mercoledì 11 aprile 2012

28

Kentozzi in "Operazione Diamant"

"Solo quando lo dirò io! Cioè: mai!"
Sì, proprio Diamant, senza la e finale. L'ultima volta avevamo lasciato Kentozzi, l'Algida Stronza e il resto della banda di sottomesse leccaculo alle prese con la furia omicida di Christie. Com'è andata a finire quella storia? Boh, non sapresti. Ché oggi, prima che ti rinfili in un aereo per tornare a casa, prima di dire addio alle degustazioni cipraghesi e all'importantissimo snodo ferroviario, facciamo giusto a tempo a vederci un altro fotoromanzo breve a caso. Featuring: l'atteso ritorno del mago Mirkos. Tenetevi. Vi state tenendo? Un po' più forte? Occhei [...]
E' mezzanotte, ma la vispa Teresa, che è diventata una giornalista di moda grazie ai corsi della scuola radioelettra e dopo aver fatto quattro abbonamenti a Famiglia Cristiana, sta ancora lavorando ai suoi articoli. CHE SCRIVE A PENNA. Sul quadernino della terza elementare. Il computer ce l'ha, lì dietro, ma usarlo pare brutto. Nella cameretta presa in prestito da Barbie, peraltro: una grande professionista, proprio. Ma vattene a fancoo... ehi, ma quello è Mirkos!
Nella sua nuova, ventordicesima idendità, Mirkos è Ron, il direttore di una rivista di moda di New York. Che parte con il più improbabile degli "HALLO", che neanche tuo zio quando fingeva di aver vissuto a Londra, e indossa un bomberino da liceale con la K di Kentozzi. Don't ask. Però attenzione: quella scena lì, quella cosa della data di consegna dell'articolo detta al collaboratore un secondo prima di attaccare a tradimento, beh, lasciatevelo dire, quella è VERISSIMA. Te lo fai sempre. Ma comunque: è mezzanotte, Teresa deve intervistare un qualche personaggio famoso e non sa dove sbattere la testa: a chi potrà mai rompere i coglioni a quest'ora?
Segnatevelo: per aver osato disturbare l'imperatrice durante uno dei suoi sogni di bastardaggine bellezza, Teresa patirà in una delle prossime storie una fine cruenta e orribile, una roba che Hostel al confronto era un classico Disney. Prego notare anche il telefono sul comodino di Barbie, visto che non è rosa come al solito, ma azzurro. La fine del Barbieverso è vicina. Tornando alla storia: l'Algida Stronza medita vendetta, tremenda vendetta nei confronti dell'amica rompiballe. A cui ha prestato pure la Golf rosa e tutto, ai soliti tassi agevolati tra amiche del millemilapercento mensile. Ma dove pescare un personaggio famoso da intervistare per Mirkos? "Troviamoci domani in centro", le dice. E quando si trovano, quando Barbie arriva ed è vestita come un pagliaccio mignottone con la sciarpa daaa Roma, mentre Teresa sfoggia un abbinamento cromatico da denuncia penale e un cappellino dei lupetti, l'Algida COSTRINGE l'altra a uno shopping forsennato. "La cosa migliore è andare a far shopping! Ci rilasseremo e ci verranno delle idee", dice. "Cominceremo dal negozio di sport e poi... da tutti gli altri", dice. E perché lo dice? 
Perché sono tutti negozi suoi. La stronza. La viscida profittatrice. Il tempo di una marchettuzza veloce a Benetton, ché hai visto mai, magari ci scappa pure uno sconto sul pedaggio al casello...
...e la disintegrazione dei risparmi della sprovveduta Teresa prosegue, inarrestabile. "Che ne dici di questa Boutique Jeans?" chiede l'ingenua ragazza che ha appena fatto il giuramento con Akela e il resto del branco, un bravo lupo io voglio diventare, e l'Algida le ride in faccia: "Dico di entrarci subito! Ah, ah!". E, quello non lo dice, ma pensa pure che un altro po' e ci esce la quarta Ferrari, alla faccia della povera cogliona. Alla Boutique Jeans seguono la Boutique Elegante, poi la Boutique Così Così e pure la Boutique una tuta per la casa con i capelli legati e via ché tanto chi cazzo mi vede?, quand'ecco che dal nulla si manifestano Marina, Christie e Kentozzi
CONCIATO COME IL FOTTUTISSIMO MAGO G. No, cioè. Guardatelo. Uno fa tanto per riabilitarne l'immagine, ma così è dura, eh. Durissima. Il Povero Cristo prova a rimediare il rimediabile con la scusa della macchinetta fotografica nuova che ha trovato nel fustino del dixan, quando salta fuori il solito tanghero con la barba sale e pepe, questa volta in gilet bianco da oculista, sciarpone viola e occhiali psicotronici, a rubargli la scena. D'altra parte è l'agente di MICHAEL TECSON, mica poognette.
Un agente che sta cercando una modella per la cover del nuovo album del cantante, e invece di sfogliare un book come avrebbe fatto un Fede qualsiasi è andato in giro per negozi, alla ricerca di un volto nuovo, fresc... see, vabbè. Le solite pastette vergognose per far fare bella figura all'imperatrice delle tenebre. Comunque: Teresa intervista l'interprete della celebre Smuz Criminaus, mentre Barbie viene scelta come modella per la copertina del disco. E chi diavolo se l'aspettava?
La copertina della rivista, invece, non era programmata, ma sapete com'è con i leccaculo: tendono sempre a strafare. Barbie e Teresa (credici) sono ormai famose, ché il fatto che Barbie fosse stata già astronauta e presidente degli Stati Uniti e forse anche dell'Universo non era evidentemente abbastanza, e si può andare tutti a festeggiare in pizzeria. E il povero cristo? Non fa a tempo a portarsi entrambe le mani, di taglio, all'inguine che indovinate a chi lo rifilano ancor prima di uscire il conto?
Barbie Gran Galà
Barbie Gran Galà, con il suo "sontuoso vestito di velluto verde che esalta il colore dei suoi occhi". E a Natale ci puoi anche ravanare dentro i numeri della tombola
Bravo il coglione. Sì che con quella faccia...
Ma cosa si nasconde dietro questi occhi inquietantemente sbrilluccicanti da manga per ragazzine? Sembra la pubblicità del finish per lavastoviglie...
Barbie Diamant
...e invece è la Barbie Diamant, con il suo vestitino terrificante stile Clerici e due "lucentissime pietre blu" incastonate negli occhi. Barbie Diamant. Non Barbie Diamante o Barbie Diamond: proprio Diamant. Ché il nome l'hanno fatto scegliere a Cattivik.
Scan dell'insostituibile Elisabetta, che ringraziamo sempre tutti in coro


28 commenti:

  1. Doc, ogni volta che fai una citazione elioelestorietesiana mi scaldi il cuore, sappilo :)
    (comunque, il bambino della seconda pubblicità è inquietante a dir poco...)

    RispondiElimina
  2. "Hallo", e si diventa subito newyorkesi D.O.C.
    LOLLONE

    RispondiElimina
  3. Come ho fatto a non pensarci cavoli: Quando ho una scadenza al lavoro, perchè scervellarmi su quello che c'è da fare? Basta andare in centro x negozi, incontrare un genio artistico multimilionario e diventare famosa senza saper fare nulla (uhm, quest'ultima parte non so perchè ma nel nostro paese è la norma XD) e poi diventare presidente degli stati uniti, olè.
    Only in the Barbieverso XD

    RispondiElimina
  4. Tutti a darle in testa, ma come la fa girare l'Algida l'economia nessuno.

    la Boutique una tuta per la casa con i capelli legati e via ché tanto chi cazzo mi vede? :D

    RispondiElimina
  5. Sappi che ieri, a studio aperto, hanno fatto un servizio sul fatto che i nuovi abiti di barbie che verranno disegnati dallo stesso stilista, personale, di Michelle Obama per fare Barbie presidente degli USA. Adesso, immaginati a chi è andato il mio primo pensiero appena visto il servizio...

    RispondiElimina
  6. Che poi diciamolo: Teresa che scrive le sue robe nella stanzetta. Ma che pezzenteria. Sembra uno di quelli, lì com'è che si chiamano? Blogger.

    Coinc: eh. La stronza, peraltro, è stata già candidata due volte.

    Meanwhile, in Barbie-nerd-related news:

    http://popwatch.ew.com/2012/04/09/hunger-games-katniss-everdeen-barbie/

    RispondiElimina
  7. ...e anche oggi la giornata è salva grazie ad un giro di shopping!

    RispondiElimina
  8. Viva il Barbieverso, anche se Kentozzi fa solo un cameo. Doc ci sei andato a mangiare dove ti ho consigliato?

    RispondiElimina
  9. L'algida stronza che per risolvere un problema di un'amica in crisi da poco tempo le propone lo shopping? La disciplina che più al mondo serve a buttare via il tempo? Bell'amica.
    Per fortuna la sua fortuna (se così si può chiamare) risolve tutto. A patto di farle avere anche a lei un ruolo prestigioso XD

    Barbie scrive ogni volta una nuova definizione della parola raccomandazione XD

    RispondiElimina
  10. I collaboratori DEVONO avere solo un giorno per fare il pezzo.
    E ringrazino.

    RispondiElimina
  11. NattyDoctor: ieri sera, ed era pure ottimo. Grazie per la dritta.

    RispondiElimina
  12. Ma più dell'intera storia: la faccia del bambino già seviziato dalla sorella futura Algida stronza.
    Piccoli Kentozzies crescono!

    RispondiElimina
  13. Giuro, alla vista del bambino con QUELLA FACCIA, ho avuto un minuto di silenzio cerebrale, piccoli Kentozzi crescono?
    Ci regala la Barbie a sua sorella ci regala...

    Quella faccia... QUELLA FACCIA! °_°

    RispondiElimina
  14. Anch'io esterrefatto dalla faccia del Kentozzino, non avevo in un primo momento notato la felpa, griffata Francesco Salvi a Sanremo '89... :')

    RispondiElimina
  15. Il talent scout di Psychol Reckson è chiaramente il dottor Jacoby di Twin Peaks.

    RispondiElimina
  16. Il Sig. Michael Tecson intervistato, seduto e ripreso da dietro come un "caso umano" qualsiasi. Distorsore vocale incluso.

    RispondiElimina
  17. Rainbow Stalin11 aprile 2012 14:59

    La news di cui parlava Coinc (dannazione, sempre secondo come Toto Cutugno): http://www.nydailynews.com/life-style/fashion/barbie-running-president-doll-pink-power-suit-designed-chris-benz-article-1.1056407?localLinksEnabled=false

    (potevo usare un bit.ly a caso, ma il bello qui è che anche solo l'url è terrificante)

    RispondiElimina
  18. Ma è normale che un direttore di giornale stia in ufficio vestito come Ralph Malph?
    Il mito di Mirkos mi stà un pò scadendo...

    RispondiElimina
  19. Ma Barbie dorme in una bomboniera...

    Teresa deve intervistare un qualche personaggio famoso e non sa dove sbattere la testa, chiama Barbie che gli risponde: -Umh... Troviamoci in centro, per le 9 e andiamo... a fare shopping... Io intanto penserò...-
    Andiamo a fare shopping, ma che risoluzione al tuo problema è, Teresa?! Cerca di cogliere l'ammiccamento, dai!

    Belin, Teresa, arriva all'appuntamento e ci sono TUTTE le tende che c'hanno il nome Barbie! Dai!

    "La cosa migliore è andare a fare shopping, ci verranno delle idee", "E cominciamo col negozio di sport". Ma lo vedi Teresa! Che te lo dice Barbie -Butta 'sti occhi ai negozi, ma non lo vedi che è ovunque uno sbrilluccichio del mio nome!- IO SONO IL PERSONAGGIO FAMOSO DA INTERVISTARE! IO, SOLO IO!!!

    Ma, Cara la mia Tesera, se perdi l'occassione, lo vedi che dietro l'angolo c'è un altro zerbino pronto per BarbaRosa (un po' della famiglia Barbapapà, un po' perchè fa venire la barba agli amici rosacarne nell'inguine maschile), poi, figurati se gli basta l'intervista sulla rivista newyorkese, giù di copertina del disco di Michele Gechsoni, top-manager musicale che l'incensa, e naturalmente foto sulla rivista!

    Però attenzione: quella scena lì, quella cosa della data di consegna dell'articolo detta al collaboratore un secondo prima di attaccare a tradimento, beh, lasciatevelo dire, quella è VERISSIMA. Te lo fai sempre.

    Ma perchè Doc, non pensi che questa sia vita vissuta dall'autore? Ma sai cosa vuol dire, che ti mettono fretta per scrivere le panzane storie di Barbie. Una vita, un inferno!

    In che mondo vero-vero vive Barbie, tipo Sex and the City. Senza sesso per Kentozzi, però.

    Ah, sapete perchè secondo Luttazzi Sex and the City è finito? Perchè le attrici avevano finito i buchi.

    RispondiElimina
  20. Hmm... Occhi che splendono come diamanti... Comincio a sospettare che l'algida sia leghista!

    RispondiElimina
  21. La scena dell'intervista, non so... mi ricorda nemmeno troppo vagamente Psycho!

    RispondiElimina
  22. Cattivik comunque all'Algida avrebbe fatto fare una brutta fine. Bruttissima.

    RispondiElimina
  23. io avrei fatto un articolo solo sul quel logo col cavallo inquietante sulla maglietta del bambino inquietante.
    cazzo di logo è? il cavallo goloso?

    RispondiElimina
  24. uscito il nuovo episodio di LUPIN!

    solo una parola: JIGEN.

    RispondiElimina
  25. Kentozzi è sempre una gioia, anche quando il nostro resta in disparte e si limita a pagare per tutti.
    Grazie, Doc!

    RispondiElimina
  26. Kentozzi sempre più personaggio secondario, ormai appare solo se lo incontrano per caso, e starebbe meglio se indossasse un sacco di juta, piuttosto che gli abiti che gli propinano...

    RispondiElimina
  27. @jackwalla: la scimmia ringrazia. Io pure. :)

    @michelangelo giacomelli: il logo, come detto pocanzi è un chiaro riferimento a un certo brano di Salvi... :D

    RispondiElimina
  28. Confesso: ho imparato a leggere grazie ai fumetti di barbie. Lacrimuccia!!

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails