lunedì 24 ottobre 2011

36

Hip hop: l'old school, ai tempi delle school superiori

Prima delle pistolettate, della west coast, del gangsta rap, dei truzzi violenti con la catena d'oro al collo e un paio di pallottole in corpo, prima di tutte quelle canzoni sulle glock e sulle mignotte, prima, insomma, c'era solo l'east coast. Con i suoi truzzi simpatici col cappellino e quelli meno simpatici che parlavano di politica, ma sempre col cappellino. La golden age dell'hip hop, da metà anni 80 fino al '93, quando hanno iniziato a spopolare i gangsta rapper (quel cazzo di Dr. Dre) e lo stile della Costa Ovest, ed è finito tutto […]
Stamattina ti sei svegliato e avevi in mente per una qualche ragione una cassettina che ti portavi dietro sempre ai tempi, macinata a ciclo continuo dall'Auto Reverse. Quando salivi le scale del liceoginnasioBTelesio con le airwalk ai piedi e il walkman interlacciato alle orecchie, con le sue pile litigate quotidianamente al game boy, il volume a cinquantamilaedieci. Dentro, tipo, c'erano:
  • Public Enemy, Don't Believe the Hype, secondo singolo tratto da It Takes a Nation of Millions to Hold Us Back, 1988, l'ABCDEFGHI della musica hip hop.
  • Sempre i Public Enemy, Bring the noise, 1987, dalla colonna sonora di Al di là di tutti i limiti, titolo (dimmerda) italiano di quel Less than Zero tratto dall'omonimo romanzo di Bret Easton Ellis.
  • I Beastie Boys - cazzo quanto ti piacevano i Beastie Boys - Shake Your Rump, 1989, ma più in generale metà di Paul's Boutique, un album pazzesco, bellissimo, fantasticoso. 
  • Run D.M.C., It's Like That, 1984, la Storia con la S, la T, la O, la R, la I, la A e pure qualche altra lettera maiuscola, così, per sicurezza. Sì, anni dopo ti sarebbe piaciuto anche il remix hip-house del '97. Nei giorni oscuri del dominio incontrastato delle Spice Cesse, vederlo spadroneggiare su MTV con il suo video in salsa b-boy battle caciarona era una vittoria da festeggiare col pugno sinistro levato al cielo dal terrazzino di casa.
  • Afrika Bambaataa e Soulsonic Force, Planet Rock. Era già un grande classicissimo allora, 1982, campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo (tre volte). Il brano che in pratica gettava le basi per electro, techno, house, trance e un'altra dozzina di generi musicali diversi, senza neanche accorgersene. Ma nella tua cassettina BASF da 90 minuti trovavano anche spazio, giusto perché ti stavano simpatiche:
  • MC Hammer e i suoi pantaloni bracaloni, prima che si sputtanasse tutti i soldi in cazzate, U Can't Touch This, 1990, che si dovrebbe odiare, a prescindere, per quei balli ridicoli di cui ha riempito locali e discoteche, ma ti metteva allegria, e la si perdona. Esattamente come 
  • Dimples D., rapper donna che nella vita ha tirato fuori solo ‪Sucker Dj, brano che nell'83 non si era incoolato nessuno ma nel '90 diventa un successo totale-globale perché qualcuno ci butta dentro il tema di I dream of Jennie/Strega per amore‬.
Ora sei costretto a riascoltarteli a nastro per tutto il giorno mentre lavori. Con la testa ciondolante e strisciando i piedi sotto la scrivania. Già lo sai.

36 commenti:

  1. Prima! :)
    Ero ancora piccola all'epoca, ma mi ricordo tutti questi brani molto bene. Compreso il tormentone di MC Hammer, usato poi in un sacco di film.

    RispondiElimina
  2. Con questo argomento c'azzecco poco, sia per il genere musicale nello specifico, che ho sempre trascurato, sia per il fatto che alle superiori non mi interessava ascoltare musica.
    È stato con l'arrivo della macchina e del suo stereo che ho cominciato a sviluppare un gusto musicale.
    Per il metal.
    Oh yes.

    RispondiElimina
  3. Paul's Boutique: ho distrutto la cassettina a furia di sentirla.

    RispondiElimina
  4. L'Old School è immortale, anni prima di culi, catenazze e piscine.

    Cito così en passant A Tribe Called Quest, The Roots, Afrika Bambaataaa...

    Eh sì, a fine anni 90 anche io andavo a scuola col walkman a palla e dentro un sacco di hip-hop. In mezzo a branchi di metallari e kobainisti (bleah).

    RispondiElimina
  5. Ah quanti ricordi Doc. !! E pensare che tentavo di ballare come M. C. Hammer...:( Quante lacrime napulitane!!

    RispondiElimina
  6. Grazie per il tuffo nei ricordi, doc. Il walkman primo modello, quello con lo sportellino viola, ce l'ho ancora :)

    RispondiElimina
  7. Mai piaciuto Hammer , ancora meno quando hanno fatto l' odiosa e inutile serie animata a lui dedicata

    http://www.youtube.com/watch?v=w8WYh8uz3pQ

    RispondiElimina
  8. Gran bel post.
    Io con il genere arrivo fino al '92 con gli Arrested Development.
    E poi come non ricordare la bravissima, simpatica e bellissima Neneh Cherry.

    In quanto a MC Hammer e alla degenerazione del genere la penso come Bill Hicks: http://www.youtube.com/watch?v=hA34SbTTCRY&feature=related

    RispondiElimina
  9. Grandissimo Dottore ... che stupendo articolo! Dio quanti ricordi ...
    Premetto che sono nato negli anni '80 per cui la Golden Age e la genesi del rap l'ho vissuta poco (troppo piccino). Però nel tempo l'ho recuperata ed assorbita alla grande. A modo mio omaggio l'Antro Atomico con un canzone di Clementino che omaggia a sua volta questi "mostri sacri" (Mettici pure De La Soul oerò).
    Oh ... comunque eccoti il pezzo, spero che gradisca la cosa:

    http://www.youtube.com/watch?v=7x-IRDNxHUE&feature=feedwll&list=WL

    "Napule sona' nu'n stona!"

    RispondiElimina
  10. io adoravo anche "it's Tricky" con la base di My Sharona. E Reckless :D

    RispondiElimina
  11. Phalanx80: i De La Soul non mi piacevano granché, al di là del tormentone Me, Myself and I. Ai tempi in alcuni locali al venerdì sera c'erano le gare di freestyle. Sei, sette anni dopo, se chiedevi a uno del rap ti diceva che sì, gli piaceva il culo delle ballerine a bordo vasca nei video.

    RispondiElimina
  12. Miglior canzone natalizia:
    Christmas in hollis- RUN DMC

    RispondiElimina
  13. Christmas in Hollis, con la copertina di Keith Haring. Mio fratello aveva il 45 giri e lo sentiva un giorno sì e l'altro pure :)

    RispondiElimina
  14. http://www.youtube.com/watch?v=eM0SvzdbsXA&feature=relmfu

    RispondiElimina
  15. "...con le airwalk ai piedi..." E solo per questo Doc meriti la mia stima imperitura.

    RispondiElimina
  16. Fantastico articolo, pur non avendo vissuto quel periodo run dmc, public enemy, beastie boys sono i gruppi che ascolto maggiormente.
    Mi ha influenzato mio fratello maggiore facendomi scoprire la musica hiphop con Code Red di Dj Jazzy Jeff e Fresh Prince. Peccato che questo tipo di rap ormai sia quasi totalmente scomparso.

    RispondiElimina
  17. Mi associo completamente a Nababbo riguardo il percorso musicale. A causa di studi e passioni personali, l'unica canzone hip hop/rap che tuttora riesco ad apprezzare è : http://vimeo.com/1431471

    RispondiElimina
  18. Nababbo, Leomax: basta che non mi tirate fuori Eminem e siamo d'accordo.

    Francesco: c'erano naturalmente anche le vans. Ma quelle ci sono state sempre.

    RispondiElimina
  19. Ah, Sommo Bruno, togli pure tranquillamente quel "quasi". Fottuto Dr. Dre.

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. Dr.Dre e' quello che ha esteso a macchia d'olio il gangsta rap, ma uno degli originatori era Eazy E,compagno insieme allo stesso Dre e Ice Cube degli N.W.A.
    Comunque non sono legato per niente alla old school, decisamente troppo superata.

    E vi prego evitate paragoni con il rap italiano che vi mangio vivi.

    RispondiElimina
  22. Shoryuken: Non intendevo chiaramente che l'ha inventato lui, il sottogenere. Ma che grazie al successo avuto da quando si è rilanciato come solista con The Chronic lo stesso ha messo radici. Non a caso Dre è stato co-fondatore della Death Row. Assieme a Knight e a buona parte dei membri della gang dei Bloods. Ma quella è un'altra storia.

    RispondiElimina
  23. Grandissimi Beastie Boys.
    E ricordo i RUN DMC in una fantastica cover di "Walk this way" degli Aerosmith, con video annesso.

    http://www.youtube.com/watch?v=4B_UYYPb-Gk&ob=av2e

    Bei tempi. Commozione e lacrime napulitane.

    RispondiElimina
  24. Doc, per un b-boy farlocco come me vedere solo il titolo di questo post ha significato un urlo liberatorio seguito da fulmini e saette.

    Io ascolto tutto nel rap. Prima, dopo, durante, old school, new school, after school, Hip House, Rap'n'Roll, Hardcore, Nerdcore e tutto quello che ci potete attaccare dietro. Sono particolarmente invischiato nella scena italiana, con contatti, concerti, testi, trasmissioni...ne faccio parte, o almeno mi piace pensarlo.

    Leggere questo post mi ha fatto subito pensare a un video che ho visto poco tempo fa, che di sicuro saprai apprezzare ;)

    http://www.youtube.com/watch?v=g0_2vmkTmf0

    Questa è la storia.

    RispondiElimina
  25. Planet Rock!!! Un milione di campioni pazzeschi (tipo i Kraftwerk) e poi era la base della sigla della trasmissione radiofonica assoluta del millennio , che ovviamente hanno chiuso senza tanti complimenti.

    RispondiElimina
  26. Ma del periodo "a la MC Hammer" ve lo ricordate Vanilla Ice?

    Agevolo la parodia di Jim Carrey

    http://bit.ly/nmzO3Q

    E comunque non dimentichiamoci di Grandmaster Flash e del tormentone dei M.A.R.R.S. "Pump up the volume".

    P.S. per me dei Beastie Boys è superiore "Ill Communication"!

    RispondiElimina
  27. E per chiunque abbia visto My Name is Earl:

    "Oh no you didn't. You didn't just go Old School!". E in sottofondo parte It Takes Two dei Rob Base and DJ E-Z Rock.

    RispondiElimina
  28. Sono stati tralasciati 2 dei miei preferiti.
    Jump Around di House of Pain, che rappresenta i fratelli irlandesi (e da dove uscirono fuori Everlast che si dedicò a una sorta di blues ai primi del 2000 e DJ Lethal che andò a mettere le basi dei "fuck" di Fred Durst nei Limp Bizkit...anche sul Nu Metal ce ne sarebbe da dirne...)
    Insane in the Brain dei Cypress Hill.
    Funky Cold Medina di Tone Loc.
    E il classico estivo per antonomasia: Summertime di DJ Jazzy Jeff & The Fresh Prince.

    RispondiElimina
  29. Grande Doc, il mio cervello malato aveva rimosso queste canzoni e le aveva sovrascritte con gli ultimi album dei Negramaro.

    RispondiElimina
  30. Grandissimo, Doc! Anche se il mio spirito si rilassa veramente con il Rock, non mi dispiaceva mai ascoltare i Run DMC e, siamo proprio nell' anno discriminante, "Baby Got Back" di Sir Mix-a-lot! :))

    RispondiElimina
  31. oooooooh finalmento un argomentone come si deve..che dire: fantastici pezzi, old school east coast intramontabile ma, ma sono in disaccordo sulla west coast che arriva e rovina tutto... l'hip hop della costa ovest spaccava quando di musica si trattava, poi le altre son stronzate pure mezzo commerciali, eccettuato ovviamente le morti purtroppo reali... belli i niggaz with attitude primo gruppone di dr dre con ice t e eazy E

    RispondiElimina
  32. Parlando di metallarini,e' fantastico come dopo aver sputato per anni sull'intero universo hip hop lo abbiano rivalutato purche' i suoi interpreti siano italiani,bianchi,mainstream e amichetti di quel vecchietto fascista che si spaccia per l'Ozzy Osbourne,insomma quel tipo li che odia tanto l'involgarimento della societa' ma si e' rifatto la carriera grazie alle parolacce.

    O gli stessi bambini che continuano a parlare di "rap n roll" e ignorano che 25 anni fa si facevano gia le stesse cose (e pure meglio).

    Comunque parlando di gente meno nota,ricordo che ai tempi Michael Franti con gli Spearhead ci dava dentro.Poi rilancio i Roots,anche se sono piu' che altro una band soul con il rapper al posto del cantante.

    A scanso di equivoci,non parlo del metal in generale,ma parlo a quella triste categoria di adolescenti piagnucolosi che sta proliferando su Internet fermamente convinta che Enter Sandman sia "estremahhhhh" e che l'elettronica sia nata l'altro ieri.

    RispondiElimina
  33. Sono un fottuto nostalgico del rap di un tempo. Maledetto me, non riesco a confondermi con questo rap moderno: troppi d-12, troppi 50 cent... troppi. Eminem è nel forse.
    Mi mancano i Pubblic Enemis e i B-Boys di un tempo.
    Poi stendiamo un velo pietoso sul rap italiano.
    Anzi il rap futuristico!

    RispondiElimina
  34. Perche non parliamo allora di perle tipo it's tricky dei run DMC o di walk this way!!!perche non parlare allora di fight for yoyr right to party dei BB!!!Erano tempo d'oro gli '80!!!!!e non solo per l hip hop ma anche per il rock e la musica pop!!!bei tempi!!!

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails