giovedì 19 luglio 2012

41

La WWF di Mr. T e Cindy Lauper (Bresslinz memories II, 1985-1986)

"I pity the fool che al collo c'ha solo una catenina!"
Secondo appuntamento, dopo l'episodio pilota, per la rubrica che ficca il naso nelle riviste degli anni belli della WWF. Non la compagnia che protegge le bestie, ma quella che faceva menare i bestioni, prima di esser costretta a cambiare nome dopo aver perso una causa con la prima ed esser stata minacciata da un branco di feroci panda mangiauomini. Gli anni tipo l'85 e l'86, quando sui ring del bresslinz c'erano anche, per una qualche ragione, Mr. T con i suoi settantacinque chili d'oro, l'indimenticata Cindy Lauper e i Goonies (sort of). E tanto, troppo Hulk Hogan, che tra una cosa e l'altra finiva a fare anche il pagliaccio. Letteralmente [...]
Dice: e che diavolo ci faceva Mr.T (per vita, mort... immortalità e miracoli si veda questo post qui) su un ring?
All'apice del successo dopo Rocky III (1982) e le prime stagioni dell'A-Team, Mr. T partecipò alla prima Wrestlemania in coppia col Pupazzo contro Rowdy Roddy Piper e Paul Orndorff, nell'incontro immortalato da queste foto. Stava sulle balle a tutti nel mondo della WWF, Mr.T, perché era un attore e non un bressler e riusciva a fare solo mezza mossa (sollevare qualcuno senza farsi uscire un'ernia), che al confronto Ultimate Warrior era uno tecnicissimo. Recita la leggenda (= c'è scritto su uichipìdia) che la sera di quell'incontro la security non voleva far entrare i membri del suo entourage, lui piantò un casino pazzesco, volarono degli scappellotti. Qualche incontro ridicolo dopo (tipo una sfida di pugilato con Rowdy Roddy Piper a Wrestlemania 2, un anno più tardi, o qualche comparsata come arbitro speciale), Mr.T e le sue catenazze lasciarono il bresslinz.
Ma quella sera del 31 marzo '85, sul ring del Madison Square Garden di New York, c'era anche la cantante Cindy Lauper, in un ruolo di, uh, supporto della campionessa femminile Wendi Richter. Non era un caso
Per il brano "The Goonies 'R' Good Enough" della colonna sonora del film I Goonies, infatti, erano stati realizzati due video (part I e part II) che riprendevano i temi del film - grande capolavoro del cinematografò e sinonimo di Avventura con la A, le due V e tutto il resto maiuscolo per chiunque avesse all'epoca una decina di anni - buttandoci dentro tonnellate di bressler della WWF:
André The Giant, Captain Lou Albano, Rowdy Roddy Piper, The Fabulous Moolah (l'autista del furgone qui sopra)...
...quello svitato di The Iron Sheik...
...e Wendi Richter (al centro in basso). Le altre quattro piratesse accanto a lei, giusto per portare a piùinfinito il tasso di anni 80, sono le Bangles di "Walk Like an Egyptian"
Torniamo a Wrestlemania I. Ci sta Muhammad Ali che fa l'arbitro, ci sta Liberace (uno degli uomini all'epoca più pagati sulla TV ammerrigana) e ci sta pure Ringo Starr. No, aspè: chi è quel tizio che indossa quel sobrio smoking rosa confetto che ce l'ha imprestato Barbie?
E' quella sagoma di Jesse Ventura. Ex bressler (era noto con vari soprannomi, tra cui, soprattutto, quello di "The Body"), poi commentatore di bresslinz...
...poi attore (impegnato sul set di Predator a masticare tabacco, descrivere la potenza sessuale dei Tirannosauri in elicottero sulle note di Little Richard e fare pubblicità occulta a MTV) e quindi GOVERNATORE DEL MINNESOTA per quattro anni.
Un grande successo elettorale, il suo, con cui la gente del Minnesota ha voluto premiare i suoi completini da Pasquale Ametrano
Brutus the Barber Beefcake, prima di rimescolarsi la faccia con quell'incidente con il paracadute ascensionale di cui dicevamo l'altra volta. Prego notare lo sguardo alla Tonino Di Pietro e il costumino un po' Scorpion di Mortal Kombat, molto terribilmente gaio.
La Hart Foundation (Bret The Hitman Hart e Jim "The Anvil" Neidhart), impegnati in una feud con i British Bulldogs per il titolo di campioni di coppia
Il tag team dei British Bulldogs era invece formato dai cugini Davey Boy Smith (poi noto come The British Bulldog) e Dynamite Kid
Per aprire la pagina della tristezza, The British Bulldog ci ha lasciati dieci anni fa per un infarto dovuto a troppi cocktail di steroidi e ormoni della crescita. Dynamite Kid, il grande Dynamite Kid dei leggendari incontri in New Japan Pro Wrestling contro Tiger Mask commentati da Tony Fusaro, è ancora tra noi. Ma da anni su una sedia a rotelle, ché per tutti quei diving headbutt dal paletto ha pagato un prezzo altissimo. Tito Santana (all'anagrafe Merced Solis), in compenso, sta ancora benone, ha un salone da parrucchiere con la moglie, ed è autorizzato a toccarsi i coglioni.
Veniamo alle pagine del merchandising: i pantaloncini ascellari da pensionato scorreggione con il mitico logo della WWF
Magliette zingare con motti e colori del pagliaccio
Altre magliettine orribili. Junkyard Dog (Sylvester Rifter), siccome era uno dei pochi neri in federazione (l'unico?), interpretava questa gimmick del cane al guinzaglio. Gli altri erano The Body, The Hitman, The Questo, The Quell'altro, lui il Cane del Rottamaio. A Mr.T le catenazze d'oro le avevano lasciate perché se l'era portate da casa, che altrimenti un collare ce lo rifilavano pure a lui, 'sti razzisti. Vallo a sapere. Ah, la modella fintobionda in queste foto, con quel taglio di capelli e quell'aria da modella fintobionda da catalogo degli anni 80, ti fa troppo anni formativi del Postalmarket.
Junkyard Dog alla catena, Hogan, un André the Giant inguardabile col parruccone sproporzionato, Big John Studd e altri bressler, protagonisti di una prima linea di pupazzini
Non quelli famosi della Hasbro, mastodontici da Gig, arrivati qualche anno più tardi, ma una linea molto più pezzente e priva di articolazioni (grande pensata, per dei pupazzini sul bresslinz, complimenti) della LJN Toys
A presenziarne il lancio, ovvio, il solito pagliaccitaliano baffi biondi
E A PROPOSITO DI PAGLIACCI. Qui Hogan trova finalmente una sua dimensione, trovando lavoro in un circo
C'era poi il cartone animato del bresslinz, Hulk Hogan's Rock 'n' Wrestling (in Italia "I Campioni del Wrestling), in cui Hogan era molto meno calvo e che da noi arrivò solo nel '90, e tutti i rEgazzini erano incazzati perché non ci stavano il Guerriero, Jake the Snake e gli altri. Torniamo a parlarne prima o poi con un post tutto suo. Promé.
Un inquietante tag team composto da Hogan e dall'annunciatore e intervistatore storico della WWF, "Mean" Gene Okerlund, in una delle foto promozionali più pezzenti della storia del bresslinz...
...subito dopo questo servizio che ritrae il bressler Salvatore Bellomo, in quanto italobelga, andarsene in giro per Little Italy con un provolone in spalla
Macho Man con la cintura di campione intercontinentale (e si piange)
Il manager Jimmy Hart, the Mouth of the South. Che prima di finire a fare il pirla con un megafono in mano e delle All-Star orribili ai piedi attorno a un ring, era il cantante di una rock band di discreto successo, i Gentrys. Ha composto negli anni le musiche di ingresso di molti atleti (una delle più famose è probabilmente "Sexy Boy", per Shawn Michaels) e ha fatto parte anche di una band con Hogan e la sua ex moglie Linda: Hulk Hogan and the Wrestling Boot Band. Non volete sapere del loro disco. Davvero.
Un altro manager storico, Mr. Fuji. Che giapponese lo era solo d'origine, essendo nato alle Hawaii (il suo vero nome è Harry Fujiwara). Dopo aver smesso di sventolare la bandiera del Sol Levante e gettare sale negli occhi degli avversari, si è ritirato a vita privata nel Tennessee, dove ha gestito una palestra fino al 2001.
La copertina di uno dei numeri di WWF Magazine spulciati, con Ricky Steambot. Eterno buono, Steambot (vero nome Richard Blood. No, sul serio) sarà sempre per tutti The Dragon. E a un certo punto prenderà a indossare sul ring un vestito da divinità messicana abbinato e a sputare fuoco, ma di quello parliamo la prossima volta. Suo figlio, Ricky Steambot Jr., è sotto contratto con la WWE, che lo impiega in una federazione satellite minore e lo ha fatto apparire in NXT. La palestra/reality/vetrina di nuovi talenti della WWE in cui, per sbaglio, viene mostrato un po' di wrestling vero e che non fa dormire come Raw e SmackDown
Ancora Steambot accanto al leggendario Superfly Jimmy Snuka, travestito per l'occasione da Gheddafi. Pernascò, lì di passaggio per comprare altre puntate di Dallas, nel dubbio ci baciò le mani pure a lui
Ancora Jimmy Snuka, che in realtà si chiama James Reiher ed è nato nel New Jersey
Sgt. Slaughter contro Iron Sheik, quando il primo era il soldato americano buono (e non un simpatizzante del nemico iracheno), e lo sceicco rappresentava tutti quei popoli strani che ogni tanto si meritavano una bella bombardata come aveva detto Ronald Reagan alla televisione. O era stato Ronald McDonald? Boh, uno dei due.
Hercules Hernandez (Ray Fernandez) sperimenta sull'inutile la sua backbreaker rack. Non è ben chiaro se l'avesse appresa anche lui come l'Uomo Tigre, lottando con gli orsi tra le nevi di montagna, ma cacchio se faceva scena. Un infarto si è portato via il povero Fernandez nel sonno nel 2004.
Un giovine VInce McMahon con Terry Funk. Leggenda del bresslinz hardcore e amicicio di Mick Foley, con il quale si sono presi a sedie infuocate o sbatacchiati su ring pieni di filo spinato, lampadine e cariche di C4 (no, davvero) amichevolmente per anni in giro per il mondo.
Hogan in una perfetta imitazione di Alex Drastico
Già nell'85-86, l'avrete capito, Hulk Hogan era il volto della compagnia e lo piazzavano ovunque. Per vendere le videocassette...
...che si infilava nel comignolo del caminetto a Natale, pronto a restarci incastrato...
...e anche in questa INQUIETANTISSIMA pubblicità qui. I bambini, d'altronde, Hogan se lo sognavano la notte. Ma se lo sognava la notte anche la sua nemesi di allora, il bressler King Kong Bundy
"Nghh!"
SE LO SOGNAVA TANTISSIMO.

POST COLLEGATI:
Bresslinz memories I: WWF Magazine, gennaio-febbraio 1991

 

41 commenti:

  1. A parte le mise rosa confetto del 90% dei coinvolti, la cosa che non mi farà dormire stanotte e che infilerò negli annali del trash è quell'inquietante "Beefcake wants you".
    Orrore, ma anche no!!
    Oddio, non che il bimbo che sogna Hogan sia meno inquietante...

    RispondiElimina
  2. "I pity the LOL!"

    I British Bulldogs nel mito.

    RispondiElimina
  3. Non è assolutamente possibile dire se dopo la lettura di questo post il mio cuore sia più rigonfio di lagrime napulitante o di inquietudine.

    Riguardo lo smoking rosa e ci penso su.

    RispondiElimina
  4. Ah, Superfly Jimmy Snuka: quello che ha ucciso per sbaglio una ragazzina durante un rapporto sessuale, è stato coperto da Vincenzo Macmahon e davanti alla polizia si è presentato come un selvaggio per salvarsi dalla galera.

    Due figli, di cui uno è una chiavica come lottatore e l'altra, sua figlia, molto brava ma che in WWE non viene considerata (come tutte le altre lottatrici femminili).

    RispondiElimina
  5. Tamina Snuka, più fisicata del padre:

    http://www.youtube.com/watch?v=60uqV192QAE

    Tamina. E ti mina davvero.

    RispondiElimina
  6. ma la mossa che l'uomo tigre imparava combattendo con gli orsi non era un'altra?
    quella dove si metteva l'avversario a cavalluccio in spalla e lo sbatteva di faccia sul ring,tipo Hulk con Loki nel film degli Avengers

    RispondiElimina
  7. Doc ricordo un bel post sul dvd fighissimo di Mick Foley, ma non ricordo al momento un bel post dedicato tutto all'hardcore con Foley, Terry Funk e tutti quegli splendidi matti! Ci può scappare un bel post dei tuoi per illuminarci? :D Denghiù!

    RispondiElimina
  8. Il brutto della rivista e' che manca la telecronaca di Dan Peterson.
    Il resto e' bellissimissimo/strappacore.
    Grazie Doc. :)

    RispondiElimina
  9. La Hart Foundation e soprattutto Bret Hart, mi piacevano da matti. Anche quando Hart è diventato l"Hitman" è rimasto il mio bressler preferito, anzi ha sancito il passaggio da "bimbo in fissa per Warrior che sa fare solo la body slam" a "adolescente che apprezza anche il lato tecnico oltre ai laccetti colorati".
    Certo che di gente ne è morta veramente troppa, stupisce che Hogan, con tutto quello che ha ingurgitato non abbia mai patito nulla, che io sappia.

    RispondiElimina
  10. Gaunt Noir:
    DVD di Foley? Il libro, dici?

    http://docmanhattan.blogspot.it/2010/01/una-buona-giornata-un-paio-di-ciufoli.html

    Non so se le fanno ancora (bisognerebbe chiedere al buon Manuel, se è in ascolto), ma quelle robe giapponesi descritte da Foley nei suoi libri erano da malati di mente reali-globali-totali. Un match con le cariche di esplosivo ai paletti. Esplosivo vero, con i bressler che finivano l'incontro ustionati...
    La ECW, al confronto, era l'asilo nido.

    RispondiElimina
  11. Doc, ma, gentilmente, perchè hai questa acuta repressione per Hogan?

    RispondiElimina
  12. Doc, ma, gentilmente, perchè hai questa acuta repressione per Hogan?

    RispondiElimina
  13. Ah, che bello!

    Ora mi manca solo un George "The Animal" Steele (magari che mangia l'imbottitura di un sostegno del ring... :D ) e sono a posto per tutta la settimana. :)

    RispondiElimina
  14. Boh, niente, mai potuto soffrire. Troppo pagliaccio, ANCHE per gli standard della WWF di allora. C'erano i super-eroi sul ring, c'erano il Guerriero e i Legion of Doom e i Demolition e Jake the Snake, e il campionissimo di 'sta cippa doveva essere sempre questo tizio con pizzetto ossigenato, le espressioni da pistola e la maglia del Catanzaro.
    Insopportabile.

    RispondiElimina
  15. Mettiamoci pure tutte le imposizioni e le prepotenze nello spogliatoio, la pretesa di saper far tutto in ogni ambito ed ecco perchè non si sopporta! Ancora oggi, sta massacrando la TNA con le sue genialate...

    p.s.Doc ma un post ogni tanto sui minchioni del Wrestling, tipo Vince Russo per capirci, ci sta?

    RispondiElimina
  16. Su Vince Russo e il suo booking strampalato ci sarebbe da fare post su post: da David Arquette al declino della divisione pesi leggeri, dalla sua mania sulle stable ai cambi di titoli velocissimi fino agli ultimi giorni morenti della WCW.

    RispondiElimina
  17. Post del genere ti rendono davvero triste (in tutti i sensi,sia letterale che lato)...aspetta che asciugo la lacrimuccia.

    Parlando del tristissimo tandem Hulk Hogan/A-Team ricordo anche l'episodio marchetta con Hogan che fa un match contro Greg "The hammer" Valentine.Inutile dire che ogni volta che danno quella puntata in replica spero che quest'ultimo gonfi di mazzate Hogan...ma ahime' sono speranze malriposte.

    RispondiElimina
  18. Ah, lo stile ultraviolent è stato portato pure in america grazie sopratutto alla CZW dove si spaccano tubi al neon in testa e si pinzano su tutto il corpo.

    RispondiElimina
  19. Altra cosa: se siete interessati all'argomento Vince Russo e se sapete piuttosto bene l'inglese, vi consiglio la lettura de "The Death of WCW" dove viene raccontata l'ascesa e declino della federazione rivale della WWF dove Vince Russo ha avuto un ruolo non poco importante.

    E spezzo una lancia a favore di Hogan sulla questione TNA: ora come ora, la qualità di Impact è aumentata non poco, vuoi anche per il matusalemme biondo.

    RispondiElimina
  20. La CZW è quella che si vede anche nel film "The Wrestler", con gente suonata a livelli rari...

    RispondiElimina
  21. Eppure ha un seguito piuttosto grande su internet.

    De gustibus ed altre amenità...

    RispondiElimina
  22. Più che altro perchè l'avversione per Catanzaro?
    c'è qualche rivalità Cosenza/Catanzaro?
    A me il giallorosso fa pensare alla roma(buuu),accostamento pessimo ma mica tutti possono avere un costume figo come Baba/Grande Zebra :-P

    RispondiElimina
  23. Sulla pagina di wikipedia di Roddy Piper c'è una citazione dal DVD WWE: Born to controversy - The Roddy Piper Story a proposito dei suoi match con Mr.T.

    "In Born to Controversy, Piper recalled how he had to keep Mr. T busy with tie-ups and other shoot wrestling moves to keep Mr. T's lack of wrestling ability from being seen by the fans, thus ruining the match."

    Non che non si vedesse, eh.

    RispondiElimina
  24. A proposito di videocassette,ricordo che comprai quella di Wrestlemania I e che la vidi anni dopo perché era NTSC...xd!!! Dovrei averla ancora persa da qualche parte.

    RispondiElimina
  25. @Doc verissimo era il libro! Grazie! Fu da quel post che partii a rotta di collo a bermi un sacco di dietro le scene, e storie su quei circuti.
    Ma appunto, se riesci prima o poi a tirare su un bel post sulla CZW e tutto quel mondo di pazzi meravigliosi, come solo sapresti fare, l'internetto tutto non potrà che ringraziarti! \m/

    RispondiElimina
  26. Non mi pare che quelli che lottano in CZW nei deathmatch siano dei "pazzi meravigliosi".
    Non dimentichiamoci che Nick Mondo (icona della federazione) si è dovuto ritirare e non può più correre per via delle schegge di neon che ha nel corpo.

    RispondiElimina
  27. @Shocker: se un individuo simile non lo si definisce "pazzo meraviglioso" perché quello che vuole da me è solo che io mi goda lo spettacolo, non so come altro definirlo. :-)

    RispondiElimina
  28. O magari lo si può solo considerare "pazzo" e basta.

    Poi, oh, de gustibus etc. ma il pro-wrestling non prevede certo gente che si fionda sul filo spinato o che si dia fuoco.

    RispondiElimina
  29. A me Hogan stava simpatico: aveva la faccia da tipico gigante buono che nonostante il fisicaccio non faceva paura a nessuno.
    E credo sia per questo che i ragazzini di allora lo prendevano in simpatia.
    Tutto contrario era Warrior, che aveva una faccia da pazzo ( e un pò pazzo lo era quasi certamente) e u aspetto più aggressivo e minaccioso, ma anche lui idolo dei pimpi yankee di allora anche per quello.
    Un pò come Undertaker.
    Machoman invece, questo misto tra Giobbe Covatta e un Commissario Monnezza versione yankee, mi ha sempre dato l'idea del tizio che nonostante la sboronaggine, piglia sempre botte da tutti ed è l'eterno secondo della ciurma.

    RispondiElimina
  30. Hogan superstar! E a tutta quella gente che amava dare spettacolo di se: GRAZIE!

    RispondiElimina
  31. Alla storia di Silvio con Jimmy Snuka sono morto.

    Ma Doc, un post su i wrestler piu' recenti? Tipo The Rock,Steve Austin e GOldberg?

    RispondiElimina
  32. Io farei un post sui film fatti dai bressler.
    Santa's Slay con Goldberg è una genialata,l'hanno dato su italia1 lo scorso Natale ^__^

    http://www.youtube.com/watch?v=FKrsAFWPnl4

    RispondiElimina
  33. Qualche anno fa ne ho visto uno con John Cena (oh, in aereo c'era solo quello che non avessi già visto) veramente TERRIFICANTE :)

    Quanto ai bressler di fine anni 90 di cui chiede Shoryuken... boh, l'era attitude non mi è mai piaciuta granché. Beh, Foley a parte, chiaro.

    RispondiElimina
  34. "portare a piùinfinito il tasso di anni 80"

    Geniale! Dovresti usarla come tagline per tutto il sito:

    "L'Antro Atomico del Dr. Manhattan! E porti a piùinfinito il tuo tasso anni 80!"

    ^____^

    RispondiElimina
  35. Cyndi Lauper è la mia cantante pop 80s preferita e mi rode sempre del fatto che sia rimasta al palo a confronto di Madonna (meno talentuosa ma più paracula).
    Captain Lou Albano era apparso in precedenza nel video di Girls Just Wanna Have Fun, dove interpretava il papà di Cyndi se ben ricordate.
    E si è concesso anche una comparsata nel video di Time After Time.

    RispondiElimina
  36. Sull'hard wrestling, e Foley in particolare: se mi capita davanti un video sul tubo, lo guardo, con lo stesso atteggiamento di morbosità/compiacimento/raccapriccio con cui si guardano le cose estreme.
    Ma su questo persone sono un po' combattuto. Da una parte le stimo per la loro passione, perchè mettono a rischio la salute (e la vita, credo) pur di far bene (e di far divertire il pubblico).

    Dall'altra mi sembra un po' cretino massacrarsi apposta, con tutta una serie di attrezzi, scale etc., per far spettacolo, mettendo a rischio la propria vita e quella dell'avversario. Saranno atleti fortissimi, allenati, magari ci sarà qualche accorgimento/trucco per limitare i danni, ma mi sembra sempre che se il minimo dettaglio non funziona qualcuno possa lasciarci le penne o qualcosa di serio. Se ho capito, Foley si è ritirato a VENTITRE anni, e non tornerà più molto in forma.

    Concordo con il doc sul fatto che possa essere una finzione fino a un certo punto: si può decidere a tavolino chi vince, ma quando un bestione si lancia dall'angolo del ring, o da più in alto, e dopo diverse "piroette" atterra sull'avversario, hai voglia far finta, e se qualcosa va storto (a livello di pochi centimetri) uno dei due non lo potrà raccontare...

    RispondiElimina
  37. Letto ora questo articolo.... mamma che nostalgia!!! Quelli sì che erano bei tempi!!

    Sono corsa a cercarmi i titantron fatti per il relativamente recente videogame PS3 "Legends of Wrestlemania", che sarà pure stato un giocaccio ma c'avevi dei rimontaggi dei vecchi video d'entrata dei wrestler che erano veramente da paura.
    Ma li ho trovato solo qualità bassissimaskrausayoutube360pi. :(((

    RispondiElimina
  38. lunsei:
    A me Legends of Wrestlemania è piaciuto :)

    RispondiElimina
  39. Intendevo Nick Mondo, non Foley...

    RispondiElimina
  40. @Dr.Manhattan




    Io ho un amore-odio per Legends of Wrestlemania... lo amo perché è finalmente un gioco sull'unico wrestling che conosco io; lo odio perchè è mediocre sotto tutti i punti di vista: grafica, animazioni e soprattutto la cosa più importante, il gameplay.

    Insomma, l'idea di fare un picchiaduro sul wrestling classico è semplicemente SUBLIME... è l'esecuzione mediocre che non è stata affatto all'altezza dell'ideona. :/

    RispondiElimina
  41. lunsei:
    sono grossomodo d'accordo. Ma c'è Ultimate Warrior, e all'epoca questo ti bastava. C'è Ultimate Warrior ed è decisamente meglio di quell'altro gioco con Ultimate Warrior. Quello bruttinguardabile

    http://docmanhattan.blogspot.it/2008/04/di-kafka-cinghiate-e-guerrieri-in.html

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails