mercoledì 16 maggio 2012

55

Avengers (e colleghi) disassembled!

Disassembled di Junaid Chundrigar
Ce l'avete un minutino, gente? Due, via? Vi va di guardare un cartone di ridere lungo meno di due minuti sui super-eroi Marvel? Che domande, certo che vi va. Come se non vi si conoscesse […]

Disassembled, di Junaid Chundrigar. La scena con Devil è forte, ma le citazioni filmiche non scherzano. E a proposito di film, Disney e Marvel Studios hanno sguinzagliato oggi sull'Internetto un video di ringraziamento per il fantastiliardo di dollari incassato da The Avengers.

Guardate le facce, prima e dopo. Sentite la scimmia. Un giorno potrete dire ai vostri figli: "Io c'ero, porca miseria. C'ero. Perciò porta rispetto, figlio", scoppino sulla nuca. Poi pensate un attimo a quei tizi che per darsi un tono da critici del cinematografò ne hanno scritto in giro che è un film di rEgazzini. No, pensateci. Pensate a quanta povera gente sola e disperata c'è al mondo. Quando esce il Blu-ray ti compri apposta un'ALTRA PS3 e un'ALTRA TV per lasciarlo in loop nello studio per mesi. Parola. Joss Whedon uno di noi: hai SEMPRE creduto in lui. (sort of)

55 commenti:

  1. Ma vogliamo dirlo che nel cinema del mio paese ancora non é arrivato 'sto caspita di The Avengers #torceeforconi #paeseincooloallaluna

    RispondiElimina
  2. In fervente attesa di rivederlo senza il maledetto 3d!!

    RispondiElimina
  3. Bello il corto di disassembled!
    Visto ed apprezzato.

    Doc, perché limitarsi ad una seconda tv quando allo stesso prezzo ci sono degli ottimi proiettori?

    RispondiElimina
  4. A me sinceramente, quello che fa rabbia a questo punto, sono le prese per culo subite a 16 anni perchè ne leggevo i fumetti, da quelle stesse persone che ora pubblicano link su link sul film...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la penso come te, da ragazzino alle superiori mi guardavano male per la mia passione, supereroi e goku con sfere annesse, ed ora tutti esperti che hanno voglia di aprire dibattiti con me

      Elimina
  5. "Disassembled" l'avevo già visto svariate volte, rivisto. Scoppio sempre alla scena con i serpenti, non c'è la posso fà.

    Detto questo: ECCOME se lo dirò "io c'ero!" questo film ha segnato un cambiamento enorme nel mondo dei cinecomics e non mi stupirei se portasse cambiamenti anche nel mondo dei comics stessi. Staremo a vedere, quel che è certo è che sta diventando davvero un fenomeno globale, e la cosa mi piace!
    Nell'attesa dell'uscita dvd/bluray io non ho resistito e mi sono *coughcough*scaricata*coughcough* uno screening in inglese... Lo sto usando come sottofondo giornaliero mentre lavoro, vedete voi!

    RispondiElimina
  6. visto quel che penso di Buffy (*caccapupù*) il tuo (sort of) lì piccolo piccolo mi ha fatto spanciare tanto che son venuti a chiedermi se stavo bene.

    RispondiElimina
  7. Ahah molto divertente il video di 2 minuti :) Venom col capellino/cono fantastico :)

    RispondiElimina
  8. pope:
    Ci siam passati tutti, tranquillo :)

    RispondiElimina
  9. E' splendido! Grazie doc per questa chicca. (e cmq sì, il pezzo con Devil è il meglio)

    RispondiElimina
  10. Adesso faccio il bastian contrario del forum, ma insomma..... i Vendicatori in effetti E' un film da ragazzini mascherato da film da adulti.
    Che è poi il concetto alla base di qualsiasi supereroe americano (ad eccezione forse di Batman).

    Comprerò il blueray del film appena esce, e mi è piaciuto un sacco, ed è un film decisamente bello. Ma il fatto che mi piaccia molto non mi impedisce di riconoscerlo per quello che è: un "pop corn movie" divertente e pieno di effetti speciali e battute simpatiche. E basta. Non certo un film profondo e sfaccettato, o un capolavoro di cinematografia destinato ad un pubblico adulto....

    E, cioé, io ci ho un pupazzetto di un soldato skrull in casa e ci ho un blog dove colleziono i momenti più folli del dottor Doom. Non è che io stia parlando come una che non sia una nerd fissata coi supereroi.

    RispondiElimina
  11. Che bello vedere che non sono l'unica a cui piace. Mi è stato detto che è stucchevole, brutto, malfatto e imbarazzante...

    RispondiElimina
  12. LunSei:
    Temo ci sia un equivoco :)
    "Film profondo e sfaccettato" qui non l'ha scritto nessuno. Io, di sicuro, mai. The Avengers è un film meravigliosamente caciarone, e ci piace per questo. Film per rEgazzini trentenni, se vogliamo - ma giusto perché il rEgazzino anagraficamente tale non sa chi sia Legolas e si perde metà delle battute.
    Ma lo stesso, e mi ripeto, vale anche per i film di Indiana Jones, per dire. Erano profondi e sfaccettati? Manco per la cippa, ma erano dei capolavori del cinematografò lo stesso (i primi tre, perché l'ultimo come sappiamo non esiste). Il fatto che poi a me il Batman di Nolan non abbia mai fatto nè caldo nè freddo è un altro discorso, e ne riparleremo presto con l'uscita del nuovo film.

    RispondiElimina
  13. @Miammiam

    Quando ho raccontato a certi miei amici di aver visto i Vendicatori, come al solito mi hanno risposto "ma non hai più dodici anni!".
    Al che ho fieramente ribadito "HULK SPACCA!" (true story). :P

    Secondo me è sbagliato giudicare male Avengers perché "è per li regazzini" così come è altrettanto sbagliato cadere nell'errore opposto di ritenerlo "un capolavoro fantastico per adulti!". La verità sta nel mezzo; i Vendicatori rimane un concetto esagerato, buffo, da bambini.... ed è anche un figata ed è piacevole da vedere. Una cosa non esclude l'altra...

    RispondiElimina
  14. @Dr.Manhattan

    Ah, ecco, era appunto quello che intendevo dire! Avevo capito io male allora.

    Un post sui film di Nolan ci vorrebbe: io Batman lo adoro eppure quei film di Nolan non sono manco riuscita a vederli da quanto mi annoiavano.

    RispondiElimina
  15. @LunSei

    Ops, sorry! Io parlavo del corto... penso che se qualcuno mi avesse detto una cosa del genere con film adesso ci sarebbero molte più gole squarciate da un morso ben assestato!
    Per il resto concordo con te!

    RispondiElimina
  16. Ovviamente doveva uscire fuori "sul film"... chiedo venia!

    RispondiElimina
  17. @ LunSei: in parte ti do ragione, è immediato associare the avengers al classico "pop corn movie" tutto effetti speciali. Perché alla fine è questo no? Cioé uno entra in sala e gli sparano in faccia due ore di "BAAM BOM BOOM!!!"
    Solo che proprio ieri stavo riflettendo sul fatto che chi ha i mezzi (vedi: cultura) per discutere su di un qualunque film, si ritrova con carta bianca per etichettarlo come "grande film" o "puttanata" agli occhi ed orecchie del volgo: trovo probabile che se pagassi il super Critico di turno per motivare la "grandezza filmica" di the avengers, questo mi tirerebbe giù libri su libri, leggendoci, frame per frame, tutte le chiavi di lettura possibili e ricavandone il complesso di un'opera il cui studio si rivelerebbe imprescindibile per tutti i futuri cineasti del mondo.
    Non dimentichiamoci che dietro frasi del tipo <>, ovvero oltre il tamarro e fini a se stesse, si realizzano mesi se non anni di studio di centinaia di artisti che anche solo per un'esplosione del cazzo di pochi secondi, nel film, mettono tutto se stessi.
    Insomma, non capisco perché la testa di vacca in decomposizione di Hirst oppure i film di - chessò - Allen siano l'Arte per i "grandi/adulti" ed il boom boom degli avengers sia visto unicamente dal lato "cash facile"; si è nato da quello, ma se per questo anche, che ne so, michelangelo doveva portarsi a casa la pagnotta...

    RispondiElimina
  18. *dietro frasi del tipo "noi abbiamo un hulk"

    RispondiElimina
  19. @Luca


    Io per esempio sono una grande fan di Miike Takashi. E un qualsiasi film del Miike classico si mangia a colazione il film dei Vendicatori.
    Ma magari mi diverto di più a guardare i Vendicatori piuttosto che Visitor Q, perché il divertimento e la qualità artistica sono due cose molto diverse, e allora guardando le cose da questo lato i Vendicatori sicuramente sono più piacevoli di certe opere di Miike.

    Ma se mi diverto di più coi Vendicatori che con Visitor Q mica vuol dire che i Vendicatori sia un film colto o cinematograficamente geniale o dotato di una cura della fotografia mostruosa o girato da un regista che è assolutamente un genio dell'arte, o ricco di profonde sfaccettature filosofiche. Mica vuol dire che i Vendicatori sia Arte con la a maiuscola.

    Vuol dire semplicemente che mi sono divertita di più coi Vendicatori.

    RispondiElimina
  20. Corto STUPENDO!
    Ora oltre che mettere il dvd degli avengers in loop (HO un proiettore :D), metterò pure questo!

    RispondiElimina
  21. Riguardo alla storia del rEgazzino, sei rimasto indietro, la nuova moda è che, chi legge\guarda film con supereroi è immaturo...e pure attratto da opere fascistoidi!

    Viene tutto da un'altro blog di fumetti, anche bello grosso :|

    RispondiElimina
  22. bellissimo Disassembled :D

    @Lunsei:

    guarda, Avengers non è Kubrick, certo.

    ma realizzare un popcorn movie che faccia ridere sul serio, sbanchi i botteghini e, CONTEMPORANEAMENTE, riesca a sfaccettare ognuno degli eroi su schermo, regalandomi in particolar modo un Ironman, un Hulk ed un Cap largamente superiori come caratterizzazione qui che nei rispettivi film, io lo chiamo capolavoro. nel suo genere, certo. ma capolavoro.

    e la scelta di puntare tutta la pellicola sull'interazione tra i personaggi e sul fare gruppo in vista della battaglia finale (che è Mass Effect 2, per inciso)è stata la scelta più saggia per un film corale del genere.

    ..proprio come è stata saggia e riuscitissima la scelta di Nolan di svuotare Batman del suo personaggio e di far parlare la città di Gotham, la sua malavita e soprattutto Joker e Dent.

    due tecniche diversissime per due capolavori assoluti, per quel che mi riguarda.
    poi certo, i gusti sono gusti ed ognuno giudica con il proprio metro ^_^

    RispondiElimina
  23. @Pede
    mamma mia quanto ti quoto ! :-)

    RispondiElimina
  24. @Pede

    E' che secondo me "capolavoro" è un termine veramente troppo forte. E' proprio per questo che il mio primo commento al post criticava chi decanta tanto le lodi dei Vendicatori, nonostante che anche a me il film sia piaciuto.

    "Bello", "Ben fatto", ci sta. Ma "capolavoro" solo perché nonostante il presupposto caciarone riesce ad avere un minimo di trama e di struttura narrativa?

    RispondiElimina
  25. C'ero, Cristo se c'ero, sono stato al cinema 4 volte e non sono neanche sicuro di aver finito @___@

    RispondiElimina
  26. A quei poveri pazzi a cui The Avengers non è piaciuto possa Dio NON avere assoluta pietà delle vostre anime...punto ho semplicemente descritto il film...

    RispondiElimina
  27. @Il Coinc

    Ecco, erano proprio queste iperbole quello a cui mi riferivo. :P

    RispondiElimina
  28. doc i critici vanno messi in ginocchio sui ceci a guardarsi a rotazione "Giovannona Coscialunga (disonorata con onore ndNerd)", "l'Esorciccio" e "La Polizia si incazza". finche il terzo giorno la polizia si incazzò per davvero... (megacit.)

    RispondiElimina
  29. @Lun Sei:

    il film non ha una trama esterna al gruppo...ma E' il gruppo.

    L'intera pellicola ruota attorno alle loro personalità, alla loro interazione, al loro essere singole teste pensanti e gruppo insieme.

    E questo è reso benissimo. Le interazioni, le dinamiche reciproche, le diverse prospettive e visioni.

    non c'è una trama esterna a loro, loro stessi sono la struttura narrativa della pellicola.

    Per questo parlo di capolavoro. Nel genere supereroistico, ovvio.

    Come,mriportando l'esempio del Doc, Indiana Jones lo è nel suo genere.

    ...o come Per un pugno di dollari lo è tra i western.

    Ecco, proprio con il film di Leone trovo un parallelo: trama quasi inestente, pellicola basata sul confronto/sconto tra personaggi umanamente titanici.

    RispondiElimina
  30. Se proprio vuoi farmi dire quello che secondo me sarebbe il "capolavoro del genere supereroistico", allora Batman Returns supera di MOLTO i Vendicatori. Quel film di Tim Burton ha anche un valore artistico e uno spessore non da poco, mentre qual è il valore artistico dei Vendicatori? Zero.

    Batman Returns ha una fotografia impressionante e originale (ai tempi in cui Tim Burton non era diventato terribilmente monotono); ha personaggi con un valore metaforico notevole, e non è solo un film di supereroi ma è anche e soprattutto una fiaba che anche chi non conosce i personaggi può gustare nello stesso modo.

    E ora se mi vieni a dire che i Vendicatori aveva spessore psicologico, valore artistico dal punto di vista visivo, o uno stile particolare che va oltre l'essere una storia di supereroi, allora qui c'è qualcosa che non va... Perché diciamolo, elogi tanto il film solo perché è riuscito ad avere un minimo di struttura nonostante le scene d'azione, e questo dovrebbe essere IL MINIMO, ma oggigiorno i film di Hollywood fanno così schifo che se i Vendicatori riesce invece a fare una cosa tanto basilare, sembra un "capolavoro".


    Insomma, lo dico e lo ripeto: i Vendicatori m'è piaciuto molto e mi ha conquistata, perà che diamine, continuerò a ripetere che non è un "capolavoro" e che osannarlo troppo sembra quasi giustificare Hollywood nella piega che ha preso.
    Perché quando vedi Batman Returns, alla fine ti resta da riflettere. Ti ricordi di Selina disperata che distruggeva la sua stessa stanza. Ti ricordi del Pinguino e della sua solitudine, a metà fra l'essere un mostro odioso e un povero confuso solitario. Ti ricordi della dualità di Bruce.

    Quando vedi i Vendicatori, ti ricordi "ahahah hai visto quando Hulk ha afferrato Loki e SBAM!!"

    E c'è una bella differenza.

    RispondiElimina
  31. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  32. quando vedo i vendicatori (ieri sera per la 2a volta, aspettando la 3a), mi ricordo il primo incontro tra fury e cap sulle panche che inquadrate da dietro li incorniciano come le vignette di un fumetto; mi ricordo la battaglia finale con uno dei migliori piani sequenza d'azione mai visti sullo schermo; mi ricordo un mark ruffalo MOSTRUOSO nella sua interpretazione di banner (IL casting per-fet-to); mi ricordo sì le battute, sì le risate, sì le gag... ma tutto questo non sarebbe MAI emerso se whedon non fosse L'AUTORE (e ARTISTA della macchina da presa) che è, capace di scrivere dei dialoghi che qualsiasi altro film può solo sognarsi di avere.

    RispondiElimina
  33. Lunsei,
    secondo te possiamo distinguere due filoni diversi per i due film?

    Vero, ci sono in entrambi i supereroi, ma non per questo tutte le storie dei supereroi sono uguali.

    Batman returns (che a me piacque da impazzire) imho è un film drammatico (come capita spesso nei fumetti di Batman) più che un film d'azione.

    The Avengers non è minimamente drammatico, nonostante quel minimo di dramma presente nella trama, ma è un film d'azione della madonna.

    Probabilmente è sbagliata la categoria "genere supereroistico" perché nelle storie dei super eroi ci può essere tanta azione, tanto dramma, o tanto tanto romanticismo (la Cosa insegna). O tutte e tre le cose insieme.

    RispondiElimina
  34. Un diamante somiglia più a un pezzo di vetro che al carbone, eppure sappiamo tutti di cosa è fatto. Chi effettua un giudizio (a prescidere da chi o cosa sta giudicando) non dovrebbe mai soffermarsi solo su uno o alcuni degli aspetti di ciò che sta giudicando, ma considerarli sempre tutti, dapprima singolarmente e poi tutti insieme. A volte una visione d'insieme dà un valore molto superiore al totale dei singoli aspetti che lo compongono, così anche un film che ha pecche nella sceneggiatura o una trama abbastanza scontata o una recitazione non eccelsa può comunque essere definito da alcuni un capolavoro. E non è questo il caso secondo me, è davvero ottimo ma sicuramente non un capolavoro (nemmeno nel genere).
    Ora anche se il giudizio è soggettivo qualsiasi altro giudizio che vi si avvicini in più o in meno lo ritengo comprensibile, ma non mi fido tanto dei giudizi completamente opposti: ignorate quelli che dicono che i fumetti e i cartoni animati e tutto ciò che ne deriva di conseguenza sono solo roba per bambini, è gente stupida o comunque ignorante in materia. Altrimenti un film sui Vendicatori avrebbe avuto soltanto un pubblico di rEgazzini (veri), trentenni nerd (che poi son rEgazzini pure quelli) e giusto qualche curioso, e incassato di conseguenza. Direi che siamo andati molto oltre...
    Non fate troppo i critici o almeno fatelo nel modo giusto. E nemmeno date troppo retta ai critici, molti di questi sono quelli che trent'anni fa disprezzavano la commedia all'italiana e adesso organizzano retrospettive sui film di Pierino con Alvaro Vitali.

    @LunSei
    Trentenni + nostalgia canaglia + Takashi Miike = il film di Yattaman...

    RispondiElimina
  35. @ Lun Sei: guarda, per Burton secondo me vale lo stesso discorso che prima ho fatto per Nolan: in entrambi i film si caratterizza ambientalmente Gotham e si crea un'ottima introspezione per i villain. Nolan ha sicuramente studiato i due film di Burton e si vede.

    Per contro, sia in Burton che in Nolan il personaggio di Batman è quasi svuotato di se stesso, una sorta di icona bidimensionale che tutto sommato serve ad introdurci ai veri protagonisti, ancora Gotham ed i villain.

    probabilmente di sono ispirati a Batman Arkam Aslylum di Morrison, che utilizzava lo stesso approccio ed in cui Batman era addirittura rapprensentato come una sagoma nera indistinta.

    Come dicevo prima, Whedon ha esigenze diverse. Lui doveva caratterizzare 6 eroi con un background diversissimo e già deciso da altri.

    RispondiElimina
  36. Seconda parte. Scusate, casini con Blogger ^_^

    dicevo: Whedon deve fare altro.

    Lui deve creare un gruppo, caratterizzando prima i componenti, poi facendoli interagire coerentemente e quindi rendendoli gruppo in senso più profondo.

    e ci riesce divinamente.

    Per rispondere alla tua domanda, quando ricordo i Vendicatori non ricordo le gag. Ricordo un Mark Ruffalo scatenato che è il miglior Bruce Banner di sempre, ricordo la sua frase quando si trasforma la seconda volta che, tolta l'epicità in se della scena, ha dentro molto più Peter David in una sola frase di tutta la seconda pellicola di Hulk.

    Ricordo un Tony Stark volutamente sopra le righe, che riesce ad essere brillante, risoluto come un (semi)leader deve essere ed anche tutto sommato stronzo come lo era nel suo primo film (e nei primi numeri della sua versione di Heroes Reborn, forse l'unica cosa veramente buona di quella vaccata di progetto).

    Ora ti sembra facile scrivere un personaggio così? Che riesca ad essere credibile, autorevole, macchietta eroe ed infame insieme? A me no. Dai in mano un personaggio così ad un autore mediocre e vedi cosa ottieni.

    penso a Cap, che riesce a farsi spazio tra gli altri eroi ed attraversare una fase di spaesameto ma ritrovarsi un grande leader nel finale. Grande leader che non era nella sua pellicola, per niente. Sembrava Big Jim dipinto di blu.

    penso ad Occhio di Falco e alla Vedova, personaggi umani che era facilissimo mettere in ombra rispetto agli altri, ma non è successi affatto. anzi.

    Penso a Thor, finalmente di poche parole e "regale" come dovrebbe essere. Quando Hulk lo colpisce e si scazzottano, Thor prima di mettersi a menare Banner sorride. Sorride. Una scena a prima vista insignificante o peggio, tamarra. Ma li dentro c'è lo scontro tra Hulk e Thor di Peter David, dove il figlio di Odino si lascia andare al suo lato barbaro e diventa peggio di Hulk stesso.

    penso a tutta la sequenza delle testate atomiche che mi cita passo passo il finale di Kingdom Come, con tutti i significati che si porta dietro.

    era facile realizzare una pellicola cosi? Per me assolutamente no. Ed infatti il 90% di film di supereroi è mediocre e basta. Whedon caratterizza tutti, li caratterizza anche come gruppo, ci fa vedere la nascita dei Vendicatori in modo credibile ed articolato, dosando ogni aspetto per ogni membro.

    fai un paragone con il primo X-men di Raimi, dove salvo Logan, Rogue e Magneto non sj caratterizza nessun altro o quasi.

    Parli di valore artistico. Beh prima di tutto non mi pare un parametro calcolabile con cosi grande sicurezza. Io nell'intreccio di caratterizzazioni dei Vendicatori vedo una maestria di rara portata, vedo dei personaggi che assumono i contorni epici che devono avere pur restando nella loro squisita umanità (per questo pensavo a Leone prima, che pur -ovviamente- è di tutt'altra caratura rispetto a Whedon, intendiamoci).


    poi, se tu non ci vedi niente di tutto questo...ohi, il mondo è bello perchè vario, e non voglio proseguire oltre per non flamare in casa altrui ^_^

    RispondiElimina
  37. Non capisco di che vi lamentiate,questo e' un bel film, finalmente fedele al fumetto in cui si mira piu' ad accontentare i fan,che i vari registi o pubblico astratto finto intellettuale o roba del genere.

    Ora non so quanto duri, ma in sala nessuno si e' lamentato della lunghezza della pellicola,per quanto siamo usciti dal cinema verso le 2 del mattino, alle varie battute (Legolas!) tutta la sala ha riso e per quanto non esca con nerd o cose del genere,e' piaciuto a tutti quelli che conosco.

    POi se vi piace trovare il pelo nell'uovo.....io dico Cap col mitra e' l'omicidio del personaggio, ma dato che l'hanno mischiato a quello ultimate...

    RispondiElimina
  38. Pede for president!

    PS: Doc, non so come, ma sono finito nella versione mobile del blog: bella!

    RispondiElimina
  39. Non voglio entrare in conflitto o sminuire gli altri però, francamente, il cinema spesso andrebbe guardato con meno sacralità e pregiudizio perchè tutta la problematica sul dire che un film sia "capolavoro" o meno, quasi ci sia timore a usare le parole, proprio la trovo incomprensibile.

    Si è accettato tranquillamente il "indy è un capolavoro" del doc, quando rivisti adesso i primi due Indiana Jones hanno delle parti davvero deboli o invecchiate male (penso a indy aggrappato a un sommergibile che si fa un viaggetto sommerso o alla razzistissima e americana cena del tempio maledetto col MITICO cervello di scimmia semifreddo) per poi passare a dire Avngers no io preferisco Miike.

    Come se Miike, che premetto è un fottuto genio, non girasse un numero impressionante di pellicole l'anno e non sfornasse ANCHE delle sonore cagate.
    Oh mica si può essere infallibili.

    Anche Batman di Burton, che preferisco DI GRAN LUNGA a quello per me noioso e sopravvalutato di Nolan, è invecchiato male, a me personalmente poi il returns non è piaciuto affatto, gusto mio, ho sempre trovato migliore il primo.

    Probabilmente Avngers sarà ugualmente ridicolo rivisto tra 20 o 30 anni ma oggi non riesco proprio a capire quale sia il problema o la remora a dire che sia un bel film...ci deve stare sempre il "ma"...ma è un popcorn, ma è senza pretese,ma , ma ,ma...questo modo di vivere il cinema lo trovo francamente un po snobistico e molto fastidioso, come se si dovesse cercare per pudore una scusa e dire che oh...quella tamarrata mi è piaciuta.

    RispondiElimina
  40. Io l'ho trovato splendido: fatto bene tecnicamente, divertente (e dura ben 2 ore e 20!), bei dialoghi, azione mai vista prima e la capacità di farmi sorridere durante le scene più concitate. Mi era capitato solo con pochi film, tipo i primi combattimenti di Matrix, la prima volta che lo Spider-Man di Raimi si è messo a penzolare per Manhatthan, o ancora quando nei vari Episodi di Star Wars [lo so, lo so...] apparivano citazioni e riferimenti a quelli BELLI...

    E me lo rivedrei subito!
    Con un altro film, come Il Cavaliere Oscuro di Nolan, che adoro, sia ben chiaro, non succede.
    Certo, questo secondo è più profondo/introspettivo/serio(so) ecc. Ma non l'ho più rivisto anche se ce l'ho in DVD.

    Pede: il primo X-Men è di Bryan Singer, non di Raimi.

    RispondiElimina
  41. Azz, sorry, lapsus con supaidaman ^_^

    RispondiElimina
  42. Mi pare che Minkia Mouse (ehm) abbia colto bene il concetto: in effetti, mentre Batman Returns è un film drammatico, i Vendicatori è un film d'azione, quindi è ovvio che ci sono certe differenze. E infatti gli action movie sono caciaroni e semplici per loro stessa definizione (e meno male, perché sennò che film d'azione sarebbe); da questo punto di vista i Vendicatori è davvero molto ben riuscito nonostante la completa mancanza di normali leggi fisiche per quanto riguarda le azioni dei personaggi. I Vendicatori è un gran bel film d'azione ed è davvero divertente.

    Però poi leggo un commento qui che dice....

    "dialoghi che qualsiasi altro film può solo sognarsi di avere"

    ...ecco, ed è lì che mi casca il palco. Cioé, sul serio? Ma stiamo scherzando?

    RispondiElimina
  43. Grazie, LunSei.
    Sarò di parte, ma frasi come "dio gracile", "è stato adottato", "la verità è che sono sempre arrabbiato" "Hulk, spacca!" "Noi abbiamo un Hulk", sono istant meme. Altro che "Questa è Sparta!"

    (I commenti dei bambini alla battaglia finale è roba da Goonies)

    Sinceramente era tanto che non sentivo tanti dialoghi così belli nello stesso film (ovviamente mi riferisco al genere caciarone di the avengers).

    A me The Avengers ha ricordato tutte quelle figate di film del 1985: ritorno al futuro, i vari Indiana, scuola dei mostri, I goonies, E me lo ha ricordato anche per i dialoghi. Dialoghi che ti diverti a ripetere come uno scemo dopo aver visto il film.

    Ora mi lancio, ma the Avengers è riuscito là dove super8 ha fallito: fare, nel 2012, un film come negli anni '80.

    RispondiElimina
  44. Dai ragazzi, siamo seri, stiamo scadendo nel fandom. "Uno dei migliori piani sequenza visti su schermo?"
    Io quoto LunSei in toto...

    RispondiElimina
  45. Minkia Mouse:
    ecco, bravo.
    E' esattamente quello che intendevo quando ho scritto "abbiamo il nostro nuovo Indiana Jones".

    Poi i gusti son gusti, c'è chi considera Blade Runner un film noioso (no, davvero) e chi usa parole come "cinefumettone" convinto che abbiano un senso. E merita di esser finito per questo a pernacchie.

    RispondiElimina
  46. The Avengers l'ho già visto due volte da quanto era bello *_*
    Ma la smettiamo di prendere per il culo il povero Devil? xD
    Dai ho capito che col fatto che è cieco ci si possono fare un sacco di gag ma poveretto!!!
    Venom col gelato era magnifico....

    RispondiElimina
  47. Grazie Doc, onorato!

    E a chi parla di cinefumettone, pernacchie a go-go' e vacanze a Palaestra!

    RispondiElimina
  48. D'accordo che d'accordamente più non si può col Dottore. Il film è fantasticamente Marvel, fantasticamente pregno di quelle sensazioni che venti anni orsono mi invadevano mani e cervello quando per la prima volta aprivo un fumetto dei Vendicatori. Un film che fa bene alla spensieratezza, un film spaccone che riesce a non prendersi sul serio (il contrario di batman e pure qui mi trovi concorde: indifference, scritto e diretto in maniera molto moderna e che per due ore cribbio, si è bambini-adulti-bambini-sticazzidelclubdellibroimpegnato. E tralascio tutti i discorsi sulla tecnica realizzativa (che parlerebbero di roba eccellente) perchè in effetti, poco importa, a fronte di tanto semplice gaudio.

    RispondiElimina
  49. I miei 0,02 €

    Avengers è un film volutamente superficiale: il supereroe (specie quello di scuola Marvel) è un concetto piuttosto in bilico: approfondiscilo un po' e ti accorgi di quanto sia puerile e squallido.

    Per questo il film rimane sempre alla giusta distanza, quella in cui spegni il cervello e ti godi delle ottime scene d'azione condite da buone battute e personaggi che accennano velatamente a concetti più profondi (vedi http://www.overthinkingit.com/2012/05/08/avengers-sexual-violence/)

    E' intrattenimento, niente di più.

    Sempre rimanendo nel cinema dei "tizi vestiti strani" ci sono altre pellicole che esplorano altri aspetti più profondi: Batman, First Class, Chronicle, Kick Ass, fino a raggiungere il fondo con Watchmen che è, in tutta la sua profondità, un film senza senso nè scopo.

    RispondiElimina
  50. Dissasemble è veramente bello. Trovo il picco nelle due sequenze decate a Venom, lo splendido stacco di Hulk, ma pure la scena Spidey Cap, a cui al regista gli ha veramente preso la mano in delirante.

    Massì, Avengers è puro piacevole divertimento (anche esaltante!), per questo io in alternativa posso decidere di spararmi una sega che ha lo stesso valore "puro piacevole divertimento (anche esaltante!)"(cit.)! :DD

    Ma mi vanterò di dire, "io quella vola ero da solo"!

    Invece mi vanterò con mio figlio dicendogli, io c'ero quando facevano Batman di Burton, che fece scoppiare la Bat-Mania! Fu veramente forte la Bat-Mania, ed è durata troppo-troppo-troppo!
    E mio figlio mi rispondera: EHH?!

    Oppure gli dirò, io c'ero quando facevano quelli incontri in giro nel mondo, che si davano le punte via internet e poi s'abbracciavano, ma tipo a coinvolto migliaia di persone, oh! Anche quello è durata tantissimo come moda...

    E mio figlo mi risponderà: ma era una cosa da effemminati, papà! E io stizzito gli risponderò: CRETINO SONO TUA MADRE!

    Fine.

    RispondiElimina
  51. @ LunSei e Manuel Montanari:

    ok, forse ho esagerato :)

    con quei paragoni in ogni caso non parlavo di TUTTI i film, ma circoscrivevo la mia concitata difesa al genere "cinecomic".

    pace?

    RispondiElimina
  52. scusate, mi intrometto brevemente. Tutto quello che volete, ma la scena di Loki in Germania quando fa inginocchiare tutti e un vecchietto invece rimane alzato perchè lui si ricorda di "un altro uomo, nato in quel paese, che voleva sottomettere tutti" è di una banalità senza limiti... ma pure dentro the avengers hanno dovuto infilarci sto discorso??? E dai....
    domenico

    RispondiElimina
  53. O.MIO.THOR.
    "Disassembled" è qualcosa di favoloso!

    RispondiElimina
  54. @ il DANI: sì, anche secondo me è stata una forzatura quella scena. Cheesy, come dicono gli americani :) E in un film del genere non c'era proprio bisogno di metterci per forza l'osservazione politically correct...

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails