lunedì 5 settembre 2011

39

Dead Island: ma alla fine ne vale la pena? (sì)

"Ventisette. Serviamo ora il ventisette"
Quando, asciugati i lacrimoni napulitanti per il bellissimo trailer, sono iniziati a circolare i primi screen e filmati del gioco vero e proprio, il popolo dei ludowanker tutto si è detto: "Ho capito, è come Left 4 Dead". E invece no, ciccia, ché qui di armi da fuoco ce ne sono pochissime, e anzi per il primo terzo di gioco non ce n'è manco una. Preso in castagna, il popolo dei ludowanker tutto ha a quel punto ripiegato verso un: "Ho capito, è un Dead Rising in prima persona". E invece no, nemmeno, ché non ci sono tutti quei trenini di superstiti e i boss. Se proprio gli si vuol trovare un parente prossimo, Dead Island è come Fallout 3. Un Fallout 3 tutto in tempo reale, con gli zombie e pochissime pistole e fucili. E con gli stessi NPC dai volti orribili che si incartano facile da qualche parte […]
Gli appassionati di film di zombie che si lamentano sull'internetto dell'ambientazione tropicale di Dead Island non sono degni di definirsi appassionati di film di zombie. Che si sappia
Se dobbiamo trovargli necessariamente un posto nel mondo, Dead Island fa provincia dell'action RPG classico, il più classico possibile. Fruga nei bidoni, completa le subquest andando dal punto A al punto B, usa i teletrasporti, cerca un nuovo porto sicuro e ti ritroverai attorno tutta una serie tizi che ti romperanno i coglioni con i loro per piacere fammi questo, trovami quest'altro, mi cerchi mamma?, mi pisci il cane? 
Ora, lo dicevamo l'altra volta: tecnicamente Dead Island non è, uh, questo capolavoro. I bug si sprecano, gli interni di alcune ambientazioni (l'hotel) fanno tenerezza, ogni tanto qualche NPC si ostina a non fare quello che deve fare. E qui non puoi nemmeno prenderlo a calci in culo. Ma una volta fatto il callo alle idiosincrasie del titolo, una volta accettato che se certe storture te le rifila Bethesda, figurati Techland, una volta entrati nell'ottica del vabbè andiamo avanti, Dead Island riesce a essere un gioco divertente. Cioè, passate le prime tre, quattro ore.

Tutto in Dead Island gira attorno ai soldi: li perdi crepando e ne rimedi completando le missioni, vendendo roba raccattata in giro e perquisendo i cadaveri. Sì, anche le zombie in bikini hanno parecchi dollari addosso (tutte ex stripper?)
Perché all'inizio, andando a zonzo tra le water villa e il faro dell'isola armati di remi e bastoni, gli zombie pochi e poco cazzuti, sgommando a bordo dei pick-up e tirando sotto il parafanghi i morti viventi rimasti a farti ciao in mezzo alla carreggiata con la manina, dal punto A al punto B e ritorno per completare le solite missioni secondarie dell'oratorio, è un attimo farsi un'idea sbagliata sul gioco. Poi, si diceva, ti spediscono verso questa chiesa, ti si aprono le porte della cittadina al centro dell'isolar di Banoi, e Dead Island diventa tutto un altro mondo.
Bevila perché è tropicana yeaaAaargh
Perché ti ritrovi a correre in mezzo agli zombie quando sono troppi per affrontarli, ringraziando di aver appena speso gli ultimi punti nell'albero delle abilità per la carica da sfondamento. A stenderne un paio con una centra o un calcio volante uattà, e poi tempestarli di calci per non usurare l'unica arma da taglio ancora utilizzabile che ti ritrovi in inventario. A trasformare un semplice bastone, un coltello da cucina o un ordinario machete in, rispettivamente, una mazza chiodata, un'arma da lancio esplosiva, una lama elettrificata. A ripulire alcune strutture della città da altri esseri umani, che come in ogni storia di zombie sono sempre molto più stronzi degli zombie.
La giungla, con un vaghissimo accenno a Lost, che te lo dico a fare
E le cose da fare si moltiplicano, e la frenesia di procurarti armi sempre più celoduristiche ti prende (in un action RPG è sempre un ottimo segno), e decapitare al volo per puro culo due zombie con unico colpo critico ti eccita quasi sessualmente, e sei arrivato già a una quindicina di ore di gioco senza neanche rendertene conto. E sì, anche questo è in genere un ottimo segno.
Insomma, se il problema di fondo era decidere quale interruttore premere nell'alternativa binaria lo prendo/scaffale, alla fine propenderesti per un lo prendo con l'asterisco*. Pur con tutti i suoi limiti (al peggiore dei quali arriviamo tra un attimo), Dead Island è un lo prendo con l'asterisco: un tre più più, quasi quattro sulla scala Olivia Wilde®.

*Magari quando cala di prezzo, o a qualche eurino di meno dai soliti pusher inglesi che non pagano l'IVA. Ma se proprio vi piacciono gli zombie, e avete la pazienza di tirar via il primo 30% di gioco sapendo che il meglio del loro meglio viene dopo, fatelo: accattativillo. E ora, si diceva, passiamo all'aspetto più deludente del mena-taglia-mena Techland.
Mentre in sottofondo parte Don't let me be misunderstood nella versione disco dei Santa Esmeralda
Il fatto è che sulla scia di quel primo trailer, pur comprendo benissimo lo scopo truffaldino e ruffiano dello stesso, un minimo ci avevi sperato. Al fatto che Dead Island avesse una componente narrativa forte. A una storia alla The Walking Dead o alla World War Z. E invece la cosa più deludente, quella che fa più pena in Dead Island è proprio la trama. Gli unici spunti potenzialmente interessanti (hint: il municipio) buttati lì, alla sbrighiamoci, alla mamma cala la pasta. All'inizio ti viene chiesto di sceglierti un protagonista nel solito bestiario di stereotipi precotti: l'ex rapper fallito, l'ex campione di football finito a fare le pubblicità del kalo uomo con Tardelli, l'ex poliziotta, la cinesina svelta di gamba, ex dipendente del resort. Ognuno con un suo lunghissimo profilo, ognuno col suo viaggio, ognuno diverso, ognuno in fondo perso dietro alle statistiche sue.
Il tizio di spalle col mohicano è Logan, ex stella dell'NFL con il solito passato drammatico alle spalle di cui a nessuno in Dead Island sembra fregare una cippa
Solo che appena inizi a giocare ti viene sbattuto virtualmente in faccia un gigantesco gesto dell'ombrello: dal punto di vista narrativo, la scelta non cambia una mazza. Il tizio che guidi è solo un tizio, un paio di gambe e di braccia che appare di tanto in tanto a figura intera nei filmati d'intermezzo dopo le missioni principali. Quando, assieme agli altri tre compagni di merende del menu, dice e fa cose che, se non sono completamente prive di senso in quel contesto (e nella maggior parte dei casi lo sono), sono spoileroni maldestri su quest che non hai ancora accettato. Il tutto interpretato con un'espressività e scelte registiche da telenovela messicana girata in economia. Insomma, no. Chiedigli un gioco divertente, che decolla quando inizi a decollare dei morti viventi tosti e non minchietta con armi di un certo spessore, e Dead Island ti accontenta. Chiedigli una storia, e resterà lì a fissarti con sguardo bovino. Triste e inespressivo come i suoi quattro protagonisti exqualcosa.

39 commenti:

  1. Ho deciso: lo prendo.

    RispondiElimina
  2. Caro Dr. Antrista, aspettavo una recensione che mi aiutasse nella "scelta binaria" da te citata, e la tua mi ha convinto. In fondo sti cavoli della storia assente, chiedere un buon plot in un gioco sventra-zombie a più non posso è come chiedere una trama stile Cronenberg in un film porno. Però ho un quesito: è presente per caso una modalità co-op? Volevo usarla come scusa per convincere un collega videogiocatore dell'acquisto.

    RispondiElimina
  3. Fallout 3 con gli zombie.
    Se non amassi sua maestà l'uomo Blu, mi sarei fermato in quel punto. Invece ho letto tutto e sono gioione di averlo già pagato tutto.

    RispondiElimina
  4. Alessandro: Naaah.

    SeiGiàMorto: yep. Ma per ovvie ragioni (e anche un'altra un po' meno ovvia) non l'ho ancora provata.

    RispondiElimina
  5. Tendenzialmente lo prenderò dai pusher inglesi, però non sono sicuro che senza una trama decente riuscirò ad appassionarmi al gioco. Dai primi minuti di gioco, che avevo visto sul tubo, Dead Island mi sembrava tanto resident evil 5 che non ho preso. Il fatto di sapere che non sono un tamarro che va in giro con il fucilone figo dall'inizio alla fine già mi piace. Peccato per l'occasione buttata nel cesso come al solito.

    RispondiElimina
  6. ok deciso, lo prendo quando finisco di spolparmi L.A. Noire Deus ex e Battlefield 3 che sono gia in lista, cosi mi cala pure di prezzo visto il tempo medio che ci metto a finire un giocho di questi tempi!

    RispondiElimina
  7. Ok, presa key per Steam da quei siti borderline che te la vendono a tre spicci.
    Mal che vada ci smeno poco...

    RispondiElimina
  8. Ma perché tutti questi giochi sugli zombi?
    Tanto lo sanno tutti che il miglior gioco sul genere fu prodotto nel 1993: "Zombies ate my neighbors" :P

    RispondiElimina
  9. Comunque ritengo anch'io che ormai sarebbe ora che mettano un minimo di storia anche nei giochi zombeschi. Considerato che i survival horror quasi non ne esistono più come li conoscevamo ed essendo il loro ruolo assunto da quello degli fps... che dire, sarebbe ora di provare con qualcosa di più. Oppure pensano che l'utente medio consolato voglia solo picchiare zombie senza perché e senza un per come.

    RispondiElimina
  10. Posso dire la mia? Se i programmatori mettessero una storia, poi le missioni e le cose da fare dovrebbero rispettare la trama e ti troveresti a giocare su binari più o meno prefissati. Dove sta il divertente allora?
    Non è meglio che ci sia libero gioco? Libertà di crearsela la storia? Magari un premio se la storia da te creata rispecchia una o più delle trame teorizzate dai videogiocatori?
    Credo che sarebbe il top.

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Ciao Doc.
    Vado un pò fuori tema ma vorrei sapere se puoi dirmi qualcosa su Warhammer 40,000: Space Marine che esce domani.
    Sappi che sono un ex giocatore incallito di Starquest, ergo il titolo mi interesserebbe molto. Ne sai qualcosa? Esce in italiano o solo in inglese stretto?
    P.S. a quando un bel post su Starquest dopo quello (per me) interessantissimo di Brivido???

    RispondiElimina
  13. Sauro: temo si stia parlando di due cose diverse. La storia, in un gioco del genere, chiaramente c'è. E' il tipo che ti dice due cose sulla figlia da trovargli, sei tu che vai a cercarla e, quando arrivi là, magari le è successo qualcos'altro. Il problema di Dead Island è che i pochi spunti interessanti se li gioca molto male. E' il citato esempio del municipio, ma anche e soprattutto
    [SPOILER]
    della figlia del meccanico. Quando deve prendere una certa decisione riguardo al padre. O quando soprattutto viene liberata alla stazione di polizia
    [FINE SPOILER]

    Malix: di Space Marine non saprei dirti. Io non l'ho provato e rece in giro, a quanto mi risulta, ancora non ce ne sono. Immagino fioccheranno comunque tra oggi e domani. Quanto a Starquest, sure.

    RispondiElimina
  14. Questo dead island puzza moltissimo di rpg squallido con quest tutte uguali che di originale (forse) ha gli zombie peccato che non rilasciano una demo sull'xboxlive

    RispondiElimina
  15. OT grande come l'alien queen : a quando la recensione di quel caplavoro dello squallore di deadly premonition?

    RispondiElimina
  16. Lo metterò in lista nelle offerte natalizie di Steam... insieme a vari altri titoli e poi vediamo :)

    Del resto anche i due Left4Dead non li avrei avvicinati se non in offerta.

    RispondiElimina
  17. Deadly Premonition è abbandonato sul 360 assieme a Portal 2. Prima o poi...
    Tornando a Dead Island: le missioni si fanno dopo un po' abbastanza varie. E il fatto di averne così tante tra cui scegliere tiene vivo l'interesse e la voglia di esplorare lo scenario.

    Altre due cose sul gioco che non ho scritto: i personaggi recuperano energia mangiando junk food e bevendo energy drink. Seguono un regime alimentare identico al mio, in pratica.

    Il sistema di lancio delle armi è una figata. Situazione tipica: scagli un coltellaccio sulla capoccia di uno zombie, lo raggiungi di corsa, lo stendi con una mazza chiodata, raccogli il coltello e gli affetti le braccia.

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. Lo prendo sicuramente, nonostante la "sola-trailer" che lasciava presagire una trama cinematografica rimarchevole. Da come hai descritto l'adrenalina e le dinamiche "ammazza e sopravvivi", sulla storia possiamo anche soprassedere, dato che ultimamente giocare un racconto coinvolgente ed appassionante sembra chiedere troppo. Per esempio Deus Ex HR ha una tipica storia cyberpunk senza infamia e senza lode, peccato che però i personaggi che sembrano caratterizzati da Moccia e il coinvolgimento dopo il sedicimillesimo hackeraggio nel solito ufficio uguale ad altri cento, cala paurosamente.
    Meglio ammazzare e basta...

    RispondiElimina
  20. ok mi sono convinto lo prendo a 30 euro da play che tanto scenderà comunque non andare in giro a dire che non hai finito portal 2 perchè potresti ritrovarti una testa di cavallo nel letto

    RispondiElimina
  21. Il protagonista crestato sembra Turok

    RispondiElimina
  22. Videogiochi e narrativa, i vecchi nemici.

    Viva Super Meat Boy, infatti. :)

    RispondiElimina
  23. @Sauro
    Dragon Age Origins ha una bella trama eppure non è un gioco su binari. Il fatto che ci sia una trama non implica che per forza si debba seguirla per procedere nel gioco. Voglio un gioco di Zombie alla Oblivion!!111!!1

    RispondiElimina
  24. OFFPOST(?)ALLA CORTESE ATTENZIONE DEL DOC: ieri ho comprato la xbox, la prima console che possiedo a distanza di una ventina di anni dal NES (cui unica cartuccia regalatami fu Metal Gear, quello con i cani escrementomorfi). Probabile che non sia annoverabile nella categoria degli hardcore gamer. Epperò ti chiedo con incondizionata e immotivata fiducia: "Quali sono i 5 giochi che dovrei assolutamente avere sul 360, o Doc?". "Quali sono, eh?". "Oh, considera che c'ho l'xbox solo per giocare a Red Dead Redemption, quindi me ne dovresti dire 5 escluso questo, grazie."

    RispondiElimina
  25. Una domanda più semplice no? :D
    In ordine sparso (poi, in base ai gusti, la selezione falla tu): il primo Dead Rising, l'ultimo Halo (Reach. La serie che a me non dice granché ma piace al monTo intero), Bayonetta, Batman Arkham Asylum, Gears of War 2, Bioshock, GTA IV, i due Mass Effect, Fallout 3.

    Per giocarli tutti ti basteranno tipo millemila ore.

    RispondiElimina
  26. Azz ,per noi umani c'e' da aspettare il 9..............

    RispondiElimina
  27. Magari fosse come Fallout 3, in questo gioco di RPG c'è solo un (povero) albero delle abilità e un sistema di (noiose) quest in stile ruolistico. Non ha niente altro dei prodotti Bethesda: per dire, le uniche cose che ti permette di fare sono l'aprire bauli e menare le mani. Fine del gioco. Una sorta di Far Cry 2, per giunta senza armi da fuoco.

    RispondiElimina
  28. Rispondo a Scrofalo che chiede, dopo il suo acquisto della xbox, quali sono i 5 giochi che non deve assolutamente perdersi:
    Parlo per la mia esperienza, quelli che ho trovato più belli (secondo il mio gusto personale) in ordine:

    1. Assassin creed (soprattutto l'ultimo)
    2. Alan Wake
    3. Splinter Cell (l'ultimo)
    4. Mafia II (anche il padrino II non è male)
    5. Just Cause


    Avrei aggiunto anche Read Dead Redemption visto che è stato uno dei miei preferiti.. ma visto che l'hai già acquistato...

    Buon divertimento!

    RispondiElimina
  29. Dimenticavo,
    ho comprato Dead Island.. ci ho giocato un pò.
    E' carino (meglio di come l'aspettavo).. peccato per alcune pecche già descritte:
    poca trama
    paesaggio statico
    in alcuni punti un pò difficile (e quindi ripetitivo)
    avrei voluto un pò più liberta di movimento in un contesto di ministorie secondarie.. che ne so: aggiungere qualcosa di un pò realistico (esigenza di fare rifornimento di benzina ai veicoli per esempio.. oppure dover ricercare un proprio parente sull'isola avrebbe dato al personaggio un qualcosa in più di caratteristico..)

    RispondiElimina
  30. iL GIOCO COME è SUCCESSO A TANTI SI BLOCCA ALL'INIZIO DELLA MISSIONE 7...TUTTO SFUOCATO SEMBRA DI STARE SOTT'ACQUA, E IL PERSONAGGIO MUORE LENTAMENTE

    RispondiElimina
  31. Carissimo,
    non male la tua recensione... ma ti dirò, io l'ho giocato 2 volte, la prima veloce e la seconda girando tutto e risolvendo quest e collezionabili, il gioco è molto bello, hanno curato tantissime situazioni molto particolari e "divertenti" (es, la zombie legata a letto morta mentre girava un porno) ma i esempi ce ne sono a bizzeffe, alta giocabilità e scontri avvincenti, l'essere sempre a corto di armi poi fa impazzire.
    ad ogni modo non è vero che la storia è scadente, regge benissimo, i personaggi forse sono troppo stereotipati e di poco spessore, ma neppure resident evil e fallout hanno chissà che di pilot?! alla fine si tratta di hit e run con dose di rpg. Ed è proprio ben fatto! Speriamo ne esca presto un seguito!

    RispondiElimina
  32. Salve a tutti! è ormai 3 giorni che gioco a dead island! allora mi piacerebbe precisare sul fatto che lo scenario cambia! infatti con l'avanzamento delle missioni si sbloccano diverse "espansioni dell'isola" io ora mi trovo in città dove parecchie volte il tempo cambio e di rado piove....si trovano più armi da fuoco "2-3" rimanendo nell'ambito pistola ovviamente,per quanto riguarda i veicoli,oggi mi sn trovato a guidare un camion blindato per il trasporto valori...e dopo una quest che richiedeva di corazzarlo :D guidavo un vero e proprio carro armato!!! io personalmente trovo il game particolarmente divertente in quanto mi porta parecchie volte a domandarmi il modo di salvarmi il c**o XD le munizioni sono davvero rarissime da trovare! già faccio fatica per quelle di pistola figuratevi per l'ak 47 che è tenuto insieme col nastro isolante.

    RispondiElimina
  33. Scritto bene come sempre, io aggiungo delle cose:
    - alla fine il paragone più frequente è Borderlands (e tra l'altro l'ho sentito pure ieri nella puntata di Ringcast a cui avevi partecipato). Paragone che secondo me non ci sta nemmeno questo e mi sembra più adatto accostarlo a un Fallout 3 (con combattimenti meno penosi...) se parliamo di "genere". Secondo me riesce a emergere dai vari cassettini
    - Aggiunta all'asterisco: magari prenderlo usato rivendendo un altro usato e pagarlo una quindicina di euro.. io ho fatto così. :)
    - Perché nessuno dice che certe visuali dell'isola lasciano senza fiato? Bellissimo il motore grafico per quanto riguarda l'ambiente (almeno su PS3, poi non so)
    - Ma non dici che si DEVE giocare in co-op online con un amicone per entusiasmarsi realmente con Dead Island? Non dirmi che te lo sei giocato sempre in singolo. Che poi alla fine è anche l'unico motivo valido per chiudere un occhio sto cavolo di paragone con Borderlands. :)

    RispondiElimina
  34. io ho comprato dead island proprio ieri e posso dire che è divertente riuscire a scartavetrare i coglioni a uno zombi dal primo livello.
    assomiglia a far cry 2 senza armi da fuoco ma è meglio un gioco di zombie senza queste ultime che un gioco di zombie con armi stra taroccate da tamarri insomma ci si diverte anche così bel gioco

    RispondiElimina
  35. ci ho provato doc, davvero...e per un'ora mi è quasi piaciuto. da adoratore di fallout 3 ci avevo quasi creduto...ma no. o forse non dovevo giocarlo dopo aver finito mass effect 3!!

    RispondiElimina
  36. Sapete dirmi qualcosa sulla espansione di natale???

    -chi mi risponde mi chiami pure Nobe1 six

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails