venerdì 9 settembre 2011

78

How I met your mother: perché ti sta piacendoti

La versione molto corta è che alla fine non è "Alla fine arriva mamma" in sé a piacerti. E' il personaggio di Barney Stinson. Perché sei tu [...]
Flèscbecco: è il 27 luglio quando, in un post sul film degli Avengers, scrivi di non sapere da dove sia uscita fuori questa Cobie Smulders cui è stata affidata la parte di quella gran pheega di Maria Hill. Il coro di Ma come? levatosi nei commenti è assordante, tutto un No, How I met your mother te lo devi vedere, doc, guarda è proprio bellissimo, giuro. E così, quando qualche giorno dopo, incrociando tra i canali del 100 di Sky ad mentulam canis ti sei trovato davanti una replica su Fox, ti sei detto Oh, sai che c'è?, e te la sei vista. Il fatto è che si trattava di una sitcom alla Friends. E tu le sitcom alla Friends le schifi e le odi.

(un episodio qualsiasi di Friends)
Il problema sono le risate registrate. Ti andavano bene nei Robinson e nei Jefferson venticinque anni fa, ma oggi ti fanno sentire troppo un pirla del Nebraska uozzameriganbòi semidisteso sul divano con un principio di coma etilico indotto da sette lattine di bud. Ma un po' lo sono anche le puntate girate tutte in due-set-due. Non sei esattamente un appassionato di serial, dicevamo, ma in linea di principio tra le serie comiche preferisci quelle con un minimo di dinamismo e varietà in più. My Name is Earl (per lo meno finché non è affogata nella tristezza mariomerola della terza stagione), per dire, ti era piaciuta un casino. C'è però che a Big Bang Theory una possibilità, per quella storia dei temi nerd, gliel'avevi pur data. E insomma: carburato a mini-cucciolone, quella puntata su Fox te la sei vista fino in fondo (era quella del miglior hamburger di NY, per la cronaca). E il giorno dopo te ne sei vista un'altra, e quello dopo ancora stavi ordinando tutti i cofanetti dagli amazzonici.
Ma per quanto Robin/Cobie Smulders sia bellissima ed adorabile, How met your mother - e torniamo all'incipit del post - ti piace perché sei essenzialmente una versione più mediterrOnea di Barney. E l'essertene reso conto ti ha precipitato immediatamente in un angoscioso, drammatico dilemma. Perché per anni, in tutte quelle discussioni da strascico di serata in un locale, quando ti chiedevano a quale personaggio di fiction ti sentivi di somigliare di più, rispondevi senza neanche pensarci su un Silviosecondo: il professore di matematica Michele Apicella in Bianca di Moretti.
(quell'altro Apicella)
Per la presunzione di capire gli altri sempre e comunque al volo, la fissazione per le scarpe e l'intransigenza assoluta in fatto di dolci e gelati, l'osservazione ossessivo compulsiva della realtà, la dipendenza dalla nutella, le fobie assurde. E soprattutto perché finivi per trovarti sempre e comunque in quelle situazioni da occhi sbarrati nell'autobus mentre tutti cantano Dieci ragazze di Battisti a squarciagola.
Ma alla fine arriva Barney, e ha quel gusto per le scommesse assurde, quell'arte del piegare il tormentone a ragione di vita, l'egocentrismo ben dissimulato, la convinzione (fondata) di sapere tutto delle donne senza neanche sprecarsi più di tanto, la bontà di fare sempre il tifo per i cattivi nei film, l'aria da uomo di mondo fuori posto, un grande rispetto per il valore dell'amicizia, in una sua visione tutta distorta della stessa. Ecco, ora se qualcuno ti fa di nuovo quella domanda, metti, una sera in pizzeria mentre cerchi con garbo di convincere una conoscenza collaterale che no, una lemonsoda e una fanta lemon non sono la stessa cosa proprio per un cazzo, non sei più così sicuro della risposta. Però propenderesti per Barney. Anche perché Apicella è un cognome nel frattempo caricatosi di tutto un altro tipo di rimandi tristodrammatici.
E dire che, in tutto questo, ai tempi di Starship Troopers Neil Patrick Harris ti stava decisamente sui coglioni. Hai visto la vita, alle volte.

78 commenti:

  1. Hai fatto bene a procurarti le prime stagioni, perchè sono di gran lunga le migliori!

    RispondiElimina
  2. Io invece, a parte la bellissima Robin, non ho davvero molti motivi per apprezzare questa serie.
    Si, Barney è gradevole quanto basta, ma il resto della serie sa davvero troppo di dinamiche, spesso risibili, di coppia che sono già state proposte in millemila altre sitcom.
    Io davvero non le reggo più le serie che vedono dei protagonisti innamorati fare sempre le stesse cose assurde o porsi gli stessi problemi esistenziali da Tempesta d'Ammore (brivido ri raccapriccio).
    Per intenderci, quando la tua ragazza ti lascia perché non apprezza come te Guerre Stellari, quindi in pratica non è in grado di sopportarsi 2 ore di film ogni tanto per amore, o semplicemente Non Vederselo con te, e questo dal telefilm viene preso come motivo Valido per terminare un rapporto, io non posso che sbottare in un Vaffa da antologia.
    Ho già detto che Robin è bellerrima?

    RispondiElimina
  3. Condivido in pieno l'odio per le risate registrate, le tollero a stento in The Big Bang Theory ma con HIMYM mi hanno impedito di andare oltre i primi 10 minuti della prima puntata.

    RispondiElimina
  4. io sono convinta invece che tutti, ma proprio tutti, siamo dei Ted Mosby. Dopo intense e profonde riflessini (XD) sono giunta alla conclusione che tutti siamo degli inguaribili ted costantemente e ansiosamente alla ricerca dell'uomo/donna della nostra vita. nello stesso tempo,però, la nostra metà sadico/masochista vorrebbe essere Barney perchè ci piace l'idea di poterci prendere tutto quello che vogliamo da chiunque vogliamo e in qualsiasi momento. sappiamo tutti che l'idea di essere un play boy è nella mente di tutti i ragazzi (correggetemi se sbaglio ma nn credo proprio -.-'); poi però, quando il periodo "playboy-incallito-testa di cazzo" finisce tutti torniamo ad essere dei pedulantissimi ted e torniamo alla ricerca del vero amore con cui passare il resto della nostra vita XD

    RispondiElimina
  5. Inutile chiederti, caro Doc, se la stai seguendo in lingua originale perché è ovvio che sia così, vero? Vero!?!

    RispondiElimina
  6. Il completino.. il bicchiere in mano. Ecco queste sono le cose che un personaggio simile me lo appoggiano già direttamente sulle palle. E la battuta considerando l'orientamento sessuale dell'attore potrebbe avere una lettura inquietante, ma sorvoliamo.

    Risate registrate, cose alla FRIENDS, stessi set. Per dire,già qua s'è nominato nel post BIG BAG THEORY, penso il telefilm più sopravvalutato di questi ultimi anni, e causa di bava alla bocca per tutti i maledetti nazisti del doppiaggio all'italiana "OMIGIDIO DEVI VEDERTELO ORIGINALE PERCHE' E' TUTTO DIVERSO" mh, sai che mi frega dei tempi comici e della metrica originale se c'è comunque un tizio/i che cavalca la moda di persone normale che si dichiarano "nerd" (o peggio, "geek") facendo humor su superman o star wars. BASTA. Internet ne è fottutamente saturo di gente che idolatra BigBang e TuaMadre, che siamo arrivati pure qua sull'altro.. dio santissimo.

    RispondiElimina
  7. Il doc ha il carisma di Barney, ma è incredibilmente più virile (da brava ruffiana, provo ad aumentare le mie chance di vittoria nel contest delle foto) :)

    RispondiElimina
  8. pda: bel tentativo. Voialtri debosciati, sotto con le foto che siamo fermi a quota quattro. Quella di ieri sera mandata da Il Let è stupenderrima :)

    The Shocker: sui dibbiddì ovviamente sì

    Gaunt Noir: è il prezzo. Il prezzo dell'ascesa al potere dei nerd è che si idolatrizzi BBT, che ci si debba sorbire Kevin Smith a scrivere fumetti quando non ne è capace, al fatto che il nerd sia di moda (nerdexploitation!). E che quattro coglioni* si vergognino a definirsi nerd e usino la parola geek, convinti di sembrare più fighi. I poveri stronzi.

    *Il 99% di chi legge la rivista Cablato e di chi ci scrive, al netto chiaramente di un paio di amici

    RispondiElimina
  9. Tutti pensiamo di essere Barney.

    RispondiElimina
  10. Hey, io sarò un nazista contro il doppiaggio italiano ma se quest'ultimo fa cagare, mi riservo il diritto di guardare le mie serie preferite in inglese.
    Stiamo parlando anche di serie televisive come questa che fanno dei giochi di parole il loro punto forte per quanto riguarda l'umorismo e ciò si perde con il doppiaggio italiano.
    Quindi, mi faccio solo un favore a guardarle in originale.

    RispondiElimina
  11. Ho iniziato a vedere HIMYM perché a studio, in pausa pranzo (e si, dai, lo ammetto, non solo...) avevamo esaurito le serie di My name is Earl.
    È stato un equo compromesso tra i miei vari Dexter e i Sex & the city della mia collega.
    La serie la conoscevo, e non mi ha mai fatto impazzire. Cioè, carina, qualche sorriso lo strappa, ma mai niente di serio (sorrisi seri? vabbè, hai capito il senso, andiamo avanti). Come per te, l'unica cosa che dopo tante serie (stiamo guardando tipo, boh, la quinta) è il personaggio di Barney e i suoi rapporti con il resto. Dice, il resto di che? Il resto di tutto: gli altri personaggi principali. I personaggi secondari. Le comparse. Le donne. Il lavoro. La sua casa. Il suo megaschermo. Le varie situazioni-commedia da, ehm, situation-comedy. Tutto il resto, insomma.

    Pure il personaggio di Lily non è malvagio, anzi, è la Barney n°2.

    Poi c'è Robin. Trovarne... :D

    E Alla fine arriva Ted, che è un coglionazzo.

    Ed ora un OT che, Doc, non può passare in sordina: arriverà (cioè, forse) Beetlejuice 2!

    A proposito, Doc, come ti relazioni con il buon vecchio allucinato Tim Burton e la sua opera tutta? Ne hai mai parlato su questi lidi?

    RispondiElimina
  12. Doc, nonostante tu non abbia bisogno di consigli, vorrei consigliarti la visione della nerd-com "The IT crowd", rigorosamente in lingua originale. E cosa avrrebbe di speciale rispetto alla marea si sit-com con le risate in sottofondo, starai pensando? E' inglese. E poi è corta, sono solo 4 stagioni da 6 episodi ciascuna.

    HF

    RispondiElimina
  13. @HenryFogna:

    Noooo, hai consigliato di guardare in originale, sei un nazista contro il doppiaggio italiano.

    RispondiElimina
  14. "dopo tante serie"
    intendevo stagioni. =P

    RispondiElimina
  15. Shocker, non litighiamo, su, ché stamattina ho scelto apposta l'argomento meno flammabile. L'altro post che volevo scrivere si intitolava: "Star Trek, tanti auguri ma hai seriamente rotto il cazzo".

    Henry: sono pochi episodi, si può fare. Gracias.

    omoragno: no, ed è una vergogna. La signora Manhattan l'ha intervistato a Venezia, anni fa: ho l'autografo incorniciato nello studio accanto a quello di Gandolfini.

    RispondiElimina
  16. Ti sto odiando, per entrambe le ragioni.
    E siccome per l'autografo e per l'intervista non ci si può fare niente, almeno vedi di rimediare con il post dedicato. E si, è una vergogna!
    =P

    RispondiElimina
  17. RRobe, Pepperpots: non dovesse essere vero, non dovessi essere realmente sufficientemente Barney quanto credo, mi resta pur sempre Michele Apicella (tranne quella roba degli omicidi).

    Ah, Omoragno? A quell'incontro regalavano (tra le altre cose) una felpa con cappuccio de La Sposa Cadavere. D'inverno in casa la uso spesso. Anche se la taglia è una XXXXXXXXX(X)L che veste larga.

    RispondiElimina
  18. No, cioè, scusa il post doppio, ma... ma...
    HAI LO STUDIO ACCANTO A QUELLO DI GANDOLFINI?!?!?

    xD

    Ok, il post doppio per questa stronzata è troppo, lo ammetto. xD

    RispondiElimina
  19. Non hai mai visto The IT Crowd? Lo adorerai. Le prime due serie sono veramente fulminanti (adoro il personaggio di Moss ed il suo accento - ovviamente in lingua originale, sì, che in italiano è diventata una serie triste)

    RispondiElimina
  20. Sono convinto; non la guardo.

    RispondiElimina
  21. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  22. @The Shocker: possa anche bruciare all'inferno ma, fidati, l'accento british è tutta un'altra cosa rispetto a quello yankee.

    E poi, in generale, c'è una morale un po' più europea e meno amero-giudaico-sionista. Ecco, questo è un commento nazista ;)

    HF

    RispondiElimina
  23. Doc, come la trovi in HIMYM la Hannigan, te che hai avuto modo di apprezzarne a fondo le doti recitative in Buffy?




    bwuauhahuauhauhauhuhauhuha

    (Questa era per il tentativo di carico da 11 con la felpa, tentativo fallito =P. A proposito, quello è un esempio di cose che, se avessi un blog, non starei li a raccontare... xD)


    Stima e rispetto, Doc! xD

    RispondiElimina
  24. Lo ammetto: son snob.

    Perché io con i telefilm degli ultimi anni ho un grossa problema: gli appassionati degli stessi.

    No perché ormai sembra che non può piacerti un telefilm senza come minimo considerarlo la vetta assoluta della civiltà terrestre tutta, la cosa più "stumpentemente" geniale mai prodotta da mente umana.

    E poi dopo mi sta ugualmente qui la tendenza inversa di diventare ultra-critici e incontentabili dopo un tot di "stagioni"... dove può darsi che le idee possono aver mostrato la corda (ma magari a ben vedere la corda si era sempre vista: che ad esempio non ci si fa una bella figura ad accorgersi tipo alla quarta o quinta stagione che "Lost" era una fregatura, perché le stimmate della fregatura erano ben evidenti fin dalle primissime puntate), ma può darsi anche che quando si è ciecamente fanatici lo si è in entrambi i sensi.

    E quindi alla fine prendo in profonda antipatia tutti telefilm "caso" del momento. E me ne frego. E piuttosto mi guardo cose tranquille come New Tricks, L'ispettore Barnaby, Bones: telefilm vecchio stampo, ben scritti e poco sboroni. Soprattutto - grazie a dio - NON "geniali".

    RispondiElimina
  25. Omoragno: non è che perché adesso sei invidioso della felpa devi fare così, dai. Su. ;)

    Comunque, è che voi non dovete sorbirvi le repliche in loop di Law & Order tutte le sere prima di cena.

    RispondiElimina
  26. Ora pretendo una foto della tristissima immagine "D'inverno in casa la uso spesso. Anche se la taglia è una XXXXXXXXX(X)L che veste larga." nel post su Burton, sappilo! :D

    RispondiElimina
  27. Ho visto qualche puntata di HIMYM alla tv, ma non mi ha preso, l'unico personaggio che ho trovato simpatico è Barney, ma nulla di trascendentale. Proverò a riguardarlo in lingua originale, magari è il doppiaggio italiano, anche se boh...
    The Big Bang Theory l'ho trovata simpatica, ma forse è davvero sopravvalutata (per quanto possa valere il mio giudizio).

    RispondiElimina
  28. trovato simpatico
    trovata simpatica

    Che palle il mio italiano :D

    RispondiElimina
  29. @Tommaso: sono totalmente del tuo stesso parere. Basta vedere poi come la mia battuta del "nazista del doppiaggio" ha fatto subito presa.

    Gnam gnam, buonissimi questi popcorn. Altro che risate registrate nei telefilm. Questo è humor.

    Cavolo, se qualcuno mi sente, capace che mi paghi per sceneggiare una sitcom che si basa sui giochi di parole e riferimenti ai fumetti italiani.

    @per i nazisti del doppiaggio: c'è una cosa che si chiama adattamento. L'adattamento INEVITABILMENTE muta l'opera originale. Non è la scoperta dell'acqua calda. Ma se il contesto della battuta è, per esempio, la pop-culture, cambiando l'adattamento il contesto rimane comunque quello. "Bazinga" è una cathphrase fastidiosa, sia in inglese che in qualsiasi traduzione.

    Il nazista del doppiaggio è uno che si accapiglia su un forum/blog per l'adattamento italiano di THE SCRUBS o altre serie pop senza capire che non sta guardando i Monty Python: non ne vale la pena.

    RispondiElimina
  30. E di grazia, perché non ne varrebbe la pena? Chi sei tu per dire che Scrubs non è divertente? (Sia chiaro, non vado pazzo per quest'ultimo, tutt'altro)

    RispondiElimina
  31. Mai parlato di semplice qualità del divertimento. Se non si capisce da se la differenza fra parlare dei Ponty Phyton e di SCRUBS vuol dire parlare proprio due lingue differenti.

    Già che ci siamo lamentiamoci anche che in Dragon Ball, prima di dire "Onda energetica" nell'episodio #232 Gokuh(con la H eh) in giapponese prima di "Beccati questa".

    RispondiElimina
  32. Ma non diciamo cavolate: i problemi di adattamento ci sono anche in Scrubs, dai giochi di parole ai riferimenti alla cultura americana, per non parlare del labiale.

    Dire che non vi sono problemi a doppiare una serie come Scrubs è una stupidaggine, se permetti.

    RispondiElimina
  33. Io mi sto seguendo Arrested Development in lingua originale solo per un motivo, non ho trovato i video in italiano.
    E' comunque una serie molto divertente, con battute ciniche il giusto, e alcune scene davvero magnifiche (il tiro della Bibbia, il cane da vista che si lancia nel secchio della spazzatura, ecc.) e poi c'è quella grandissima gnocca di Portia De Rossi che col comico c'azzecca (vedi anche Better Off Ted).

    RispondiElimina
  34. Portia De Rossi. Che donna. La combo con Lucy Liu rendeva l'insopportabile Ally McBeal (sì, è un'altra trollata) un telefilm imperdibile.

    Ah, la moglie di Portia De Rossi (Ellen DeGeneres) c'ha un paio di orecchie che prende sky senza pagare l'abbonamento.

    RispondiElimina
  35. Mah io consiglierei un po di relax che sull'internetto a voler avere per forza ragione si finisce solo a far figure barbine e spaccare i maroni agli altri fruitori delle discussioni (vedi post di gundam poco tempo fa).
    Le posizioni sono chiare, motivate e entrambe condivisibili a seconda di come la si pensa, ma purtroppo completamente inconciliabili; ora starle a ribadire punzecchiandosi post dopo post ha davvero pochissimo senso....aggiungere muro su muro non farà avere "più ragione" uno dei due, ne vi farà vincere qualcosa...eco questo tempo lo dedicherei a fare una foto e partecipare al concorso dell'antro che quello ve lo fa vincere qualcosa :D

    Detto questo: personalmente già avevo detto la mia su questa serie, ovvero che la trovavo non un granchè nonostante i ripetuti consigli....felice anche qui di non essere dunque solo io a pensarla in questo modo :)

    Il telefilm in se per se fa AL MASSIMO sorridere e non mi ha preso praticamente per nulla.
    Big bang invece, visto per caso in albergo in trasferta di lavoro dalla prima stagione in italiano, non avevo letto nulla su internet, mi è piaciuto molto e continuo a guardarlo con gusto, anche dopo la svolta surreale dei fidanzamenti vari.

    Tutte le serie comiche comunque in generale, ma anche altre di tenore più serio, le vedo indifferentemente doppiate o in originale a seconda di quanto mi piace, ma SOLO per vedere "prima" le puntate e non aspettare il doppiaggio...tutta questa necessità e cultura dei telefilm in lingua originale non l'ho mai sentita necessaria, anche perchè a volte certi giochi di parole ANCHE in lingua originale fanno proprio defecare duro, un discorso un pò diverso lo faccio solo per gli anime (ma alcuni nemmeno per tutti, e anche per i film nipponici), ma lì è colpa dei giapponesi che sono completamente pazzi e doppiano i cartoni con un pathos ridicolo che ci si sogna all'estero, e che imho è parte dello spettacolo.

    augh

    PS
    doc non mi aveva loggato cancella il mio anonimo!

    RispondiElimina
  36. @shocker: PROBLEMI DI ADATTAMENTO?

    *fa "Trova nella pagina" e cerca dove avrebbe scritto di 'problema di adattamento'*

    Sintentizzo: Monty Phyton: I RE dei giochi di parole e dei contesti assurdi difficili da adattare. Phyton, Allen, sono questi i livelli per cui ha senso perdere ore della propria esistenza nel fornire un adattamento degno dell'originale. Semplicemente perchè sono un pezzo di maledetta STORIA dell'uso della lingua!

    Incrociare le braccia coi cartoni animati, o i telefilm con cui si riempe la bocca ogni persona da 10 anni a questa parte è una perdita di tempo da nazisti del doppiaggio. Punto.

    Figuriamoci poi, tutti inglesi madrelingua in italia eh. Pieno così. Il 90% di 'sti soggetti, ha letto su *forumfree* che la tal serie è adattata "male" ed è giusto ridirlo a mò di disco incantato in ogni occasione.

    Tutti quanti che effettivamente si guardano (non leggono) senza sottotitoli sia la versione italiana che inglese, confrontando minuto per minuto per scrivere a loro volta il loro personale adattamento. COME NO.

    Tutti madrelingua. Tutti direttori del doppiaggio. Certo.

    RispondiElimina
  37. Doc, ma Malcolm in the middle, l'hai visto poi?

    RispondiElimina
  38. Cacchio stiamo parlando del Dr. Horrible, mica pizza e fichi...

    RispondiElimina
  39. Mamma mia quanto odio i bastian contrario a prescindere: per loro l'importante è andare a tutti i costi contro il mainstream... oh, a me how i net your mother piace,e anche tanto, r va guardato per quello che è: una commedia leggera, da guardarsi per far passare piacevolmente mezzora... e lo guardo in lingua originale semplicemente perché mi fa ridere di più! e chi guarda una sitcom e poi si llamenta perché non è abbastanza profonda non penso abbia capito cos'è una sitcomMamma mia quanto odio i bastian contrario a prescindere: per loro l'importante è andare a tutti i costi contro il mainstream... oh, a me how i net your mother piace,e anche tanto, r va guardato per quello che è: una commedia leggera, da guardarsi per far passare piacevolmente mezzora... e lo guardo in lingua originale semplicemente perché mi fa ridere di più! e chi guarda una sitcom e poi si llamenta perché non è abbastanza profonda non penso abbia capito cos'è una sitcom

    RispondiElimina
  40. Minchia, era proprio ora di guardarsi HIMYM :)

    RispondiElimina
  41. scusate il post raddoppiato, ma col cellulare mi fa dei casini... ah, e il mio personaggio preferito è Marshall, anche perché sono io :-) innamorato pazzo, idealista, stupido quanto basta

    RispondiElimina
  42. Beh, Noir, io sono un semplice studente universitario ma che si occupa di traduzione quindi questo discorso mi sta a cuore e quando parlo di doppiaggio indecente, non lo dico perché ho letto ciò su FF ma perché mi sono visto anchio delle puntate in italiano di HIMYM e quindi posso benissimo fare un confronto.

    Certo, c'è sempre la magica frase "I doppiatori italiani sono i migliori al mondo" ma, stranamente, chi lo dice sono sempre gli stessi italiani.

    RispondiElimina
  43. Se poi bisogna discutere dell'idiozia di HIMYM, bisognerebbe farlo anche per tutte le altre sitcom del creato, da "Will e Grace" a "Friends", da "La vita secondo Jim" a "La Tata" eccetera eccetera.

    RispondiElimina
  44. Ma solo io ho pianto diverse volte immedesimandomi nel povero Ted?

    RispondiElimina
  45. Devo dire, senza voler offendere nessuno, che fate passar la voglia di commentare questo post! :-/
    Diatribe veramente inutili e tutti con il tono "ci ho la ragione io e basta"
    Dai su... Relax!

    In ogni caso Barney è un mito. E ci ho ragggione io e basta. ;-)

    RispondiElimina
  46. Doppiatori formidabili, anche "troppo", alcuni personaggi (Tipo Rocky) sono buzzurri nell'originale e hanno una voce splendida in Italiano.
    Adattatori a volte benissimo (Alice di Walt Disney, Frankenstein Junior) a volte male, credo per questioni di tempi e di budget.
    Detto questo, massimo rispetto per la visione delle cose doppiate ma sono tutte un "remake" e dibattiti tra espertoni sulla bravura degli attori di Hollywood mi fanno ridere, se non li senti nell'originale stai giudicando la recitazione di Pannofino e Ward, non di Clooney e Costner, quantomeno dal punto di vista della voce, che è importantissima.

    E comunque i doppiatori italiani sono davvero bravi, lo dicono gli attori Americani quando sentono "se stessi" nelle varie lingue

    RispondiElimina
  47. Che i personaggi di The Big Bang Theory siano caricature di caricature non ci piove, l' assurdità delle sit-com è praticamente essenziale, quindi guai a chi me la tocca e francamente confrontando la versione doppiata e quella originale, è (prevedibilmente, come per quasi tutte le serie tv ed affini) meglio quella originale. Se uno può scegliere, perchè non vedersi l' originale? Se a qualcuno invece non va, se lo guarda in italiano. Non credo che qualcuno voglia dire che è meglio l' adattamento dell' originale (benchè non impossibile, è un caso raro) e dato che per vederseli in lingua originale non c' è bisogno di sacrificare vergini, perchè sostenere che non ne vale la pena? Se senza sforzo posso avere un prodotto migliore, perchè dovrei accontentarmi? Non sono sicuro di capire il punto a favore del "no all' originale", è una questione di principio?

    RispondiElimina
  48. Già l'assioma "risate registrate alla Friends" è sbagliato, visto che Friends è sempre stato girato di fronte ad un pubblico dal vivo.

    RispondiElimina
  49. Già, ma dovendolo doppiare in italiano non è che lascino le risate originali, e quindi via di risate registrate...

    RispondiElimina
  50. @ Henry Fogna, mitico IT CROWD!!!

    Doc, a pensarci bene si, sei la versione ludowanker di Barney.

    :D

    RispondiElimina
  51. mdqp:

    penso sia una questione per alcuni di principio, sia in un senso che nell'altro, per quanto mi riguarda per i telefilm è solo una questione di disponibilità secondo questa semplice scala:

    1)Se la serie esiste tutta in italiano e mi piace la guardo doppiata
    2)Se la serie esiste completa solo in originale e mi piace la guardo in originale
    3)Se la serie non mi interessa poi moltissimo (leggi la vedo a tempo perso) aspetto i tempi di doppiaggio

    Come detto sopra per i prodotti nipponi, data follia degli attori/doppiatori, invece al 99,9% vedo gli originali.

    Io non mi metto a fare discorsi di migliore o peggiore perchè per me non ha davvero senso, dato che dipende dai gusti di ognuno e non è sempre un valore assoluto ;)

    RispondiElimina
  52. Concordo con Gachi-Boy ed aggiungo che Barney è Legen...wait for it... dary!! :D Seppur mi senta più un Ted Mosby...

    Oh, a me piace come telefilm, che ci devo fare. E mi piace senza star a pensare a doppiaggi, adattamenti, risate finte, set fissi ecc. ecc. ecc. Mi accontento di quei 30 minuti (a star larghi) di sorrisi che mi faccio guardandola :-)

    RispondiElimina
  53. @ wargarv: Ovvio che poi si valuta caso per caso, ognuno a casa propria e che ogni serie/film/quello-che-è fa storia a sè. Mi sembrava solo un pò acceso come punto di vista, specie visto che (se uno capisce la lingua in questione e non deve andare a cercare la pellicola in un tempio sommerso dell' antica Atlantide) sembrerebbe la scelta più naturale vedersi l' originale. Se uno traduce uno spettacolo di Chris Rock, inevitabilmente perde molto, perchè ha dei tempi praticamente perfetti, ed è facile che una traduzione richieda un numero di parole superiore o inferiore che spezza il ritmo. Ci sono tante cose che vanno perse/sostituite in seguito ad un adattamento, non necessariamente il senso di una battuta è tutto quello che devi apprezzare di essa (ad esempio, in Frankenstein junior c'è un pezzo in cui Igor imita Groucho Marx... Se non li vedi in originale ti perdi la cosa)...

    RispondiElimina
  54. @Gaunt: sei insopportabile XD
    Comunque ormai guardo serie in inglese con sottotitoli in inglese! :P

    RispondiElimina
  55. E pensare che a me Neil Patrick ha fatto innamorare proprio per Starship Troopers, in quel ruolo di ragazzino arrapato trasformato in capo fascista per via delle sue capacità psichiche.
    Non un personaggio positivo, ma un personaggio affascinante.

    RispondiElimina
  56. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  57. Approfitto, visto che alcuni sono stati citati, per segnalare delle serie che a mio avviso sono estremamente comiche:

    - The IT Crowd
    - Community
    - Arrested Development /FUCK YEAH!
    - Better Off Ted aka Scientificamente Pazzi (se preferite la pizzamandulino alla fisciancìps)
    - The Big Bang Theory
    - Shameless (ma qui non si ride solo)
    - The Blackadder (Mr. Bean sotto steroidi)
    - e per ultimo il sempre grandioso Bottom

    Per accontentare i puristi, delle ultime due non esistono versioni doppiate, ma potete sempre scannarvi sui sottotitoli :D

    RispondiElimina
  58. Di questa serie non me ne frega niente. Le sitcom le aborro per principio, non mi fanno ridere più, credo che abbiano una data di scadenza correlata con l'età di chi le guarda: fino ad una certa età le trovi interessanti, brillanti e ci ridi su. Poi, però, la vita ti viene a bussare alla porta e ti dice sai che c'è? ecco ora sei tu il protagonista di una sitcom, e non è detto che faccia ridere.

    Detto questo, ci tenevo ad esprimere il mio gradimento per le etichette con cui è stato catalogato questo post:
    Friends faceva pena (LOL!)
    Friends faceva pena - hai letto bene caro il mio troll da internetto (ULTRALOLZ!)
    Ecco, queste trovate, invece, mi fanno ancora ridere di gusto ;D
    Come sempre, grazie Doc!

    RispondiElimina
  59. @mdqp

    il mio era solo un discorso sui telefilm, film come frankestein junior che hai citato è (ab-)normal(e) che se non te li vedi in lingua perdi molto....da lupo ululì a where-wolf ce ne passa ;)


    Solo che per roba "di un certo livello" siamo d'accordo, per le sitcom non mi faccio tutti questi problemi....sarò diventato snob pure io :D :D :D

    RispondiElimina
  60. Bravo Nababbo per l'aggiunta di Blackadder.
    Con la tua lista non sono completamente d'accordo (IT crowd per qualche ragione non mi è mai piaciuto) però ci aggiungerei un altro paio di classiche serie Britanniche: Fawlty Towers e Red Dwarf.

    RispondiElimina
  61. e tra l'altro NPH è un grande, basti guardare Dr. Horrible di Whedon...

    RispondiElimina
  62. Ci vorrebbero 3 vite solo per vedere tutte le serie televisive che meritano e forse non basterebbero.
    Comunque per quel che riguarda la foto al matrimonio... mia moglie non vuole... si lo so che sono un uomo di cacca. A questo punto devo inventarmi qualcosa di diverso.

    RispondiElimina
  63. @ wargarv: Beh, ma anche alcune serie tv perdono nel passaggio. Hai mai visto Seinfeld in italiano e poi in originale? L' originale è decisamente meglio, ti assicuro! Il doppiaggio è spesso più lento e non rende la follia di alcuni personaggi come Kramer e George (o il padre di George! LOL!).

    RispondiElimina
  64. A me non piace. Sì che ho visto giusto una manciata di puntate e magari sono stato sfigato io a trovare le più brutte. Sì che a me un certo tipo di sitcom proprio non riesce a piacermi. In Seinfeld ( e scusate se è poco) c'era una regola "no hugging no learning" (più o meno niente abbracci e nessun insegnamento). Questa per me è una regola d'oro. In "come ho conosciuto..." continuavano a darsi buoni consigli, ad abbracciarsi, a darsi pacche sulle spalle. Alla fine dell'episodio mi facevano male le braccia a me che li guardavo. Comunque è vero, Barney è un personaggio ganzetto ma c'è da dire che in mezzo a tutti quei personaggi loffi uno come lui brilla di luce propria.

    RispondiElimina
  65. Oddei! Anche il Gaunt è un antrista!? :D
    Comunque poche storie, c'è un barney in ogniuno di noi.

    RispondiElimina
  66. Verissimo PlasticaFusa, come ho potuto dimenticare Fawlty Towers?
    Red Dwarf invece non la conosco, appena torno dal week-end fuori porta mi documenterò.
    Grazie per il tip.

    RispondiElimina
  67. Ho letto una volta che Barney è considerato il nuovo Fonzie,il che mi trova fondamentalmente d’accordo.
    Non tanto per il ruolo da playboy dei due,ma quanto perché Barney è un “breakout character” come Fonzie,un personaggio che da solo rende di successo un telefilm che senza di lui sarebbe scarso.
    Lo stesso vale per big bang theory,senza Sheldon sarebbe uno show anonimo e trascurabile.

    Discorso doppiaggio:a me non da fastidio l’adattamento dei telefilm americani,le cose che non sopporto sono le maledette censure.
    Avete mai fatto caso che esistono temi tabù che vengono rimossi in fase di tradizione dalle sitcom?
    Battute su ebrei,suore o temi come le relazioni omosessuali…
    Forse ancora più irritante sono gli errori di traduzione,quei maledetti “falsi amici”..
    Sono stufo di sentire di operazione eseguite con lo scalpello,di hotdog con la mostarda e di corpi morti di razza caucasica.
    Per non parlare del benedetto nitrogeno liquido e del silicio che viene sempre tradotto come silicone…
    E le pronunce dei nomi inglese!!!
    Perché fbi è letto all’inglese e cia all’italiana?!?!
    Ma soprattutto perché dicono Supermen e Batman!?!?


    Ps
    Doc era meglio il post su Star Trek,avrebbe avuto meno flame.
    Hai fatto un’azione degna del buon Greško ;P

    RispondiElimina
  68. e pensare che nella vita reale è gay...chissa perchè soono contornati sempre da belle donne!!!

    RispondiElimina
  69. per me è un programma da sopprimere: specialmente la versione italiana.
    Il doppiaggio mediaset è penoso...
    molto penoso!
    Ho apprezzato la puntata dove citano "Manos"... il resto è visto

    RispondiElimina
  70. Non sono riuscito a leggere tutti i commenti (TL;DR), ma io mi chiedo sempre se tutti quelli che decantano il doppiaggio inglese delle serie tv, poi si vedono anche tutti i film in lingua originale.
    è ovvio che il doppiaggio originale sia migliore, è originale, ma non tutti sono capaci di capirlo alla perfezione, e quindi viene tradotto per far si che tutti possano apprezzarlo.

    Anche io a volte vedo film o serie in inglese, ma sempre dopo averlo già visto, cosi che la mia discreta conoscenza di inglese e la memoria delle battute in italiano mi aiutano ad intuire la maggior parte delle parole.
    Oltretutto vedere un video in lingua originale sottotitolato fa si che tu non ascolti, ma semplicemente leggi la traduzione letterale delle battute, non che capisci quello che dicono o il loro "accento strano".
    Poi naturalmente ci stanno anche quelli che non hanno bisogno dei sottotitoli e quindi non ho nulla da dire.
    E comunque a me piace la voce italiana di Spongeb...Barney.

    Scusa per il commentone ma non ce la faccio piu a sentire gente che dice te lo devi vedere in lingua originale quando poi non ti sanno dire neppure "banana" in inglese.

    Comunque anche io ho sempre mal sopportato le risate delle sit-com, mi chiedo sempre se pensano che siamo talmente imbecilli che non sappiamo neppure quando ridere.

    Infine aggiungo che Marshall è il mito in quella serie, ti lancia sempre un pezzo da rotfl.

    RispondiElimina
  71. IMHO, siamo tutti Barney con le vicissitudini sentimentali altrui. Per le nostre (dis)avventure intime e personali siamo Ted Mosby.

    Per me, cresciuto con pane e Robinson/Jefferson (ripassano tanta monnezza in tv (tipo ancora - ANCORA - Dragonballol), ma dei Jefferson chissà perché non se ne rivedono più episodi), le risate di sottofondo durante una sit-com sono un classico irrinunciabile.

    RispondiElimina
  72. La risata in sottofondo deriva dall'epoca in qui le sit-com erano girate in studio col pubblico e trasmesse in dirette (un classico esempio Americano, the Honeymooners con Jackie Gleason). in linea con la tradizione di Vaudeville. A quei tempi le risate erano sincere (infatti è possibile notare momenti in cui, anche davanti ad una battuta, il pubblico non rida).
    Col passare degli anni si preferisce passare dalla diretta (che richiedeva un training teatrale che cominciava a mancare tra molti attori televisivi) al registrato - sempre davanti a un pubblico vero ma con le risate "commandate" dalla direzione (i famosi cartelli "laugh", "applaud" etc).
    Da lì si fa in fretta ad eliminare il pubblico del tutto ed a sostituirlo con un effetto sonoro - dando l'illusione di un senso di continuità tra le sitcom di cinquant'anni prima e quelli attuali.
    Ormai la risata fa parte del linguaggio della sitcom.

    RispondiElimina
  73. TI sta piacendoTI????

    Doc c'è un mister TI di troppo

    :-P

    RispondiElimina
  74. A me HIMYM piace...
    Delle risate non ho mai fatto così tanto caso! Lo ammetto.
    A me piace perché, a differenza del Doc, mi sono impersonificato in Ted: sempre alla ricerca del grande amore, dell'idealistica famiglia. Un romantico, insomma... forse troppo! E le amicizie che ho sono quelle: un migliore amico come Marshall e la ragazza come Lily. Una ex ragazza ora amica come Robin.
    L'unica cosa che mi manca è proprio un Barney... e lo sto ricercando...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qualcuno conosce la serie Coupling?

      Elimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails