giovedì 1 dicembre 2011

28

Voltron, Golion, i leoni e un giochino scaricabile. Parecchio pezzente

Si chiama Voltron - Defender of the Universe (da noi Difensore dell'Universo) ed è un giochillo tirabile giù da XBLA e PSN. Avevi idea che fosse una sola pazzesca, ma hai pensato che era anche una scusa adeguata per parlare di Golion e Voltron, visto che avevi in mente di farlo da tipo una vita e mezzo. E così hai sacrificato più o meno malvolentieri 800 microzozzpunti alla causa antristica. Forse, ti sei detto mentre scaricavi questo giga e rotti di immondizia, non è poi così male. E infatti non lo era. Era peggio […]
Avvincente come una puntata di Un Posto al Sole, il nuovo capolavoro di quei geniacci di Behaviour Interactive (ché, oh, a continuare a produrre porcherie per anni e anni, venendo pagati per farlo, ci vuole un certo manico) è un'eterogenea accozzaglia di livelli, un suggestivo patchwork di scarti pescati dai loro titoli precedenti. 
Si parte a bordo di un leone a scelta (il nero, che razza di domande), con il quale devi sparare a tutto lo sparabile in giro per boschi e colline, là, sui monti con Annette. Grafica cel-shading da mercatino delle pulci, dinamiche da twin stick shooter dei morti di sonno, ritmo settato sul livello "Nonna Giustina con la cataratta", quando ti distruggono il mezzo devi aspettare una decina di secondi perché torni magicamente pronto all'uso. E nel frattempo fartela a piedi.
Pew! Pew!
Dopo dieci secondi e forse anche meno, il tutto ti ricorda terribilmente Assault Heroes, che è tipo uno dei primi giochi che hai scaricato da XBLA, CINQUE ANNI FA. Non è chiaramente un caso, perché gli autori di allora, Wanako Games, sono i Behaviour di oggi. Questa cosa per i twin shooter tarocchi (e i nomi dimmerda) gli è rimasta appiccicata addosso, si vede. E comunque. Dopo tre pallosissimi livelli tutti uguali, intervallati da spezzoni dei primi episodi del cartone con il loro terrificante doppiaggio americano e il tema trombettato, entra in scena finalmente Voltron. Evvai, c'è da menare una di quelle robobestie arrivate a bordo di una bara col teschio e... NUOOOOOOOOOOOO, tradimento, non si menano per davvero le mani robotiche, è una roba pezzente a turni.
Così gli elementi da "minchiata da 79 centesimi per iOS" sono tutti al loro posto. Solo che questa, di minchiata, costa tipo 9 euro
Sul lotto di livelli successivi, di nuovo alla guida del leone ma nello spazio, con un gameplay e una cura dei fondali da gioco per S.E.U.C.K. sviluppato da una scimmia bonobo al suo primo giorno con un Commodore 64, hai mollato. E sì, insomma, se avevate una mezza idea, fatevela passare. Se invece proprio ricordate con affetto Voltron e… no, lasciate stare lo stesso. Sono soldi buttati.
Torniamo ai cartoni. Il tutto parte da Golion, serie Toei dell'81 che in Italia arriva in tutta la sua ganzosità, il leone rosso nella lava, quello blu nel fiume, quello verde nel bosco e quello giallo è meglio non chiedere, appena un anno dopo, sull'ammiraglia del male (canale 5). E fin qui. Solo che gli americani non si fanno mai i cazzi loro, e la WEP (World Events Production) compra i diritti di Golion e di un altro anime di Toei, Dairugger XV, che ovviamente non c'entra una cippa con il precedente, e li fonde nell'84 nella serie di montaggio Voltron: Defender of the Universe.

Il che spiega da dove diavolo saltasse fuori a un certo punto quel Voltron prodotto nello stabilimento Fiat di Pomigliano
In questa sua nuova veste, con questa sua nuova giacchetta stelle e strisce con le frange tipo Elvis, Voltron torna in Italia nell'86. Ma è Golion!, esclamano un po' confusi i ragazzini italici di ogni dove. 
No, non lo è!, ribattono con fermezza la Mattel e gli altri, che hanno camionate di giocattoli fintonuovi da spacciare sotto Natale.
Negli anni successivi hanno visto la luce uno special televisivo (1986), la serie in computer grafica Voltron: The Third Dimension (1998)
e vabbè. Si portava
il progetto di un film dal vivo (se n'è iniziato a parlare nel 2005) che ha fatto la fine di Mauro Repetto, tonnellate di fumetti americani e infine un recentissimo sequel, Voltron Force (lo scorso giugno), accolto in modo abbastanza bonario da molti nerd yankee. 
Te non hai mai trovato il coraggio di guardarne neanche un episodio, perché ti fa troppo bimbominchiabenten, troppa tristezza. Se ve la sentite, comunque, eccone un assaggino.
Se invece vi fosse venuta voglia di rivedere l'originale, magari nella sua versione giapponese, beh, nessun problema. Basta chiedere: ecco una cofana (fors'anche tutti) di episodi di Golion sottotitolati in inglese, todo assolutamente legale visto che a caricarli sul Tubo è stata la stessa detentrice dei diritti. WEP toglie, WEP dà. La vedete? La vedete laggiù che fa ciao-ciao con la manina? E' la vostra produttività che anche oggi vi saluta.


28 commenti:

  1. e con questo mi hai fottuto la giornata lavorativa (che già viene abbondantemente interrotta dalla visione delle puntate di tutta la saga di Mazinger sempre sul tubo...). Detto questo, avrò pure dei buchi di memoria ma non ricordo di aver visto mezza volta il Dairugger nella serie di Voltron arrivata in Italia (e forse è un bene visto il design da sfasciacarrozze:))

    RispondiElimina
  2. Certo che ti piace farti del male scaricando certa roba...e meno male! Se no non avremmo avuto una didascalia come quella del Voltron prodotto a Pomigliano.

    Io comunque di Voltron non ho mai capito un gran che...

    RispondiElimina
  3. Io possedevo tutti e cinque i leoni, che una volta montati componevano un rispettabilissimo robottone di dimensioni notevoli.
    Se non ricordo male lo scambiai con 5/6 Masters di un amico.

    RispondiElimina
  4. Anche io avevo il robottone componibile gigante. Da bambino mi piaceva alquanto, però questa cosa dei colori tutina/robot non corrispondenti lasciava perplesso me e credo molti miei coetanei. Insomma, fin lì ci arrivavano anche i pezzentisimi Pover rangers: tutina blu con mecha blu, tutina rossa con mecha rosso.. e dài, che ci vuole! Da bambino a certe cose ci tieni...

    RispondiElimina
  5. Grazie al cielo dall'ufficio non "si prende" youtube e non voglio configurarmi un proxy.
    Non sono mai arrivato a vedere le puntate con Dairugger, Voltron di per se era già di una inutilità infinita. Almeno la versione originale Golion aveva i suoi drammi(come ben confermato dalle manie tragico-nipponiche negli anime) anzichè essere un accozzaglia di episodi "volemosebbene" ammeriggani.

    P.S.: Però la sigla originale di Golion rullava bene ai tempi.

    RispondiElimina
  6. Sigh, è la mia produttività che anche oggi mi saluta... grazie Doc...

    RispondiElimina
  7. Personalmente Voltron/Golion non mi esaltava più di tanto, ma comunque lo guardavo lo stesso da piccino, che ai tempi la priorità era che ci fosse un robottone che si menava con altri robottoni. Ricordo comunque che nei pacchetti di patatine di nonricordoqualefosselamarca si trovavano i 5 leoni in plastica dall'aspetto alquanto pezzente e che naturalmente non si potevano unire, infatti potevi trovare in alternativa il Voltron in scala 1:1000000000000000000000. Ho ben impresso nella memoria il ricordo delle bestemmie che tiravo dato che puntualmente le gambine rachitiche dei leoni si staccavano e puntualmente le perdevo rimanendo alla fine con un LionSalsiccia!!!

    RispondiElimina
  8. Mamma mia che schifo Voltron Force, CHE SCHIFO! Comunque per quanto riguarda il giochillo qui, già dal primo trailer si capiva che era un'immensa boiata...

    RispondiElimina
  9. oh... mi serviva proprio iniziare il mese fancazzando a bestia! :D
    THX! :D

    RispondiElimina
  10. Mi pare che lo sfasamento tra i colori delle tute e quello dei leoni risalisse alla serie originale... mai capito perché.

    Poi va beh, nel passaggio da una serie all'altra il pilota del leone blu passa da stecchito a gravemente ferito, salvo che non lo si vede più...

    RispondiElimina
  11. Pure io del mash-up ricordo solo le puntate alla cazzo, ma non il robottone autoferrotranviario. Anche se all'epoca nelle bancarelle girava il pupazzobot in questione.

    Per quanto riguarda la questione robottone componibile gigante, invece, ho sempre provato grossa invidia per il vicino. Che io andavo in giro con la versione gnoma.

    Lo sfasamento dei colori invece, si vede che all'epoca si portava... pure in God Sigma, per dire, non combaciavano. Forse un'epoca di rottura della schematicità degli anni precedenti? Boh e stica.

    @lamb-O: Ossequi e respect per l'ultima puntata di Arsludicast, la migliore. Ancora rido :)

    RispondiElimina
  12. Il fatto è che il pilota principale doveva essere il pilota rosso. Il rosso è il colore dell'eroismo in Giappone. O qualcosa del genere. Il nero è il bassista carismatico, il verde il bimbominchia o il cicciopasticcio, eccetera. Però qui il cuore del robottone è il leone nero, e quindi, insomma...

    Boh.

    RispondiElimina
  13. Grazie per i soldi che mi hai fatto risparmiare, capo!

    RispondiElimina
  14. Il doc si sacrifica sempre per la causa! Di Voltron ho un ricordo solo vago, più che altro legato alle pubblicità su Topolino. A proposito, quando tornano le pubblicità fuorvianti?

    RispondiElimina
  15. un noto attore australiano1 dicembre 2011 16:10

    OT: minchia il S.E.U.C.K. !!!!

    RispondiElimina
  16. Go Go, It's time to gome!

    Golion, che in nipponia si pronuncia goraion.
    Go è 5 (ichi, ni, san , shi (o yon visto che shi è anche morte) e GO!
    Raion è laion detto alla sollevantestyle, Leone.
    quindi 5 leoni.

    Ovunque leggo che non ha avuto successo... ma sta notizia falsa e tendenziosa su che basi nasce?
    Io solo per la sigla stavo fomentatissimo, sopratutto per la parte strumentale col synth a cannone... BHO?!

    RispondiElimina
  17. time to go, non so come mi siano partite la m e la e....

    RispondiElimina
  18. A me Voltron ha fatto comunque cagare in ogni sua manifestazione visibile.
    Avrebbe guadagnato mille punti pizza se il principe cattivo fosse riuscito davvero a sedurre la principessa biondina con la tutina rosa dell'altra parte. Ma niente, manco questo mi hanno concesso. Tristesse.

    RispondiElimina
  19. pda: forse presto. Forse. Presto. Forse.

    RispondiElimina
  20. A chi può interessare...

    Nella prima uscita di Voltron il leone nero non veniva utilizzato perché dei topi ne avevano rubato la chiave. Quindi il protagonista era vestito di rosso e guidava il leone rosso. Recuperato il leone nero il tizio vestito di rosso cambiava di posto.

    Non solo, c'era anche un tizio vestito di blu che guidava il leone blu. Poi lui, se ricordo bene viene rapito e viene sostituito dalla principessa vestita di rosa.

    Trovato il leone

    RispondiElimina
  21. Quanto era bello Voltron e quante volte ho chiesto al mio babbo di comprarmelo e quante volte mi ha detto di no. Poi si meravigliano se uno cresce male...

    RispondiElimina
  22. A proposito: pare che sia morto Shingo Araki

    http://www.tgcom24.mediaset.it/televisione/articoli/1029772/addio-ad-araki-disegno-goldrake.shtml

    RispondiElimina
  23. E aggiungo, che come seguito di Voltron e Dairugger, in America pensarono bene di spacciare pure Arbegas come tale.
    Notare che nella patria degli hamburger, Dairugger e Arbegas non se li incooola più nessuno.

    RispondiElimina
  24. ahaah, che monnezza la nuova versione... O_O
    ma perché? dio, questi rovinano tutto.
    cmq imperdibile le espressioni dei "piloti" al secondo 14:
    http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=E796cjH-YeY#t=14s
    cazzo ridono??? :D

    RispondiElimina
  25. @omoragno

    > @lamb-O: Ossequi e respect per l'ultima puntata di Arsludicast, la migliore. Ancora rido :)

    Grazie =D intrattenervi è nostro piacere e dovere.

    RispondiElimina
  26. Solo una cosa: "Pew! Pew!"

    RispondiElimina
  27. GOLION !!! non "voltron" ... Sacrilegio !!! se permettiamo agli yankee di fare questo scempio cosa li tratterrà dal comprare i diritti della Creazione del "non sono degno" Maestro LEO "sempre benedetto sia il suo nome" e ribattezzarla mouseman con i testi modificati ... ???

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails