escucha muchacha, io ho bisogno di sapere una sola cosa: donde està? Di là, prego. Si accomodi  [...]
ALIEN
(1982, Fox Video Games)
Miracolosamente al contempo primo della lista E ultimo degli stronzi, l'adattamento del primo Alien (Ridley Scott, 1979) arrivato su Atari 2600 nell'82 era questo gioco originalissimo in cui alla guida di un omino con un tre al posto della faccia dovevi raccogliere tutte le uova in un labirinto senza farti acchiappare dagli alieni, e se ingollavi l'asterisco del potere avevi qualche secondo per mangiare i tuoi nemici. Un'idea talmente fichissima che quello sciacallo di Tohru Iwatani sarebbe tornato appositamente indietro nel tempo fino al 1980 per clonarla col suo Pac-Man.
Dopo ogni livello c'era anche un quadro bonus, in cui il testimonial della 3 doveva attraversare una strada senza farsi metter sotto dagli alieni, fingendo di essere la gallina di Freeway di David Crane
ALIEN
(1984, Argus Press Software)
Due anni più tardi è la volta di un secondo gioco dedicato all'Alien del '79, una sorta di strategico per Commodore 64, Amstrad CPC e ZX Spectrum in cui Ripley deve attraversare i vari ambienti della Nostromo, salvando i vari membri del suo equipaggio ed evitando di farsi accoppare dall'alieno.
Il che significa compiere determinate azioni, usare degli oggetti, tenere d'occhio le condizioni e il morale di Brett, Dallas e gli altri, e scoprire dove meenchia si sia cacciato il gatto Jones
ALIENS: THE COMPUTER GAME
(1986, Activision)
Ma poi arriva il 1986, e si porta dietro il tuo secondo film fantascienzo preferito di sempre, Aliens - Scontro Finale, che si porta dietro a sua volta un inverosimilione di giochi su licenza. Si parte con Aliens: The Computer Game di Activision (per Commodore 64, Amstrad CPC, ZX Spectrum e Apple II)
Titolo multievento, come si diceva tra vecchietti all'epoca, con sei minigiochi collegati alla trama del film. Film peraltro citato dal gioco ogni tre per due, con trasposizioni in pixelloni di alcune scene della pellicola di James Cameron
e interi blocchi di dialogo tra una sequenza e l'altra. Pheegata.
E così c'era una fase action in cui dovevi guidare quattro marine della USS Sulaco tra i corridoi della colonia su LV-426, un'altra in cui dovevi far atterrare la dropship, un maze-game che rappresentava una sgambata in un condotto dell'aria e infine il duello con la Regina a bordo del Power Loader:
il classicone del Vieni avanti, maledetta, ché ti rifilo un bel papagno.
ALIENS: THE COMPUTER GAME
(1986, Software Studios)
Giusto per non fare confusione, mentre Activision se ne usciva negli USA con Aliens: The Computer Game, in Europa Electric Dreams lanciava sul mercato un suo gioco CON LO STESSO TITOLO. Questo Aliens: The Computer Game (Amstrad CPC, Commodore 16, Plus/4, Commodore 64, MSX e ZX Spectrum) è uno strategico in cui si coordinano sei marine armati di smart gun, sfruttando la visuale offerta dalla telecamera sul casco, passando da uno all'altro e cercando di evitare che gli xenomorfi se ne portino via uno, altrimenti poi tocca andare a cercarlo, tocca.
ALIENS - ALIEN 2
(1987, Square)
Primo adattamento nipponico della serie, Aliens - Alien 2 è un run 'n' gun per MSX di Square che mostra Ripley alle prese con un pianeta infestato da xenomorfi, facehugger e serpenti (don't ask).
Ripley è quella tizia lì che sembra Ronald McDonald
ALIENS
(1990, Konami)
E parlando di robe giapponesi, passiamo a uno dei titoli di questo listone sicuramente più noti tra lorsignori debosciati ex frequentatori di sale giochi in cui giravano le sigarette della droga. Il coin-op di Konami - prego notare la differenza tra la locandina giapponese, la prima foto di questo post, e quella occidentale qui sopra, con la finta Ripley bionda e perata - era uno spara-spara che riprendeva molti elementi del film
Perché anche se gli alieni erano fucsia o celeste melvino o lilla o sfoggiavano altri assortimenti cromatici da miominipony...
...c'era una fase sparacchina sul tetto dell'M577 APC, c'erano le mazzate da distribuire con il power loader
"Crepa, viscido alieno sponsorizzato dalla Milka!"
e c'erano pure, uh, gli zombie. Ché i giapponesi qualcosa che non c'entrava una fungia dovevano infilarcelo comunque o si annoiavano, dice.
ALIEN³
(1992, Acclaim)
1992: altro film, altro giro, altro regalo (una fava, con quello che costavano i giochi). Apre le danze l'Alien al cubo sviluppato da Probe per una murra di piattaforme a 8 e 16-bit: soprattuttamente Mega Drive, ma anche Amiga, Commodore 64, Game Gear e Master System. La resa grafica e (in parte) la struttura di gioco variano tra una versione e l'altra, ma di base si tratta di guidare la diversamente boccoluta Ellen Ripley nei meandri della colonia Fiorina Fiurella 161, salvando tutti quei pendagli da forca e crivellando o arrostendo col lanciafiamme un po' di xeno.
ALIEN VS PREDATOR
(1993, Activision)
A inizio anni 90 nasce la prima serie a fumetti Aliens vs Predator e spuntano come funghi i pupazzini e i videogiochi su licenza. La gente vuole fortissimamente un film su questo crossover, perché non sa ancora cosa l'aspetta. Raoul Bova e il GRANDE ORRORE di un decennio dopo. Ma comunque: il primo gioco a vedere la luce è questo Alien vs Predator per Super Nintendo (noto in Giappone come Aliens vs Predator). Alla guida di uno di quei cacciatori rasta spaziali con il mascherone bisogna menare un frappo di xenomorfi, se gli zebedei non ti arrivano prima al pavimento.
ALIE 
(1993, LJN)
In quello stesso gennaio del '93 arriva anche l'Alien³ per Game Boy, completamente diverso dalle versioni per le altre console. Trattasi infatti di un gioco con visuale dall'alto che incentiva l'esplorazione. Interessante, anche se un pelo palloso.
ALIE 
(1993, LJN)
Magari a vederne una schermata non sembra, ma anche l'Alien³ per Super Nintendo è sensibilmente diverso dal gioco per Mega Drive, computer Commodore e console SEGA minori visto poco sopra. I livelli sono strutturati in missioni da portare a termine e, per quanto ti riguarda, si tratta di uno dei migliori adattamenti 2D della saga di Alien (sì, assieme a quello per DS, di cui parliamo la prossima volta).
ALIEN VS PREDATOR: THE LAST OF HIS CLAN
(1993, Activision)
Giochillo per Game Boy sviluppato da ASK Kodansha, in cui il Predator sembra un pensionato che si dirige a passo spedito verso i nuovi lavori stradali appena aperti giù all'incrocio.
ALIEN³: THE GUN
(1993, SEGA)
Il secondo coin-op dedicato ad Alien è uno spara-spara su binari, con mitragliette à la Operation Wolf/Thunderbolt: uno di quei giochi insomma che te per fare lo sborone ci calavi sempre due gettoni, afferravi entrambi gli Uzi e ci giocavi al Punitore.
ALIEN VS. PREDATOR
(1994, Capcom)
Ma a proposito di gettoni consumati in quantità industriali, è finalmente il turno di uno dei beat'em up a scorrimento più molto genuinamente parecchio fichissimi di sempre
Coin-op del 1994, l'Alien vs. Predator col punto di Capcom permetteva di scegliere tra due cyborg umani (Dutch Schaefer, chiamato così in omaggio all'eroe di Schwarzenegger in Predator, e la giapponesina tutto pepe e katana Linn Kurosawa) e due tipi di predatori, per ammucchiare carcasse di xeno con stile. Purtroppamente il gioco non è mai stato convertito per alcun formato domestico e perciò, tolto l'accattarsi una scheda originale CPS-2, non ci sono oggi Molte Alternative Moralmente Efficaci per rigiocarselo legalmente. Peccato.
ALIEN VS PREDATOR
(1994, Rebellion)
Fermi tutti. Non QUELL'Alien vs Predator di Rebellion: il popolare Alien VERSUS Predator per PC è del 1999, e quindi ne parliamo la prossima volta. In questo caso si tratta delle prove generali condotte da Rebellion su Atari Jaguar, un titolo altrimenti noto come "uno delle poche ragioni per cui chi all'epoca comprò la console Atari non si è gettato dal balcone in preda alla disperazione". Ché si fa presto a irridere quella grafica doomosa oggi, ma all'epoca il gioco e le sue tre campagne marine/alieno/predatore erano qualcosa fuori scala. L'hai giocato un paio di anni fa, perché ti eri comprato un Jaguar e non avercelo pareva brutto, e l'hai trovato con tutti i suoi limiti un titolo ancora godibile.
ALIENS: A COMIC BOOK ADVENTURE
(1995, Mindscape)
Chiudiamo in bruttezza con la prima sortita del mondo di Alien sui PC, un gioco per MS-DOS del 1995 pubblicato da Mindscape e sviluppato da Cryo Interactive. Alla guida del tenente colonnello Hericksen e di una squadra di tre uomini tocca raggiungere l'avamposto B54-C per rispondere al solito messaggio di SOS incoolarello. Il che, per il popolo, significa un'avventura punta e clicca con quattro oggetti in croce da utilizzare per risolvere degli eniMMi (come li chiama l'amico Vito) pezzenterrimi
e affrontare alcune fasi di combattimento con una struttura a griglia altrettanto scappate di casa. Il titolo A comic book adventure (in italiano tradotto con un pedestre Un LIBRO di avventure a fumetti) e quel logo Dark Horse sulla confezione derivano dal legame di parentela tra il gioco e la mini a fumetti Aliens: Labyrinth, di cui questa roba rappresenterebbe in pratica un sequel. Dice: ok, ma il gioco com'è? Beh, per dirlo con una sua schermata:

EDIT: LA SECONDA PARTE STA QUI.

POST COLLEGATI

Tutti i videogiochi dell'Uomo-Ragno (parte I, parte II)
Tutti i videogiochi di Batman
Tutti i videogiochi degli X-Men (parte I, parte II)
Tutti i videogiochi del Punitore

Tutti i videogiochi dei Masters of the Universe

49 commenti:

  1. Prevedo che Molte Alternative Moralmente Accettabili diventerà L'acrostico.
    Quanto all'Alien vs. Predator della Capcom, ancora sogno che il film lo facciano ispirato a quello. Amen, non lo faranno mai. Almeno però potevano recuperare Linn Kurosawa in qualche picchiapicchia, ci sarebbe stata benissimo. E no, non mi bastano i camei sullo sfondo dello stage di Ken in SFA2 e quello su Capcom vs Snk 2.

    RispondiElimina
  2. Chapeau.
    Vorrei cliccare 'Mi Piace' ad ogni trafiletto su ogni singolo gioco, ma non si può.

    RispondiElimina
  3. Io ho la cartuccia di Alien 3 per Gameboy, è stato il mio quarto gioco per quella consolle, e devo dire che la fama della LJN non si è smentita : gioco palloso, lineare al limite dell'event triggered, imbattibile senza essere dotati di un alimentatore (le batterie finiviano prima della fine del gioco) e di un inenarrabile pazienza (dove cavolo nascondevano le keycard, a cosa serviva la fiamma ossidrica o (ancora oggi) a cosa servisse il coltello è stato difficile capirlo. tuttavia, calato nel periodo in cui i giochi eran più o meno così, può considerarsi uno dei prodotti LJN più "decenti"

    RispondiElimina
  4. ...In coin, una saga talmente avanti che non riuscirono a raggiungerla con un gioco per decenni (e mica tanto anche oggidi',a giudicare dal tuo commento iniziale ;))

    ..Doppio gettone-mitra Punitore style PRESENTE!!

    RispondiElimina
  5. Eccolo il glorioso gioco da sala della Capcom! Molte Alternative Moralmente Efficaci, a me!

    RispondiElimina
  6. bella rassegna di titoli che non ho mai giocato :) qualcuno comunque vale la pena recuperarlo... il coin op Capcom l'ho ovviamente finito su Molte Alternative Moralmente Accettabili ma non mi ha lasciato molto. Piuttosto, di giochi dedicati unicamente a Predator, a parte quello per C64 recensito all'epoca su ZZap! ne hanno più fatti?

    RispondiElimina
  7. Nello sparaspara di Aliens ricordo che c'era un'arma che sparava PIZZE VIOLA E GIALLE con cui affettare gli xeno :D

    e se non sbaglio gli sprite degli "zombie" venivano da un altro gioco, un clone di Splatterhouse!

    RispondiElimina
  8. Aliens della Konami per quanto fosse un giochillo uguale a tanti altri e con sprite pezzentissimi, riusciva ad acchiappare dall'inizio alla fine (a dimostrazione le tonnellate di gettoni riversatici). Ora che ci penso non ho mai usato le Molte Alternative Moralmente Efficaci su certi titoli...

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Quando si parla di Alien mi sento come chiamato in causa...

    Purtroppo non esistono molti adattamenti videoludici degni di questo franchise, ma alcuni vale davvero la pena recuperarli

    Come ha ricordato doc cercatevi Aliens vs Predator arcade, sono certo che piacerà anche ai profani dell'universo "nello spazio nessuno può sentirti urlare"
    Lo finii per la prima volta nel 1997 in una sala giochi di Bacuabis, un paesino nell'estremo sud della sardegna, dovetti usare una quindicina di gettoni o più per terminarlo, ma potete crederci o no...avevo mezza sala giochi alle mie spalle ad incitarmi, che soddisfazione ai titoli di coda ! Fate in modo di procurarvelo, OBIETTIVAMENTE si tratta di uno dei più divertenti picchiaduro a scorrimento 2D mai realizzati

    Se potete cercatevi anche Alien³ per super Nintendo, come contesto assomiglia molto più ad ALIENS che ALIEN³, la struttura è invasa da un triliardo di xenomorfi, potete usare le armi dei marines di Cameron, ci sono le fottute pareti, le persone imbozzolate, i condotti dell'aria claustrofobici...

    Poi con l'avvento del 3D uscirono altri giochi parecchio divertenti con i granchiacci schifosi ;)

    RispondiElimina
  11. Molte Alternative Moralmente Efficaci. Sei un maledetto genio del male. Hai dato un senso ad una giornata passata a litigare con un servizio clienti telefonico.

    RispondiElimina
  12. Con Molte Alternative Moralmente Efficaci totalizzai dei rank niente male grazie alla pratica

    Il mio secondo punteggio migliore usando il Predator Warrior :
    3885833 punti

    RispondiElimina
  13. Seppur non propriamente videogioco nel senso "pubblicato" del termine, credo che meriti anche una menzione d'onore la Alien Total Conversion di Doom del 1994, o volevi parlarne nella seconda puntata?

    RispondiElimina
  14. Nello stesso periodo preso in considerazione, venne fuori un ottimo (per quello che ricordo) game per Amiga, Alien Breed che attingeva a piene mani dalle (dis)avventure della Nostromo.

    RispondiElimina
  15. Sorry, ci sono un paio di virgole a casaccio nel mio post.

    RispondiElimina
  16. C'era anche una Mod di Doom se non ricordo male

    RispondiElimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  18. Alien breed special edition dovrebbe andare inserito come fuori concorso in quanto non aveva la licenza, pur rimanendo un gran gioco

    RispondiElimina
  19. Per quanto ci abbia provato animato dalle migliori intenzioni, il titolo per Jaguar mi è sembrato davvero TROPPO legnoso per essere divertente...

    Quello che non ho capito però è se ti sono piaciuti i due titoli per C64, dalle immagini sembrano piuttosto ambiziosi.

    RispondiElimina
  20. Un accenno alla total conversion doomica Aliens TC era in programma per la seconda parte, perché lì si entra nel vivo degli spara-spara in soggettiva per PC, ma in linea generale ci si concentra SOLO su uscite ufficiali. Ché già quelle sono millemila.

    Questo per dire che NO, Alien Breed non c'entra una fava, scusate. :D

    RispondiElimina
  21. @Mars: gli Yautja (denominazione nerd del Predator) non sono stati altrettanto fortunati nei giochi, ma qualcosa e' stato fatto. Predator 2 (Imageworks 91, C64/Amiga/PC/etc.) e' un clone di Operation Wolf/Dynamite Duke, discreto (ma non sono mai riuscito a finirlo). Poi c'e' Predator 2 per Master System, che era una specie di sparatutto a scorrimento, e diversi anni dopo Predator Concrete Jungle per PS2 e Xbox, che pero' non ho mai provato.

    RispondiElimina
  22. Mik:
    Il primo, per gli standard dell'epoca, ha un paio di momenti carini. E le tante citazioni sono pheeghe.

    Il secondo (cioè quello europeo) lo giocai all'epoca, e riusciva a mettere anche un po' di tensione. Ora, però, non saprei.

    RispondiElimina
  23. c'entra poco ma da vecchio lettore di DYD a "nun ce rumpete" lacrime napulitane

    RispondiElimina
  24. Aliens della Konami è stato per un periodo la mia droga; anche se non ho mai capito perché prendere armi diverse dal lanciafiamme.

    Sono anche più o meno sicuro che lo sprite degli zombie sia ispirato da Robocop.

    RispondiElimina
  25. Non so perchè, alcune mi sembrano delle vere e proprie schifezze

    RispondiElimina
  26. @ Alan Cadavo
    La maggioranza lo sono purtroppo... :(
    Di videogiochi buoni sul franchise ALIEN se ne salvano uno su dieci

    RispondiElimina
  27. Prima parte un po deludente, non è colpa del Doc ovviamente.
    Che alcuni di questi giochi non mi hanno mai detto niente.
    Però voglio vedere il secondo post!

    RispondiElimina
  28. E la feccia vera, se togliamo il clone di Pac-Man per Atari 2600, deve ancora arrivare.

    RispondiElimina
  29. E' quell' "O MENO" all'inizio che mi preoccupa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Vegadrone: non dirlo a me. L'hai già ordinato?

      Elimina
  30. Alien 3 per SNES me lo regalò un amico. Era carino, peccato solo che dopo la cinquecentesima porta da saldare e la millesima cella di energia da sistemare ti venissero due coglioni che non ti dico. Ricordo ancora la password per vedere il finale: ENDGAME. Me lo annotò un'amico sulle pagine delle note del libretto di istruzioni.

    RispondiElimina
  31. Behquesto è il miglior messaggio con inserti subliminali del blog :D :D

    CPS2 sono un grandissimo estimatore, cosi come alien contro predator che era veramente figo e che ho giocato parecchio, anche come da subliminale :D

    Per quanto riguarda colonial marines, opinione personale da cui il doc si dissocia fino al day one e forse anche dopo dipende non so sticazzi: lasciate perdere quella cagata astrale :D!!!
    Se avete soldini da parte spendeteli per Ni No Kuni che posso garantire è veramente molto gradevole soprattutto se si ama miyazaki...non sarà difficile, non sarà chissa di che complessità ma mi sta èiacendo davvero tanto e ha una colonna sonora allucinante, oltre all'atmosfera "ghibli" che trasuda ad ogni schermata.
    Unico neo i sub ita e la localizzazione: per rendere il dialetto del Kansai i sub ita usano il dialetto Romano, da noi del luogo detto romanaccio, davvero fastidiosissimo, altra cosa incomprensibile avere davanti un ragazzino che il doppiaggio originale giapponese chiama MARK e i sottotitoli PHIL, e questo capita con molti altri nomi....cioè hai i nomi americani ma che minchia serve cambiarli con ALTRI SEMPRE AMERICANI (domanda per leopaldon)?
    Penso questa cosa sia figlia della localizzazione usa comunque, il dialetto no, è una porcheria tutta nostra, peccato perchè altrimenti le traduzioni sono abbastanza fedeli.

    Riassumendo alien colonial marines schifo, ni no kuni bello, a chi non lo ha cartaceo posso mettere a disposizione la scansione del libro degli incantesimi (e altro) cosi lo potete aprire su un tablet mentre giocate, che aprirlo sulla play fate a tempo a pigliarvi un paio di caffe e cornetti al bar piu vicino...

    RispondiElimina
  32. wargarv:
    Ecco, bravo, manda che io non c'ho la wizardinho edition e lo comincio stasera :)

    RispondiElimina
  33. come già detto da qualcun'altro meriterebbe menzione anche Alien Breed per Amiga del 1991:

    http://www.lemonamiga.com/games/details.php?id=55

    RispondiElimina
  34. Grande il messaggio subliminale del Doc XD

    RispondiElimina
  35. gioburrasca:
    Vedi risposta sopra. Solo giochi ufficiali della serie: ché se ci metti quelli "ispired by" facciamo notte del ventordici.

    RispondiElimina
  36. "uno di quei giochi insomma che te per fare lo sborone ci calavi sempre due gettoni". Fatto. Un capodanno di anni fa. Ero ubriaco perso. Con un gioco alla Gunblade.

    RispondiElimina
  37. Doc per favore devi parlare dell'Alien vs Predator per PC, ho passato pomeriggi interi a giocare in cooperative o meglio a Predator-Tag con gli amici (depotenziando leggermente il Predator e se no chi lo accoppava più) nel livello meat-factory. Un gioca, in multiplater, da lacrime napulitante.

    RispondiElimina
  38. @wargarv
    interessante il gioco dello Studio Ghibli ma c'è solo per PS3 e se provo a comprare un altra console mia Moglie mi uccide nel sonno.
    Mi avevano detto che era molto bello anche quello che era uscito per nintendo 3DS un paio di anni fa.

    RispondiElimina
  39. Terzo rigo del post. Me piange :(

    RispondiElimina
  40. Se penso che Alien vs Predator di Capcom non lo abbimo mai visto su console perché c'era già quello schifo di gioco dell' Activision.... in che brutto mondo viviamo.

    RispondiElimina
  41. Il Doc: quando il maiuscolo in "grassetto" vale più di mille parole. ;)

    RispondiElimina
  42. Come non mi piace quel
    "o meno" lì...

    RispondiElimina
  43. In sala giochi al tempo su Aliens della konami credo di aver speso una fortuna finendolo e rifinendolo reiterate volte.
    Con moderazione anche l'uzi dotato Alien3, ma soprattuttissimamente il capolavoro Capcom.

    Se non era per quella storia delle batterie tampone/bombe a tempo sulle schede CPS2 e per il fatto che non mi va di star dietro a riparazioni casarecce e sostituzioni di chip ecc (senza contare il ricablaggio dei tasti del mio coin op SNK), la versione da sala erà già al suo posto in casa mia.

    RispondiElimina
  44. @Doc: ma il tuo PRIMO film fantascienzo preferito di sempre?? Quello con le porte di Tannhauser?

    Per i games, aspetto l'AVP del '99, ricordo le sgommate quando si avvicinavano i facehugger!

    RispondiElimina
  45. doc se ho imparato una cosa dal Nerd (l'Angry VideoGame Nerd) è che i videogiochi LJN sono tutti pezzentissimi.

    Poi arrivi tu e dici che invece Alien by LJN è bello.

    Ecco adesso non so se volere bene a mamma o a papà :(

    RispondiElimina
  46. E pure il Doc ha fatto li sordi...s'é comprato il Jaguar!

    RispondiElimina
  47. Giochillo per Game Boy sviluppato da ASK Kodansha, in cui il Predator sembra un pensionato che si dirige a passo spedito verso i nuovi lavori stradali appena aperti giù all'incrocio.

    Oddio muoio: pensionato vs lavori in corso, un binomio internazzionale!!!

    Ma anche

    Un'idea talmente fichissima che quello sciacallo di Tohru Iwatani sarebbe tornato appositamente indietro nel tempo fino al 1980 per clonarla col suo Pac-Man.

    E...

    Dopo ogni livello c'era anche un quadro bonus, in cui il testimonial della 3 doveva attraversare una strada senza farsi metter sotto dagli alieni, fingendo di essere la gallina di Freeway di David Crane

    Cazzarola mi verranno gli addominali se vado avanti cosi !

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails