lunedì 19 dicembre 2011

84

It's a Kindle of magic. Perché hai venduto l'anima all'accrocchio di Amazon e ora non puoi tornare più indietro

Le urne si sono ufficialmente chiuse, ma per l'estrazione del vincitore del terzo uber-contest dovrete aspettare stasera, forse anche domani mattina. Ok, lo sai, lo sai, ma avete partecipato in millemila, questa notte sono piovuti in mail una ventina di challenger dell'ultimissimo secondo, stamattina si va di frettissima e poi sei pur sempre "un uomo di svariati anni" (cit). Si diceva? Ah, sì, il Kindle. La prima volta che hai visto un accrocchio che funzionava a inchiostro elettronico è stata tipo quattro anni fa, in un centro commerciale di Los Angeles. Sei stato lì dieci minuti a capire se quell'accrocchio fosse acceso o meno, se quel testo fosse davvero del testo visualizzato a schermo o una foto appiccicata sopra il medesimo. Una cinquantina di mesi dopo, invogliato dalle sirene di Amazon (99 euro… te lo portiamo a casa in un giorno… giuro…) ti sei detto Sai che c'è?, e hai fatto il grande passo. Due giorni più tardi, sei sicurissimo di non voler tornare mai più indietro, mai, forever […]
Non è solo una questione di ENORME praticità, il fatto di poterti portar dietro un migliaio e mezzo di libri a un peso inesistente, di saltare dall'uno all'altro in un nanosecondo, di esser lì a leggere un battito di ciglia dopo aver premuto il tasto di accensione. È che il Kindle, quello che fa, lo fa mostruosamente bene. Lo reggi con una mano sola, senza spostare l'impugnatura per sfogliare le pagine, e praticamente ti dimentichi della natura elettronica dell'aggeggio. Ha, il Kindle di Amazon, quest'aria da gadget elettronico incredibilmente meccanico: bianco e nero, niente touch screen, non consuma niente, quando lo spegni resta impressa sullo schermo finché non lo riaccendi una foto artistica con caratteri tipografici o macchine da scrivere o matite. Non è adatto per un notevolione di motivi a leggerci su i fumetti (anche quelli in bianco e nero) o i PDF, ha la connessione Wi-Fi ma non ci navighi su Internet, non fa insomma le cose che fanno tutti i tablet e le loro sorelle. Semplicemente perché non è un tablet. Serve a leggerci sopra i libri, e in quello, dicevi, è un mostro.
Lo scopo di questa foto è chiaramente quello di permettervi di apprezzare le generose dimensioni delle monetine da cinquanta centesimi calabresi
Hai condotto a lungo una personalissima battaglia con i tuoi occhi per provare a leggere dei testi sullo schermo dell'iPad, ma ne sei uscito brutalmente sconfitto. C'è chi riesce a leggere per ore su uno schermo LCD, ma non sei tra questi fortunati. Magari è la fotofobia da vampiro che ti fa tenere sempre gli occhi stretti come Clint Eastwood, magari no, boh, fatto sta che quando ci hai provato arrivavi dopo dieci, quindici minuti alle lacrime napulitante. L'e-ink, l'inchiostro elettronico, è una roba diversa. Riesci a tirarti due ore di lettura, come hai fatto nelle ultime sere, ed è come se leggessi su carta. Ma senza reggere i dodici chili di A Dance With Dragons di Martin cartonato.
Kindle e iPad 2 sono simili quanto Andrea Agnelli e un esperto di calcio. Chi proprio cercasse una via di mezzo sappia che esistono in questo piano dell'universo anche un Kindle Touch e un Kindle Fire, a colori. Il primo conserva la magggìa dell'inchiostro elettronico, il secondo invece è un tablet, e quindi no, ciccia, altro paio di maniche
Dice: eh, ma allora perché non l'hai provato prima? Perché sapevi che se fosse andata com'è poi andata, non era previsto alcun biglietto di ritorno. E sì, il fatto è che ti dispiace un po' abbandonare il feticismo della carta, il piacere fisico del libro nuovo da comprare in libreria/ricevere a casa nello scatolino di cartone amazzonico e da iniziare a sfogliare; ma quel piacere fisico sono oltre cinquecento libri in casa, potentissimo catalizzatore di polvere che non sai più dove mettere. Mesi fa hai provato a farne un inventario su Anobii, ma alla seconda libreria, e più o meno a metà dell'opera, hai sollevato i palmi in segno di resa.
Era, insomma, purtroppo ora di basta.
Non guasterà, aggiungeremo, il fatto che i libri in edizione Kindle costino sensibilmente meno della loro controparte cartacea, come è giusto che sia (laddove questa sensibilità è inversamente proporzionale alla novità del volume: quelli più vecchi costano in altre parole parecchio meno) e che grazie al Wi-Fi integrato si possa acquistare un libro letteralmente al volo. E quindi sì, carta addio. Ci si è voluti tanto bene, ma non poteva continuare. Anche perché, sinceramente?, ti eri rotto le scatole di regalare soldi a Mondadori per le sue edizioni pezzenti

84 commenti:

  1. Doc, anche io ero intenzionato a prenderlo, solo che ho visto che la scelta di libri in italiano è ancora molto poca.
    Quando parli ad esempio di Game of Thrones, mi pare che non ci sia manco un libro in italiano vero?
    (intendo ovviamente da comprare, non da scaricare in pdf)

    RispondiElimina
  2. Baron Karza: molte delle novità attualmente in libreria sono presenti in versione Kindle. Si presume che il catalogo italiano (che sta decollando solo ora che ci sono un Kindle e una Amazon italiani) vada a crescere. Martin, per i motivi elencati tempo addietro, comunque lo sto leggendo ora in originale.

    RispondiElimina
  3. Concordo in pieno, pur non avendo un Kindle ma un Sony prs 350. Per quanto riguarda i tablet tipo iPad io riesco a leggerci bene almeno intere mezz'ore abbassando la luminosità dello schermo e soprattutto impostando il seppia come colore di sfondo.
    Per chi ha il Kindle o usa le applicazioni Kindle (che si possono installare su tutti i pc, Mac e tablet vari) consiglio il servizio web di Instapaper: consente di salvare pagine web (quindi articoli, testi vari, post) che si vogliono leggere in altro momento; un apposito bottoncino permette di convertire questi articoli in mobi e di poterli spedire al proprio Kindle.
    Esistono anche altri servizi simili che fanno la stessa cosa.

    RispondiElimina
  4. Credo che per un bel pò non sarò pronta al suddetto passo: sono una grande utilizzatrice della tencologia, x carità, la trovo fondamentale per certi versi, però boh, l'odore, il tatto, il senso vero e proprio del caro vecchio libro di carta è una cosa che mi mancherebbe troppo. Si, lo so che portarsi dietro chili di tomi da leggere non è semplice ma resta il fatto che a dire addio ai miei cari libri non sono ancora pronta. Che poi, oh, userei il kindle imperativamente nelle scuole per evitare che ai ragazzi d'oggi venga come ai noi la scogliosi portando 10 volumi di 800 pagine cadauno di cui poi si leggeranno le solite 50 pagine in un anno..

    RispondiElimina
  5. Io straquoto Elisabetta.

    Nonostante l'unico ebook che mi sia trovato a leggere tutto d'un fiato - con l'iPhone peraltro - (giusto perché tu lo sappia Doc, era "Inseguendo un Super Santos) mi abbia lasciato positivamente sorpreso e per nulla affaticato agli occhi, e anche se ormai la libreria non riesce più a sostenere la mole di volumi che settimanalmente vado ad aggiungere, il "fascino" della carta è ancora troppo forte.

    Comunque a 100 euro è ultra-regalato, magari me lo compro e intanto inizio ad "assimilarlo"...

    RispondiElimina
  6. Io straquoto Elisabetta.

    Nonostante l'unico ebook che mi sia trovato a leggere tutto d'un fiato - con l'iPhone peraltro - (giusto perché tu lo sappia Doc, era "Inseguendo un Super Santos) mi abbia lasciato positivamente sorpreso e per nulla affaticato agli occhi, e anche se ormai la libreria non riesce più a sostenere la mole di volumi che settimanalmente vado ad aggiungere, il "fascino" della carta è ancora troppo forte.

    Comunque a 100 euro è ultra-regalato, magari me lo compro e intanto inizio ad "assimilarlo"...

    RispondiElimina
  7. Ormai è da un anno che sono felice possessore di un sony prs-650... e non tornerei mai (ma proprio mai!) indietro: la comodità di stì aggeggini è troppa rispetto ad un pò di odore di colla e cellulosa :)

    L'unica cosa che si perde realmente è il regalare un libro che si è letto... per il resto: mai più carta!

    RispondiElimina
  8. io mi trovo già decisamente bene con il mio tablet minuscolo (un 5" della Archos) quindi ne deduco che il mio prossimo passo sarà risparmiare per prendermi un Galaxy Tab. Il Kindle con quel prezzo mi attira ma lo trovo un pò troppo limitato visto che utilizzo un bel pò di pdf, tra l'altro non trovando nessun problema a livello fisiologico (leggo per intere ore mangascan sul tablet e manco un accenno di affaticamento).

    RispondiElimina
  9. Questo post è una curiosa coincidenza: ho passato il weekend a documentarmi sui reader, ho ordinato ieri sera un Kindle Touch per un'amica da eBay, e sto per prenderne uno standard su Amazon.it per me, in questo esatto momento.

    Tu hai acquistato il modello base, giusto? La mancanza di un'interfaccia touch non ti crea nessuna noia? Mi confermi che è assente l'uscita cuffie per la funzione "read to me" (credo si chiami così). Infine, fumetti e riviste in pdf impaginate con foto (metti un "Players", toh) proprio nonono, o accontentandosi ci stanno?

    RispondiElimina
  10. Ah, per fumetti intendo fumetti in bianco e nero (tipo manga).

    RispondiElimina
  11. Sono un Kinlde-user da settembre e anch'io non tornerò più indietro.

    Sottoscrivo parola per parola il post, tranne la parte "nostalgica" sulla carta: ecco, potessi digitalizzare i libri cartacei che ho e abbandonare per sempre la versione cartacea, direi magara.

    RispondiElimina
  12. Sul fatto che non abbia il touch screen ci posso anche chiudere un occhio sopra. Ma il Kindle a 99€ non supporta il formato ePub o sbaglio?
    Io farò il grande passo a breve, ma preferisco spendere una manciata di euri in più e comprarmi un lettore e-ink tipo questo.
    Ha il touch, supporta ePub e dovrebbe leggersi senza problemi anche col sole negli occhi.

    RispondiElimina
  13. Non mi vengono letti alcuni codici. Vabbè, ecco il link nudo e crudo.

    http://www.ultimabooks.it/lettori-ebook/cybook-odyssey

    RispondiElimina
  14. Kon: no, ma gli epub si convertono in mobi (formato supportato dal Kindle) in un secondo con un programma gratuito come Calibre.

    Andrea Peduzzi: il problema con i PDF è che sono un formato statico: il contenuto non viene cioè ridisposto sullo schermo per sfruttarne al meglio le dimensioni. Non puoi ingrandire le font, eccetera. Ma il bianco e nero si vede ottimamente, quindi se non ti scoccia scrollare la pagina con i tasti...
    Ripeto: io l'ho preso per i libri, e per quello l'assenza del touch screen non la sento minimamente. Mi è più comodo pigiare il pulsantone laterale con il pollice della stessa mano usata per reggere l'accrocchio, che disturbare l'altra (impegnata a sgranocchiare Oreo, per dire)

    Patrizia Mandanici: finora ho limitato lo smanettamento a uno smanettamento di bassissimo livello. Non sono neanche andato a pescare l'email personalizzata per spedirmi le robe sulla pagina di Amazon

    RispondiElimina
  15. Io ho sempre trovato lo schermo dell'iPad molto più comodo da leggere di quello del pc, a volte passo anche 2 ore tra fumetti, pagine web e riviste elettroniche.
    Lo uso ormai da un anno e mai ma volta i miei occhi hanno dato segni di stanchezza.
    Il Kindle sembra davvero gagliardo, ma siccome la vista di tanti libri che affollano le mie librerie mi riempie d'orgoglio, che mi piace la sensazione tattile dello svoltare pagina (ma farei sinceramente a meno del peso), e che non c'è un valido equivalente virtuale della bella e simpatica libraia che mi ha adottato, al momento procrastino.

    RispondiElimina
  16. Anch'io ho appena preso il kindle a 99 euro, e sono rimasta letteralmente incantata. Sto leggendo molto più di prima (e già si viaggiava ad 1-2 libri a settimana, ora vado a 1 ogni 2 giorni circa), con una comodità infinita sia a letto che in poltrona che in battello o in treno.
    Sono contenta che non ci sia il touch per una mia fissazione personale di voler vedere lo schermo il più lindo possibile, cosa che in un dispositivo touch con la mia cialtroneria è complicata da realizzare :D

    Ho scoperto con gioia che Calibre trasforma anche i .pdf in .mobi, spesso senza il minimo problema di impaginazione. Ogni tanto c'è qualcosa di sballato ma ci sono delle impostazioni di conversione da modificare che possono essere d'aiuto.

    Insomma, miglior acquisto del 2011 senza dubbio. Le librerie di casa ringraziano (fino a un certo punto, 'ché i soldi risparmiati in narrativa e saggistica verranno reinvestiti in pesantissimi e fuori formato tomi di architettura).

    RispondiElimina
  17. Pure io ho gli occhi allergici alla lettura su schermo (quale che sia). Dopo un po' faccio la fine delle madonnine: piango sangue.
    Poi, essendo già da un po' over 30, mi porto dietro quel gusto masochistico di portarmi appresso chili e chili di cartaceo spaccavertebre, come appreso in decenni di scuola.
    Inoltre la memoria semi-visiva in commistione con l'arteriosclerosi galoppante mi costringono a frequenti salti indietro di pagine e pagine per recuperare frasi o nomi caduti ormai nell'oblio.
    Tutto questo mi ha impedito, finora, di assecondare l'impulso nerdoso verso la lettura digitale, nonostante l'ammore a prima vista verso l'e-ink e lo schermo non schermo, scoperto in una Feltrinelli a caso più di un lustro fa.

    Certo che 99 neuri...

    Edit: è ricominciato il supplizio dello "Spiacenti, il tuo post faceva cagare e l'abbiamo buttato". Viva il CTRL+C!

    RispondiElimina
  18. Sono il felicissimo possessore di un kindle 3 "keyboard" acquistato dall'ammeregha ormai 1 anno e 3 mesi fa (appena venuto alla luce), quando se per strada alla gente dicevi "ho un Kindle" quella ti rispondeva "mi spiace son disgrazie , è grave?" pagato per mia inesperienza tra conversione $/€, dogana e tasse circa 180 €.

    Sono una persona che si pente dei propri acquisti tipo 2 nanosecondi dopo aver aperto il portafogli, ma stavolta no. St'aggeggino è fenomenale non tornerei al cartaceo (e mi accodo al Doc, alle orripilanti edizioni italiane) manco se mi pagassero. Nell'ultimo anno (anoobi alla mano) ho letto oltre 80 libri contro la media dei 20/30 degli anni precedenti.
    Leggere sul Kindle È comodo. Accendi e ZAC sei dove avevi lasciato (niente più maledizioni agli dei quando regolarmente ti cade il segnalibro). La batteria dura uno sproposito, a wifi spento sono arrivato a 2 mesi di lettura intensa.
    Fino a 2 settimane fa trovare il libri era un po' difficile, spesso si doveva ricorrere a "canali occulti", adesso con l'avvento del market italiano si trovano praticamente quasi tutti e a prezzi che se scendono di un altro pochino sinceramente ti fanno venir voglia di dire addio per sempre a qualsiasi smania pirata.
    Un appunto, se comprate il libro da amazon, apparte la comparsa immediata sul device è molto comoda anche l'opzione di sincronizzazione.
    Esempio (scoperto pochi giorni fa) ho acquistato su amazon "il mercante dei libri maledetti" (no schifio non consigliato) e ho scaricato sul cellulare l'applicazione kindle, aperto il programma ZAC trovati tutti i miei libri acquistati e SOPRATTUTTO appena aperto il sopracitato libro ERA AL PUNTO ESATTO DOVE LO AVEVO LASCIATO LA SERA PRIMA SUL Kindle!!!
    Letto un po' li, la sera accendo il kindle e mi trovo il libro al punto dove lo avevo lasciato dal cellulare... una pheegata.

    È l'invenzione del secolo non ci sono dubbi.

    Da acquistare e consiglio spassionato, se prendete un reader di altre marche accertatevi che abbia almeno lo schermo con tecnologia pearl (gli ultimi sony sono ottimi)
    Io consiglio il kindle perchè a parità di qualità costa uno sproposito meno degli altri anche se ha la rottura della conversione (adesso no visto che c'è lo store italiano).

    RispondiElimina
  19. egregio dr
    il tuo post giunge nel momento sbagliato, giacchè da compulsivo frequentatore di amazon, quella home page del sito italiano mi sta facendo prudere la carta di credito non poco. sono indeciso solo perchè amo tenere in mano un libro di carta, vedere la copertina, vedere che con l'uso si modella a seconda delle pagine sfogliate (effetto fisarmonica). certo, il kindle verrebbe incontro al bisogno di spazio e... boh, probabilmente l'unico motivo per cui non sono ancora passato ideologicamente al kindle (il tablet già ce l'ho, ma lo schermo dopo un pò disturba) è che la differenza di prezzo non è così grande da giustificare l'epocale passaggio di stile. anche te sei stato in questo dilemma, mi pare di aver capito.
    tanto lo so, alla fine lo acquisterò per la voglia di un gingillo tecnologico nuovo. spero solo di sfruttarlo come si deve!

    RispondiElimina
  20. Quando mi son rotto la mano, per due mesi son riuscito a leggere solo grazie allo Story (ebook reader della iRiver regalatomi tempo fa per un lavoro fatto). Il mio prossimo lettore potrebbe essere anche il nuovo Kindle, ad un prezzo così vantaggioso, ma resto affascinato dalla pubblicità che sarebbe bellissima per il Cybook Odyssey: "A Natale, al tuo ragazzo, facc' nu Bookeen" (è di un mio amico ma rido ogni volta che ci penso)

    RispondiElimina
  21. Bello vedere un così grande numero di feticisti degli ebook reader. Quando porto il mio a scuola, la gente lo guarda come se fosse un reperto dell'area 51, salvo poi perdere interesse quando scoprono che serve a "leggere libri e basta".
    Io ho un sony prs nonricordoilnumero, comunque. Mi è costato il doppio del kindle, ma ha touch screen e dizionari integrati, che sono una benedizione quando devo studiare su testi in lingua originale. Unico difetto che mi sento di imputargli, lo schermo che si macchia facilmente e che ho una paura folle di graffiare ;_;

    RispondiElimina
  22. Sono una di quelle persone che legge nei ritagli di tempo la notte (leggere: ore d sonno perse), che si ferma solo quando sta crollando, con conseguente orecchio alla pegina braccio che lo tiene che si muove a random sperando che lo appoggi su qualche ripiano, spengo la luce. Buonanotte.

    RispondiElimina
  23. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  24. Una domanda, Doc. (sì, sto ancora cercando i numeri di Slurp, non mi sono dimenticato, è che proprio non li trovo, mannagg'...)

    Ci si possono caricare sopra dei file propri, o è tutto blindato, con i malvagi DRM, ecc.?

    Correlato: si può usare anche come "pendrive d'emerganza" e caricarci su dei file "qualsiasi" per spostarli via .USB da un PC ad un altro?

    RispondiElimina
  25. Doc, benvenuto nel tunnel! Io ho un kobo ed è uno strumento bellissimo! Non solo leggo più di prima,a ho anche incrementato l' acquisto di libri cartacei!

    Comunque hai ragione, non si torna indietro, l'ebook reader è tutta un'altra storia!

    RispondiElimina
  26. @Doc: ok, grazie. Ah, mi confermi che non c'è uscita audio sul modello base a 99 €?

    RispondiElimina
  27. Io sono due anni che ci penso, ma ancora non mi sono deciso. Prima era il prezzo, adesso non ho proprio più scusanti. E il motivo della scelta è il tuo stesso, Doc. La carta è bella e profuma, ma occupa spazio e prende polvere.
    Però: le versioni digitali sono davvero più economiche di quelle cartacee? Te lo chiedo perché l'ultima volta che mi informai avevo avuto l'impressione che, nonostante lo strombazzamento del marketing sull'abbattimento dei costi per gli editori e i distributori, la differenza fosse miserrima.
    E' ancora così?

    RispondiElimina
  28. Andrea: no, non credo ci sia. Nel senso che non mi sono messo a guardare, ma non mi pare di averla vista. Il modello da 99 (Kindle 4a generazione) è l'unico peraltro venduto da amazon.IT

    Mattia: quando colleghi il Kindle al computer con il suo cavetto USB (di default l'unico mezzo per ricaricarlo: il caricatore da rete elettrica va comprato semmai a parte) il PC lo vede a tutti gli effetti come un disco esterno, quindi immagino di sì.
    Ma sono in tutto due giga di memoria (di cui uno e mezzo liberi).

    RispondiElimina
  29. vutecco: sì, lo sono. Dai un'occhiata
    http://www.amazon.it/ebooks-kindle/b/ref=sv_kinc_2?ie=UTF8&node=827182031

    RispondiElimina
  30. Ottimo. Grazie Doc.

    RispondiElimina
  31. A quando dei post superspoileranti sulle impressioni date da secondo, terzo e quarto libro della saga di Martin!?

    RispondiElimina
  32. A me arriverá quello con tastiera ( e 2x spazio + 2x batteria e altoparlanti rispetto a quello italiano). Spero che davvero sia magnifico come dite. Cosa? Come ho fatto a trovare quello con la tastiera? Beh, qui in Austria ci sono entrambe le versioni ^_^

    RispondiElimina
  33. @Mattia Bulgarelli (K. Duval)
    Io ci ho caricato su un bel po' di cose non provenienti da Amazon, diciamo sia libri provenienti da altre fonti legittime (tipo IBS) sia da fonti diciamo non certificate (sto parlando di dispense dei prof in pdf, cosa pensate!).
    Mai nessun problema, a parte l'inconveniente di 2 secondi di conversione da epub/pdf a mobi.

    RispondiElimina
  34. Domanda ignIorante che non ha nè un telefonino moderno (uso ancora il Nokia Saponetta 3310) nè internet a casa: ma per usare il kindle bisogna avere un collegamento adsl a casa a cui collegarsi tramite wifi ? e in caso negativo, come ci si collega ? solo tramite hotspot gratuiti ?

    RispondiElimina
  35. "ma quel piacere fisico sono oltre cinquecento libri in casa, potentissimo catalizzatore di polvere che non sai più dove mettere"

    Ed è l'unico motivo che mi spingerebbe a provare sto robo.
    Però anche io, come Elisabetta, vorrei che almeno i libri rimanessero libri, e non venissero condensati in una tavoletta. Mi fa tanta, tanta tristezza.
    Al momento, quindi, non prevedo di provare, anzi, conto di infilare la testa nella sabbia come gli struzzi e fingere di ignorare l'esistenza del Kindle.

    RispondiElimina
  36. Ho fatto anch'io il passo ma deve ancora arrivarmi.
    Ho ordinato un kindle touch su ebay da un rivenditore inglese, ero stato tentato di acquistare direttamente da amazon.com e farmelo recapitare da consegnato.com, ma non avendo mai provato prima il servizio ero titubante.
    Qualcuno ha già avuto il piacere?

    RispondiElimina
  37. non mi va di leggere TUTTI i commenti per vedere su qualcuno te l'abbia già fatto notare, ma:
    - da possessore di chindol da quest'estate ti posso assicurare che lasciando la schermata in con l'immagine in B/W non l'hai spento, ma solo messo in stembai... già che consuma anche da "ufficialmente spento" (io ho il "vecchio" chindol e devi tenere lo slide per 7 secondi, quindi suppongo sia lo stesso per quello nuovo)...
    - su internet ci puoi navigarci, facendo la paraculata della ricerca internet.

    ps. che manine curate che abbiamo... :P

    RispondiElimina
  38. capisco che oramai è troppo tardi, ma il Nook sarebbe stato meglio. certo Barnes&Noble non consegna in italia, ma tramite consegnato.com mi è arrivatoi in 15gg, al costo di 130 euro spedito!
    il Nook è touchscreen, puoi vederci fumetti (in toni di grigio), e soprattutto ha lo slot per microSD :)

    RispondiElimina
  39. Anobii non lo conoscevo,doc per caso hai una pagina anche su backloggery con l'elenco dei videogiochi giocati?

    RispondiElimina
  40. GirellaLover: no, ma lì sarebbe impossibile. Troppi per provare anche solo a tenerne il conto

    steff: il touch e i fumetti, come detto, non mi interessavano. Le cose di toccare le vedo su iPad e iPhone. Mi parlate invece di consegnato.com? Funziona? Quanto costa? Dogana armata di dildo più frequente?

    RispondiElimina
  41. Io personalmente non ho intenzione di fare il passaggio, almeno non ancora.
    Però l'ho regalato alla mia morosa per Natale, quindi potrò saggiare con mano le funzionalità e la praticità.

    Ovviamente non si discute sul valore dell'accrocchio in termini di comodità, e me ne sono accorto quest'estate quando ho traslocato... ^_^

    RispondiElimina
  42. Allora su lettori ebook, consegnato etc chiedimi tranquillamente (chiunque) che sono molto ferrato.

    Intanto ti spiego:
    consegnato costa a seconda del peso del pacco (ne puoi pure far consegnare x,sballare, reimballare tutti assieme e fare accorpare in uno) da spedire in italia.
    Ti danno un indirizzo americano a cui fare spedire e poi paghi quanto ti chiedono quando arrivano i/il pacco da farti mandare a casa.
    NON fai dogana in nessun caso.
    Funziona (comprato il kobo ereader touch da amazon.com in offerta a 99 euro circa, spedizione di consegnato compresa).

    L'unica "sola" è che questa cosa non funziona su tutti i siti americani, dato che Apple o bestbuy ad esempio hanno messo in blacklist l'indirizzo di consegnato per anomalie (leggi un sacco di gente che comprava con carte differenti e un unico indirizzo) coi cellulari soprattutto.

    Sui siti dove funge però va da Dio, altrimenti ci sono servizi simili (tipo Myus) ma non di Italiani, quindi tutto in inglese e puoi fare dogana (non chiedermi come fanno ma con consegnato non la fai perchè fan fare ai pacchi dei giri per l'europa).

    Lettori ebook: servono a LEGGERE LIBRI fine.
    NON IN PDF NE FUMETTI, i PDF li potete convertire con calibre (gratuito) quando di testo, che per esigenze stesse del formato (il pdf non DEVE essere editabile e si vede uguale dappertutto) sui lettori ebook "spagina" e non si adatta bene allo schermo.
    Se lo convertite in 4 secondi, in epub o Mobi (francamente le differenze sono a livello di puro tecnicismo, ma se un lettore legge epub o mobi è abbastanza indifferente ad oggi per me) con Calibre, che ha anche i profili dei maggiori ebook memorizzati avete un libro perfetto.

    Per i fumetti invece nisba, si vedono male, andrebbero tutti ritagliati a dimensione schermo, ma io francamente li leggo su ipad: per i fumetti i tablet sono imbattibili al momento (lo schermo ereader ha un refresh troppo basso :().

    SE leggete TANTI libri e non avete più spazio in casa (PRESENTE!) è un acquisto, soprattutto a questi prezzi, d'obbligo: leggete benissimo su un foglio di carta elettronica, minimo ingombro, batteria dura anche più di un mese (perchè il dispositivo si "accende" SOLO quando girate pagina, altrimenti è SPENTO. Le parole che vedete stampate le vedete difatti anche a dispositivo spento) dizionario (UTILISSIMO quando lo hai) etc etc...per un lettore un must.

    Sul discorso non comprare più libri di carta: a parte le giuste argomentazioni ecologiche è vero che ne compri MENO di libri classici....ma se sei un grande consumatore di libri alcuni non te li fai scappare anche col reader ;)
    Magari risparmi quel centinaio di libretti del menga quello si!

    PS
    Libri italiani elettronici ce ne stanno più di quanto si può riuscire a leggere in una vita, io ho già un giga pieno tra romanzi, storici, horror, fantascienza, fantasy etc etc etc etc...
    Certo non c'è il catalogo completo...ma tanta roba si.

    RispondiElimina
  43. Poi vuoi mettere tra l'altro la GODURIA di trovare quei libri esauritissimi, introvabili, magari edizioni economiche mai ristampate e pure sovraprezzate da collezionisti,in formato elettronico e in 4 secondi TAC ce l'hai?
    A me è capitato...eh beh mai più indietro!

    RispondiElimina
  44. Pheega, l' ammòre per i libri di carta e l' ammòre per le fiquate hi-tech mi massacrano proprio su sto fronte. Quanta indecisione.

    RispondiElimina
  45. Benvenuto nel Club Doc. Auguri alla sua carta di credito e alla forza di volontà di fronte ad un negozio di libri perennemente aperto dove trovi di tutto e a prezzo più basso.

    Ho Kindle da un anno e non sapevo più dove mettere il cartaceo. L'odore della carta e tutto l'ambaradan fisico saran carini ma o uscivo di casa o smettevo di leggere.

    Concordo con la questione ipad. Lo uso per leggere quando non voglio usare la lacrima artificiale per inumidire l'occhio :)

    RispondiElimina
  46. Mi è arrivato stamattina ed è stato amore a prima vista.

    RispondiElimina
  47. Auguri Doc,
    per il nuovo arrivato. Possiedo un Kindle 2 dal Gennaio 2010 e da allora non sono più tornato indietro. E non ho alcuna intenzione di farlo, mi ci trovo troppo bene. Finora ho sempre trovato quello che volevo leggere in formato ebook, sia a pagamento che warez. Certo c'è i miei amici e parenti non mi considerano più un lettore a tutti gli effetti, ma a me non può fregarmene una beneamata, i pazzi sono loro.

    Concordo con te sull'assoluta inutilità del device per altre funzioni oltre la lettura di ebook. Con i fumetti si fa troppa fatica e la tastiera, più che inutile, è proprio inutilizzabile/scomoda.

    La navigazione idem, anche se ogni tanto (tipo in treno) la 3g gratissi di Amazon mi fa comodo. Comunque rispetto ad alcuni concorrenti che ho avuto modo di provare, il Kindle è avanti, nel senso che, essendo già alla 4° versione, è un prodotto davvero ben studiato in ogni particolare.

    A 99€ è un ottimo acquisto, io il mio, due anni or sono, l'ho pagato 293€ dall'America. Rimasi molto colpito perchè mi dissero che sarebbe arrivato in 3 giorni e invece... arrivò esattamente in 3 giorni! Roba da pazzi per gli standard italiani...

    RispondiElimina
  48. Preso anche io qualche settimana fa... con morbida custodia e lucetta.
    Che dire, mai più senza.
    Questione PDF... mah, io ho provato con questo metodo: PDF -> DOC -> RTF -> ePub
    Con Calibre partire direttamente da PDF non sempre si ottiene il risultato migliore.

    RispondiElimina
  49. La lettura digitale in certo momenti è comoda e ben venga come sporadica alternativa.

    Ma oltre a quello della lettura uno dei piaceri del tornare a casa la sera è vedere le pareti ricoperte dai propri libri e fumetti.

    Se lo spazio comincia a scarseggiare, si vende un mobile ed ecco lo spazio per una nuova libreria :)

    RispondiElimina
  50. Testa di Bubba, un paio di secondi fa:

    - Bubba, cosa stai facendo con la postepay?
    - Eh? No, no... niente, cosa vuoi che...
    - Cosa stai guardando sulla pagina di Amazon... Kindle??? No eh!!! Dai cazzo, avevi detto che la smettevi con gli acquisti!
    - Ma no, ma cosa ti viene in mente... così... stavo guardando... oh, sai che ha ragione il Doc, carino... ma non penso che faccia al caso mio...
    - Ah si... e allora perchè il cursore è sul tasto "acquista"?
    - ...
    - Sei il solito pirla.

    Doc: come fai promozione te... nessuno.

    RispondiElimina
  51. Oggi avrò fatto vendere una ventina di Kindle, senza volerlo.
    Signor Amazon, quando vuole regalarmi un accesso PLATINUM a tutta la libreria di ebook io accetto.

    RispondiElimina
  52. Bello il Kindle, ottimo acquisto. Prima o poi me lo compro anche io o magari me lo faccio regalare per il mio compleanno.

    RispondiElimina
  53. Ora avrai capito perchè ti rompevo le balle per super santos in formato elettronico Doc ;)

    RispondiElimina
  54. Cmq qualche libro si prende sempre volentieri , io sono per sfruttare tutto(nelle giuste proporzioni)

    RispondiElimina
  55. Sì ok, bello tutto, ma quella sensazione di pagine che stanno per finire, il mucchietto di carta che si assottiglia nella presa forte ma gentile della mano destra: un conto alla rovescia verso il punto di non ritorno... come ci restituisce quella sensazione di imminente e inevitabile fine, il kindle? (piacerebbe anche a me, se non altro per reggerlo con una mano e l'altra mangiare la cipster senza contorsionismi).

    RispondiElimina
  56. @pepette

    Con una comoda barra in basso che ti mostra la percentuale di pagine lette :D

    RispondiElimina
  57. Doc, ma potevi almeno mettere un link da affiliato, perdiana! Davvero con tutti i Kindle che hai fatto comprare e farai comprare con questo tuo post hai voglia a prendere ebook gratis con le commissioni! :)
    A parte questo, sono felice di sapere che tanti altri connazionali apprezzano il gioiellino di Amazon. D'accordissimo con te sull'aspetto "meccanico" ("steampunk", direbbero gli anglofoni) del Kindle, è qualcosa che lo rende ancora più affascinante. Altrettanto d'accordo sul fatto che è nato per la LETTURA DI LIBRI e non fumetti o navigazione Web, ma non dimentichiamo quanto può essere comodo per leggersi anche altri documenti, oltre ai contenuti Web. Ho dedicato all'argomento un articolo proprio stasera, che sarà seguito da altri: http://goo.gl/Yz8u6

    RispondiElimina
  58. Il caso vuole che mi sia arrivato questo gioiello giusto stamattina! Ancora non ho avuto modo di provarlo perché sto finendo le edizioni cartacee (e italiane, sigh) del Trono di Spade, visto che già me le ero comprate, ma credo che finite quelle dovrò seriamente trattenermi dal mettere mano troppo spesso alla carta di credito.

    E a proposito di feticismo: è vero, anch'io sono stato tra quelli a cui piace il profumo di un libro appena stampato. Il fatto è che noi abbiamo sviluppato questo legame fisico col libro perché con quello ci siamo cresciuti: se non li avessimo mai visti, e fossimo nati con l'ebook avremmo sviluppato direttamente un legame con quello. Si tratta solo di "spostare" questa mania, da un contenitore ad un altro, perché una volta provato, come dice Doc, non si torna più indietro (e non è una minaccia, beninteso).

    RispondiElimina
  59. davvero doc, hai fatto più danni te con questo articolo che qualsiasi pubblicità potesse immaginare di fare amazon. disgraziato :) hai abbattuto in tre minuti le ultime resistenze di noi poveri nerd hype-correlati all'ascolto.

    RispondiElimina
  60. Ma ci puoi istallare dei dizionari? Deve uscire dal libro che stai leggendo per usarli? Puoi selezionare una parola direttamente dal testo? Sarebbe comodo per leggersi libri in inglese...

    RispondiElimina
  61. Anche io non ho capito bene se sul Kindle si può installare un dizionario inglese-italiano (ad esempio). Avendo io l'applicazione Kindle su pc e iPad posso dire che si possono scaricare gratis diversi dizionari (italiano, inglese, ecc) e che si attivano sottolineando le parole, ma non ce n'è uno che traduca (come invece c'è sul Sony reader).

    RispondiElimina
  62. Ora che ho letto il tuo articolo un pò la cosa invoglia anche me. Però posso dire con certezza che da me il Kindle arriverà quando i libri cartacei non si produrranno più...per lo stesso motivo indicato da altri! E poi la mia libreria ha ancora spazio, quindi prima dovrò finire quello fisico per passare al virtuale!

    RispondiElimina
  63. Preso oggi e arrivo previsto per domani. Non vedo l'ora, giuro

    RispondiElimina
  64. @Dr.Manattan: ho preso un Kindle Touch tramite consegnato.com

    Decentemente rapidi (14 giorni con qualche festa in mezzo) dal momento in cui Amazon ha consegnato loro il pacco.
    Ho speso 22 euro di spedizione, e nel caso si incappi in dogana (non so dirti quanto di frequente), tutti i costi aggiuntivi se li accollano loro.
    Mi son trovato molto bene, ed hanno un buon servizio clienti (contattati per domande, ho avuto risposte in tempi brevi).
    Nota che alcuni siti hanno l'indirizzo di consegnato.com e servizi analoghi in black list, ma non Amazon (per ora).

    Il Touch è molto utile per accedere rapidamente al dizionario ed in generale per scrivere.

    A mio avviso la cosa che veramente cambia la vita, con un e-reader, è il fatto che tutti i tuoi libri, ora, hanno una dimensione dei font decente. :-)

    RispondiElimina
  65. Però sui prezzi in Italia siamo un pelo stronzi.
    Devo darci dentro con la lettura in originale...

    RispondiElimina
  66. Grazie, Davide. E quoto fortissimamente sul discorso font.

    RispondiElimina
  67. io ho letto A Dance with Dragons su iPad 2, con lo schermo al negativo (lettere bianche in campo nero) e luminosità al minimo. ci vado bene, e per me è un buon compromesso per avere ANCHE i libri in un marchingegno che faccia tutto.

    cmq sono felice della tua rece perchè giusto sabato ho ordinato il Kindle 4 da Amazon per mio fratello, quindi sono contento che sia un ottimo prodotto ^_^

    ora basta solo aspettare che arrivi anche da noi il reader con schermo Mirasol: sempre schermo opaco ma a colori, con tecnologia completamente diversa dal e-ink. diavoleria tirata fuori ad Hong Kong, se non erro.

    RispondiElimina
  68. sì ma, se voi tutti passate al kindle, come facciamo noi feticisti voyeuristi a spiare la copertina di quella che state leggendo?

    RispondiElimina
  69. Ce l'ho in mano da neanche cinque minuti… potrebbe seriamente essere il migliore acquisto che abbia mai fatto in vita mia.

    RispondiElimina
  70. Bubba: eh. Quando dico le cose, io, mica le dico per dire.

    RispondiElimina
  71. No ma serio eh!

    Appena comprato "Uno studio in rosso" + "Il segno dei quattro" per poco più di 1 euro... e mi è appena caduto l'occhio sul prezzo della versione kindle di "1Q84" di Murakami rispetto alla versione cartacea - comprata un paio di giorni fa... mi sto mangiando le mani...

    RispondiElimina
  72. complimenti doc, ottimo acquisto.
    lol per la battuta sulla mondadori.
    ormai ho deciso da tempo che lo prenderò anch'io.

    RispondiElimina
  73. Chiama Amazon e digli che sei almeno a quota 22 convertiti.
    No sul serio, ci stavo pensando da tempo ma non conoscevo nessuno che ne possedesse uno, dopo la tua recensione mi son convinto :)
    E poi fa troppo regalo di Natale.

    RispondiElimina
  74. Sempre per i post di pubblica utilità:

    Ebook con touch: è lo specchietto per le allodole simile al 3d, peccato che u un reader il touch non serva a una mazza. Bastano due tasti fisici (pagina avanti, pagina indietro) ben posizionati e per leggere non vi serve altro...certo se ci volete fare il sudoku il discorso cambia (su molti reader touch ci sono dei passatempo ad esempio) ma io lo ho preso per leggere e ODIO le ditate sullo schermo dove leggo...passi per iphonz e ipads e simili...ma lo schermo dell'ebook reader deve essere immacolato, per i miei gusti.....comprereste mai un libro pieno di ditate zozze :D?

    Dizionari e formati:
    Il formato mobi, e tutti i reader che lo supportano, AMMETTONO i dizionari, l'importante è che i libri abbiano nei metadati la corretta lingua da associare al dizionario rispondente.

    Io ho sul mio reader (cybook opus, con firmware per mobi) il vocabolario italiano e il dizionario italiano-inglese, chiamati col nome delle lingue, che il dispositivo associa automaticamente ai libri ITA o ENG.
    I dizionari sono gratuiti e si trovano cercando online, l'utilizzo è DIRETTO da dentro il libro: si seleziona la parola e lui la cerca sul dizionario e ne fa vedere automaticamente la definizione, uscendo si ritorna al libro che si stava leggendo nello stesso punto.
    Ciò non è possibile con il formato EPUB.
    Gli ebook reader epub usano dizionari inseriti nel firmware da chi li costruisce, pertanto quelli avete (SE LI AVETE, non tutti li supportano!) e se funzionano bene, altrimenti ciccia

    Gli ereader che leggono multiformato hanno dizionari funzionanti ovviamente su mobi e non funzionanti (a meno di roba propietaria nel firmware) su epub.

    Formati: il due formati principali sono mobi ed epub per quanto riguarda gli ebook. Entrambi permettono le reimpaginazioni varie, i cambi di dimensione e tipo carattere etc etc dei reader senza perdere le info e la formattazione tipica del libro.

    differenza principale

    -mobi è il formato più vecchio, la struttura dei file permette l'utilizzo facilissimamente di segnalibri sottolineature/evidenziazioni e di dizionari ma NON permette di gestire la formattazione avanzata con gestione delle immagini nei testi e di particolari formattazioni di testo (tipo la coda di topo di Carrol).
    Per ottenere effetti particolari si possono simulare determinate cose (sempre la coda di cui sopra)che però non tutti i lettori interpretano correttamente

    -EPUB è il formato più nuovo e avanzato, permetto di riprodurre praticamente tutti i tipi di stampa anche di qualità, laddove il layout di pagina è importante e aggiunge qualità alla lettura stessa (mappe e figure, caratteri e formattazioni pagina speciali etc etc etc.
    Per il momento la sua struttra non permette l'utilizzo diretto di dizionari e segnalibri, ogni produttore di ebook ha un suo metodo propietario (più o meno) per ovviare a questo problema, quando possibile.
    Alcuni lettori epub però non supportano dizionari e segnalibri in toto, i libri si aprono sempr ee solo all'ultima pagina letta, con mobi sarà così ma potete mettere anche segnalibri in infiniti altri punti e richiamarli in qualsiasi momento.

    Io personalmente non sono un fanatico del layout di pagina e preferisco mobi, almeno fino a che epub, che è un formato più "tipografico", non diventi più atento alle eseigenze user più basilari (dizionari e segnalibri ;))

    RispondiElimina
  75. Una precisazione su quanto detto da wargarv che parla di dizionari e dice che il touch è inutile.

    Io possiedo un Sony Prs 650 e un Kindle non touch. Quando leggo libri in italiano forse è più comodo il Kindle per l'ergonomia dei suoi pulsanti ai lati dello schermo.
    Quando leggo in inglese il Sony touch è infinitamente più comodo, in quanto mi basta fare doppio click sulla parola e automaticamente si apre il dizionario in una porzione dello schermo (se vuoi puoi allargare a tutto schermo).
    Immagino che sia una feature del s.o. del Sony perché funziona indipendentemente dal formato del file.
    Non ho mai provato il Kindle touch perciò non so come funzioni lì il dizionario. :)

    Baci e buon Natale. ;)

    RispondiElimina
  76. un altro Kindle appena venduto per Amazon :)

    RispondiElimina
  77. Da ex snobbatore della tecnologia eInk, ti quoto abbestia, Doc.

    La tua esperienza è para-para la mia: prima snobismo, poi amore al primo uso.

    Io però ho "rischiato" e ho preso un Nook Touch :)
    Anche l'occhio vuole la sua parte :P

    RispondiElimina
  78. Quoto Skalda.

    Forse il touch per assurdo è meno utile in fase di lettura, ma quando devi muoverti tra menù e altro, è infinitamente più versatile :)

    RispondiElimina
  79. doc per caso prima di accaparrarti il kindle 4 avevi visto della concorrenza italiana? ossia il leggo ibs 612 a 169 euri che è anche touch (non ce ne frega ma c'è), espandibile con micro sd, lettore mp3 integrato (vedi come per touch), compatibile con molti formati, perfino l'odiato pdf?
    se la risposta è no, magari qualcuno che ha commentato e che conosce l'aggeggio di ibs può dirmi che ne pensa? gracias

    RispondiElimina
  80. e' buffo considerato il mio lavoro ma quando leggo un libro ho bisogno della carta...

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails