lunedì 19 settembre 2011

40

Le pubblicità fuorvianti di Topolino (stagione II, parte II): marzo 1984

Ieri sera (ieri sera = cinque ore fa) eri a un matrimonio. Io mi sposto un po' più in là. Con l'orecchio sinistro anestetizzato dal quarto pezzo di fila della Carrà, raggiungi barcollando il bancone del bar presidiato da un severo capocameriere. Il mio corpo è una moquette. Esimio capocameriere, severissimo magistro Illyrio Mopatis, gli dici. Che ce l'avete mica una Red Bull? Ma lui non scolla il ciglio severo e, mentre ti cerca un energy drink, ti risponde che trent'anni fa queste porcherie non c'erano. Io ho iniziato a lavorare nell'84, ti dice. Grande anno l'84. Tante volte l’incoscienza è la strada della virtù. Mentre ti cali d'un sorso la pietosissima Burn che ti ha rimediato, annuisci. Nettamente, gli dici. Nettamente. Perciò ora, con potenti le ore di sonno in numero di tre e mezzo alle spalle, ci spariamo questa bella tripletta di Edinson Cavani di pubblicità topoligne, andando a pescare nei numeri dal 1476 al 1478 (11-25 marzo 1984, una millelire cadauno). Tanti auguri, bdùm! [...]

Siccome Kramer contro Kramer di Robert Benton, anno del signore 1979, è stato il primo film che ti abbiano mai portato a vedere al cinema (dopo dieci minuti dormivi già della grossa, chiaramente), rivedere queste pubblicità del Krafen contro Krafen dell'Alemagna ti uccide di nostalgia per almeno due motivi diversi. Alla fine, comunque, vinceva l'albicocca. Nettamente
Il celeberrimo, odioso, amato, orribile Mr. Potato, con i suoi pezzi intercambiabili millenni prima che i Toy Story lo portassero all'attenzione anche delle nuove generazioni di minchietti, pronti anche loro a smembrarlo sadicamente. Perché, lo ricordiamo, "la patonza deve girare", come era solito ripetere il nostro presidente del consiglio durante i suoi impegni istituzionali
Altro che quei debosciati dei Ringo Boys! Vieni anche tu con i ragazzi OK della Kellogg's! Perché? Perché sono OK! Sono così giusti, così uozzameriganbòi, giocano a football e a baseball e... aspetta un momento. CHI DIAVOLO E' QUEL TIZIO VESTITO DA SOGGETTONE, il secondo nella fila degli accosciati? Ma vaffanculo, ok un cazzo
Dove che Poochie c'è amicizia. Oppure: ragazzine di dieci anni già in preda a una crisi ormonale
Ma basta un poco di Ruzzolo sfrullapensieri, no? Dice: e che minchia è? Ma no, niente, Ruzzolo. Quante cazzo ne vuoi sapere. Ruzzolo
No, cioè, provateci. Andate da un bambino delle elementari di oggi a scelta, e misurate l'appeal che esercitano sul medesimo questi pezzentissimi STIRARELLI con gli animaletti del bosco, all'epoca pregevole regalo delle penne scancellabili cancellabili della Pelikan. Provateci, a non farvi sputare
"Skeletor su Panthor la pantera selvaggia: malvagità su malvagità, nessuno ci fermerà". Dove minchia lo trovi un signore del Male che cavalca una pantera tappezzata in velluto viola e si prende pure la briga di lanciare le sue minacce in rima?
He-Man, per dire, con la sua faccia da pistola mentre se ne va in giro sulla macchinina dell'autoscontro, di parlare in rima non era capace
Le "sofisticate" (sic) tenute di Big Jim, che lo rendono "sempre all'altezza del compito". Come quella da spacciatore di crack (la seconda da destra nella fila in basso), quella da ballerino della Carrà (in basso accosciata) e quella da marpione (seconda da sinistra in alto), con tanto di passettino sbrifio johntravolto
Ma rieccolo, Big Jim, con la sua potentissima e uber-pheega Moto Azione Commando che sfrMA COME CAZZO TI SEI VESTITO, JIM? Un tocco di viola fluo no?
Ci chiedevamo dove fossero finite. Ed eccole, finalmente, le pubblictà da terza di copertina, quelle con i gadget costosissimi, inutili, meravigliosi, finti da ordinare per corrispondenza. Come il telescopio degli agenti segreti e, uh, il GAME & WATCH TAROCCO VENDUTO AL PREZZO DI QUELLI VERI
I bambini del Kinder ridevano, ridevano sempre. Ché a loro la fottuta vecchietta signora Minù della foto non ci capitava mai
La Renault 9. E' esistita davvero una Renault 9? (Sì, è esistita. E minimo qualcuno di voi ce l'aveva in famiglia, lo sai già)
La grande signora con le ali: l'ape regina Began la Mercedes 300 SL
Questa pubblicità del Tango l'abbiamo già vista millemila volte, ma per una questione di rispetto non te la sei sentita di scartarla. Un tizio una volta, durante le sfide infiniscila con i ragazzi dei Palazzi Nervoso, si presentò al campetto con un tango della pompa che si chiamava Tanguero. Il tizio smise quel giorno di chiamarsi come si chiamava, e per tutti divenne il tànghero. True story
(Puttana. Stronza. Bagascia)
Poi sarebbero venute le bibite con lo 0,4% di Taurina, le pubblicità aggressive, i cereali che ti svegliavano la tigre di rockybalboa dentro, anche se non avevi mai saputo di avercela. Prima, invece, c'erano le pubblicità tristi dell'ergovis, che davano all'energetico la stessa appetibilità del bactrim forte
Oppure: Ovomaltina dà forza. Tutto qui. Però, almeno, l'Ovomaltina ti dà anche una Bi.MX con la i e il punto. E i caschi bellissimi da sceriffo delle stelle. E la magliettina dimmerda che vaffanculo te la metti te, ciccio
Quelli là a sinistra, con la scatola gialla: sì, sono soldatini Atlantic. Piangete
"Pepito ha trovato la mamma!". E dai, anche se è una BAMBINA SCAZZATA PERCHE' VOLEVA IL CICCIOBELLO E NON QUESTO BAMBOLINO PICCOLISSIMO RIDICOLO, fa nulla. Va bene lo stesso
Occhio al prezzo dell'astronavina di Star Wars. Sessantamila lire. Sessanta volte il prezzo del Topolino. Vale a dire come venderla ora a CENTOTRENTA EURO o giù di lì. E noi ci stiamo a lamentare delle 200 carte che costa un Iron Man della Hot Toys. Sono cose che non sono cose
Arriva Supercar. Occhio, però, che in due pagine K.I.T.T. viene chiamata sempre e solo Knight 2000. Ché gli acronimi ai redattori Mondadori gli stavano sui coglioni
Le mitiche pagine sul mondo dei compiùter, curate dal mitologico Studio Vit. Quando era ancora un service serio, anni prima che assumesse gente come quei loschi figuri che purtroppamente conosci. Le porte della conoscenza vengono spalancate questa volta sul mondo delle cuffie, per... "coprire quei tremendi rumori dei giochini elettronici"?!?
E a proposito di giochini elettronici rumorosi. In questo Se lo sai rispondi se no statti zitto e non romperci la cippa, si vince il Tennis della Gig Electronics, per sfidare il compiùter. Racchettone in legno, fascia in tinta con polo Lacoste da bambino ricco e aria da pirla spaurito non richieste
Ed era vero. Con il vernidas era tutto più bello. Masamune Shirow e molti altri disegnatori giapponesi, per dire, con il vernidas hanno preso perciò a verniciarci cooli e zeenne di tutte le loro eroine
Sony, quando alle pubblicità stilose che non ci si capisce una fava o fanno paura e raccapriccio preferiva soluzioni più low profile. Giocando sul sicuro con creatività legate a giochi di parole da caserma e perculamento dei difetti fisici, per esempio
Le carte di Topolino e del Nesquik. Lacrime napulitante come se piovessero MarioMeroli
Uno di questi giorni, spiegherai con un post dedicato interamente all'argomento perché l'affabile Nonna Papera era in realtà una fottuta pazza psicopatica pericolosissima. Promesso
Questa l'hai già messa un'altra volta, ne sei sicuro. Però, dai, è troppo meravigliosa. Tu, pubblicitario del nordovest italiano con la barba, devi far capire l'importanza sociale dei carabinieri. Devi sfatare decenni di barzellette. Hai una sola pagina a disposizione. Che fai? Beh, per esempio qualunque cosa, tranne RAFFIGURARE DUE APPUNTATI CHE FERMANO IL TRAFFICO SU UNA STRADA DI CAMPAGNA IN MEZZO AL NULLA PER FAR ATTRAVERSARE DUE BAMBINE SCORTANDOLE DI PERSONA COME SE FOSSERO IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Ma le sinistre pubblicità di arruolamento dei ragazzini di 12 anni che leggevano Topolino sapevano fare anche di peggio. Qui abbiamo la Marina Militare. "Pagati per imparare", urla il claim gigante per un terzo di pagina. Pagati per imparare con un vecchio gobbo che sta lì a due centimetri a riprenderti e rifilarti i coppini dietro al collo se sbagli
Chiudiamo, come ormai da tradizione, con la rubrica nella rubrica, il triste siparietto delle "Umiliazioni umilianti di quel povero cristo di Ken". Qui in versione Ken Crystal, con le spalline che ce le ha prestate per la serata Daitarn 3
E qui, invece, in palestra. Barbie e Skipper aerobica si stanno divertendo, provano i loro numeri di ballo da algide stronze, bionde pupazze senza cuore. Lì, sullo sfondo, Ken invece non balla. CI TIENE IL BORSONE, misero burattino senza fili, appendino umano. Però sorride, il povero cristo, sorride sempre. Solo che il suo non è un sorriso: sta pensando a cosa può capitargli la prossima volta. E' paralizzato dal terrore
Come sempre, le altre pubblicità fuorvianti le trovate tutte qui. Hai disperatamente bisogno di un'altra Red Bull. Tante volte l’incoscienza è la strada della virtù. Bdùm! Eccetera.

40 commenti:

  1. ecco.
    Io sui soldatini della atlantic una lacrimuccia l'ho versata...

    RispondiElimina
  2. Le carte di Topolino! Ne ho ancora a tonnellate!

    Guarda che i carabinieri non stanno fermando il traffico, stanno solo agevolando l'attraversamento della bambina in mezzo al traffico che manco Frogger!

    E soprattutto Ken a questo giro è andata di lusso... ride nervoso perchè nel borsone ha qualche completino che manco Enzo Paolo Turchi!

    P.S. vince il Kra(p)fen al cacao per me!

    RispondiElimina
  3. La pubblicità dei Carabinieri è bellissima...

    RispondiElimina
  4. ma ma come fa il krafen alla marmellata a vincere contro quello al cioccolato? qua ci sta un sondaggio

    RispondiElimina
  5. Ma Vai con le pubblicità fuorvianti!! Battute sublimi, ma quando ho visto "cooli e zeenne" non c'è stato verso di andare avanti per cinque minuti buoni.

    p.s. sei riuscito ad infilare l'Hot Toys anche qui ;)

    p.p.s. Nizzo quel cioccolato lì era tremendo...

    RispondiElimina
  6. Tremendo? Io me lo ricordo oche si scioglieva in bocca!

    RispondiElimina
  7. A quando una intera sezione su ASoIaF, Dany e Cersei in testa?

    RispondiElimina
  8. Tanto è vero che hai scritto po' con l'accento...notte doc, dolce principe

    RispondiElimina
  9. Eeeehhh, hai visto, a copincollare come se non ci fosse un domani dai soliti siti di testi inaffidabili.
    Comunque il cacao dell'Alemagna faceva pena e schifo. "Cuccati questa coccola al cacao". Ma vaffancuore.

    RispondiElimina
  10. @MAcphisto:Io che si scioglieva la bocca...

    RispondiElimina
  11. Pubblicità meraviglioserrime come al solito.

    "Cambia faccia finché vorrai sempre patata tu resterai!" pare scritta apposta per la Carfagna...

    E poi quella di Skeletor: "Malvagità su malvagità"... SCOPA!

    Vai a dormire Doc!

    RispondiElimina
  12. ""Malvagità su malvagità"... SCOPA!"

    Il commento da cinque alto della giornata. Nettamente.

    RispondiElimina
  13. Ma 'sta storia di Michael Knight con l'impianto cerebrale se la sono sognata nella redazione di Topolino, vero? ?__?

    RispondiElimina
  14. Al solito non deludi. :)

    RispondiElimina
  15. Ecco, d'ora in avanti, al posto di usare i soliti "capo, mister", eccetera, quando non so come rivolgermi a una persona userò il titolo "severissimo magistro Illyrio Mopatis".

    RispondiElimina
  16. Ken sorride perche',mentre Barbie e nipote dormiranno,stanche per la lezione di aerobica, potra' incontare in una valle di ciliegi il suo amore gay Big Jim spacciatore di crack e scappare verso lidi piu' felici

    RispondiElimina
  17. La sotto-rubrica con le umiliazioni di Ken merita prima o poi un post riassuntivo tutto suo, doc! :)

    RispondiElimina
  18. Eccomi! Ce l'aveva il mio babbo la Renault 9, color blu stinto. Ci ho fatto scuola guida, però ammetto che era una macchina del caiser che ci lasciava sempre a piedi il giorno prima di partire per le vacanze. Purtroppamente un giorno un gruppo di debosciati non ha visto uno stop e soprattutto non ha visto noi dentro la Renault 9 fermi allo stop e ha ridotto la macchina ad un'apino 50. Per fortuna la Renault aveva un bel bagagliaio e dietro c'erano le valigie con tutti i souvenir. Di coccio! XD

    RispondiElimina
  19. Concordo con pda: le umiliazioni di Ken (che poi i risultati si vedono benissimo in Toy Story 3) si meritano un post a parte tutto sbrilluccicoso!

    RispondiElimina
  20. E anche i soldatini Atlantic... :(((

    RispondiElimina
  21. Una zia collaterale una volta mi regalò una scatola piena di soldatini atlantic e baravelli. Quelli dei soldati romani (tutti arancioni, con legionari, bighe e gladiatori) erano troppo troppo.

    RispondiElimina
  22. Ah ah ah, è vero le pubblicità della marina erano inquietanti. Avevano un che di gelidamente burocratico, minacciavano un terrorizzante futuro fatto di squallore e noia.

    RispondiElimina
  23. I mitici legionari arancioni della Atlantic!
    Quante battaglie coi loro colleghi Antichi Egizi e Nazisti (vabbè, da piccolo trascendevo sempre i noiosi limiti spaziotemporali)...

    RispondiElimina
  24. Ce li avevo anch'io i legionari Atlantic. Con le bighe monoposto e i vessilli da battaglia. Una volta provai pure a dipingerli: non fu un'idea furba, perché quando ci giocavamo con mio fratello il colore restava attaccato alle dita :(

    RispondiElimina
  25. Non c'è stato verso di riprenderci dalle risate dopo la didascalia dedicata a quella gentil dama di Clementina XD

    RispondiElimina
  26. Come sempre, lollaggio generale che contagia tutta la famiglia XD

    Ora però ho una voglia matta di Red Bull ._.

    RispondiElimina
  27. pubblicità tutte invitanti!
    Mannaggia quanti ricordi!

    RispondiElimina
  28. Io dell' Atlantic ho avuto tre cose: un omino fantascienzo che sembrava un sub con la panza , una macchina da montare per le esplorazioni di pianeti ostili e il Goldrake tutto da montare con pugni sparanti.
    Che era delle cose più fighe da montare che un bimbo potesse desiderare all' epoca.

    RispondiElimina
  29. Quella Ferrari rossa e violacea ce l'avevo, che tuffo!
    E le carte del Nesquik...

    RispondiElimina
  30. per gli atlanticmaniaci....

    http://www.digitalpics.it/Soldatini-Atlantic/site/indx_i.html

    RispondiElimina
  31. P.S : il forum è morto e non ci sono aggiornamenti da un sacco di tempo, ma le immagini delle serie sono praticamente complete...

    RispondiElimina
  32. Aspetto l'articolo su nonna papera

    RispondiElimina
  33. Grazie per il link, Pippero.
    I miei "soldatini romani" erano in realtà un mix, scopro, di tutte queste scatole qui
    http://www.digitalpics.it/Soldatini-Atlantic/site/Serie/Antichi/1800.html

    greci, egiziani, gladiatori, legionari...

    RispondiElimina
  34. Big Jim: scegli il tuo personaggio dei Village People! Che amarezza!!

    La moto di Big Jim sembra la pistola del Mortal Combat!

    L'Ovomaltina? Così orgogliosi che non spiegano neppure cosa sia?? E' la bici? O il casco? O solo una T-shirt?

    Ma lo "schiaffo" di Barbie nel Pieno di allegria? Tipo la signora Pina che corteggia Cecco?

    Geniale il "Portiere prodigioso"! Ideale anche per un regalo intelligente!!

    RispondiElimina
  35. Krafen contro Krafen: mai assaggiati questi prodotti che, dopo aver mangiato i krapfen che un signore portava nel camping dove trascorremmo le estati '75-'81 (esclusa quella del '79), questi prodotti confezionati mi lasciavano nell'indifferenza più totale.

    Mr.Potato: a me le patate piacciono, ma quelle commestibili.

    Ruzzolo: dalla serie di giochi DEMENTI della Gig (o distribuiti dalla... ). Mi vergogno di dire che gettai cinquemila lire nella "Robapazza che strumpallazza". Era solo un oggetto, col Big Domino Rally (e il Go Dawn, di Giocadag), per far sputare bile e basta.

    Risfera: un clone della Replay.

    Il giochino elettronico venduto dalla GOVJ: patetico!!! Sotto c'è la "pennina cannocchiale", per vedere "fino a 5 km". Wow...praticamente avrei potuto vedere pedoni e auto a Messina da Reggio!!! Mio nonno prese una fregatura simile (binocolo più bussola) ma nei primi anni '60!

    Modellino Ferrari della Bburago: mi piaceva la Pioneer e ho ancora un impianto del '77, ma la decal su quell'auto non ricalcava fedelmente i caratteri del marchio usato dalla casa nipponica fino al 1999 escluso.

    Ergovis: devo averlo provato in giugno dell'87, durante le meritate vacanze (ero stato promosso in 5o Ginnasio). Ricordo vagamente che mi aveva lasciato un brutto sapore in bocca e basta. Triste la pubblicità con lo sciatore stilizzato che faceva molto "anni '60".

    Merendine Pattini: ma i soldatini Atlantic erano ancora in produzione nell'84?

    Formula 1 elettronica: era un "miniarcade" di Tomy elettromeccanico. Gli effetti sonori erano forniti dallo stesso meccanismo usato per...il Big Jim Parlante!

    Vernidas: il suo odore intenso e allucinogeno mi riportava ai lavoretti che si dovevano fare a scuola (sfruttamento di minori da parte delle maestre) e per i quali ero negato.

    RispondiElimina
  36. Ho appena finito di scaricare le scansioni dell'annata 1986, ci sono delle belle soddisfazioni lì. Ti consiglio il numero 1615 (e qualcun altro lì intorno).

    RispondiElimina
  37. Sì, li avevo in lista, perché sono dei numeri effettivamente belli pieni (e di un periodo peraltro finora poco coperto)

    RispondiElimina
  38. Ovomaltina: il casco doveva essere messo in palio assieme alla bici. Che senso avrebbe avuto un casco "da solo"?
    Per la maglietta (o T-shirt, come si dice oggi) con la scritta Ovomaltina, devo aver già detto in un altro post che questi indumenti possono essere adoperati solo quando si è da soli in casa, in quanto sono magliette da "coppia alla deriva".
    Ma tutte le réclame della Ovomaltina erano patetiche e quel prodotto (tuttora in commercio) dovrebbe essere TREMENDO sul piano calorico.

    RispondiElimina
  39. per Dr.Manhattan

    Io ho ancora un bel po' di roba in soffitta....
    Avevo all' epoca poche confezioni grosse ( super diorami , grossi edifici e simili )
    ma di soldatini "scatole base" delle varie epoche dovrei avere ancora un po' di tutto ( soldati d' italia,
    II WW , serie west e antichità )

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails