lunedì 17 ottobre 2011

51

Le pubblicità fuorvianti di Topolino (stagione II, parte IV): maggio 1986

Ed è il profumo di cose vecchie, e anche un po' la puzza di muschio del mostruoso Moss Man, ad accogliervi, quando si aprono le porte della nostra corriera carburata a fulmini da 1 punto 21 gigowatt. Rotta per il maggio del 1986 (con la doppietta calabrese Topolino 1589 - 1590, 11-18 maggio 1986, 1200 lire cadauno), dove vi aspetta un robot trasformabile perfino più arrapante dei Transformers. Sì. sul serio [...]
"Sì, vabbuò", gli risponde He-Man. "Però fatti un po' più in là che minchia se puzzi, Moss Man"
E attenzione. Entriamo subito a gamba tesa nei sentimenti. Non solo perché ci sono le merendine Motta che erano ancora le merendine Motta, e non quelle robe truffaldine che oggi ne portano indegnamente il nome (e sì, quelli a destra sono i tartufini. Potete lasciarvi travolgere dalla nostalgia Canalis), ma soprattutto perché quella è la mitica Giacca dell'Avventura con il Kit dell'Avventura. La giacca cerata con bussola, telescopio e tutte quelle altre robe lì che facevano tanto Indiana Jones e ti facevano venir voglia di metterti d'impegno per riuscire a perderti nella villa comunale. Ai tempi, e per quanto possa sembrare oggi incredibile, era una delle cose più pheeghe promesse dalle ammalianti pubblicità di Topolino. A riguardarla ora sembra una roba da ispettore dell'italgas, certo, ma che c'entra
Ora, non è che si voglia fare sempre i maliziosi a tutti i costi, però...
Il pallone ufficiale dei Mondiali in Messico dell'86, accolto dalle giovani tribù di selvaggi del pallone nello spiazzo o al parchetto sotto casa con fischi e lancio di ortaggi. Cioè, con seimila lire si compravano tre Super Santos o un tango e mezzo. Ma vaffanculo tu e Pique. Sai dove te lo puoi mettere il peperoncino?
Sempre Mondiali, che erano nell'aria, con la bella scoppola che ci avrebbero rifilato l'uomo dimmerda Platini e i suoi vili connazionali gianfransuà. Qui con i biscottini Ringo, che avevano ancora i vecchi biscottini Ringo con i ghirigori liberty sopra, si vincevano premi della Diadora autografati da Bearzot e impregnati personalmente del fumo della sua pipa, uno per uno
Un terrificante ROLEX DELLA POMPA in gomma, con corone, quadranti e cinturini intercambiabili. Occhio alle rime da arresto immediato
Dicevamo la volta scorsa di come nell'86 ci fosse quest'accesissima gara tra produttori di giocattoli, una sfida all'ultimo sangue a chi fosse stato in grado di lanciare sul mercato la macchinina più ZINGARA della storia dell'umanità. Ancora Gig, ancora le Macchine del Potere, con un mostruoso big-foot con rulli enormi al posto delle ruote. Rulli enormi muniti di ARTIGLI. L'auto che ti prende letteralmente a schiaffi in faccia e ti imbratta i muri di casa con scritte da black bloc era ormai a un passo
Polistil rispondeva da par suo con queste FINISSIME automobiline nere con decalcomanie fluorescenti di COBRA, TESTE DI TIGRE e altra iconografia assortita da poster in cameretta per gente tipo Enzo di "Un Sacco Bello". Da mostrare agli amici aggiustandosi il pacco con l'altra mano. Ghost Riders, i Principi delle Tenebre, che c'hanno il pacchetto di sigarette arrotolato nella manica e ai calci in culo una volta hanno fatto fare a uno sette giri della giostra con una sola pedata
No, per quanto lo sembri al certo per certo, non si tratta di una pubblicità di assorbenti, di quelle con le testimonial sceme e sorridenti, ma di un'inquietante roba naturalistica per convincere le ragazze a comprarsi un motorino dell'Atala
E infatti la cosa inquietante è che lo stesso tipo di immagini e rimandi, il cielo azzurro, la favoletta, siano stati usati anche dalla Malaguti per la pubblicità del suo tre ruote per ragazzini. E poi, dai, già che me lo chiami Ranocchio. Dovrebbe rendermelo figo? ma ti rendi conto che sono i tempi dei Principi delle Tenebre, Malaguti? Ma mettici un paio di artigli. Le fiamme. Gli adesivi zingaraggressivi. No, perché se no chiamamelo direttamente "Tre ruote dimmerda". "Puttanata inutile verde". "Tanto dove minchia la trovi un'area privata in cui girarci assieme a quel pirla di tuo padre che te l'ha comprato, povero stronzo?"
Visti li abbiamo visti. Ma te ti sei guardata, ciccia? Con quei cosi da pappone in acido? Con gli elastichini rosa fluo in tinta? Vestita a quale modo, poi?
La grande simpatia dei fumettini Lego, dove i protagonisti erano sempre dei pupazzini Lego particolarmente pistola. Quelli che tipo armavano INGEGNOSISSIMI stratagemmi per truccare le corse di cavalli...
O quelli che facevano gli astronauti colorati e sorridenti ma si rompevano i coglioni dopo aver esplorato un pianeta per CINQUE SECONDI, venendo puntualmente sputtanati da un robottino-spazzino saccente. Che alla fine erano pure costretti a dirci bravo e hurrà, ma subito dopo l'ultima vignetta, appena finita la storia, lo disattivavano a calci dalla rabbia
Voltron! Ma chiamiamolo pure Golion! Evviva! Ma... aspetta un momento... chi diavolo se ne frega di 'sto coso? Il Zarkon Zapper? Datelo alle capre. Dove sono i leoni?
Eccoli! Solo che... Ma no! Quella è la pezzentissima Allura con il blue lion. Non a caso le fanno fare la gamba destra, quando proprio si ricordano di agganciare pure lei. Un sacco di volte la lasciano a casa, così, per maschilismo, e Voltron va a combattere saltellando. Hic sunt peones
5.500 lire Benetton compreso. Oh, c'è scritto. Minchia l'investimento. Ora puoi accampare diritti su una bella fetta di autostrade
Il Philips Kubo sarebbe stato l'anno dopo il tuo primo stereo, visto che l'impianto Technics costava un occhio e i tuoi non te l'hanno voluto comprare. A ogni modo: arriva il Compact Disc, e Philips sceglie per pubblicizzarlo tutta una roba concettuale, un'illustrazione con chiari rimandi alla fantascienza anni 60
Una pagina dopo, però, per ribadire il concetto, nel dubbio che i rimandi non fossero in effetti abbastanza chiari, ci piazza una bella ficALBA!
"Il tuo spettacolo di sogno". Ma sì, dai, Gig, usiamole a cazzo di cane queste preposizioni, che ci frega, vaffanculo. Anzi, la prossima volta chiamala La Ballerina dai Sogni. Tra i sogni. Pei Sogni. Pei Sogni è la morte sua
I pesci della pesca magica cambiacolore. Tu li peschi, loro cambiano colore. Tu li chiami, e loro votano la fiducia quando hanno promesso che non l'avrebbero fatto. Poi, qualche mese dopo, diventano viceministro
MASK, ma anche un Giacomo Crosa ai tempi della prima comunione e Doppio Slalom, il programma che piaceva così tanto a voi ragazzi di ieri, voi. In quei mesi lì partecipava come concorrente Auro Bulbarelli. Il resto è storia della televisione gialappata
"Siamo i Popples morbidoni e..." 1) opplà salterelloni, 2) sgorbi orribili che con le nostre pubblicità per daltonici abbiamo rotto sinceramente i coglioni
E godiamoceli, i Transformers nel loro anno più mostruosamente mostruoso: gli Excavators, nonostante i nomi ridicoli rifilati loro in italiano di cui si diceva (Rollo? Ringhio?)...
...che uniti formavano quella figata astrale viola e verde acido che rispondeva al nome di Devastator
Ma anche e soprattutto lui, Commander, col suo rimorchio con dentro il buggy lunare, che ti sei sempre chiesto: ma quello non si trasforma? E' un Transformers scemo? Una di quelle storie tipo Nonna Papera che alleva le galline? Mah
Dicevi però all'inizio che c'era qualcosa in questi due numeri che nel campo del robottame trasformabile trovavi all'epoca perfino più arrapante dei Transformers (l'ha detto! Ai forconi! Uccidiamolo!). Questa. La Robo Machine Puzzler Fiends di Bandai (in originale Machine Robo Devil Invaders), con i suoi demoni mostro robotici
Dice: eh, ma erano clonazzi dei Transformers! Non proprio. Erano semmai cloni dei Diaclone Takara, da cui i Transformers erano nati, e sarebbero andati anche loro a infoltire le fila dei GoBots in America
Questo coso qui con i veicoli, invece, faceva pena e schifo. Visto che devi esserti perso quel numero, ti sei sempre chiesto: se l'auto-robot (occhio al trattino) numero 6 era "la gamba destra", quello bianco lì, il numero 4, che cos'era, la GRANDE FUNGIA CENTRALE?
I piatti degli amici del Mattino. Mandavi il tuo disegno e, se non si trattava della solita cippa travestita da coniglio, c'era pure caso che vincessi il tuo piatto personalizzato
Una caccia al tesoro organizzata a Milano dall'Euromercato. Dal vivo. In strada. Con la possibilità di spostarsi gratuitamente sui mezzi dell'ATM per cercare gli indizi. Minchia lo sbattimento, nei concorsoni analogici prima dell'avvento dell'internetto
I simpatici Pin e Pon, colore e tenerezza, che non se li è incoolati mai nessuno e sono spariti dalla scena più in fretta del Mattel Aquarius
Chiudiamo, come sempre, con le colorate avventure dell'algida stronza. Diva e Derek se ne vanno in discoteca e si portano le cassettine da casa, come due grandissimi pezzenti. Non vi fermate a guardare il trucco da travone di Derek, per cortesia: concentratevi sui bellissimi CALZINI GIALLI DA DROGATO di Derek. Sono abbinati con la camicia. E con i denti
E poi arriva lei, la diva, Barbie Rock Star, con una finta chitarrina che finge di suonare tipo tastiera al collo di Sandy Marton. Il mondo scintillante del rock, con l'alluminio domopack sulla pista, l'aspetta! Dice: frena un attimo, e Ken? No, niente. Lui l'hanno lasciato fuori nel parcheggio, in macchina. A guardare i cappotti
Le altre pubblicità fuorvianti di Topolino dovrebbero essere sempre tutte qui. Cioè, non hai controllato, ma vai sulla fiducia.
Per chi si chiedeva invece se Batman: Arkham City fosse effettivamente un videogioco-paura da comprare a occhi chiusi, la recensione scritta da questo bell'uomo la trovate su videogame.it a questo indirizzo. E la risposta comunque è "CAZZAROLA!".



51 commenti:

  1. Lacrime sincere per i Transformers...Gli Excavators rimangono un rimpianto, mai potuto giocare con il robottone completo, mancavano la gamba destra ed il braccio sinistro. In quanto a Commander (Optimus chi?)ce l'ho ancora: senza pugni, persi tipo un mese dopo l'acquisto, e senza rimorchio finito chissà dove.

    Come tonico del lunedì niente di meglio delle pubblicità fuorvianti!

    RispondiElimina
  2. The cryptkeeper17 ottobre 2011 09:19

    Impossibile non soffermarsi sul look di Derek.Nonna Papera alleva galline perchè ha visto "The Island".

    RispondiElimina
  3. Doc, ora con calma, in assetto stealth, mi leggo tutto il post. Ma sappi fin da ora che la compilation di Barbie Rock Star rulla abbbestia.
    Più tardi magari ti spiego pure com'è che lo so... xD

    RispondiElimina
  4. il viceministro della pesca magica, lolle.

    RispondiElimina
  5. Ma anche la didascalia della BiciMX. :D

    RispondiElimina
  6. Per amore delle statistiche (e anche per affetto): io adoraco Pin e Pon! Costavano poco ed erano teneri!

    RispondiElimina
  7. Devastator ce l'avevo ed era effettivamente una figata colossale. Grande commozione

    RispondiElimina
  8. Gerard Pique nasce il 2 febbraio 1987, cosa che ci fa supporre sia stato concepito tra giugno e luglio dell'86.
    proprio in quel periodo si svolgevano in messico i mondiali la cui mascotte si chiamava appunto "pique"
    coincidenza? noi di voyager pensiamo di no..

    RispondiElimina
  9. Doc quella è la mitica Sprinter Trueno (della Fungia, appunto) che non sapevano proprio dove metterla, ma dovevano metterla (come in GT5) e allora l'hanno messa lì, quasi come se fosse arrivata in volo da dietro a avesse sfunnato il bacino del povero...come si chiama? ah, sì, Robo Puzzone Machine.

    RispondiElimina
  10. Sei un raggio di sole in una mattina fredda e uggiosa, Doc!

    RispondiElimina
  11. Ce l'avevo Moss Man !!! è stato il mio primo Masters

    RispondiElimina
  12. Giovani, continuate a deludermi oggi giorno un po' di più. Non importa quanto sia risibile il giocattolo, qualcuno ce l'aveva. Ce l'aveva sempre

    ;)

    RispondiElimina
  13. OT on: io mi rifiuto di comprare Batman: Arkham City al D1... prima quella storia di Robin solo via PreOrder, poi Catwoman disponibile con l'Online Pass (con tatnto di un paio di scene relative della storia bloccate)ma baffanculo va! Continuo a giocarmi Guardian Heroes e Batman lo prendo usato.

    RispondiElimina
  14. Mossman: l'avevo
    Zi Enimol: l'avevo
    Commander: l'avevo

    Ma la giacca dell'avventura, mannaggia, quella l'ho sempre voluta e invece...

    RispondiElimina
  15. stavo morendo sul voltron che saltella ripensando a questa meravigliosa vignetta di the sparker:

    http://i19.servimg.com/u/f19/14/29/51/72/voltro10.jpg

    godetevela :D

    RispondiElimina
  16. Io del Gobot scrauso avevo il robot che faceva la fungia centrale!
    Il Devil Satan ( vero nome del Puzzle fiend mostruoso) lo volevo un casino ma mai avuto.
    Compare nella serie Machine robot : revenge of Cronos di cui si è parlato nel topic dei Chogokin

    Eccovi la trasformazione ( a 1:32)
    http://www.youtube.com/watch?v=bva98QyIhLE

    RispondiElimina
  17. Io, "MossMan", me lo ricordavo verde...

    S'è seccato? (per come è stato trattato sull'antro... :P ).

    RispondiElimina
  18. Ah, ma tu scrivi per videogame.it!! Scusa eh Doc, è che ancora sto cercando di capire chi è che sto leggendo. Sai com'è, ho trovato il tuo blog per caso mentre cercavo notizie su Marvel vs Capcom 3! :P

    Comunque una cosa importante, no, davvero, rispondi con un laconico "sì" o "no" alla mia unica domanda su Arkham City: ma non è che hanno trasformato il mio adorato Enigmista in una specie di Saw dei poveri???????

    Perché ho letto praticamente TUTTI i fumetti su Edward Nigma (no, davvero!), e lui non è mai, MAAAAI stato un cupo e sadico tizio alla Saw. Mai. Ok forse in un fumetto solo ci è andato vicino, ma era infatti uno dei peggiori mai scritti.
    Invece dai trailers di Arkham City, il povero Eddie è cupo ed inquietante e sadico.... e insomma non è lui, assolutamente. (E poi perché gli occhiali da vista? PERCHE'??)

    RispondiElimina
  19. Dio mio ho le lacrime!! Doc. a scuola ero il migliore a disegnare cippe travestite da conigli!! :)

    RispondiElimina
  20. LunSei: sigh. Ho messo pure le scrittine spoilerose nella barra dei contents.

    Ah, e comunque, omoragno, qui stiamo aspettando di sapere come fai a sapere che canzoni c'erano nelle cassettine di Barbie.

    RispondiElimina
  21. Comunque Nick c'ha ragione. La famiglia Pique ha ufficialmente cambiato il proprio cognome nell'86 perché colpita dal pupazzo puparuolo dei Mondiali messicani.

    RispondiElimina
  22. Ce l'avevo il pallone di Pique.
    O meglio, ce l'aveva mio padre, penso, visto che a 5 anni manco mi ricordo di quel mondiale ma mi ricordo il pallone col peperoncino sopra o__O

    RispondiElimina
  23. Fighi son fighi, i Puzzle fiends, ma sbavando sbavando ti sei perso gli epici annunci pubblicitari

    "sembrano demoni ma si trasformano in mostri!"

    alla faccia del disguise.

    RispondiElimina
  24. Sembrano demoni, ma si trasformano in demòni

    RispondiElimina
  25. Ex proprietaria di Pin e Pon anch'io! Doc, sei circondato! :)
    Nota di biasimo per gli esploratori spaziali Lego fancazzisti

    RispondiElimina
  26. madonna quel coso verde lo tenevo... era una cosa intoccabile.
    Poi perchè quel polpo dovrebbe gioire nel cambiare colore'

    RispondiElimina
  27. Mah, Doc, niente di che: la solita scusa del "ce l'aveva la mia sorellina minore..." xD
    Gliel'ho regalata per compleanno per fare pandane con la discoteca-di-Barbie col mangiacassette e le lucine incorporate.
    Ma la track list è qualcosa di spettacolerrimamente degna di un post anni 80 a parte :D Se vuoi ti elenco le tracce...

    Comunque, è da un po' di post topoliniani a sta parte che mi sta sorgendo lentamente la consapevolezza del fatto che mentre ricordo benissimo la corrispondenza tra pubblicità fuorviante e balocchi in possesso di mia sorella (ricordi il Winnietù Terminator fantascienzio? Skaterella? La malefica famiglia Cuore? Oltre alle qui presenti Barbie Rock Star e la Ballerina dei sogni e, orrore i Popples), non riesco a farmi sovvenire una altrettanto stretta corrispondenza con i miei, di giocattoli...
    Piuttosto la ritrovo con i vari "l'avrei tanto voluto" ed i "per quello avrei dato un rene".
    Le cose sono 2: o la mia memoria selettiva è sintomo di un qualche malcelato risentimento nei confronti di mia sorella, o a me rifilavano paccottiglia mentre per lei ogni "lo voglio" era un ordine.
    Propenderei per la seconda ipotesi, visto che, in effetti, quei giocattoli li, quelli da "darei un rene" io non ce li ho mai avuti (mentre i reni li conservo entrambi...).
    Oppure mi piacevano di più i suoi di giocattoli, ma a questo punto non sarebbe bello stare qui a parlarne...

    Fine dell'angolo del Doc Froid... xD

    RispondiElimina
  28. PS: c'è da dire che la cassetta me la sono copiata in tempo zero (etichettandola con un anonimo "Rock Star Compilation", cassando i nome dell'algida) e sparato a loop nel walkman per ore-e-ore.

    Decenni dopo sono arrivato pure al punto di contattare via mail una Barbie maniaca collezionista per farmi dire la track list per, ehm, rimediare gli mp3.

    RispondiElimina
  29. E la collezionista non ti ha risposto "E' vecchia, ciccio"? :)

    RispondiElimina
  30. Ma che! Era tutta fomentata che qualcuno se l'era cacata... ha smosso mary&monty® (visto che lei aveva un'altra versione della compilation) tra i suoi colleghi collezionisti e alla fine ho avuto la famigerata track list.

    Ora non ce l'ho qui, a casa te la procuro. Comunque parliamo di capolavori del calibro di Papa Don't Preach di Madonna, Holyday Rap di MC Miker G. e DJ Sven, Venus delle, udite udite, Bananarama, Spirit in the sky performata dai Doctor and the Medics. Ma anche Touch me di Samanta Fox e i Berlin con Take my breath away, il tema di Top Gun di cui si parlava a queste coordinate tempo fa...
    Cosine così insomma... xD

    RispondiElimina
  31. Per quello che concerne il concorso dell'Euromercato, mi sento di dire che avrei rischiato la sifilide contraibile sui mezzi ATM pur di avere la Aletta Elettra.
    No, non ai tempi che manco ero nato, dico ora, anche se la precedente Sst 125 per quanto paninarissima era preferibile.

    RispondiElimina
  32. Ecco adesso sono in ansia di sapere cosa incontreranno gli omini della lego dentro il mondo cavo.
    Però la scritta del Robo machine "E ricordati: può diventare il braccio artigliato del tuo robot più grande. Dipende da te."
    Frase da farti sentire in colpa che ti fa pensare che c'è in gioco il destino del mondo e dell'intero universo e se non lo compri subito sarà tutta colpa tua... Giocavano sulle menti labili ed egocentriche dei bambini D:

    RispondiElimina
  33. Complimenti al Philips Kubo che costava SOLO 1.099.000!!! Una botta di soldi! Per, se eri nella merda, potevi comprarti il 25 TANDEM, a soli 599.000 sacchi!
    Tra i bellissimi premi della Caccia al tesoro dell'Euromercato (quel logo mi ricorda tanto qualcosa...) ricordo la fantastica Moto di Bruce Lee Cagiva (voto 2/10!), i famosi Compact DisK, una bellissima Lavastoviglie da vincere a Piazzale Lotto e portarsi a casa in metrò fino a Lampugnano e poi in bici fino a Gallarate - ma vuoi mettere la soddisfazione di vincere, a 8 anni, una lavastoviglie a una caccia al tesoro?!? Se non vuoi la lavastoviglie, c'è sempre una bellissima Macchina per cucina (azzo è?).

    RispondiElimina
  34. Io avevo un popples... e quanto ci ho giocato a pallavolo... ahahahah, spettacolare!!
    Non dimenticarti anche della cucina/banco degli attrezzi/set vanitoso: non ricordo la marca, ma so che almeno con la cucina ci giocavo anche io, ahahahah

    RispondiElimina
  35. Io dell' Euromercato di Carugate ho un ricordo molto forte: era un Natale di non sò che anno ( ero un bambino però) e qualcuno alla dirigenza decise di assumere un sacco di giovani ragazze vestite da Babbo Natale in minigonna ( che le veline a confronto sembravano Maria Goretti) e su pattini a rotelle che giravano per il supermercato a fare non si sa bene cosa.
    Una roba pazzesca, manco fossi in certe commedie scollaciate americane anni 80 o qualche anime ecchi.

    RispondiElimina
  36. DocManhattan: eh? Non ho capito... quali scritte spoilerose nella barra dei contents?

    RispondiElimina
  37. Lun: hai ragione, ho scritto di frettissima e ne è venuta fuori una roba criptica in ostrogoto antico.
    Mi spiego: nella barra a destra Contents c'è anche, in fondo, una voce collegata al mio profilo. Per sapere chi sono, che faccio e perché stavo giocando a Batman un mese fa.
    Siccome nessuno capiva che diavolo volessero dire quelle barrette con le faccine di Batman, Zanetti e R2-D2 (per quanto tenendoci il puntatore sopra usciva l'attributo alt), e mi venivano chieste sempre le stesse cose via mail, ho aggiunto le scrittine.
    Che non mi piacciono, ma dovrebbero aiutare un minimo. Dovrebbero :D

    RispondiElimina
  38. Moss Man sapeva un po' di Arbre-Magic, Stinkor sì che puzzicchiava un po'. Ma poi perchè è scritto Moss Mann nel fumetto? Era il cugino di THomas Mann? Michael Mann?

    Ancora rimpiango di aver regalato tutti i Masters, il Daltanious e tante altre cosucce ai bimbi terremotati! A tornare indietro a giocare con le macerie li lascerei!

    RispondiElimina
  39. Doc ma di Spiderman: Edge of time che mi dici?

    RispondiElimina
  40. Che è una fottuta disgrazia. Serve altro o incarto? :)

    Il primo trailer del nuovo gioco, The Amazing Spider-Man (che per la cronaca parrebbe in sviluppo da almeno un anno) sembrerebbe già molto meglio. Non sapessi che dietro ci sono sempre quegli analfabeti di Beenox

    RispondiElimina
  41. Nota da nostalgico dei Masters. Notare la coda del Bluelion, quel cannoncino montato lì, così a caso del tipo "non montamoglielo nel culo che pare brutto ma sulla coda", non era altro che la pistola di Man-e-Faces lì riadattata!

    E giurerei che nelle ultime uscite dei Masters l'avessero riciclata anche a qualcun altro, ma non ricordo cho!

    RispondiElimina
  42. meraviglia l'omino lego truffaldino

    RispondiElimina
  43. io ho avuto la giacca dell'avventura,faceva un caldo boia pero' le maniche erano staccabili,ma non una cippa lippa di accessori!!!!

    RispondiElimina
  44. Avevo la casetta di Pin e Pon, e nonostante il disgusto generale io la adoravo!!! I fiorellini alla finestra che si vedono nell'immagine postata facevano anche un pietoso saliscendi per simulare la crescita!
    Ringrazio infinitamente il Doc per avermi fatto ricordare di Pin e Pon!

    RispondiElimina
  45. Ma ci avete fatto caso che Moss Mann assomiglia a Fred Sanford???

    http://i2.listal.com/image/2237717/500full.jpg

    RispondiElimina
  46. Grazie Doc, veramente mi sono emozionato rivedendo la giacca dell'avventura (e i gadget) che avevo e che adoravo alla follia. Così come adoravo Commander e il pugno eiettabile... :)

    RispondiElimina
  47. i Popples!!! ed io che ne ho anche acquistato i diritti di messa in onda tre anni fa dalla DiC Entertainment!!!! assurdo.....

    RispondiElimina
  48. Ma la fighetta in tenuta sportiva da ciclette non è la ventura?

    RispondiElimina
  49. Ma sto ridendo da mezz'ora... nonna papera che alleva le galline, ma anche "pippo che parla e pluto no" direi!!! sei un grande! E grazie per le pubblicita'dei go-bots, le cercavo.
    ConteDDracula

    RispondiElimina
  50. Lo so che questo post è vecchio ma io ho scoperto questo blog ora e insomma, io avevo LA VILLA DI PIN E PON che era la cosa più figa dell'universo, quindi mi sentivo di commentare per riabilitarli.

    RispondiElimina
  51. Moss man ce l'avevo... e poi ha cominciato a soffrire di alopecia su tutto il corpo!!

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails