lunedì 28 novembre 2011

28

Real Steel, real cazzotti

There's no easy way ciao
Sì, ok: lo sai benissimo. Sai che vi aspettate vi si dica che Real Steel è una porcheria allucinante, un film involontariamente di ridere, come quelle commedie demenziali lì, quelle di Michael Bay coi robot che si trasformano in versioni zingare di Fantozzi e Benny Hill. Del resto, a queste coordinate si è cominciato a fare ironia su Real Steel più o meno nell'istante stesso in cui questa storia di pugilato e robottoni è stata annunciata al mondo (qui e soprattutto qui). Oppure, magari, in cuor vostro vi aspettate che vi si dica che Real Steel è una pheegata astrale. Perché il fanciullino interiore sepolto dentro di voi ha sete di cazzotti robotici. Il problema è che Real Steel è un film perfettamente, fastidiosamente medio […]
Tratto da un racconto di Richard Matheson (quel Richard Matheson), già diventato una puntata di Ai confini della realtà nel '63
Va detto innanzitutto che se Real Steel non riesce incredibilmente a coprirsi di ridicolo, come le commedie slapstick robottate di Bay, è perché il regista Shawn Levy - sulla cui carta d'identità, alla voce professione, c'è scritto "faccio film per famiglie" - punta un po' per scelta e un po' no, visto che è un film Touchstone/Disney, alla commedia fantascienza anziché al drammone ammerigano alla Over the Top. Qui il padre che deve costruire un suo rapporto con il figlio non è un uomo burbero ma buono, ma un cialtrone che di quel rapporto farebbe volentieri a meno. Ma la storia dei film per famiglie è costellata di simpatiche canaglie folgorate sulla via del popcorn da adorabili figlioletti saputelli scassameenchia che fanno fare loro la figura dei pistola in continuazione, e Real Steel si adagia placido nel solco della tradizione.
Il campione da battere si chiama Apollo Zeus. E ha al suo fianco una pheega di legno russa spietata come Ivan Drago. Manca giusto il mohawk di Clubber Lang e… ah, ecco
Scorre via così, Real Steel, per quasi due ore di un action comedy i cui momenti comici fanno ridere i polli (la battuta sui videogiochi in giapponese è da abbandono della sala, la scena del ballo da impiccagione degli sceneggiatori), mentre quelli action, gli incontri, sarebbero pure piacevoli - cioè, ci sono dei robot che si picchiano - se solo non fossero tutti così telefonatissimi dal primo all'ultimo istante. E per ultimo intendi proprio ULTIMO
Il controllo dei robottoni è un misto di comandi vocali e roba di sudare da sogni bagnati per Nintendo
Scorre via, tra qualche spiegone, product placement molesto, un (piacevole? Voluto? Te lo sei sognato?) omaggio a Ultimate Warrior e pochi, fortunatamente pochi momenti stevenspielberghi padre/figlio con colonna sonora da amaro montenegro, sapore vero, quelli sì sull'americano fastidioso andante. Non abbastanza squallido da dargli fuoco in una di quelle recenZioni che ai bambini piacciono tanto, ma sufficientemente scialbo da farti sbadigliare almeno quelle tre, quattro volte, nel buio di una sala popolata da ragazzini esaltati come scimmie. Ragazzini esaltati di quarant'anni. 
Evangeline Lilly. In una tua personalissima classifica sulle donne più grandiose dell'universo sarebbe almeno da podio
Una puntata di Robot Wars di due ore. Una puntata di Robot Wars di due ore in cui pilota e sponsor/team manager sono Hugh Jackman e quella grandissima figlia di Evangeline Lilly, anziché un paio di ingegneri stempiati e panzoni del Sarcazzenshire inglese vessati dalle mogli per tutto quel tempo e quei soldi buttati col saldatore in garage invece di fare qualcosa per la casa. Poteva essere un film di gran lunga migliore, ma anche una cialtronata infinitamente peggiore. Uno a uno, pareggio, se ne riparla al ritorno. Perché sì, chiaramente un Real Steel 2 lo fanno. Avevate qualche dubbio?

28 commenti:

  1. Mi da che vado a vedermelo appena ritorna il weekend... Tanto per riportare alle memory le puntate di Robot Wars condotte dal mitico Lucchetta...

    Doc a quando un post sul wrestling? Domenica scorsa e' tornato "The Rock"... Mica cavoli...

    RispondiElimina
  2. Che palle 'sti prodotti medi, 'sti film medi, ste durate medie di due ore, questi personaggi medi che fanno cose mediocri, momenti comici medi, battute medie. Basta!E' ora di mostrare il dito medio...
    Recensione fortunatamente sopra la media, ma questa leccata ce la risparmiamo.

    p.s. carissimo CaraBaggio(minchia Giònni...Carabbaggio!) la WWE ormai è un prodotto così medio e leccato che mi fa rabbia. A te no?

    RispondiElimina
  3. Eh, mi tocca andarlo a vedere, ho un fratello e circa 3 coinquilini in possente scimmia. Non che la cosa mi dispiaccia.

    RispondiElimina
  4. Ma c'é l'attacco col saltino?

    RispondiElimina
  5. @Helldorado: purtroppo si molte cose ormai fanno cagare a casa di zio Vince... Per fortuna seguo TNA e ROH...

    RispondiElimina
  6. @Caravaggio: idem...anche se con poca continuità.

    RispondiElimina
  7. Io dico solo che se fossi stato nei panni del bimbo, nell'ultima foto con la Sora Lilly, avrei prepotentemente divelto il giornale con un guizzo pelvico d'altri tempi.
    Ah, l'adolescenza...

    RispondiElimina
  8. @dr. Manhattan: ah ecco. Allora vado, grazie.

    RispondiElimina
  9. Lo credevo piu' interessante, andro' comunque a vederlo per farmene un opinione..., ma di certo non ho piu' l'entusiasmo di prima! ^_^

    RispondiElimina
  10. ma che siano peggio i film "medi" come questo o i film veramente brutti come Transformers?
    (nel dubbio praticamente non guardo nessuna di queste due categorie)

    RispondiElimina
  11. Doc, non l'hai sognato: ho visto il film in lingua originale perché ero qui a Londra, e in uno dei match Atom, il robot di Jackman, viene annunciato come proveniente "from Parts Unknown" :)

    RispondiElimina
  12. Piacevole, ma non nego di aver sbadigliato quando non si combatteva.

    RispondiElimina
  13. adesso mi prenderò una caterva di sputi...ma per me il mech blu con gli ideogrammi gialli è secondo solo al god gundam quanto a design!

    RispondiElimina
  14. Doc hai ucciso la poca voglia che avevo di andarlo a vedere...

    RispondiElimina
  15. A me il film è piaciuto, un po troppe lagrime ammerigane, ma come le mazzate me le sono godute.
    Doc, ma hai notato la pubblicità dell'xbox 720? Cioè stiamo nel 2020 ed stiamo ancora alla terza xbox? Anacronismo futuristico! :)

    RispondiElimina
  16. Nicole Evangeline Lilly...

    è dai tempi di Lost che mi fa impazzire. ma un post dedicato non se lo merita?

    RispondiElimina
  17. Morale: ha i pugni nelle mani ma è anche un film che esce la gente. :D

    RispondiElimina
  18. Bravo Marte che si legge i tag.
    Vutecco: di Lilly si è parlato un paio di spropositilioni di volte a queste coordinate. E sì, in effetti hai ragione. Sono poche.

    RispondiElimina
  19. Visto pochi giorni fa al cinema, in effetti nulla di originale, ma quel nulla è costruito comunque decentemente, carino in fin dei conti, o come dici tu: Medio.

    RispondiElimina
  20. Beccatevi la chicca, gente.
    L'episodio di Twilight Zone del '63 citato nel post: "Steel"

    http://www.youtube.com/watch?v=tYyfdNPh7No

    Qui product placement della Dr. Pepper non sembra essercene.

    RispondiElimina
  21. Penso che andrò a vederlo, giusto per passare una serata di relax guardando robottoni che si smazzulano per bene ma soprattutto x vedere Lilly che......ma in quella foto che hai messo risveglia la tigre che è in me anzi gli occhi della tigre!!!!

    RispondiElimina
  22. Evangeline Lilly sul podio delle pheeghe astrali? Hai già tradito l'Oliviona internazionale? Che delusione che ci dai Doc...

    RispondiElimina
  23. L'ultima volta che ho controllato, Brau, un podio aveva tre gradini :D

    RispondiElimina
  24. E sul terzo gradino chi c'è?
    Ora sono curioso!

    A proposito ma te lo ricordi un gioco, epoca ZX Spectrum, con combattimenti tra robot molto simile a questo?

    RispondiElimina
  25. Mah, sarà ma ho fiutato la boiata dal trailer visto al cinema.
    Poi magari si va pure a vederlo, ma le aspettative già erano basse. Anzi, medie.

    Detto questo, Doc, ho testè ricevuto in dono un tomo Mondadori di 1600 pagine di un certo Signor Martin, Volume 1. E pensare che avevo letto solo superficialmente i post sulle Cronache, e quello che mi era rimasto impresso era la pessimità della versione italiota. Chiedo a te quindi, conferma: Il trono di spade, Il grande inverno, Il regno dei lupi e La regina dei draghi sono i primi quattro, si?

    RispondiElimina
  26. Macphisto: Mh? Quello non lo ricordo. Però Teleroboxer per Virtual Boy è uguale uguale.


    omoragno: yep, sono loro.

    RispondiElimina
  27. Visto ieri sera, concordo con te.
    Non è brutto, neppure eccelso. I "cattivi" sono troppo mosci e il nocciolo della faccenda è già stato usato per troppi film.
    Ma ammetto che il combattimento finale mi ha esaltata parecchio!

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails