venerdì 1 febbraio 2013

91

Le pubblicità fuorvianti di Topolino (stagione III, parte VII): marzo-luglio 1992

C'è una corrente di antristi più giovani che se ne lamenta spesso. E perché non ci sono mai le pubblicità fuorvianti di Topolino degli anni Novanta di qua, e perché sempre e solo primi 80 di là. Il problema è che la magia era finita. Le pubblicità meravigliosamente meravigliose, piene di doppisensi feroci non voluti e di lacrime napulitante, molto meno frequenti sulle pagine del Topo, soppiantate da banali promo di shampoo e e orologi e pagine di quella cacchio di Arianna. Difficile, insomma, cavarne materiale tipico da Pubblicità Fuorvianti... a meno di non spremere come hai fatto qui la bellezza di quattro numeri diversi (Topolino 1895, 1902, 1910, 1911, marzo-luglio 1992, 2300 lire cadauno), alla ricerca di piccoli, grandi momenti mariomeroli e robe di LOL [...]
Cinque samurai, dei ragazzi adolescenti, saggi, attenti e sorridenti, cantava Enzo Draghi fingendosi Mirko dei Bee Hive: dei precisini della fungia coi capelli colorati, insomma. Ma quanto erano ultra-fichissime le loro armature su una scala da zero a Cavalieri di Asgard, signora mia. Detto che è una vergogna che qui sopra siano usciti una quindicina di post su Saint Seiya Omega e manco uno sui 5 Samurai e che c'è da rimediare, c'è, prego notare tutto il kamasutra illustrato nella pagina destra. "Massima snodabilità per mille incredibili mosse!". E non con tutte il samurai che sta sotto resta incinto!  
I Liquidator: è stato un attimo, e all'improvviso pistolette ad acqua e gavettoni hanno lasciato il posto a fucili della devastazione con nomi da diserbante impugnati da rEgazzini terminator. Le spiagge di tutta Italia trasformate in luoghi di agguati feroci, vendette, ripicche, catananne vittime innocenti del fuoco incrociato, vecchi incazzati, minacce e spiate ai vigili.
Nuova mossa segreta: la terribile presa per il coolo dell'inutile pupazzo Hogan. Ti sei sempre chiesto perché ti stiano tanto sulle balle quelle scarpe con la H che si mette la gente per sembrare un po' meno bassa. Oh, magari è il nome. O magari che sono dei cessi di scarpe. Una delle due.
Quasi tutti i giocattoli presenti nei numeri in esame vengono da Gig. Zero robe di Mattel o Hasbro o altro: solo Gig. Che pur di continuare a presidiare il mercato sfornava meenchiate a nastro di un certo spessore. Tipo la macchina degli Sbullonati da far andare in pezzi...
...O direttamente quei poveri cristi degli Sbullonati. Un'intera famiglia composta da madre, coppia gay Jerry e Billy, cani di diversa taglia, nonno e BAMBINO SUL PASSEGGINO da far spatafasciare in auto per il divertimento di piccoli bambini sadici dimmerda
Erano passati NOVE anni dalla grande notte di Felix Magath, ma qualcuno alla Mondo continuava ad usare per le pubblicità del Tango una foto di quella finale Juventus-Amburgo (0-1). Il genio del trolling prima dell'invenzione del trolling.
Sembravano una roba innocua, queste sorpresine collezionabili del Kinder Sorpresa. Le Tartallegre, gli Happy Ippo, i Coccodritti, le Zebresuggifava. Fino a quando la gente non ha cominciato a spendere i MILLEMILA euro e ad accendere mutui per comprarle sulla baia o alle fiere.
La rivoluzione della tecnologia della scarpa sportiva un'infiocchettatissima. Ché te ne hai comprato sciaguratamente un paio, di queste Puma Disc, ma si è scassato a un certo punto il disco di una e ciao. Il risultato: ottimale adattamento di staceppa.
Concorsone Big Babol, per partecipare alle supergare regionali di palloni e rischiare di morire soffocato tra gli applausi del pubblico. In palio Sega Master System, Gig Tiger (vedi sotto) e soprattutto DEI CUCCIOLI DI SIBERIAN HUSKY. Veri. Vivi. Prego notare lo sguardo di strabico terrore del cagnolino. Se poi ne vincevi uno ma i tuoi non te lo facevano tenere, in alternativa c'era un televisore da 15 pollici: ti facevano scegliere, se non volevi il cane lo buttavano.
Ed eccoli, i Gig Tiger. I costosissimi, ridicoli, inutili Gig Tiger. Ne hai ancora a casa una decina, ma almento TRE sono di Golden Axe. 
Lacrime napulitante 1: il Cucciolone che era ancora il Cucciolone ma ti introduceva a tradimento il godurioso biscotto al malto; la Eldorado che era ancora Eldorado, prima di venir assorbita dall'algida Algida
Lacrime napulitante 2: Eldoleo di Cavazzano e l'ambiguo Calippo Fizz, compagno di mille battutacce
I videogiochi 1: ché a inizio anni 90 erano tornati a cagarseli sul Topo con una rubrica. Occhio al prezzo di California Games per Nintendo 8-bit: poi lamentiamoci del costo dei giochi di oggi.
I videogiochi 2: Pacmania, il noto gioco prodotto da SEGA MASTER SYSTEM
I videogiochi 3: sempre Gig ha questa felicissima idea di importare ufficialmente una delle console portatili più pezzenti della storia del videogioco, il cuginetto taiwanese del Game Boy. Un tuo amico ne ricevette uno al posto del Game Boy che aveva chiesto, perché il padre si era fatto incoolare fidato del negoziante. L'ha presa benissimo, va detto: ha pianto solo la prima settimana.
Da sinistra in alto in senso orario: Christina Ricci ragazzina (vent'anni dopo è alta uguale), il Disney Club con Riccardo Salerno dei Ragazzi del Muretto, Mick Hucknall dei Simply Red con una camicia da denuncia penale e Gianluigi Lentini del Toro, prima di passare al Milan per settecentoventicinquemila fantastiliardi di dollari in nero e finire la carriera a Cosenza, che te lo ritrovavi davanti ogni volta che andavate a pranzo con i colleghi al centro commerciale.
Ma visto che non l'abbiamo ancora fatto, parliamo un po' di Gig. Delle ventordici nuove, disperatissime serie lanciate sul mercato per provarci, tentando la sorte, pregando forte-forte che almeno una funzionasse. Tipo questa declinazione terrificante degli Exogini, i Gemellini: odiosi bamboccini ignudi da abbinare al loro fratellino perduto
O tipo le Sorpresine, le dolci bambine nascoste nel bigné che da grandi diverranno mignotte nascoste nella torta di panna
O tipo i Pattumeros, i mostri munnezzari, che si sciolgono in acqua e rivelano la loro natura mostruosa, come SilbiePernascò quando si strucca.
Dice: abbiamo finito? No. Perché c'erano anche gli incommensurabilmente sfighé TRUCIOLONES e altri geniali e divertentissimi giocattoli che solo un mercato miope, solo questi ragazzini ormai interessati solo ai videogiochi e ai Cavalieri dello Zodiaco e a quelle altre robe da drogati potevano ingiustamente snobbare
Tipo la corda che quando salti fa le bolle
o la palla Schiribilla, che quando la sbatti per terra brilla. "Il divertimento non finisce mai!". Per tutti e cinque i primi secondi di utilizzo. Garantito.
Parmalat puntava sulle zingarissime felpe tarocche delle squadre di calcio, da portare senza maglietta sotto, come imponeva l'altrettanto gitana moda del tempo...
...e Santal vedeva e rilanciava con le folli T-shirt, magliettine dimmerda con la frutta sopra. La ragazzina con la banana e quella, fuori scena, con la maglietta con i due meloni non si sono più riprese. Non c'è stato niente da fare
Il Lip regalava gli orologini e i pelouche dei nani di Biancaneve: Cucciolo, Eolo, Mammolo e, lì in prima fila, Scaccolo.
Un'altra triste pagina di quella brutta storia dei cinquantini travestiti da moto. In primo piano, un povero guaglione con il chiodo, le reebok, la maglia dei Ramones, il jeans sdrucito e (abbiate pietà di lui) il casco integrale, si spara accanto al suo Fifty Malaguti una posa da vero gallo. Sullo sfondo, i compagni di classe ridono velocissimi di lui e lo tempestano di sputi e pernacchie.
Un PC Amstrad con miserrimo processore 286, fanno un miGlione e quattro, MONITOR E HARD DISK esclusi, grazie
Hai sempre sospettato che il Mago G, avvolto nei suoi colori del Catanzaro, fosse in realtà un emissario del demonio, e ora ne hai finalmente le prove. Guardare il gesto che fa, quell'OK con il pollice dritto. Ora provateci. Visto?
(NB: La direzione non si assume alcuna responsabilità in caso di pollici accrocchiati nell'esecuzione del precedente esercizio). Andiamo avanti. Abbiamo iniziato con i Cinque Samurai, chiudiamo con i loro fratocugini dello Zodiaco. Con solo tre prove d'acquisto dei biscottini Prince Lu potevi avere in regalo il tuo Cavaliere dello Zodiaco preferito: Cristal il Cigno, Andromeda, Phoenix o una versione pezzotta e scolorita di Sirio il Dragone. Pegasus, come potete vedere, niente. Se il tuo eroe preferito era il precisino della fungia Pegasus, quando andavi a consegnare le prove d'acquisto, il negoziante era autorizzato dalla legge a prenderti a coppini, raus.

LE ALTRE PUBBLICITÀ FUORVIANTI DI TOPOLINO

91 commenti:

  1. qui non so da dove cominciare, avevo tutto quello che era "per maschi", compreso un truciolones- quello blu con gli occhiali. i 5 samurai non li hai mai calcolati? male doc! erano fighi, ma allo stesso tempo pezzenti, io e i miei compagnucci da bambini li percepivamo tipo i cavalieri dello zodiaco, però più sfigati- oggi te li definirei "indie". i "pupazzi" li preferivo a quelli dei cavalieri perchè oltre ad essere più grandi avevano l'armatura che non si staccava assolutamente mai, quindi potevi giocarci senza star sempre lì a raccogliere i pezzi da terra (nelle confezioni c'era in omaggio anche una fascia del potere di quelle da mettere in testa- lol). rividi quasi tutta la serie a cartoni gli anni del liceo e mi sembrò veramente scadentissima...

    RispondiElimina
  2. ZAC evochiamo il PfF!!!!!!!!!!!

    nessun sirio il dragone! era syd/mizar di asgard con l'elmo messo male (nel senso che gli avevano tolto la mandibola alla tigre!)

    tra i cavalieri venduti all'epoca era il più sfigato, quello che trovavi in TUTTI i negozi di giocattoli e che proprio non voleva nessuno (io lo tenevo). L'armatura era anche bella va detto, nonostante il nero metallizzato non fosse di grande appeal, ma fargliela stare era un patto col diavolo, con la forza di gravità e con la carta igienica utilizzata sovente come spessore negli incastri per non far cadere tutto al minimo cenno di azione!

    perdona il Pdf ma raramente si parla dei fantastici/orribili giocattoli del tempo dei cavalieri

    RispondiElimina
  3. @lochiamavanoilN.20

    VERO! verissimo! inizialmente snobbati nelle loro armature di plastica "con pochi pezzi" alla fine si rivelavano molto più "giocabili"

    quoto anche lo scadentissimo cartone! Specie perchè aveva un sentore di "cerchiamo di imitare i cavalieri dai" con risultati pessimi e lagne continue nei protagonisti. Lo scontro "finale" era de facto una battaglia a chi si lamentava di più. (ma posso sospettare che, come i cavalieri, anche l'adattamento al bel paese dei 5 samurai fosse frutto delle italiche, creative e drammatiche menti di ivo de palma e co)

    RispondiElimina
  4. "Il mago G emissario del demonio"

    Sono morto!

    RispondiElimina
  5. @perché il padre si era fatto incoolare fidato del negoziante.


    Su questo argomento si potrebbe parlare per ore..
    Ogni volta che sono in un centro commerciale e trovo uno sventurato genitore chiedere consiglio su che console comprare al "fidato"commesso, mi fermo sempre ad ascoltare che console consiglia:quante sole!!
    Sempre la console più scrausa che nel giro di pochi mesi sarebbe andata fuori produzione.
    Mi ricordo quando presi il nes,oh il fetente non voleva piazzare il master system ai miei!?!
    Per fortuna sono riuscito a dissuaderli,per il gioco non ho potuto farci niente che era una sorpresa,mi arrivo robocop....
    Da allora sono sempre andato io a scegliere i vg

    RispondiElimina
  6. Naa.
    Dopo una delle Kentozzate più esilaranti di sempre, la Fuorviantata più fiacca di sempre.

    E non per colpa del Doc, ma perché queste pubblicità novantine non hanno neanche la tristezza ruspante dei Topolino dei 70, ma sola la tristezza senza sapore delle cose anonime e svogliate.
    Se ne facciano una ragione gli antristi più giovani, non è solo una questione di nostalgia, semplicemente nei 90 il consumismo giocattoloso/infantile aveva irrimediabilmente perso il suo fascino. O comunque non era più il decaduto Topolino che sapeva trasmetterlo.

    RispondiElimina
  7. DOC, qui giravano fifty che sullo spunto e a corto segavano le orecchie agli nsr, non lo sfotterei tanto il Malaguti, 90 con testata maggiorata, albero bucato per alleggerirlo, 19/19 da competizione e leovinci. Unica precauzione, sedersi tutto avanti col peso sul manubrio se volevi aprire di prima, sennò ti cappottavi per l' impennata violenta tipo dragster.
    E nel mentre Max Pezzali stava sul pegiò che arranca in salita....

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. sulla mia scrivania ho ancora un truciolones (rosa/viola)....vado a nascondermi

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Temo che la pubblicità del Cucciolone ("Avete la bocca abbastanza grande?" con quelle fauci ingorde sullo sfondo) servì a coltivare un'intera generazione di pompeenare/i. ;)

    RispondiElimina
  12. Quanti ricordi...

    Io e dei miei amici giocavamo un sacco con le armature dei 5 samurai che, se vi ricordate, avevano dei pezzi in metallo di un certo peso... Insomma, una volta ne abbiamo agganciati insieme un bel po' e, nel momento in cui uno si e' sganciato causa eccessiva tensione, gli altri sono partiti come proiettili per la stanza. Avevamo inventato la granata-samurai a frammentazione.

    Il problema di quei pupazzi e' che, avendo le molle nelle giunture, se le tiravi troppo si plasticizzavano e gli si allungavano le braccia, effetto gorilla...

    RispondiElimina
  13. Nel '90 facevo 10 anni, i computer avevano ucciso qualsiasi voglia di giocattoli e si giocava in strada/cortile con le bici o a pallone, non si facevano più le sindoni sulle vetrine dei negozi di giochi - che in quegli anni nella mia cittadina furono ranzati via da una pandemia.
    Le pubblicità da fuorvianti divennero sciatte e quasi disperate. Arrivarono i Nirvana. End of a dream.

    RispondiElimina
  14. Ooh i cinque samurai, sto per disperarmi!
    Da piccolo avevo Rajura, da noi Rasta (perchè Rasta? Traduzioni sciagurate).
    http://www.tonnellatedigiocattoli.it/item_images/Anime%20and%20robot%20toys/Anime%20toys%201990s/Samurai%20Troopers/samurai_troopers_rasta.jpg
    Comunque ce l'AVEVO, chè da piccolo avevo sta fissa del piccolo chirurgo della malasanità coi giocattoli: li aprivo, ci giravo dentro e li lasciavo lì. Poi quando tornavo a richiuderli mancava sempre qualche pezzo. Quindi ne rimase un ammasso di molle e arti mutilati, pace all'anima sua.

    RispondiElimina
  15. OMMIODDIO DOC!!! I 5 Samurai!!! E' il mio cartone animato preferito nonchè primo cartone animato che ho visto da piccino :''') nostalgicanalis tramutate subitissimo in lacrime napulitante

    RispondiElimina
  16. Dei 5 samurai a parte Arago (ma solo perchè aveva millemila armi), ho Demon che però vendevano senza il kimono che aveva nel cartone: me lo cucì mia madre (un fenomeno. Fra le sue opere, ci fu anche il costume da Carnevale di Hobgoblin: si, il nemico dell'Uomo Ragno). Ora Demon è lì che mi guarda dalla vetrinetta. Sono anni che mi riprometto di costruirgli un'arma decente... prima o poi... XDXD

    RispondiElimina
  17. Doc. adesso finalmente ho le idee più chiare su "Schiribilla che quando batte brilla" ho sempre creduto si trattasse di una famosa prostituta che lavorava sulla provinciale!

    RispondiElimina
  18. Ah Doc. dimenticavo, un paio di giorni fa ero al supermercato e indovina cosa c'è come sorpresa negli ovetti kinder?? .............Di nuovo le Tartallegre! Cioè le ributtano fuori a cicli di 15/20 anni!! :0

    RispondiElimina
  19. Bluecyber74:
    Schiribilla, la magica prostitutilla.

    RispondiElimina
  20. Ooooooh... me ne ero stato zitto e buono per non fare la figura del Troll "Prego, eh?"... ma ora lo hai detto tu, quindi: "MA UN ARTICOLO SUI CINQUE SAMURAI??"

    Che tutto quello che mi ricordo di loro è:
    1) avevano di fatto le armature più figherrime della storia dell'animazione giappo (e la sequenza di vestizione più inutile)
    2) non vincevano una battaglia da soli neanche se l'avversario inciampava e cadeva sulle loro armi. Doveva sempre intervenire l'aiutante uber-potenziato di turno a cavarli dai casini
    3) il samurai della terra aveva la "smart bomb" più figa sulla scala da uno a "Attacco Solare! Energia!" (e riusciva comunque a prendersi mazzate... bravo, bravo...)
    4) nemica pheeega = WIN

    Che nostalgia.

    Inoltre noto con piacere di non essere l'unico a sovrapporre l'immagine del Mago G a "IT" di Stephen King... il mio psichiatra ne sarà contento.

    RispondiElimina
  21. Modestamente ho Ryo del Fuoco come action figure nella mia vetrinetta ed è super figo, quando torno in giappone compro l'action figure con l'armatura dell'Imperatore Briliant.
    Il problema che l'hanno fatto più nano dei cavalieri dello zodiaco.

    @Bluecyber74
    la battuta su Schiribilla la battona che brilla è stupenda.

    RispondiElimina
  22. Lo so che apro un PdFlame e ne soffrirà l'equilibrio della Forza, ma a mia memoria (e gli anni 70 me li bevo tutti, ahimè) Eldorado è sempre stato un brand Algida. Copriva la linea più ggiovane dei gelati, Cocco Bill mi è testimone, contrapposta a quella young adult di cremino, cornetto e coppa del nonno. I frigoriferi nei bar avevano quasi sempre ambedue i marchi appiccicati sopra e non ho mai visto un bar che esponesse il brand Eldorado senza avere anche il mitico bicolore gialloemaròn dell'Algida.
    Poi c'erano Motta e Besana, quelli sì, di produttori diversi che raramente ci si affiancavano e taolra comparivano da soli nei bar più sfighé, e difatti avevano i loro cloni del cornetto e del cremino, mentre i prodotti Eldorado non si sovrapponevano a quelli Algida.

    Ho solo la memoria a suffragare questa mia affermazione, visto che sulla rete cinica e avara si trova poco e che su Wikipedia si afferma, senza riportare dei fatti, brevemente il contrario.

    RispondiElimina
  23. Dimenticavo, il liquidator doveva essere usato con l'acqua del rubinetto e non di mare perché se ci entrava la sabbia eri fottuto, sopratutto se era un tarocco.

    RispondiElimina
  24. Egggià, con gli anni le pubblicità di Topolino diventavano sempre meno furovianti..
    Comunque mi pare che negli anni 90 ci fu anche il boom di giocattoli in stile schifio, tipo La fabbrica dei mostri, il Gak e così via, ma giuro che i Pattumeros non li avevo mai visti..per fortuna.

    RispondiElimina
  25. Quoto Tommaso, "fuorviantata" fiacca ma non per demerito del Doc!
    i videogiochi tascabili Gig Tiger erano pezzenti ma quanto li amavo all'epoca, tra i tanti (sigh) avevo pure quello della famiglia Addams, e questo post mi ha ricordato che lo prestai ad un compagno delle medie e non lo rividi più...(il gioco, il compagno si, ma non è che dopo quasi vent'anni gli potevo dire "senti, mi restituiresti il giochetto degli Addams, sai com'è!"

    RispondiElimina
  26. @Drakkan
    Grazie, tra l'altro io ero uno di quei piccoli debosciati che sognavano di indossare il chiodo e sfrecciare sul Fifty.
    Stasera allora ci si trova davanti allo space cinema per le 22,00?

    RispondiElimina
  27. Doc, riesco a fare lo stesso gesto del "Mago G". Ma uguaglio uguaglio, col pollice dritto...

    Devo preoccuparmi?! :)

    RispondiElimina
  28. La citazione della fascia del potere allegata alle confezioni dei cinque samurai ha riportato alla mia mente il ricordo di un me giovane calciatore, forse ottenne, che in un momento di gitaneria sconfinata pretende di entrare in campo a una partita del sabato con la suddetta fascia in testa e segna il suo primo goal.

    Forse è per questo che faccio così schifo al giuoco del calcio.

    RispondiElimina
  29. e io ancora mi sto dannando per fare quelle scansioni. Devo per caso istruire lo scanner che voglio le scansioni a grandezza totale e non a grandezza naturale?

    La palla Schiribilla quanto l'avrò maltrattata... Cercavo di lanciarla con più forza possibile per vedere se si illuminava.

    Per quanto riguarda le Tartallegre... SONO TORNATE!!! Le ho visto qualche giorno fa in una nuova edizione.

    RispondiElimina
  30. Lagrime, lagrime napulitanTe a fiotti. Questo post mi calza a pennello, in quanto Atrista un po' più GGiovane.
    I 5 samurai, uno dei cartoni più belli EVER per quanto mi riguarda, che invece i più blasonati CdZ li porto un po' sul naso. I giocattoli assolutamente inutili e brutterrimi, come i Pattumeros, a rivederli in ufficio son volati decine di fazzolettini per arginare il pianto isterico che mi ha colto. Li volevo un sacco da piccolo ma mia madre - giustamente - si è sempre rifiutata di acquistarmeli ritenendoli di una bruttura fuori scala (e se non sbaglio costicchiavano pure non poco)
    Le tartallegre e tutte le altre linee di sorpresine dell'uovo Kinder, ne avevo quintalate e devo ringraziare mia madre per avermele gettate via tutte anni or sono, mi ha salvato da un triste avvenire da multimilionario in qualche paradiso tropicale. Destino che si sarebbe realizzato se quella santa donna avesse trattenuto il suo istinto pulitorio permettendomi di arricchirmi sfacciatamente vendendo le suddette sorpresine su Ibbei. Sigh.

    RispondiElimina
  31. Marte:
    Tenendo anche l'indice e le altre tre dita dritte in quel modo? Se sì, gettati nell'acqua santa, fai la cortesia. :D

    RispondiElimina
  32. @Marte
    Ora sei pronto per apprendere i segreti del gesto del minollo...

    RispondiElimina
  33. A proposito di piccoli antristi:
    Mio figlio di 2 anni ci ha fatto uscire di casa con 1 ora di ritardo perchè voleva per forza vedersi RITORNO AL FUTURO...
    ...lo guarda almeno una volta al giorno.
    Che ne dici, lo tesseriamo ?

    P.s. Io faccio parte della setta dei "piccoli bambini sadici dimmerda" che ha giocato con gli sbullonati... e ne vado fiero!!!
    P.p.s W i truciolones e la palla schiribilla!!!

    RispondiElimina
  34. Io queste pubblicità me le ricordo quasi tutte, credo che la mia collezione di Topolini cominci proprio con questi numeri più o meno, quindi l'attacco di Nostalgia Canalis© è arrivato subito. Nostalgia Canalis© che, arrivata alla pubblicità dell'Eldorado si è trasformata in Genuino momento emozione©... sob... :(

    RispondiElimina
  35. A proposito dei 5 Samurai e delle pseudo mosse da WWF (tipo la mossa del panda in estinzione), mi ero riproposto tempo fa di scansionarti una manciata di volantini con la pubblicità a fronte e suddetto kamasutra a terga (ripescaggio di un - ormai neanche troppo - recente trasloco), ma la debosciaggine ha preso il sopravvento.
    Gradisci ancora o finalmente posso disfarmene? xD

    RispondiElimina
  36. @Andrea

    Potrebbe non essere Mizar, ma suo fratello Arcor dall'armatura bianco argentea.
    Per carità, mai arrivato in Italia, ma potrebbero averlo tirato fuori da qualche catalogo fornito ai compositori grafici della pubblicità, dalla Preziosi, che però non ha mai poi visto la luce. Chissà, una seconda ondata dei Cavalieri di Asgard, dopotutto fermatasi a 4 sugli 8 totali!

    I cari Yorodein Samurai Trooper: Ryo, Sami, Kimo, Simo, Rino, Pino, Gino, Shido, e Tino nella versione TaGliana. Come ceffate furono pure le virtù del Bushido a loro legate.
    Ho da qualche parte un numero di Yamato, che specifica meglio del Wikipedia di massa, come si erano sbagliati per le virtù. Cose che c'è pure tra le virtù samurai "rispetto per gli anziani" °_° che forse era Simo (che è quello di lasciarli il posto sull'autobus)

    Sta di fatto, che scrivere sulla pubblicità "Sami, la forza del fulmine" e invece quel simbolo stilizza la Luce, l'elemento di Sami, la dice lunga!

    Naturalmente, non è un'errore considerare i Cavalieri dello Zodiaco e i 5 Samurai, fratocugini. Samurai Trooper nasceva spudoratamente per seguire il successo di Saint Seiya, ed insieme alla 3ª serie, mai arrivata in Italia, Shurato (questa volta ad ispirazione divinità indiane)

    http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=eF6mVj-2KCE#t=60s

    Facevano parte del cosidetto filone Heroes No Gatari, Cioè degli "Eroi in Armatura".

    Come dimenticarsi i Fifty! Quelli fine anni 80/inizio anni 90... Due glieli hanno fatti rubati dal cortile della scuola ad un mio compagno in filotto, quello bianco e il Fitfy Top! D’emblée, così! "Ricordo ancora il primo giorno a scuola, le mie matite, i pennarelli blu, che lontano, ah, quel tempo, come vola, verdi giorni che non tornan piu'." MAMENOMALECAZZ!

    RispondiElimina
  37. 1) ho appena provato a fare il gesto del mago G, grande esperto di patata (che Rocco Siffredi gli fa proprio un baffo), di nascosto dal capo in riunione davanti a me: limortacci tua Doc, che se me beccano me internano a vita :D
    2) il calippo fizz! Mo mi è venuta in mente una domanda per Leopaldon... ma quanti me ne sono mangiata, sic!
    3)Non dimentichiamo il VERO Cookie (che quella meeenchiata di cucciolone cookie nun se po'sentì): enomme, pieno di gocce di cioccolato anche sul bordo, roba che ti riempiva lo stomaco e poi a cena col cavolo mangiavi
    4)il super liquidator ce lo davamo in testa io e mio cuggino, visto che ce n'era solo uno e lottavamo a sangue per averlo
    5) coi biscotti prince avevo un rapporto di amore/odio: un giorno ne andavo matta, quello dopo mi facevano proprio schifo... ma riesco ancora a ricordare perfettamente il loro sapore, che poi ho scoperto era quello degli oro saiwa :D

    RispondiElimina
  38. Il prezzo di California Games, fatta una botta di conti tra la Lira 1992 e l'Euro 2013... sarebbero circa 75€ attuali.

    Detto niente. O_O

    RispondiElimina
  39. Pardon, il genere era Yoroi Heroes Gatari

    RispondiElimina
  40. Doc.... vogliamo la prima puntata dei mitici 5 samurai....

    RispondiElimina
  41. Se non ricordo male i CdZ nascono come scopiazzatura di un'idea di Go Nagai.
    Se poi pensiamo che lo staff del cartone era stato riciclato sui CdZ dopo che era naufragato il progetto del seguito di Goldrake(voluto dai francesi)ne consegue che gli eroi in armatura sono figli illegittimi dei robottoni degli anni 70. ^^

    RispondiElimina
  42. Quanti ricordi. I truciolones, i marmocchi nudi dei Gemellini.
    Mi sono spaccato il culo per trovare le Tartallegre!
    Minchia che ricordi

    RispondiElimina
  43. Finalmente un uomo che condanna la felpa portata a pelle!!!

    RispondiElimina
  44. Provvedo immediatamente a gettarmisicivi, perché non ho alcuna difficoltà a farlo con entrambe le mani.

    A meno che non sia il gesto del minollo... A saperlo! :D

    RispondiElimina
  45. ... quella della maglietta col kiwi (ammesso che kiwi fosse) era Mariangela Fantozzi?

    RispondiElimina
  46. Azzie Threadbare1 febbraio 2013 12:01

    @ Doc, @ Marte
    Ci riesco anche io uguale uguale!
    Faccio benedire lo scaldabagno.

    RispondiElimina
  47. momento, momento, momento, momento... ma quindi io che a casa avevo una scatola di latta con dentro TUTTE le tartallegre, TUTTI i coccodritti e anche un buon numero di quelle maledette ranocchie che facevano sport invernali, quanti soldi ci ho rimesso se la suddetta scatola, come suppongo, è finita nella pattumiera con tutto il suo contenuto?
    Ok, vado un attimo a piangere in posizione fetale nell'angolino...

    RispondiElimina
  48. ...quanto amato quelle tartarughine, tu non ne hai idea.

    RispondiElimina
  49. i 5 salumai! certi prosciutti! me li ricordo.
    quello con ciuffo pensavo fosse una donnola non era tanto masculo.

    RispondiElimina
  50. Genuino momento emozione©!

    Con le prove d'acquisto Prince avevo ricevuto a casa il ras dei bassisti carismatici Phoenix! E' ancora nascosto da qualche parte a casa dei miei, pronto a dare fuoco all'armadio

    RispondiElimina
  51. Doc, il "concertissimo" non è dei Simply Red bensì dei... Simple Red. Noi di Voyager ci chiediamo chi cacchio siano.

    RispondiElimina
  52. Bè dai, le pubblicità anni 90 non sono tristi come quelle anni 80 ma si difendono bene.
    Certo, il Doc ha beccato quelle sbagliate, ma di perle, specie nelle annate 90- 91 ci sono.
    Dei 5 samurai possiedo un Kratos acquistato nuovo , fondo di magazzino e pagato una miseria , in un piccolo negozio di giocattoli.
    Io ho un catalogo giocheri del 92 mi pare, e lì ci sono veramente, ma veramente pubblicità pezzentissime, robe che ti chiedi come facesse uno a metterle in commercio pensando che ci fosse qualcuno disposto a comprarle.
    E no, non dirò che il Dragone scolorito è Mizar, perchè tanto scommetto che almeno un milione di antristi PdF che avranno già fatto notare la cosa.
    Peace and love.

    RispondiElimina
  53. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  54. Mattia Bulgarelli:
    E pensa che alcuni giochi (quelli per Super Nintendo, per esempio) arrivavano facile alle 110.000 cucuzze e oltre. °__°

    Tornando al mago G e alle sue dita, questo spieg... no, lasciamo stare.

    Subito una tessera, intanto, per il piccolo Schiavone.

    RispondiElimina
  55. Dei samurai vintage avevo Shin Mori del Torrente (a voi scoprire chi sia), il cartone era adattato malissimo (inventarono i nomi di sana pianta quando tutti personaggi sono discendenti di antichi samurai esistiti veramente: un esempio lampante è quando della prima puntata Toma/Kimo parla a Seiji/Sami, in originale gli chiede se è "parente" di Masamune Date (il drago da un occhio solo, infatti Seiji fa di cognome Date) in italiano dicono frase generica e sembra che Toma/Kimo stia facendo l'occhiolino a Seiji/Sami quando in realtà è un riferimnto da Masamune)

    RispondiElimina
  56. Oh Doc, quello in alto a dx è Mizar!Quello che aveva il fratello gemello MA NON LO SAPEVA

    RispondiElimina
  57. Ultimus! e Naickol.... portiamo dunque avanti la nostra crociata precisina!!!! MUHAHAHAHAHAHHAHAHAHA Doc come hai osato dare del dragone a mizar! (o al fratello nascosto che aveva dato all'armatura una mano di bianco)

    RispondiElimina
  58. Che dire? Che già che sei dei '90 dovresti starti zitto e rispettare i più grandi. Che sennò son mazzate, le ragazze più gnocche non ti cagano di striscio perchè guardano i grandi e i fifty truccati senza quelle carene marocche, fanno i 240 in salita.

    RispondiElimina
  59. I miei occhi si sono riempiti di lacrime napulitante appena ho visto la prima immagine: Sami/Seiji era il mio preferito! Avevo maturato una sorta di cottarella per lui e, nei miei giochi coi pupazzini, l'avevo fatto diventare amico (solo amico, non malignate!) di Shun/Andromeda dei Cavalieri, prevalentemente per affinità cromatica (il suo die-cast, infatti, aveva il sotto-armatura verde).
    Di tutta la serie avevo solo i "buoni", compreso Ryo con l'Armatura Bianca, che sulla scatola era presentato, chissà perché, come Ariel, il nome italiano del monaco-guerriero che accompagnava i 5 eroi.
    Mi unisco nel reclamare un post a tema, o almeno la prima puntata!

    Avevo altri giochi più da femmina, quali parecchi Paciocchini, che venivano prima dei Gemellini e dopo gli Exogini. Ho recentemente ritrovato due delle bambole-bigné, ma non ricordavo il nome: grazie!

    RispondiElimina
  60. Ma, a parte le mie mani e quelle del "Mago G"...

    Del "Paciocchino" messo a 90° con un tucano appollaiato in posizione strategica, ne vogliamo parlare?! :)

    RispondiElimina
  61. Adessso che le hai riesumate ci vuole un post (o magari è meglio una serie) con tutti i collezionabili faunistici degli ovetti kinder.

    Che se serve posso dare una mano, se riesco a ricordarmi dove ho messo la ciotolona con tutte le mie collezioni incomplete (chissà se ne ho mai finito una...)

    RispondiElimina
  62. non ho mai capito perchè al Fifty gli avessero fatto quel cacchio di manubrio stortissimo ripiegato verso l'interno che era di una scomodità allucinante, però come scooter effettivamente per l'epoca correva più della media, credo che chiunque lo abbia avuto lo ricordi con affetto.


    la felpa Parmalat del mio Genoa non solo ce l'ho ancora ma la indosso ancora regolarmente anche oggi \m/

    RispondiElimina
  63. Ehm... pure io riesco a fare il gesto del Mago G (sarò un bambino indaco di svariati lustri fa).
    Comunque sì, i giochi prima costavano tanto ma pagavi la componente fisica: due megabyte venivano sui 200.000 paperdollari d'oro, la prima banconota di puro metallo.

    RispondiElimina
  64. "le Sorpresine, le dolci bambine nascoste nel bignè che da grandi diverranno mignotte nascoste nella torta di panna"
    GENIO ASSOLUTO!

    RispondiElimina
  65. E bravo Doc, qui finalmente siamo su un terreno conosciuto al 100% (quei numeri del Topo li avevo anche)! :-D Ti posso dire che dei Pattumeros ne avevo uno solo, quello col tridente di Nettuno che si vede in piccolo nella foto, e che erano pupazzini di gomma che non facevano assolutamente nulla se non comparire allo sciogliersi del loro involucro... E se mi ricordo bene costavano qualcosa tipo 20.000 lire!!! :-O Le felpe dei calciatori poi se si legge in basso tra quelle disponibili corrispondono alle squadre di serie A del 1991/92, con una importante eccezione: al posto del Napoli c'è il Palermo, allora in serie B con il mio Bologna ma destinato a tornare in C1 a fine stagione... Se qualcuno sa il motivo di questa scelta lo comunichi!!! Cmq erano belle felpe, e credo anche originali (vedi la scritta AC MILAN, è la grafica che la società usava a quei tempi)

    RispondiElimina
  66. i 5 Samurai spaccavano culi, punto e fine. E io ci provavo davvero a fare le mosse kamasutra, poi dopo la terza mossa si scrostava la vernice metallica del piede e allora smettevo e mi limitavo a usarli come oggetti contundenti anti-bullismo i liquidator erano davvero odiosi e la fine dell'era delle pistoline ad acqua, mai sopportati. I Truciolones erano un tormentone, sopratutto quando i marocchini se ne accorsero e trovavi i tarocchi a 2000 lire dall'ambulante fuori del supermercato, alla faccia della GIG XD i Paciocchini erano il Male Assoluto e ricordo pure io le lotte intestine delle mie compagne di classe per quei bebè nudi. Al confronto i nostri scontri per i Kombattini eran nulla. Oh, ma i Pattumeros pensavo di ricordarmeli solo io, erano una figata anche solo per sporcare tutto il lavandino della mamma facendo sciogliere il sacchetto! Che poi magari era anche tossicissimo, dettagli.

    Ah, gli Sbullonati erano i manichini dei crash test e si, c'era un che di sadico nell'avere dei giocattoli che si ammazzavano apposta. Erano bellissimi. Cosa c'era di meglio per un moccioso che prendere un giocattolo e sbatterlo con violenza con la consapevolezza che si, si rompe, ma è proprio quello il gioco, e dopo lo puoi riagganciare?

    RispondiElimina
  67. @Doc
    Solo 110.000 ??
    Io ricordo che i giochi per SNES,tramite importazione parallela, oscillavano da un minimo di 120.000 lire ( se avevi culo) a cifre da Algida Stronza del tipo 180-200.000 lire, come accaduto per SFII Turbo.
    Ma i negozi di Milano sono sempre stati dei ladri ( non solo con i VG).

    RispondiElimina
  68. Sarà... ma a io ero una delle vittime perfette di quel marketing agghicciante. Il fifty appariva ( mi pentirò di verlo scritto) troppo figo. E si poteva anche truccare alla grande (sebbene mai avuto).

    Col senno di poi...

    RispondiElimina
  69. I meravigliosissimi meravigliosi 5 samurai! Ci ho scritto pure io un post qui su blogspot...da piccolo li adoravo!

    RispondiElimina
  70. Sam:
    I prezzi ufficiali, che ricordi, erano quelli. L'import è sempre costato di più. A volte SPROPOSITATAMENTE di più, per quella brutta storia di domanda e offerta.

    RispondiElimina
  71. piango abbracciato a MarioMerolO avevo tutto il desiderabile,che ricordi dannato Manhattan!le collezioni kinder sono ancora tutte in mio possesso con la scusa che la sorellina voleva l'ovetto io prendevo le sorpresine e uso ancora il trucco con mia figlia

    RispondiElimina
  72. Male, Doc! Non si possono saltare i 5 Samurai! Non per fare i post su SS Omega (che ho comunque trovato molto divertenti)! Tuttavia, una cosa bisogna dirla: da fiero possessore di qualche giocattolo sopravvissuto alla mia infanzia (nonché di tutti i dvd, un poster, un filmbook deluxe e Ryo armor plus prima edizione, con la scatola che si apre sul davanti, come all'epoca), non saprei come classificarli, oggidì! La serie TV è intrisa di buonismo a più non posso (classico confronto BENE/MALE portato all'esasperazione che nemmeno i jihadisti più estremi), mentre i film sono intrisi di quell'aria neongenesisevangelica, pecialmente Message... ma facci un bel post, dai, magari per la serie delle prime puntate, oppure così, per sparare a random. =)
    Ok, forse ho divagato troppo, ma quello che volevo dire l'ho detto.
    Thanks in advance, Doc. =)

    RispondiElimina
  73. io ricordo che era anche il periodo di schifildoll pupazzone che ci dovevi montare gli organi *_* o gli scheletri che dovevano fabbricarsi il corpo.

    per non parlare del videogame "total recall", dei primi giochi da tavolo e le loro miniature, all'epoca, in piombo (battletech =mechwarrior, titanicus,bloodbowl) rigorosamente in INGLESE.

    delle prime puntante, per me, di ken il guerriero :°°°

    io ho avuto un trauma per colpa dei cavallieri dello zodiaco......siccome in italia arrivavano i pezzotti o cmq quelli "base", con la serie myth cloth adesso ci ho speso un capitale per averli TUTTI XD

    RispondiElimina
  74. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  75. Veramente io ricordo alcuni titoli importati da GiG sulle 125 mila lire, però potrei sbagliare.
    Peccato però che quando recensisci un episodio delle vecchie serie animate che furono, parti sempre dal primo episodio, perché io avrei da segnalarti episodi di alcune serie veramente incredibili, tipo un episodio di Don Chuck Castoro che .....vabbè,lasciamo perdere.

    RispondiElimina
  76. Che tenerezza l'Amstrad...
    quando dei computer ti godevi tutto, compresi il rumore e l'odore.

    RispondiElimina
  77. @Sam:no, che lasciamo perdere! fuori l'aneddoto!

    RispondiElimina
  78. Anch'io tra la schiera di lettori 90ini! E finalmente posso dire che mi ricordo tutte ma proprio tutte le minkiat...ehm...merci ivi pubblicizzate *_*. In particolare:
    1- Le mie collezioni si sorpresine iniziano con gli happypotami dei kinder, passando per i sofficini olimpionici, puffi, paciocchini, gemellini, varie ed eventuali. Li tenevo tutti nelle scatole di latta dell'Orzobimbo (bruschettina nell'occhio...) e poi un bel giorno non li ho più trovati, So solo che con gli ultimi paciocchini rimasti mia nonna ci faceva il presepe.
    2- Un'estate mi regalarono la bambolina sorpresina alla vaniglia, aprii la confezione durante il viaggio in macchina di ritorno dalle vacanze e l'odore era così forte e chimico infattamente vomitai più e più volte per tutto il tragitto. Da allora la piccola arbre magique radioattiva è rimasta chiusa nella scatola e così sarà nei secoli dei secoli amen.
    3- Il liquidator. E i cortili e le spiaggie sono improvvisamente diventati la cartina del risiko.
    4-Le felpe della Parmalat. Il papà di una mia amica lavorava alla tetrapak e negli anni ha elargito così tanti punti e regali pezzenti che una felpa del genoa in giro per casa ce la abbiamo ancora...

    RispondiElimina
  79. notare che nella recensione di california games c'è scritto "frisbie"...e nel riassunto finale: grafica "discreta" e suono "carino". LOLLE

    RispondiElimina
  80. Grande post, Doc! Sono un figlio dell'83, cresciuto a pane e Drive In...quindi ste pubblicità me le ricordo molto benissimo!

    In tema gelati, spezzo una lancia a favore del Twister, qualcuno lo rimembra? Poi, in fatto di collezionabili ho subito in pieno l'ondata degli Sgorbions!

    Bei tempi....

    RispondiElimina
  81. matteo da reggio emilia2 febbraio 2013 10:38

    I 5 samurai erano bellissimi.

    Domanda:
    rispetto ai CavalieridelloZodiaco i Cinquesamurai non sono un po' TUTTI bassisti carismatici?

    (In senso lato, diciamo, senza prendere la definizione come fa un precisino della fungia)

    RispondiElimina
  82. Ecco allora dove cavolo mia madre ha preso a suo tempo la felpa dell'Inter!!!
    E meno male che per una volta ci ha azzeccato, se me ne fosse arrivata una con i colori delle TV degli anni 60 sarei scappato di casa!

    RispondiElimina
  83. Il Fifty ce l'ho avuto anche io.
    Anzi ce l'ho ancora, in garage!

    Però non quello tamarro della pubblicità qui sopra, che era il modello più nuovo, "de luxe".
    Il mio è senza troppa plasticaccia attaccata e di un bel colore grigio antracite con sfumature giallo-arancio... :-)

    RispondiElimina
  84. Mi regalarono una di quelle sfigatissime bambole bignè! Ci rimasi veramente di cacca quando scopri che non si mangiava!

    RispondiElimina
  85. Eeee llléh, ecco qui un'altra multimilionaria mancata per.colpa dell'archiviazione delle sorpresine kinder(avevo quattro/cinque serie complete, sono sicura che da qualche parte le ho ancora, ma non me ne faccio nulla perchè valgono un casino SOLO SE complete E accompagnate dal foglietto-lista che tutti ignoravamo). Le superstiti ora vengono usate al posto delle pedine da D&D , almeno tornano utili.

    RispondiElimina
  86. Ma cosè'? Avevo tutto di queste pubblicità! Avevo il bambino nel passeggino degli Sbullonati, avevo le Tartallegre, avevo uno dei Gemellini (singolo), avevo una Sorpresina, avevo un Truciolone che tengo ancora poggiato sul davanzale tipo soprammobile...

    Grazie a questo post ho potuto, dopo anni, vedere quali erano i nomi di quei giocattoli. Mai saputi, nemmeno quando ci giocavo. XD

    RispondiElimina
  87. Si sono anonimo ma volevo dirti che il tuo è il sito più bello del mondo. Ti prego, il giorno che deciderai di chiuderlo PUBBLICANE UN LIBRO, tutto questo non deve andare perduto.

    RispondiElimina
  88. Gli sbullonati!! quanto ero pazzo di loro da piccolo! hihihi

    RispondiElimina
  89. Quanti ricordi *___* Le sopresine io le avevo, andavano per la maggiore.. Mi ricordo una cosa che era tipo banana split-camera da letto XD
    E poi ricordo la pubblicità tv dei truciolones: "truciolones trucioloneeees-- Truciolones che passioneeeeeee" .... Incommentabile XD

    RispondiElimina
  90. Vi prego, nessuno ha notato gli OCCHIALI del ganzo col Fifty???!!!

    RispondiElimina
  91. Cavolo, io avevo l'aereo degli sbullonati...ma niente sbullonati! A furia di giocarci al disastro aereo ho perso un pezzo e ora ho lasciato tutto nella mia vecchia casa.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails