domenica 22 gennaio 2012

15

Inter - Ladzie, 2-1: vae victis (trad: vito sooca)

Ti sei sempre chiesto perché la Lazio sia da anni l'unica squadra del pallone che conta senza un cacchio di sponsor. Cioè, a parte quella volta che si sono messi una maglietta di PES e hanno portato a casa tre pere. Dice che è Lotito, che quando deve chiudere un contratto si mette a recitare proverbi latini a meenchia e quelli si rompono le palle e se ne vanno. Boh. Comunque. C'era un'occasione ghiotta stasera a San Siro. Segue ruttino [...]
Anderson Hernanes De Carvalho Viana Lima, detto Hernanes
Il primo tempo di questa partita contro la squadra dei vitoiuvari è tutto della Lazio. Al 13° Rocchi sfrutta una pregevole imitazione di Abate da parte di Lucio per concludere a rete, ma a Julione battuto la palla fa come una delle tante coprotagoniste femminili di Rocco, e si attacca al palo. In tribuna Lotito grida Ab equinis pedibus procul recede! RoccoRocchi però ci riprova alla mezz'ora, con una pregevole girata che questa volta finisce in rete come una maruzza. Nunquam periclum sine periclo vincitur! urla Lotito, prima di baciare sulla bocca uno sconosciuto. Uno a zero e la reazione dei ragazzi latita. Al centro del campo manca Motta per squalifica, i biancocelesti fanno un pressing da molestie sessuali, Alvarez è il tipico giocatore che alterna genio e sregolatezza: il genio l'altra volta, stasera solo la sregolatezza. E' così è un po' a sorpresa che al 43° il Principe timbra il quinto cartellino in quattro partite. Uno a uno, e il commento del presidente della squadra ospite è lapidario: vulpem pilum mutare, non mores. Gli spettatori in tribuna che gli stanno attorno si guardano imbarazzati.
Wesley Sneijder
Nel secondo tempo entra Wesley al posto di Alvarez, ed è come sostituire un 127 non tagliandato con la marmitta scesa con una Aventador carburata a plutonio. Al 17° il Pazzo infila con un pallonetto al volo il portiere capellone della Ladzie, ma partendo con mezza scarpa in fuorigioco. I cronisti di Merdaset PreZzium preparano le palle incatenate per i cannoni, mentre Lotito sentenzia: Acta est fabula. I biancocelesti ci provano con Klose, cannano un cambio e Reja si incazza come una biscia. Poi non succede grossomodo una cippa, ma al 33° ci sarebbe un rigore per la Lazio. Il presidente romano abbozza però con grande signorilità, facendo ancora una volta appello alla sua cultura classica: A gran fiii de na mignotta! Li mortacci vostra e di chi 'nvo dice caa mano arzata!, urla, citando Seneca. Merdaset Prezzium lancia una fatwa contro l'arbitro Rizzoli. Ché già con quel cognome dove cazzo crede di andare? Finisce 2-1: un po' a coolo, ché un pareggio ci stava tutto, ma comunque è la SETTIMA vittoria consecutiva. E non diciamo niente.
Anzi, no, una cosa: sai che gli esteti del calcio questa cosa del gioco di Ranieri, due linee strette, tutti dietro la palla, all'italiana e pedalare, non la digeriscono. Ecco, esteti di questa meenchia? Vi meritavate il calcio spumeggiante di Gasperini e del panzone. In zona retrocessione, però con una padronanza del campo che levati, eh.

15 commenti:

  1. OT ti sto ascoltando su Ringcast, spamma che magare laggente è felice di sentirti.

    RispondiElimina
  2. Il gol di Pazzini nel pre Trezeguet sarebbe stato netto fuorigioco. Poi nei periodi in cui la Juventus, come posso dire, rubacchiava ha fatto questo gol:

    http://www.youtube.com/watch?v=BINfUVa2cjo

    Fuorigioco di Trezeguet? Ma vaaaaaaaa l'azione è finita quando l'ha toccata il difensore. Da quel momento in poi si è iniziato a parlare di fuorigioco che vengono decretati da azioni che iniziano e azioni che finiscono in un batter di ciglia. Dando il via ad un casino di regolette sul fuorigioco niente male.

    Veniamo a noi. Quando il difensore (era Samuel?) lancia la palla in avanti alla cieca Pazzini era in netto fuorigioco, ma si disinteressa giustamente del pallone. Il pallone è arrivato a Milito e Biava e a questo punto l'azione nella quale Pazzini era in fuorigioco è terminata, il fatto che nessuno dei due tocchi il pallone non fa tornare all'azione precedente (per ovvi motivi) e a quel punto Pazzini può liberamente ri-interessarsi del pallone e buttarla dentro.

    E' una regola schifosa ma fa del fuorigioco di Pazzini un gol regolare e spero che la Gazzetta faccia notare questa interpretazione. Ma conoscendo la sua filosofia filomilanista dubito che lo farà.

    RispondiElimina
  3. Sul rigore non dato non ci sarebbe nemmeno bisogno di commentare perchè alla fine si è visto bene che Lucio ha preso la palla con il braccio perchè era sbilanciato da una serie di spinte e strattonamenti con Klose. Dove entrambi stavano spingendo e strattonando, ma poi Lucio ha pensato bene di andare sul pallone e Klose invece ha pensato di continuare.

    RispondiElimina
  4. E io da buon juventino, ringrazio l'inter di avermi fatto vincere 69 euro alla SNAI.
    E sputaci sopra.

    RispondiElimina
  5. X Sam:

    Un altro amico anti-interista sfegatato ha vinto 200 euro sempre (anche) grazie all'Inter. Ammesso che tu non abbia messo un over 2,5 c'è da dire che avete più fiducia nell'Inter di Ranieri di quanta non ne abbiano gli interisti.

    RispondiElimina
  6. buono ma finche rube e bbilan continuano a vincere...

    RispondiElimina
  7. Per dirla con le parole di Lotito: ubi maior minor cessat.

    RispondiElimina
  8. "fa come una delle tante coprotagoniste femminili di Rocco, e si attacca al palo" :D

    RispondiElimina
  9. SlaveX: done ;)


    ordog: realisticamente, l'obiettivo era e resta il terzo posto. Poi, oh, continuiamo a non dire niente.

    RispondiElimina
  10. no so come abbia fatto Klose a mangiarsi quel gol sul 2-1, che il pareggio ci stava tutto. E non perché sono milanista e avete tirato 3 volte in porta in 2 partite e fatto 3 gol in 2 partite, ma perché era giusto il pareggio.

    RispondiElimina
  11. Allora.

    - Vittoria a kwelissimo, ci stava il pareggio, ma anche la sconfitta, a guardare bene

    - Goal di Pazzini irregolare, non tiriamo fuori mille intepretazioni rubentine per favore, ma irregolare di mezza scarpa davvero, e soprattutto E' TORNATO INDIETRO PER POI TORNARE AVANTI. Ossia, non ha tratto vantaggio alcuno dalla posizione di fuorigioco.
    Detto questo, resta un goal non valido.

    - Rigore di Lucio: non c'era. Ma non perché "è stato sbilanciato"... Lucio l'ha presa di braccio perché LUCIO E' UN MONGOLOIDE. Però, per fortuna, l'azione era già ferma per il fallo.

    - Reja: si conferma uomo di merda, inzia il discorso dicendo che si accetta il risultato senza fare polemiche e dopo dieci secondi parla di complotto di palazzo per la mezza scarpa di Pazzini in fuorigioco. Fa bene Zarate a odiarlo.

    RispondiElimina
  12. Ranieri, per contro, di un'onestà intellettuale come raramente se ne vedono nel campionato italiano. Dove "raramente" = MAI.

    La grande onestà intellettuale di Tonino Mutandari.

    RispondiElimina
  13. Per doveri di cronaca questo è il fuorigioco incredibile da non fischiare di ieri:

    http://a8.sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-ash4/396433_10151194286260007_698810006_22258816_1388924565_n.jpg


    Tra l'altro ieri mentre guardavo una partita del pomeriggio (un fantastico zero a zero tra Cagliari-Fiorentina) uno dei commentatori ha detto che in caso di dubbio per fuorigioco millimetrico la direttiva è di non fischiare. Magari ha detto una cazzata.

    RispondiElimina
  14. sento che thiago motta potrebbe partire. classico giocatore stronzo fino in fondo: ha pascolato per anni e appena inizia a non far ridere se ne vuole andare. non mi mancherà per niente

    RispondiElimina
  15. Sì, ma con tutto che lo insulto sempre, contro le aquilaccie la sua manzanza l'ho sentita, a centrocampo.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails