mercoledì 28 marzo 2012

78

Dylan Dog, il film. Come una puntata di Buffy l'ammazzavampiri, però peggio

Film Dylan Dog recensione
25 marzo 1994
In un primo pomeriggio di prima primavera in cui l'aria è già ferma, gli esami si avvicinano e non si sa che fare, finisci con alcuni compagni di classe al cinema. In un tripudio di camicione a quadri e magliette dei Soundgarden e dei Pearl Jam. Al Garden di Rende danno Dellamorte Dellamore: per tutti è il film di Dylan Dog, anche se non lo è.

27 marzo 2012
In un primo pomeriggio di prima primavera che sei a casa, e non sei abituato mica, ti aggiri nervoso nello studio cercando qualcosa da fare. Magari cominci El Shaddai. O magari trovi una volta per tutte il coraggio e soprattutto il fegato, fai l'uomo, e ti guardi quel benedetto DVD che sta lì da mesi. Per la casa di produzione è il film di Dylan Dog. Anche se non lo è. […]


Dylan Dog - Il Film (Dylan Dog: Dead of Night), diciamolo subito, è un film genuinamente horror, ma per le ragioni sbagliate. Nel senso che fa davvero paura per quanto è scemo, ribrezzo per quanto è squallido e tirato via alla cazzomannaggia. Emozionante quanto una partita di bingo in una cumpa di pensionati sordi, la pellicola diretta da Kevin Munroe non è - dicevamo - un film su Dylan Dog, anche se il suo protagonista si chiama così. Un Dylan che abita in Craven Road, ma è una Craven Road di New Orleans, Stati Uniti del Petroldollaro. Suona il clarinetto, porta la camicia rossa, si bomba la cliente e guida un vecchio maggiolino,
Maggiolino Dylan Dog film
(nero, per un problema di diritti. No, davvero)
ma non si comporta come Dylan Dog. E non è questo, intendiamoci, il problema. Perché se prendi un fumetto non-americano e lo affidi al solito cineasta statunitense cresciuto a bibitoni e meenchiate (già condannato alla damnatio ad metalla per il film delle Turtles del 2007), il minimo, ma proprio il minimo che può capitarti è che il protagonista lo fanno impersonare a Superman con un paio di converse ai piedi al posto delle clarks. Non c'è bisogno di ricordarvi quella brutta storia che del film yankee di Akira, no?
No, bravi
E così c'è questo Dylan Dog che ora vive a New Orleans e come assistente, non potendo usare Groucho, se non per un paio di minicameo di un quarto di secondo l'uno - perché quella storia che se è un omaggio si può fare ha retto per tanti anni in Bonelli, occhei, ma vagliela a spiegare a quei tizi di Hollywood che chiedevano un fottio di soldi - c'ha una spalla comica che non fa ridere manco sua nonna ed è uno zombie.
Sam Huntington Dylan Dog film
"Ma non ci eravamo già visti in Superman Returns?"
Il che diventa uno dei temi portanti del film. Assieme a un io narrante da film noir
Una pallottola spuntata Frank Drebin
e a un'ORIGINALISSIMA storia di questa faida tra vampiri e licantropi
Twilight il cast
in cui tutti, vampiri e licantropi, sembrano usciti dal peggio telefilm degli anni 90
Spike Buffy l'ammazzavampiri
e gli umani si accontentano di spararsi in discoteca una droga ottenuta da sangue di vampiro
Red Bull girl
Vi sembra una solenne meenchiata? Beh, mettetevi comodi: poi PEGGIORA. Perché salta fuori un superzombie palestrato tamarro inutile uscito da un qualche capitolo brutto di Mortal Kombat
Dylan Dog film superzombie
(tipo, che so, Mortal Kombat Advance. O Mortal Kombat Mythologies: Sub-Zero)
che fa una fine da coglione. O perché in quell'oretta e mezza pezzente si ammucchiano una sull'altra soluzioni narrative da film TV tedesco del sabato sera su Rai 2, frasi in un latino pronunciato alla Totò, effetti sonori ciulati senza ritegno ad Alien, sparatorie in slowmo,
Dylan Dog movie big gun
 * sospira scuotendo lentamente la testa *
e citazioni affettuose - Borelli, che è un vecchio vampiro e parla come Super Mario, e Sclavi, che è… no, non fa niente, lasciate stare - pensate espressamente per far restare seduto lì un'altra mezz'ora il vecchio lettore di Dylan Dog che a quel punto aveva già, fortissima, la voglia di abbandonare la sala menando la maschera del cinema per sfogarsi.
il vecchio lettore a fine film
Gran chiusura con effettazzi alla Fantaghirò, spiegoni superflui reiterati a nastro per guadagnare minutaggio a ufo e sorpresoni Scooby-Doo, per tirare le fila di una storia convincente quanto le spiegazioni della Fornero a favore del nuovo articolo 18 for dummies.

25 marzo 1994
Diciotto anni e un paio di giorni in omaggio prima. Esci dal cinema nell'aria sempre ferma di un non più primo ma comunque pomeriggio di prima primavera. Tutti si guardano sconsolati, stretti nelle loro doppie camicie a quadri, portate una sull'altra; nelle loro magliette dei Sound Garden e dei Pearl Jam e dei Nirvana, che ancora Kurt non si era sparato, ma mancava poco. Il film, agli altri, non è piaciuto per niente. Cioè, a parte quella faccenda delle tette di Anna Falchi. Te invece, sarà che hai letto il romanzo di Sclavi anni prima, sarà che sapevi grossomodo cosa aspettarti, alla fine, pensi, sai che c'è?

Dellamorte Dellamore film Rupert Everett
Che Dellamorte Dellamore non è così male. Nient'affatto. Cioè, anche senza tirare in ballo la faccenda delle tette di Anna Falchi.

78 commenti:

  1. Una delle rare occasioni in cui sono uscito prima che finisse il film al cinema, tipo al minuto 00.00 quando ho scoperto che non era ambientato a Londra e che Dylan Dog era un cazzo di armadio, urlando nella mia testa "Ma 'sti americani che problemi hanno?"

    RispondiElimina
  2. Oh ma via che Dellamorte Dellammmore era un film che stava a galla di suo, poi paragonato a questo filmaccio da VHS a 1,99€ nel cestone della vergogna siamo proprio ai livelli di grande cinema.

    Un consiglio per El Shaddai, metti le cuffie, spegni le luci e se ti è rimasto del bronchenolo dall'altra, fatidica, esperienza questa è l'occasione ideale per stapparne due belle bottiglie.
    Gameplay: meh, ma musica ambient e colori fluo ci stanno dentro tantissimo.

    RispondiElimina
  3. doc, ma TMNT del 2007 è un buon film sulle turtles, sempre meglio dei precedenti live action che riprendevano i temi farseschi del cartone frittolato anni '80.

    Ecco, direi che solo il primo e questo in CGI è fedele ai temi del fumetto originale.

    RispondiElimina
  4. Dopo aver visto il nuovo film di Dylan Dog avrei tanto voluto avere uno di quegli affari "incasinatori di memoria" dei Man in Black x sparaflasharmelo e dimenticarmi di aver visto questa cavolata colossale.

    E poi se un mostro lancia Dylan a 10000 km/h contro una colonna di marmo, lui si spacca tipo casetta dei lego caduta dal balcone, punto. Non che si rialza con nonchalance due secondi dopo. Mappperfavore.

    RispondiElimina
  5. Io sono andato in coma più o meno quando Kurt Angle si è trasformato in un licantropo degno di "Voglia di Vincere" (1985).
    Mi sono risvegliato ben oltre i titoli di coda. Premettendo che non sono mai stato un fan di Dylan Dog, non perchè non mi piacesse ma semplicemente perchè non l'ho mai seguito, stò film era una meenchiata bella e buona secondo TUTTI i punti di vista.

    RispondiElimina
  6. xchè per incominciare a giocare a El Shaddai nn serve aver coraggio? facci sapere com'è se mai lo giocherai

    RispondiElimina
  7. Dellamorte già era un film più onesto di questa cagata colossale, se ci metti che aveva un ottimo inizio, una parte centrale molto meh, e un finale molto "poetic-trash" un pò alla "dylan dog" (direi più alla Sclavi) + Falchi nuda direi che rispetto a questo film è una meraviglia meravigliosa eccelsa.

    In realtà il film di dylan dog è talmente una uber cagata da far pensare che anche la Falchi in dellamorte recitasse, e non mostrasse solo tette e culo :D (katso merta Anna :D!)

    Comunque non sapevo che la piovra del male Disney, e lo ho scoperto tipo con questo film, avesse i diritti tipo a vita sui maggiolini wolkswagen bianchi (grazie herbie...)

    RispondiElimina
  8. Quando parli male di Buffy, una parte di me muorisce... ;_;

    RispondiElimina
  9. Dellamorte e Dellavita lo registrai con il video-registratore (nostalgia canalis, il VHS) perché lo diedero in primatv su Italia1 in 3° o 4° serata.
    Ricordo le tette della Falchi e una testa che volava e azzannava uno, il resto è annebbiato; tirando le somme Ruppert Evert era credibile nella parte (il film meno... molto meno).
    Quello nuovo non l'ho visto e credo sia meglio così.

    PS per Doc: dovevi leggere Record on Venus Wars così mi potevi fornire un commento sul finale del 4° volume (fammi sapere).

    RispondiElimina
  10. Dai doc della morte dell'amore, é trash allo stato brado!

    RispondiElimina
  11. Leonardo Genovese28 marzo 2012 09:39

    Aridatece Anna Falchi!

    RispondiElimina
  12. Dunque, tirando le somme:
    1) Dylan Dog interpretato da uno degli "attori" più sopravvalutati del pianeta ammeriggano ( e che a questo punto ha spoottanato 2 grandi franchise )

    2) No Groucho
    3) No maggiolino bianco DYD 666
    4) No Londra (c'erano i diritti pure su quella ?)
    5) Personaggio snaturato
    6) "Storia" risibile.
    Passo.

    P.S.: Ormai Everett ha un età non compatibile col personaggio, ma un Dylan Dog interpretato da Benedict Cumberbatch lo vedrei benissimo.

    RispondiElimina
  13. ruppert evert era credibile per forza visto che Dilan E' fisicamente ruppert evert. Che poi quello non era Dilan, ma ci siamo capiti ...

    RispondiElimina
  14. Doc, è solo l'effetto nostalgia (nella vera accezione di questa parola per chi ne conosce la reale etimologia) che salva Dellamorte Dellamorchia. Al tempo, nella mia stessa ingenuità da diciottenne - leggasi gli ormoni a palla - riuscì a tenere fino alle tettazze della falchi.

    RispondiElimina
  15. Allora, per prima cosa non hai capito che il riferimento al sangue di vampiro usato come droga è scopiazzato da True Blood.

    Secondo, quindi se non sai le cose è inutile che ti metti a sproloquiare di telefilm di cui non capisci niente.

    (Game of Thrones, ricordati che guardi quello)

    RispondiElimina
  16. Per me Dellamorte Dellamore avrà sempre un posto speciale nel cuore.
    Grazie alle tette della Falchi e a quelle vere che tenevo sottomano durante la visione.
    Beata gioventù...

    RispondiElimina
  17. Brandon Routh non sarebbe manco male come attore (vedi lo spassoso Ex che interpreta in Scott Pilgrim) il problema è una certa filmografia ammerigana che doveva morire con gli anni '80 ed invece continua imperterrita nel suo coma.

    Chiunque abbia visto "The River" sa a cosa mi riferisco: brasiliani che parlano spagnolo, mitologie mischiate alla cazzo perchè tanto "so tutti della parte sbagliata dell'Ammmmerica" e via dicendo.

    Ci sarà un motivo se ormai ad Hollywood stanno così alla frutta che fanno i film su Battaglia Navale.

    RispondiElimina
  18. @Leomax
    Ti appoggio; Cumberbatch, nonostante il cognome impronunciabile, potrebbe essere una scelta azzeccata!

    Dellamorte Dellamore x me è sempre stato il film su Dylan Dog, se poi ci aggiungiamo che tuttora Anna Falchi mi provoca epistassi copiose quando la vedo, beh....è un colossal!!

    Brandon Routh penso sia un'attore sfigatissimo, lo scelgono per interpretare Superman, per via della somiglianza con il grande Reeve ma lo mettono in un film che di epico non ha niente, sembra più una puntata di Smallville, poi gli propongono di fare il film su Dylan e si becca un rimaneggiamento del personaggio come solo Saw l'enigmista poteva fare in piùla storia è pure una sola.
    Prossimo film come minimo gli fanno fare un ennesimo reebot di Spiderman ma ambientato in giamaica, dove lui è una guida per turisti che per hobby fotografa pappagalli e viene morso da un ragno fatto come una biscia, naturalmente spara le ragnatele dal coolo!!

    RispondiElimina
  19. Che ridere! Siete troppo forti. Quando un anno fa vidi il film di Dylan Dog ho avuto la stessa sensazione. Sembrava una puntata di Buffy, ma non delle prime serie (quelle decenti) ma delle ultime!
    Ok che avevano molti limiti per i diritti su tutto, però così hanno snaturato il personaggio e invece che far un favore al fumetto lo hanno danneggiato a mio modesto parere.
    saluti e complimenti per il sito, splendido.
    ciao
    andrea
    www.compagniadeldado.it

    RispondiElimina
  20. Alla fine della morte dell'amore è un bel film, mi è rimasto nel cuore!

    Comunque di dare una buona notizia a tutti, dicendo che a breve uscirà un fan film su DD chiamato : "La morte puttana". E dal trailer e cosa una cosa: è un film su DD che parla proprio di DD.

    RispondiElimina
  21. Tommy, ogni tanto parlo male di Buffy così, per vedere come stai.

    RispondiElimina
  22. Ho fatto un po' di typo... Perdonate gli errori!

    RispondiElimina
  23. Di Della Morte Dell'Amore ho un buon ricordo (per quanto fosse già trashino all'epoca) anche se sapevamo che ERA il film di Dylan Dog che NON ERA il film di Dylan Dog.
    E siccome il bel ricordo me lo voglio tenere non farò l'errore di riguardarmelo ora.

    Il nuovo DD invece, mi ero guardato bene dall'andare a vederlo perché puzzava di cagata colossale ancor prima di leggere le sinossi.
    E ORA PER COLPA TUA MI TOCCA GUARDARMELO, MI! (ma solo per vedere quanto è brutto e fatto male).

    Io resto del parere che l'unico film buono su e con Dylan Dog resta un film non scritto, non girato e non uscito: certi personaggi DEVONO restare sul medium su cui sono nati (e nel caso specifico era pure meglio se ci moriva un paio di centinaia di numeri fa...).

    RispondiElimina
  24. E questo è!
    Ricordo quello che disse Bonelli sul film (un anno prima di morire) a Stracult di Raidue:
    "Il film mi piace... certo è diverso, purtroppo dall'idea iniziale ricambia in mano ai produttori"

    Quindi esce un abominio cinematografico

    RispondiElimina
  25. Ehm... un buon ricordo non legato al titolo: Dellamorte Dellamore. Pardon!

    RispondiElimina
  26. doc cosa ne pensi del film in preparazione di teenage mutant ninja turtles e di quelli passati? nel nuovo film pare che le tartarughe saranno aliene e non più teenagers... si preannuncia un altro capolavoro alla dylan dog. spero farai un post su questa serie di film prima o poi!

    RispondiElimina
  27. @Bluecyber74
    La Falchi è ormai un vaccone al disarmo, usando un gergo borsistico, l'hanno delistata dall'elenco delle tipe gnocche un po' di anni fa... diciamo prima che si metesse con l'odontotecnico palazzinaro Ricucci.

    RispondiElimina
  28. @Drakkan
    Lo so ma non ci posso fare niente, mi ha sempre acchiappato 'na cifra, ho proprio un debole x lei, anzi per loro, ossia lei più le sue due amiche! ;)

    RispondiElimina
  29. Sapendo che sarebbe stata una ca..ta pazzesca mi sono rifiutato di andarlo a vedere, penso che non ci doveva andare nessuno e far fare a questo film il record dei flop. Certo che mi ha fatto una gran tristezza sapere che non ci sarebbe stato Groucho, Londra e Maggiolino. Il resto mi ha fatto schifo

    RispondiElimina
  30. Mi sono rifiutato di andarlo a vedere sapendo le nefandezze che lo caratterizzavano!!! Già il trailer era emblematico per capire la boiata che si è poi rivelata!! Spero che comunque al botteghino sia stato un flop!!! Maledetti ammeregani!!!

    RispondiElimina
  31. Doc, mi stupisco che ne parli solo oggi. Purtroppo il film l'ho visto al cinema, lo scorso anno. Non ce l'ho fatta. Non ho retto e sono uscito poco prima della fine. Dellamorte Dellamore, invece, è uno dei miei film preferiti in assoluto. Esistenziale, surreale, ironico, grottesco, malinconico, cinico, introspettivo. Non sembra nemmeno un film italiano. Penso sia, assieme a "Nero" di Giancarlo Soldi, il più rappresentativo della poetica sclaviana letteraria, sicuramente migliore del DYD di carta scritto da Barbato e soci negli ultimi anni. Mi sarebbe piaciuto molto vedere "Tre" sul grande schermo. Chissà che qualche regista italiano non ci faccia un pensierino, prima o poi. La vedo dura.

    RispondiElimina
  32. Il film di Dylan Dog, quello con Superman de' noantri, era, è e rimarrà una grandissima BESTEMMIA CINEMATOGRAFICA!!!
    Io stesso ho minacciato i miei amici di morte se fossero andati a vedere quello schifo (oltre a sprecare 7,50 euri e un sacco di giga dei propri PC).
    Dellamorte Dellamore...è quello il vero film ispirato a Dylan Dog.
    Ora...posso capire i diritti della fondazione Groucho Marx sul personaggio (e infatti anche in America Groucho non compare ed è sostituito da un tal Felix, calvo e senza baffi)...ma dài: non c'è Bloch, non c'è Jenkins, non c'è la Trelkovski, non c'è nemmeno Lord "piuttosto e anzichenò" Wells o Xabaras!!! Poi lasciamo perdere il maggiolino nero che non c'entra un'infiocchettatissima con l'originale. Almeno Rupert Everett ce l'aveva (senza tetto decappottabile, ma i colori erano esatti).
    GNA! GNA! GNA! GNA! (il commento di Gnaghi riguardo al film di Dylan Dog: "E' una meenchiata da competizione, una poottanata come poche e nemmeno merita di essere menzionata!").

    RispondiElimina
  33. @Dorian
    Una piccola precisazione da precisino della fungia: Dellamorte Dellamore non è ispirato a Dylan Dog, è ispirato al romanzo di Sclavi a cui è ispirato anche Dylan Dog.

    RispondiElimina
  34. Dellamorte a me piacque tantissimo, anche oggi lo ritengo un ottimo film forse uno degli ultimi prodotti che hanno cercato di essere diversi in Italia. Il film di Dylan Dog è già una vergogna che si chiami così...

    RispondiElimina
  35. Facepalm supremo.
    Gli americani devono avere questa specie di maledizione di Re Mida al contrario.
    Tutto ciò che toccano (o ri-toccano, vedi Transformers), diventa merda.

    Gli dai Macross e ci fanno Robotech infilandoci altre 2 serie a forza.

    Gli dai Golion e ci fanno Voltron infilandoci quasi 2 serie a forza (oh dev'essere un dogma da quelle parti).

    Gli dai Dragonball e GERSUMARONNAODDIO!!!!!

    Gli dai i Gatchaman e te ce infilano a forza Seven Star Sette maledetto lui e la sua progenie (senza contare il cambio di storia e blabla).

    Gli dai Akira e... no, pericolo scampato?

    E' colpa loro pure il film di King of Fighters? E quello di DOA? ora non mi va di accertarmene più che altro per non rivedere foto dei suddetti.

    Gli dai Street Fighter e ti fanno un film con Gianclaudio Van Damme e Raul Julia che poverino dopo quello è morto di crepacuore.

    Anche basta eh!

    RispondiElimina
  36. A proposito di film, cacate e remake, Doc: l'hai visto questo?

    RispondiElimina
  37. Doc, non ti bastavano all' epoca i trailer eh?
    Dovevi per forza autoinfliggerti questa tortura?
    Che poi passino i diritti sull' immagine di Groucho Marx, ma i diritti della Disney sui Maggiolini bianchi....No ma davvero? Quando lessi semprea ll' epeca che la Disney solo può usare i Maggiolini bianchi mi venne e mi viene ancora oggi da ridere.
    E comunque Della Morte Dell' Amore pur sapendo che non lo era, è il film di Dylan Dog, e le zinne della Falchi se le ricordamo tutti... quasi quasi vado a fargli un tributo al bagno....

    RispondiElimina
  38. Come li recensisci te i film brutti, doc, nessuno!

    RispondiElimina
  39. Omoragno: ne parliamo appena esce il trailer. Cioè, quello vero.

    RispondiElimina
  40. Io mi sono rifiutata con cura di vederlo, proprio perché lettrice di DD.

    E mai periodo fu più azzeccato dell'ultimo:

    Che Dellamorte Dellamore non è così male. Nient'affatto. Cioè, anche senza tirare in ballo la faccenda delle tette di Anna Falchi.

    RispondiElimina
  41. Dellamorte Dellamore non è "una cosa mala", trash fino all' inverosimile, però carino, a conti fatti. Dello squallore del film americano si era praticamente certi tutti, a partire dai produttori, credo. Già solo per i continui fendenti rifilati al background del personaggio per motivi di budget, copyright, astenia, vomito e febbre.

    RispondiElimina
  42. L'ho visto pure io doc, e da fans di buffy ti dirò molto molto peggio della peggior puntata di buffy, che ovviamente resta un capolavoro di serie televisiva.

    RispondiElimina
  43. Dì, Doc, ma è vero che c'è anche un cameo di Kurt Angle del bressling in tutto 'sto schifo?

    Firmato: una che questo Dylan Dog non lo vedrà mai nemmeno per sbaglio ma sbava ancora oggi se le si mostra alla traditora la foto di Spike in mezzo al post.

    RispondiElimina
  44. Visto per puro masochismo nonostante già il trailer mi avesse mandato in pressione alta. Fortunatamente visto con lo sconto donne del cinema di fiducia che ha dovuto però echeggiare bestemmie per tutta la visione. Dispiace soprattutto per Taye Briggs che è bravo e si è venduto l'anima per sta porcata..
    Noto anche che nessuno ha commentato la faccende delle spade della protagonista femminile che per me sono una grossissima put--- quella.

    RispondiElimina
  45. quando nel trailer ho visto Superman vestito da Dylan Dog prendere a cazzottoni un demone o che so io, ho semplicemente scosso la testa con rassegnazione ...

    RispondiElimina
  46. Dellamorte Dellamore <3 l'unico vero film su DYD.

    RispondiElimina
  47. Dunque dici che è una uaccata talmente colossale che manco fantozzi riuscirebbe ad eguagliarla: sai che ti dico? Che sono così tanto masochista da registrarmelo!! Non so se faccia più male guardarlo in italiano o in lingua originale.
    Mi attacco un attimo al discorso game of thrones: domenica questa (1 aprile, serata anche del filmone di sto dylan dog dei poveri) inizierà la seconda stagione. E sai cosa? In Italia chissà quando la vedremo! Oh doc, sai mica dove la si può vedere in lingua originale?

    RispondiElimina
  48. Babol: quel tizio che sembra proprio Kurt Angle pare sia Kurt Angle.

    Alla fine [SPOILEROTFL] gli consegnano il destino del mondo. Per dire.

    RispondiElimina
  49. Innanzi tutto complimenti per il programma!

    Quel che mi chiedo è perchè gli ammerigani si(ci) vogliono così male: incuriosito sono andato a vedere le statistiche di Dellamorte Dellamore e di Questa Porcata sull'IMDB, beh il primo si guadagna un 7.2, il secondo 5.3 (sempre troppo alto probabilmente ma vabbè) e sto parlando del pubblico US non del resto del mondo.
    Ero tentato di andarlo a vedere quando uscì, cercando di pensarlo solo come una trashata americana, ho rinunciato dopo aver sentito la battuta sulle pistole più grosse nel trailer, a tutto c'è un limite.

    RispondiElimina
  50. Ma non hai detto che il demone alla fine prende a calci di Kung-Fu nel coolo DAIlan Dog...

    Questo film è davvero una porcata, partito male, girato male, uscito male.
    Addirittura in Italia, i trailer, non contenevano nemmeno una scena del film, erano roba in CGI, che a quanto pare il distributore aveva paura a far vedere il trailer vero...

    Io da bravo ero andato al cinema a vederlo, mi puzzavano i soldi in tasca...

    RispondiElimina
  51. P.S.
    Mi son dimenticato di dire che la qualità della storia è assolutamente in linea con la qualità dei fumetti pubblicati ultimamente (che poi ultimamente è inteso dal 150 in poi)... :)

    RispondiElimina
  52. @MrChreddy: Come non darti ragione? La qualità delle storie tocca spesso vette di squallore notevoli, però finchè vende continueranno a sodomizare con garbo i lettori che insistono a comprarlo (come me)...

    P.S. Ma anche alcuni volumi tra il 100 e il 150 non erano granchè, però la cosa era davvero sporadica, la maggior parte ancora si salvava.

    RispondiElimina
  53. A me Della Morte è piaciuto anche se ovviamente ci sono differenze col libro.
    Il film delle TMNT del 2007 è bellino anch'esso : non un capolavoro ma neanche una bimbominkiata.
    Dei film dal vero salvo solo il primo, fedele al fumetto e condanno gli altri 2.

    RispondiElimina
  54. DellaMorte e DellaMore è un Gran Film. Nei suoi alti e bassi è perfetto.

    RispondiElimina
  55. Casualità vuole che, dopo averne letto sul blog del RRobe, oggi abbia comprato il mio primo Dylan Dog degli ultimi quindici, anche sedici anni.

    E' l'Almanacco della Paura 2012, e c'è una storia scritta dal RRobe e dal gioviale Mauro Uzzeo e disegnata da Brindisi. Poi magari vi dico.

    RispondiElimina
  56. Dylan Dog è il mio fumetto preferito, o meglio era, visto che è una vita che non lo compro più. Adoravo le copertine di Angelo Stano.
    Dellamorte Dellamore ce l'ho in vhs, dovrebbe ancora essere da qualche parte a casa dei miei genitori. A me è piaciuto parecchio, per il suo umorismo macabro e per un finale non banale. Rupert Everet era perfetto per il ruolo di Dylan Dog e Anna Falchi era perfetta per il ruolo di Anna Never. Ok, è anche un bel donnino, digiamo.
    Io mi sono giocato anche il gioco per pc di Dylan Dog, qualcuno se lo ricorda? Non era male!

    RispondiElimina
  57. Sei stato veramente bravo a ricordarti, e a riportarci a memoria, le devastanti tette della Falchi!

    Dellamorte Dellamore, mi piacque. Probabilmente perchè non lo andai mai a vedere come fossi il film di DYD!

    Avevo conosciuto il becchino di Buffalora sulle pagine di "Orrore Nero", avevo visto le splendide prime pagine (pre-Dylan Dog) disegnate da Claudio Villa (uno dei disegnatori Bonelli, più bravi di sempre!) su Wow. Letto il libro... insomma, già mi bastava vedere reso in celluloide, questo personaggio che avevo conosciuto. Fra l'altro, le scene disegnate da Freghieri sullo special di Dylan, "Orrore Nero", e pure quelle di Villa, furono trasposte in modo eguale!

    Poi il film si perde un po', rimanendo sulla storia horror. Anche se li squarci provinciali di Buffalora ("dove quando spuntava un Ferrari, la inziavano tutti a guardare con la testa sporta, da quando spuntava, fino a quando scompariva dietro l'ultima curva", all'incirca dal libro, a memoria), sono di quell'orrore del vivere, che Sclavi tratteggiava splendidamente.

    "Provincia Cronica" la chiamano i Baustelle ne "I Provinciali".

    E i ragazzi motociclettati che lo sbeffeggiano e lui incurante... sono molto valide nel film come scene. (Mi sembra inventate dalla versione cinematografica)

    Certo, non poteva essere d' "avanguardia" come il libro, dove Dellamorte non era nient'altro che uno sdoppiamento di personalità sognata dal povero e frustrato Franco, amico del protagonista, cioè l'impiegato impriginato dalla vita burocratica di una piccolissima provincia. Mica tanto casualmente, è l'impiego che finirà a fare Adriano Meis, la nuova personalità del (Fu) Mattia Pascal, alla fine di un libro caposaldo del genere.
    Nel libro di Dellamorte Dellamore non è mai chiarito che siano la stessa persona, la cosa viene intesa. Quando ad esempio i visi di ambo i personaggi sono descritti in modo eguale. Infatti anche nel film s'assomigliano.

    Lo stesso principio di Nero. (la cui versione filmica, con la collaborazione di Sclavi, risulta più riuscita del libro!), dove Francesco, Zardo, e il laido detective, non sono altro che un unica persona, e il film sono visioni di uno schizzato che soffre di doppia personalità. Ma questa volta la causa alla visionarietà non è una vita repressa, ma l'omosessualità repressa...

    Certo, tutto diverso da questo film di DYD, con quest'epigono di John Costantine (quello della versione filmica!)

    Ma forse anche il furbo e cinico magus Costantine, avrebbe guardato questo suo compatriota inglese e fumettistico, fino pure a concedersi un altro tiro di sigaretta, squadrando il soggetto, concludendo pure lui, che questa poesia fragile, plumbea, e umoristica, non poteva essere solo un fumetto, ma un uomo di nome Dylan Dog.
    Peccato che gli americani non l'abbiano capito.

    Ora torno ad ascoltare Jeremy (Pearl Jam), e Jesus Christ Pose (Soundgarden).
    Perchè il rock, quello gli yankees lo fanno bene.

    RispondiElimina
  58. Io il film di Dylan Dog non lo vedo per principio, uno perchè si vede un chilometro che non è Dylan Dog, due perchè non ci sono le tette di Anna Falchi.

    Di Dellamorte Dellamore ricordo che registrata la VHS (che non era l'antenato del download dai vari host?) sono andato avanti e ho visto le tette di Anna Falchi e sono vissuto felice.

    Per tornare a quei tempi... ma lo vogliamo dire che i Soundgarden hanno il nuovo singolo nella colonna sonora di The Avengers!!!!

    Agevolo... http://youtu.be/lVWjZ6Hk9Jg

    P.S. speriamo che non sia come "Hold me, Thrill me, Kiss me, Kill me" degli U2 che era la cosa migliore di Batman Forever

    RispondiElimina
  59. Per dissuadermi da ogni minimo tentativo bastò il trailer che concludeva con qualcosa tipo: "Non servono piani ma solo armi più grandi!" Fortuna che avevo sotto mano questo link: http://nooooooooooooooo.com/
    grazie a lui sono riuscito a contenere la rabbia ed evitare di far roteare il tavolo con violenza rompendo il computer per poi urlare e mettere a ferro e fuoco un intera città diventando un silm-hulk-godzilla.
    Poi, perché? Probabilmente DD ancora grazie che abbia la sua Bodeo, figuriamoci "armi più grandi"... Che cavolo è un fo****o film con Stiven Sigal?!
    XD

    RispondiElimina
  60. Una cosa del genere la diceva Rutger Hauer in Detective Stone... e dico tutto!

    RispondiElimina
  61. io sono pure andato al cinema a vederlo(anche se ancora adesso non capisco perchè).. ricordo benissimo che dal minuto 12 ho iniziato a "limonare duro" e ci siamo fermati una volta comparsi i titoli di coda.. alla fine, quelli del biglietto, sono stati soldi ben spesi! ;)

    RispondiElimina
  62. Rainbow Stalin29 marzo 2012 00:18

    Ultimus! poco sopra di me ha scritto il commento dell'anno, volevo solo dire questo.

    RispondiElimina
  63. Rainbow Stalin29 marzo 2012 00:18

    Ultimus! poco sopra di me ha scritto il commento dell'anno, volevo solo dire questo.

    RispondiElimina
  64. Cmq equiparare il film ai fumetti mi sembra un azzardo, ok che gli ultimi numeri non siano il massimo, ma alcuni son ancora validi e poi il film è veramente un film che con Dylan Dog non ha molto da spartire.
    Saluti
    andrea
    www.compagniadeldado.it

    RispondiElimina
  65. I commenti di Ultimus non son mai banali. E' un antrista di un certo rat-spessore.

    RispondiElimina
  66. Un giorno rivelerai che sei un fan di Buffy da sempre e hai preso tutti per il coolo. Ne sono sicuro.

    RispondiElimina
  67. Grazissimissimo ad entrambi (Rainbow Stalin -allucinante nickname^^- e DocManhattan).

    "Non ti conosco, ma mi fai ridere un casino!"
    So che al Doc questo è il complimento che più gli fa piacere, ed è una cosa molto facile che ti venga da scrivergli!

    Anche se affermavi che è molto bello detto via etere, meno se te lo dicessero in faccia al primo incontro! :D

    Perciò ti dico (come già feci più volte) "Non ti conosco, ma mi fai ridere un casino!" ma se t'incontrassi di persona, non farei mai uno scivolone così. Cosa ti posso dire per farti capire che ho tatto?... mmm... Ecco! "Non ti conosco, ma mi fai ridere un casino! Ma se t'incontrassi di persona, mi porteresti fino alle lacrime dalla tristezza che ammorberesti!"

    Com'è? Eh? EH?!

    RispondiElimina
  68. Dead of Night mi ha fatto rivalutare DellaMorte DellAmore. E ce ne vuole.

    RispondiElimina
  69. Ragazzi, con tutto rispetto, io credo che Dellamorte SIA sempre stato un gran film. Nei limiti del possibile, intendiamoci, perché nel romanzo di Sclavi Dellamorte era un po' meno figo, compiva cose più sgradevoli, ma grosso modo siamo lì. Gli zombi e gli effetti da serie b contribuiscono ancora di più a rendere quel clima, perchè gli zombi "intimisti" del romanzo di Sclavi me li immaginavo proprio con un aria da effettaccio horror di bassa lega (come del resto li disegnava Stano nelle illustrazioni).

    Persino Masciarelli è perfetto nel ruolo del sindaco thrash.

    Insomma è una gran trasposizione, a patto che si conosca il materiale originale. Se poi non si ritiene valido il cartaceo in partenza è un altro discorso. Io di Sclavi preferisco La Circolazione del Sangue e il dittico Le etichette delle camicie e Non è successo niente, però Dellamorte è un romanzo sperimentale e originale, di un'originalità gradevole che anticipa per moltissime cose gli scrittori "cannibali" che verranno molto dopo.

    RispondiElimina
  70. Nel festeggiar il mio compleanno, ho regalato la visione comunitaria ad amici ignari della fastidiosa ciofechezza.
    A metà film li ho visti avvicinarsi pericolosamente al cassetto dei coltelli...

    RispondiElimina
  71. e io da brava amica di Tauro stavo per scrivere la stessa cosa.
    L'abbiamo visto giusto lunedì..magari se Tauro t'invitava potevi vedertelo in compagnia e tirargli i coltelli con noi!
    Ah, sappi che "tirato via alla cazzomannaggia" diventerà il mio motto! (basta che non devo pagarti i diritti ogni volta che lo dico!)

    XD

    RispondiElimina
  72. ODIOSTIREGISTIAMERICANI9 aprile 2012 20:12

    inizio ad odiare le boiate americane su fumetti che hanno tutto,tranne la retorica americana.IL problema sono gli americani,anche noi.
    Ci stiamo abituando a cose banali,che ci trasmettono in continuazione,dylan dog non è lo stereotipo dell'eroe,figuriamoci del supereroe che combatte e non muore mai:
    1 lui fa le cose solo se pagato o se gli interessano
    2 modestamente,apparte due,tre spari,dylan dog non è il tipo che distrugge i mostri,spesso i mostri sono distruttibili solo grazie all'intelligenza.
    ADESSO CHIARIAMO UNA COSA REGISTI AMERICANI,SE DOVETE FARE UN FILM SU DYLAN DOG O QUALSIASI ALTRA COSA (DRAGONBALL,STO ANCORA PIANGENDO PER LO SCHIFO) LEGGETEVI MINIMO MINIMO UNA RIGA,PERCHE'DRAGON BALL (ESEMPIO) NON CENTRAVA UNA BEATA MINCHIA,NON ERA DRAGONBALL,QUINDI ADESSO VOI FATE IL VERO FILM,UTILIZZANDO TUTTI I SOLDI CHE AVETE E FATE UN SUPER HORROR PER DYLAN,E UN MITICO DRAGONBALL CON UN NUOVO MOSTRO CHE ATTACCA I GUERRIERI Z E LA SOLITA STORIA

    RispondiElimina
  73. ODIOSTIREGISTIAMERICANI9 aprile 2012 20:12

    inizio ad odiare le boiate americane su fumetti che hanno tutto,tranne la retorica americana.IL problema sono gli americani,anche noi.
    Ci stiamo abituando a cose banali,che ci trasmettono in continuazione,dylan dog non è lo stereotipo dell'eroe,figuriamoci del supereroe che combatte e non muore mai:
    1 lui fa le cose solo se pagato o se gli interessano
    2 modestamente,apparte due,tre spari,dylan dog non è il tipo che distrugge i mostri,spesso i mostri sono distruttibili solo grazie all'intelligenza.
    ADESSO CHIARIAMO UNA COSA REGISTI AMERICANI,SE DOVETE FARE UN FILM SU DYLAN DOG O QUALSIASI ALTRA COSA (DRAGONBALL,STO ANCORA PIANGENDO PER LO SCHIFO) LEGGETEVI MINIMO MINIMO UNA RIGA,PERCHE'DRAGON BALL (ESEMPIO) NON CENTRAVA UNA BEATA MINCHIA,NON ERA DRAGONBALL,QUINDI ADESSO VOI FATE IL VERO FILM,UTILIZZANDO TUTTI I SOLDI CHE AVETE E FATE UN SUPER HORROR PER DYLAN,E UN MITICO DRAGONBALL CON UN NUOVO MOSTRO CHE ATTACCA I GUERRIERI Z E LA SOLITA STORIA

    RispondiElimina
  74. Mi ero fomentato dell'uscita e avevo prenotato a culo un posto nell'anteprima italiana. Poi ho visto il trailer e ho bestemmiato in aramaico. Poi il film mi sono irfiutato di vederlo.
    e meno male.
    Però c'è in giro il film amatoriale La morte puttana che è amatoriale, ma trasuda amore per DD da tutti i pori e merita un applauso. almeno lui.

    RispondiElimina
  75. Basta vedere il primo trailer italiano: https://www.youtube.com/watch?v=WIJ6rY_Frhc
    M'aspettavo che al posto dello scheletro sbucasse Maccio Capatonda...

    RispondiElimina
  76. L'unica cosa che salvo é KURT ANGLE nella parte di uno dei mostrazzi alla fantaghirò.

    Il resto è DIMENTICABILISSIMO

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails