mercoledì 21 dicembre 2011

38

Slurp!, l'unico mensile delle slurpate pazze e dei fumetti slurposi (ricordando Carlo Peroni, parte 1)

Ha creato Calimero, anche se poi gloria e royalty sono finite in tasca a Nino e Tony Pagot. Ma per quelli della tua generazione, Carlo Peroni, il Perogatt, era anche e soprattutto l'autore di tutti quei fumetti fuori di testa. Il Gianconiglio sul Corriere dei Piccoli, le storie surreali di Tiramolla, Cucciolo e Beppe che saltavano fuori dalle buste sorpresa, in particolar modo d'estate e in particolar modo nelle edicole di Diamante (CS). Poi, subito prima di inventarsi l'ispettore Perogatt sulle pagine del Giornalino nei primissimi anni Novanta, Peroni si era imbarcato nella coraggiosa, fortunata (finché alla Domus non sono venuti i complessi e ha staccato la spina) avventura del mensile Slurp!. Tutto realizzato da lui, disegni e testi (scritti a mano…). Ne hai cercato per mesi una copia su ebay da passare al fil di scanner, senza fortuna. Ma siccome l'esempio di Elisabetta ha generato un'onda anomala di contributi da parte degli antristi meno dediti alla deboscia, contemporaneamente a una sorpresa di cui parleremo sabato (grazie, Luca), si è manifestato nella tua casella di posta anche il link a uno zippone di scan inviato dall'antrista Pepette. Cui va un ringraziamento grosso quanto una casa (una casa da ricchi), visto che oggi ci andiamo a (ri)leggere un po' di Slurp!, con gli occhi appannati dal genuino momento emozione© […]
Slurp! arriva sul giornalino Più e il suo Gioco dell'Editoriale Domus nel 1984. Poco dopo e su quella rivista piena di inquietanti pubblicità (poco) occulte nasce il "microinserto" di Slurp!. Questo è il primo numero
come si legge chiaramente nell'indice (e già questa cosa dell'indice ti ha fatto ridere. Oh, che ci volete fare)
Perché ora, non è che siamo qui a incensare il defunto, a parlare bene di Peroni giusto perché non c'è più, ma aveva uno stile tutto suo. A metà tra i mondi lisergici di Jacovitti e un certo tipo di fumetti per ragazzi tutti giocati sul nonsense che, forse, solo in Inghilterra. Fatevi un piacere e leggete questo fumettino da tre pagine, per esempio
Oppure la descrizione di questo prototipo di Radio-TV
O ancora cose come questa, che fanno molto zeitgeist del 1984
Ma nel frullatore pop di Perogatt finiva davvero di tutto. Pippo Baudo diventava così il Grande Puffo...
...e si prendevano per il coolo i robottoni sfornati in serie in Giappone. Una roba che più postmoderna, guarda, era davvero difficile
E sì, ti trovi in una certa qual difficoltà, perché di solito, quando andiamo a rivederci questi giornalini dell'infanzia, scrivi le cavolate senza senso sul contenuto della pagina perché a rivederle ora quelle robe fanno involontariamente ridere, ma qui è l'esatto contrario. Qui puoi tenere benissimo un tono serio, tipo Giovanardi, ché tanto non serve
Cioè, vuoi dire: ce ne voleva di fantasia per riempire un minigiornalino con cose del genere, tutte realizzate da solo
Ce ne voleva, per inventarsi una barzelletta per analfabeti
o il primo dentifricio per far diventare neri i denti
Finché, nel 1987, Slurp! non diventa un albo a sé, un mensile completamente fuori di testa e sempre completamente realizzato di suo pugno da Peroni
Cliccate sulla foto per ingrandirla e provatevi a leggere la prima pagina del primo numero. I "NON HANNO COLLABORATO", le CONTROINDICAZIONI, la cura certosina di una pagina in cui tutto, come nel resto della rivista, è stato realizzato a mano
Il successo di Slurp! fu all'epoca notevole. Era, com'è facile capire, qualcosa di completamente diverso rispetto al paludatissimo mondo delle pubblicazioni per ragazzi di allora. Finché, come si diceva e come ha ricordato più volte lo stesso Perogatt nel suo blog, l'Editoriale Domus non ti è andata in crisi di identità, non ha deciso che pubblicare una rivista chiamata Slurp! sminuisse l'immagine della casa editrice e dei suoi titoli più seriosi, e ciao, cì
Il mondo di Slurp! avrebbe traslocato a quel punto per un po' su Maxi Più, di nuovo sotto forma di inserto, prima che anche Maxi Più finisse nel cestino della Domus
Ma guardiamoli, i contenuti di questo primo numero. I deliranti racconti dei corrispondenti dall'estero
Le avventure a fotoromanzo, costruite facendo galoppare la fantasia su materiale fotografico di varia provenienza
(queste sono solo un paio di pagine della prima storia, per darvi un'idea)
Il tutto pucciato in un tono autoreferenziale che non solo non dava fastidio, ma faceva sentire i lettori parte di un gruppo. Lo Slurp! Fans Club, di fatto, esisteva già
Questa invece... no, niente, era la pubblicità dell'intimo. Che magari in un giornalino per ragazzi non era indicatissima, ma, oh, mica ci si lamentava. E poi la Domus era abituata ai lettori di Quattroruote
Anche un grande classico da Settimana Enigmistica (o da Più, con l'ispettore Bo-Bop) viene infilato nel frullatore
Solo che l'ispettore Sherlock Slurp faceva ghignare di più di Bo-Bop e di quei tipi là, come lo Scaltro Arrigo, il Commodoro, il Signor Gedeone e il Nonglielafaimicasottoilnaso Sigismondo
(tanta fantasia)
(ma tanta)
Chiudiamo questa prima parte del numero 1 (le altre scan ce le vediamo un'altra volta, tranquilli, posate torce e forconi) con il nucleo più propriamente pop dell'albo. Che meravigliosamente meraviglioso specchio dei tempi è questo sondaggio sulla Carrà?
E perché, l'intervista a Ruggeri? La Slurparade monopolizzata dai Duran Duran? E pensate che nelle pagine seguenti si parlava di politica. Politica nel senso di Craxi e di De Mita. 'nuff said

un notevolmente grande grazie a Pepette

POST CORRELATI
Il Giornalino Più, i suoi gadget e le pubblicità a tradimento
Cartoni in Tivù e i suoi fumetti giapponesitaliani
Il Corriere dei Piccoli: il settimanale con la magia dentro
Magic Boy: la pubblicità della Mattel con un po' di rivista attorno
Il Giornalino e il suo catechismo occulto

38 commenti:

  1. Immenso... aspettavo da tempo che ne parlassi...

    RispondiElimina
  2. Immenso Carlo Peroni...
    Custodisco gelosamente una decina di numeri di Slurp nella mia vecchia stanza di ragazzo, e ogni volta che torno dai miei non manco di sfogliarli e rileggerli tutti.
    Carlo Peroni era una persona meravigliosa, che rispondeva personalmente e di proprio pugno ai suoi lettori che gli scrivevano. Ho conservato tutte le sue lettere autografe dove rispondeva a me, giovanotto entusiasta del suo umorismo, e i suoi disegni originali che mi regalava.
    Un artigiano, un umorista e una persona eccezionale.

    RispondiElimina
  3. Doc bello l'articolo ma non puoi minimizzare gratuitamente il Signor Gedeone e gli altri personaggi vari ed eventuali della Settimana Enigmistica. A proposito, vedremo mai qualche articolo dell'antro riferito alla Settimana Enigmistica ? In fondo anche i vari ispettori, il Corvo, la Susy, sono diventati un meme per gli Italiani.

    RispondiElimina
  4. Slurp! apparivano anche qualche volta ne "il Giornalino" anni '90! mi piaceva un sacco!! (anche perchè non ti faceva sentire una bimbacretina! anzi...ti smbrava di saperne a pacchi!

    RispondiElimina
  5. Da qualche parte a casa dei miei ci sono ancora tutti i numeri. Capolavoro totale. Formativo (per il mio senso dell'umorismo). Il miglior giornale da bimbi che abbiamo mai avuto qui.

    RispondiElimina
  6. Slurp era fantastico, ne avevo comprati parecchi . Con mio sommo rammarico non so più dove sono...

    RispondiElimina
  7. Quanta nostalgia...

    RispondiElimina
  8. Fenomenale, all'epoca ero piccino e ne ricordo giusto un paio di numeri, ma ricordo chiarissimamente che mi faceva ridere come null'altro al mondo.

    Formativissimo anche per il mio senso dell'umorismo, che ora realizzo che è pesantemente influenzato da quello di Perotti.

    Grazie Doc :)

    RispondiElimina
  9. Stafilococco: posso eccome, vuoi vedere? La Susy era una STRONZA.

    (ché una volta che ho vinto, invece del motorino m'hanno mandato il contaminuti per il forno a forma di mela, ma vaffancuore)

    RispondiElimina
  10. Che figata galattica...

    Io so di avere i primi due numeri sparsi per casa, solo che devo scoprire dove!

    Comunque c'è una chicca che non si può apprezzare in scansione... Le animazioni a fondo pagina, fruibili solo facendo scorrere tra le dita il cartaceo!!! :D

    Per non parlare dei gadgets esclusivi fustellati che si trovavano in ogni numero di "Slurp".

    Ricordo ancora con affetto il kit dell'investigaslurp, con tanto di lente di ingrandimento di carta e documenti falsi... :)

    RispondiElimina
  11. Ciao Dottore!

    Intanto, scusa il tirapacco delle mancate scan, sto ancora cercando. Ti faccio sapere cosa trovo.

    Poi, la questione dell'editoriale Domus che chiude la rivista: ricordo un commento di mia cugina che disse "beh, sì, vendeva meno di un giornalino parrocchiale" (o qualcosa del genere).

    Era troppo "strano" per il grande pubblico, e immagino che le parodie di Star Trek coi politici italiani dell'epoca facessero un po' a pugni con l'aspetto "per ragazzi".

    RispondiElimina
  12. Ecco, lo Slurp me l'ero perso per strada.

    Grande Peroni.

    Grande Doc (e Pepette) per avermi fatto conoscere un pezzo di genio italico.

    Doc: la Susy era una stronzissima, ma il suo ragazzo che gli propinava i megarompicapi?

    RispondiElimina
  13. Grazie per aver ricordato un GIGANTE del fumetto italiano, un maestro che, ahinoi, siamo in pochi ad aver conosciuto e apprezzato...

    RispondiElimina
  14. Non lo conoscevo... è un piacere venire a conoscenza di cose che si ignorano.
    Grazie doc

    RispondiElimina
  15. Ma grazie a te Doc, ho avuto i miei 15 warholeschi minuti di celebrità (l'alternativa era tronista a uomini e donne)! Secondo me la Domus lo chiuse perché avevano capito che avrebbe venduto più delle altre noiose riviste ammiraglie; l'invidia...

    Approfitto per lanciare l'appellone megagalattico universale a chi possiede dei numeri: pian pianino vorrei digitalizzare tutti i numeri dello Slurp! ma 1) sono diversamente veloce con le scansioni 2) non ho tutti i numeri;
    se avete tempo voglia e/o numeri da mettere a disposizione, chiamate ore pasti, anche per eventuali cessioni scambi etc.. simpatia cortesia max valutazioni qualità, anche altrui, etc..

    RispondiElimina
  16. Non lo conoscevo...forse sono troppo giovane per conoscerlo!! Il suo umorismo era avanti di anni rispetto ai tempi! E poi adoro le battute nonsense...ricorda un po' l'umorismo di un giornalino della disney degli anni 90: ridi topolino...che si siano ispirati a lui?

    RispondiElimina
  17. Geniale il kit alla moda fatto di pezzi di abbigliamento di personaggi animati degli anni 80 ( quasi tutti Mattel).
    Ma chi diavolo è Gram, il nano forzuto??
    Di Peroni conservo due suoi disegni autografi che mi fece anni fa e stranamente non gli chiesi di farmi lo Slurp, che per altro leggevo.
    Mah!

    RispondiElimina
  18. @Sam il nano forzuto Gram era la mascotte degli omonimi, celeberrimi cereali per la colazione dei campioni, che in quel periodo si reclamizzavano su Più.
    Andava così forte da far indire addirittura un concorsone con in palio il pelucchio del NanoForzuto:

    http://img703.imageshack.us/img703/4892/nanogram.jpg

    nella foto, il pelucchio in questione (legge l'antro). Fui probabilmente l'unico a partecipare al concorso per vincere sta bruttura, che con una mascotte del genere ti credo nessuno comprasse i cereali, però l'ho conservata perché presagivo che in futuro sarebbe servita, tipo adesso! Insomma con la maglietta dall'antro è andata male, ma in compenso c'è il nanoforzuto gram :)

    RispondiElimina
  19. cosa dire se non...nostalgia canalis...

    RispondiElimina
  20. pepette: ecco, non puoi proprio lamentarti. (babbabia che mostro)

    akiraamon: grande nostalgia canalis.

    RispondiElimina
  21. Slurp, mamma mia. Da piccina ne ho letto qualche numero, ma avevo completamente rimosso!
    Certo che però la pubblicità dell'intimo su un giornalino per bambini :)

    RispondiElimina
  22. se non erro c'erano anche i seguiti demenziali delle fiabe famose, tipo Pinocchio che metteva su un mobilificio e licenziava Geppetto, finendo per farsi odiare da tutti che lo facevano tornare di legno, mi pare

    RispondiElimina
  23. Un ritorno all'infanzia! Immensamente Slurposo! Ma esistano libri o pubblicazioni di raccolte del grande Perogatt?!?

    RispondiElimina
  24. Invece dalle mie buste sorpresa di Santa Maria al Cedro (CS), ci venivano fuori Geppo e Braccio di Ferro "prenditi sta castagna!".

    Andare fino a Diamante da Grisolia Lido in bici BMX, era da ustione di 5° grado al cranio.

    RispondiElimina
  25. Ultimus!: ho fatto le vacanze a Santa Maria del Cedro per qualche anno anch'io. Millemila anni fa. ;)

    RispondiElimina
  26. Meenkia, erano AAAANNI (almeno 2!) che speravo ne parlassi. Era già il mio preferito sul Più, con le avventure di Dido.
    Cmq giuro che ho versato due lacrimucce: che tristezza vedere un genio come Peroni ignorato dalla grande distribuzione.
    Giusto per la cronaca riporto che nel 1996 fa lo Slurp era stato riesumato per una (abbastanza triste) trasmissione televisiva: "Slurpiamo"

    RispondiElimina
  27. che e' un pesce d'aprile?

    RispondiElimina
  28. Che bello. Non ho il tempo di leggere perchè tra 12 ore esatte ho un esame, ma sarà sicuramente una cosa che dovrò fare appena l'avrò dato (e dormito, che non siam mica tutti infaticabili come te). Mi ricordo di quando più piccino (10-12 anni)andavo in biblioteca, che a noi alla biblioteca ci avevano indottrinati dalla prima elementare, e dopo la deriva di quinta elementare sui piccoli brividi andavo lì essenzialmente per 2-3 cose:

    1- il libro da leggere per la scuola
    2- i Peanuts
    3-Tiramolla, che era bellissimo, che dentro c'aveva pure Pugacioff

    RispondiElimina
  29. @Brunez: Altro che se c'erano le fiabe rilette!

    Anzi, ti dirò di più. Nella fiaba di Pinocchio che ricordi mi pare di rammentare anche una feroce citazione di "Aiazzone" che era diventato "Azzannone", con tanto di canzoncina...

    "Vieni, vieni, vieni da Azzannone. Quanti debiti ci farai!
    Vieni, vieni, vieni da Azzannone. Pagherai finchè potrai!
    Vieni vieni, vieni da Azzannone. Vieni e poi ti pentirai!
    Se non paghi c'è il cellulare, devi pagare, devi pagare.
    Se non paghi vai in prigione, perchè Azzannone ti pelerà!
    Perchè azzannone ti pelerà!".

    Oh, e sto andando a memoria!!! :D

    RispondiElimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  31. Come già detto poi, oltre a fumetti carichi di follia, Slurp regalava sempre dei gadgets o inserti spettacolosi.

    RispondiElimina
  32. O MIO DIO IL PRIMO NUMERO!!! è l'unico che mi manca!!! Ho ancora tutto, inserti e meravigliose amenità da ritagliare (le carte dei mostrinmostra).... adesso piango un po'...poi stamperò le vostre scannezzazioni e mi illuderò di possedere il numero mancante.

    RispondiElimina
  33. Mitico.
    Quando smisero di pubblicarlo ci rimasi malerrimo.

    RIP Peroni...

    RispondiElimina
  34. SLURP! la mia bibbia dall'infanzia e ancora attualmente "my way of life"

    RIP Perogatt!

    e leggetevi questa intervistella:

    http://scuoladifumetto.blogspot.it/2011/12/intervista-carlo-peroni-parte-1.html

    RispondiElimina
  35. Ma in tutto quanti numeri di Slurp furono pubblicati? Grazie

    RispondiElimina
  36. Dopo aver scritto il commento sulle tue nuove microletture (parlo di Sio), preso dalla nostalgia ho cercato "slurp" su google e ovviamente ho trovato ancora te, Doc. Nel 2011 non ti seguivo, mi ero perso questa chicca.
    Quel che non mi sono mai perso sono tutte le copie originali di Slurp, che ho ancora a casa dei miei ;)

    RispondiElimina
  37. Non esistono più fumetti come questi. Peccato per le nuove generazioni.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails