sabato 16 luglio 2011

69

Saturday night sondaggismo: birre

Chi beve birra campa cent'anni. Te escluso
Ok, te ne rendi perfettamente conto: sabato scorso il cucciolone, ieri quella storia dell'estathé, oggi le birre: l'antro atomico ha assunto in modo inquietante nell'ultima settimana i tratti di un baretto da spiaggia. Ma d'altronde, oh, è estate, c'è voglia di cose fresche, e quindi oggi c'è che si parla di birrette. Dice: ehi, ma te non eri astemio? Sì. Ma non ci sei mica nato. E non lo sei mica diventato, se è per questo, per una scelta di vita […]
Scordatelo, bella
Una qualche forma di intolleranza all'alcol e al caffè devi avercela sempre avuta. Una di quelle storie di enzimi scansafatiche che non fanno il proprio lavoro, whatev. Solo che nel tempo è andata peggiorando, tanto che oggi anche solo bere un goccio di caffè o un sorso di spumante a Capodanno significa prenotarti una notte di febbre, sofferenza, fastidio, fastidio grave. E se la questione del caffè ti ha reso un caso strano in una famiglia di grandissimi caffeinomani, spingendoti già in tenera età verso la droga dei primi drink energetici, ingenerando la tua attuale dipendenza dalla Red Bull, la questione alcolica ha provocato i suoi minimi attriti sociali.
Ti ho detto no ed è no
Una volta un amico ti ha chiesto: Scusa ma non ti pesa dover ordinare sempre e solo della Fanta?. Allora tu gli hai rivolto un'aria tutta compresa. Sì, gli ha risposto, ma solo da quando hanno cambiato qualcosa nella Fanta e ora sa di schifo. Ma, dicevamo, non è sempre stato così. Perché c'è stato un tempo in cui un bicchiere potevi anche bertelo senza poi vivere un'esperienza ai confini dell'ascesi mistica. Per una qualche ragione ti piaceva molto una birra rossa, la Devil's Kiss. Ma parliamo di almeno quindici anni fa. L'ultima botta di vita, per così dire, te la sei concessa con la Asahi, ai tempi del primo viaggio in Giappone, a metà decennio scorso. Era leggera, andava giù, ce la facevi, quindi per un po', quando hai scoperto che si trovava anche in Italia, te la sei fatta piacere.
Eravate in due: tu e Hugh Jackman (lui però lo pagavano)
Poi gli enzimi hanno fatto definitivamente domanda di prepensionamento, hanno deciso che basta così, e da almeno sei anni hai una vita fatta solo di soft drink. Il che vuol dire di Red Bull, con giusto qualche aranciata ogni tanto. Non è male come sembra. Tranne quando sai che se vai da qualche parte e alla fine faranno guidare sempre e solo te. Tranne quando al ristorante il cameriere pensa che c'hai il braccino corto perché non ordini il vino. Tranne quando ti ritrovi in giro per lavoro con della gente anglosassone e devi spiegare che no, non fai parte di una setta o qualcosa del genere. Tranne quando fa un caldo bestia e in frigo c'è una qualche Heineken abbandonata lì, da sola nella sua tristezza di accessorio d'emergenza per eventuali ospiti di un futuro più o meno prossimo, e pensi che sarebbe bello. Poi pensi anche che l'ultima volta stavi morendo e ti dici Sì, bello un cazzo.
Tutti voialtri ancora muniti degli enzimi giusti, in compenso, siete ancora aventi diritto per il voto. Cioè, si presuppone. La vostra birra preferita, perché, da quando, se e come avete avuto modo di cambiare idea nella vita al riguardo. Chi invece non beve, se vuole può spiegare le ragioni della sua scelta. Cioè, se si tratta di una scelta. Sarai mica cazzo l'unico intollerante all'alcol e al caffè del pianeta?
Votate!

69 commenti:

  1. Birra Ichnusa gusto special

    RispondiElimina
  2. La birra per me è come la donna: rossa e media. Quindi voto per la Leffe.

    RispondiElimina
  3. Anche io sono per l'Ichnusa, ma a volte ricato nella pessima beera mista a tequila cui non riesco a resistere solo perchè si chiama "Desperados". Si, sono uno di quelli che compra il libro per la copertina, dannazione.

    Durango

    RispondiElimina
  4. Corona e sto! ma sopratutto Doc mi dispiace per te, una vita senza caffè io non potrei regerla!

    RispondiElimina
  5. Devil's Kiss quando ancora riuscivo a trovarla senza partire alla ricerca del santo graal

    RispondiElimina
  6. Io sono quasi astemio in un paese di alcolizzati, quindi capisco la sensazione di pesce fuor d' acqua. Quando bevo una birra, direi che la Corona regna sovrana. Una volta avevo provato una birra bianca ottima, ma aveva uno di quei nomi tedeschi per me impossibili da ricordare o pronunciare, quindi non posso cederle il trono...

    RispondiElimina
  7. Sierra Nevada Pale Ale.
    E' la birra che beve Latte Materno dei Boys di Ennis.

    RispondiElimina
  8. normalissima irrinunciabile "ichnusa".

    RispondiElimina
  9. Una Leffe rossa anche per me, grazie...

    RispondiElimina
  10. Tra le economiche, la Nastro Azzurro regna; tra le birre di categoria direi...mmm...bah, diverse, la Boucanier, la Floreffe, la Paulaner, l'Erdinger, la Duvel...
    In ogni caso voto Nastro Azzurro.

    RispondiElimina
  11. Di birre ne bevo parecchie, e da sempre le preferisco ai vini, e tra tutte, adoro quelle particolarmente luppolate, molto amare.
    Grazie ad una piccola birreria che ha aperto nella mia cittadina ho avuto modo di incontrare la mia preferita in assoluto, la Punk Ipa.
    La cosa incredibile è che ha un profumo che ricorda moltissimo il Moscato, solo che invece di essere dolcissima è molto, ma molto amara, e quindi va giù che è un piacere.
    Seconda classificata la Bulldog, grande profumo e ottimo retrogusto, e adattissima da portarsi in campeggio, visto che bevuta calda è anche meglio.
    Grazie Inghilterra!

    http://legalbeer.com/images/brew%20dog%20punk%20ipa.jpg

    RispondiElimina
  12. Doc, che ti hanno fatto di male i tuoi ospiti per meritarsi una Heineken???

    ...comunque la scelta oscilla tra la fresca Franziskaner e la potente Trappe Quadrupel...

    mmmh diciamo la Franziskaner, che di questo periodo se ne scende che è un amore!

    RispondiElimina
  13. Non c'è una birra preferita per quanto mi riguarda ma più birre.
    La Corona: ok, non è forse una birra "maschia" ma è dolce e fresca quindi perfetta per questa calda estate.
    La Menabrea: un must, non si può non supportare l'unica birra veramente italian rimasta sul mercato.
    La Weiss (possibilmente la Paulaner): la birra perfetta per condire un pasto abbondante o una signora pizza.
    Ovviamente la birra va bevuta in bottiglia di vetro o in bicchiere e non in lattina (a meno che non vogliate rovinarvi la bevuta).
    Non sono un gran patito delle birre scure (Guinness in primis) e se capita bevo anche le birre rosse ma molto raramente. Se al pub trovo il sidro (cosa più unica che rara), lo bevo al posto della birra.

    RispondiElimina
  14. Credo che voterò per la Colomba, anche se sono anni che non ne bevo uno.
    Chiara Corsa, aromatizzata con robe varie identificate con un generico "Machja", fresca e fruttata porta in dono le sfumature dell'isola da cui proviene, ed essendo la Corsica meta delle mie vacanze da quando ero pischello ciò mi aggrada parecchio.
    Nella vita di tutti i giorni, vado di Heineken e Becks a pasto, quando esco solitamente Ceres, Pietra(altra birra corsa aromatizzata alla castagna), Weiss o, se sono in uno di quei pub/birrerie con tanto di lista enunciante peculiarità di ogni birra, scelgo quella che più mi ispira nella lista.

    RispondiElimina
  15. Al momento sono in una fase simile alla tua, ogni mese mi rinnovo il bollino "Non tocco un goccio da X mesi". Ai bei tempi, però, la mia preferita era la Crest: una lattina da 10 gradi con l'aspetto e il sapore della benzina.

    RispondiElimina
  16. La chouffe belga http://img407.imageshack.us/img407/1912/lachouffeglasswebja5.jpg , dagli incredibili poteri allucinogeni,non per altro ha come logo uno gnomo...Per curiosità professionale,quando bevi alcolici,oltre a sudorazione notturna e febbre,hai per caso uno strano prurito e dolore ai linfonodi del collo?

    RispondiElimina
  17. Senza dubbio la Thomas Hardy's Ale, la cui discendenza dall'ambrosia è ormai riconosciuta dalla comunità scientifica.

    http://www.ibabuzz.com/bottomsup/files/2008/05/thomas-hardys-ale-2004-w1.jpg

    RispondiElimina
  18. Questo sondaggismo capita a fagiuolo... a me, in verità, piacerebbe la birra irlandese (credo): amara, non molto pesante e con retrogusto di fondi di caffè. Nella realtà, basta che rispetti la regola delle tre F: frizzante, fredda e fgiallognola.
    Se poi costa meno di 50 centesimi alla lattina... beh, è il top: la birra dei capitalisti

    RispondiElimina
  19. Hai tutta la mia comprensione per quanto riguarda l'aspetto (a)sociale dei riti della pausa caffè e del cicchetto.
    Il primo in quanto figlio di signora carioca, quindi a casa mia la macchinetta del caffè era su h24, diffondendo e impregnando con il classico aroma tappezzerie, divani, carte da parati, pelle, capelli, ossa in tutta casa, permettendomi di sviluppare un odio viscerale per la sostanza e fastidio marcato per il suo odore. E poi è roba amara, e io avendo gusti di un dodicenne (patatine, dolci, bevande gassate, e via così...), aborro gli... (mmm... dolci-> dolciumi... mah, sarà...) amarumi.
    Dell'alcool invece non sono stato mai un grande estimatore, e in genere mi definisco astemio, per scelta. Nel senso meno filosofico del termine però: cioè non è che non bevo. Bevo poco, cioè, se devo... se capita... Tipo a fine cena in pizzeria un limoncello (che è dolce: torniamo al dodicenne). Tipo lo spumantino per brindare ma solo dolce (<-dodicenne!), che il brut mi fa brut al pancino. Tipo il vino se proprio no grazie signore non bevo, ma si dai che ti fa bene, non fare complimenti, ti riempio il bicchiere e lo devi far sparire, e vabbè grazie. Tipo la birretta al pub, o con la braciolata, o con la pizza... insomma, dove è costume.
    E a proposito di birra, dopo un post chilometrico di cui non frega niente a nessuno ma è sabato mattina e sono solo in casa e in tv fanno solo Special A, arrivo all' IN topic del post.
    Non essendo gran consumatore non ho sviluppato capacità di discernimento, bevendo un po' quello che capita davanti (ma rigorosamente al vetro): Peroni, Du Demon, Heineken, Ichnusa, Nastro Azzurro, Ceres, Becks, Guinnes, quella della casa, alla spina e annacquata grazie. Però ultimamente mi sto affezionando alla Heineken, che mi sono accorto all'improvviso non avere quel retrogusto amaro (di nuovo: dodicenne!), che poi è il gusto tipico del luppolo. Credo. Stika. Quindi si, oggi vodo Heineken, domani chissà.

    Piuttosto... Ridatemi il sidro! Dove è finito il sidro, che un tempo si trovava in tutti i pub/bar/locali/pizzerie/supermercati/alimentari?!?! RITIRATE FUORI IL CACCHIO DI SIDRO DI MELA VERDE! (AHA! dolce: dodicenne!) Maledetta Ikea, hai fatto finta per un po' e poi a man bassa l'hai sostituito con quello alla pera...

    RispondiElimina
  20. A me va bene qualsiasi weiss artigianale... facciamo una Schneider Weiss per dire un nome.

    Certo che se ti bevi certe cose poi è normale che stai male. Prova qualcosa di qualità un po' migliore e magari scopri che non era la birra a darti fastidio ma la roba che ci mettono dentro!

    Simone

    RispondiElimina
  21. Da caffeinomane ti dico che mi salta fuori la lacrimuccia e ti sono vicino DOC...non riuscirei a vivere senza caffè, ma si parlava di birra, quindi dico, è la mia risposta, la accendiamo la Guinness...gelata...alla spina...ad accompagnare dell'ottimo junk food...si si!

    RispondiElimina
  22. Heineken principalmente...più in generale non amo le birre scure e pesanti.

    RispondiElimina
  23. All'omoragno: ora il sidro Strongbow si dovrebbe trovare più facilmente. Se non al pub, almeno al supermercato (meglio di niente).

    RispondiElimina
  24. Asahi, of course, provata per la prima volta al giappo e mai più lasciata.

    In compenso trovo la Guinness vomitevole.

    RispondiElimina
  25. Nel pocume di birre che ho bevuto mi è piaciuta molto la Pilsner Urquel (mi sa che ho sbagliato a scrivere) ma quella che importano in Italia per me è diversa da quella Ceca. O forse, è solo nostalgia..

    RispondiElimina
  26. Per me esiste una e una sola birra: la warsteiner. Ovviamente rigorosamente in fustini da 5 litri da festino budello estivo

    RispondiElimina
  27. Esimio Dottore, non ho problemi di enzimi e bevo alcoolici in quantità, ma possiedo una caratteristica che mi rende sicuramente peculiare: non mi piace la birra. Che nel mondo dei maschi etero non è cosa molto comune, forse siamo in sette in Italia e ci mandiamo gli auguri di Natale tutti gli anni. Non starò a raccontare di quando vissi in Uk, una comica.
    Dio salvi la vodka!

    RispondiElimina
  28. Nastro Azzurro, che non sarà la migliore, ma distrugge il resto del mondo per la qualità/prezzo.

    Resta comunque il fatto che, dopo quel mezzo litro mandato giù come fosse acqua all'Hofbrauhaus, meglio noto come HB, a Monaco, mai più la bionda ha avuto la stessa faccia...
    Dio quant'era buona...

    RispondiElimina
  29. Gordon Finest

    lo dice pure il nome

    RispondiElimina
  30. Non mi piace il sapore della birra e degli alcolici in generale, il caffè con i colleghi una volta al giorno per "rito" ma quando sono a casa non ne bevo... il mondo è pieno di gente strana.

    RispondiElimina
  31. Colomba sia in bottiglia sia alla spina, Guoinness esclusivamente alla spina, le weiss e le blanche in generale. ma soprattutto la Sapporo tutta la vita (ma anche la Suntory e la Asahi nn son male)

    RispondiElimina
  32. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  33. La birra mi piace in tutte le sue razze e varianti, a parte le famiglie Guinness e co, dirne una come preferita non saprei, in generale preferisco le doppio malto o le rosse doppio malto, ma non disdegno le altre razze.
    Direi dunque tennent's super o chimay, ma anche la peroni gran riserva malvagia non è.

    Da abolire invece dreher,heineken nastro azzurro e company per quel che mi riguarda, che la birra economica è economica per qualche motivo, meglio un euro in piu e campare felici.....

    Ps
    Io il caffè durante il tipico giorno lavorativo non lo tocco, in trasferta a Napoli mi guardano circa come un alieno blasfemo che stupra i bambini, vedessi poi lo schifo mal celato quando per rito sociale mi aggrego e con questi climi mi prendo un caffè freddo o l'espressino freddo, tutti baristi e banconisti compresi, scuotono la testa :D

    RispondiElimina
  34. Hacker-Pschorr, Franziskaner, Ayinger, Chouffe, Bjorne, Menabrea.

    Per il caffè strano Doc, il tuo problema non sembra essere la caffeina, visto che bevi la Red Bull (e la coca immagino).

    RispondiElimina
  35. Slalom o in alternativa Birre du Demon, due birrette leggere-leggere, dove per leggere-leggere si intende un pugno allo stomaco e un altro alla nuca.

    PS: gigantesco OT, Doc sto giocando a Lumines, ti dice niente? :)

    RispondiElimina
  36. chouffe a vita(bionda naturalmente) peccato che costi un botto quindi di solito se sono in carenza di moneta prendo corona.

    bevuta buona la caslte in sudafrica..peccato non la trovo da nessuna parte qui :(

    a doc..mi spiace per te...

    RispondiElimina
  37. Direi la Leffe Radieuse, di poco sotto la Kwak e La Chouffe.
    Se devo stare leggerissimo allora la Corona col lime è assai piacevole.

    RispondiElimina
  38. Mai stato un amante della birra ( e in genere delle cose amare, in compenso ucciderei per un pasticcino).
    Nelle occasioni in cui capita bevo Beks,Ceres o Corona.
    Corona e' una birra maschia, lo dice Vin Diesel in Fast and Furios.

    RispondiElimina
  39. Birre eh?
    La mia preferita è la Weihenstephaner Vitus, una Weizenbock, una weiss ad alta fermetazione doppio malto, fa 7.7° alcolici ma ha una bevibilità eccelsa.
    Detto ciò parto col listone giordano tanto per parlà perchà mi viene un friccico al cuore.
    Le mie birre sono le weiss su stutte, poi le APA (American Pale Ale, tipo la Sierra Nevada), il birrificio Lambrate produce la Ligeria, una APA che manco gli ammerigani la fanno così buona; e le Saison belghe, Saison Dupont biologique e Rulle Estivalle come riferimenti.
    Birre più maltate che luppolate, quindi con un amaro non fortissimo, controtendenza alla moda del momento che vuole 'ste birre Pompelmose, amare a palla.
    Gradisco le birre artigianali, il mio birrificio preferito è Lariano, Emanuele (il proprietario, ndr) non ne sbaglia una, fa una weiss, la Breva, che è una spremuta di banana alcolica, una weiss artigianale eccelsa; cosa difficilissima perchè la Weiss è una birra delicata, dagli equilibri precisi e che ci vuole nulla a rovinarla e spuntarla di citrico e renderla una ciofeca.
    Alto prodotto eccezionale è la terzo miglio di Rurale, APA che se la batte con la Ligeria di Lambrate, forse pure meglio.
    Menzion d' onore per la Gose di Lipsia, birra ala sale eccezzionale, una birra in stile è la saltinmalto di Bi-Du, manca un po' di coriandolo ma è da paura.
    Troppe ce ne sarebbero da dire, Ah sì, Birra del Borgo di Borgorose (Ri), ReAle (APA ma fuori dai canoni delle APA, quasi un IPA), Duchessa (Saison al farro), Genziana (birra con la radice omonima ma che stranamente non è amara come il fiele come il liquore alla Genziana ma dolce e piacevole, da meditazione dopopasto), stelle e Strisce (APA, il nome lo dice) e altre.
    Le birre da pizzeria... meglio l' acqua di rubinetto senza dubbio.
    Io:"Ste' (il mio alchool pusher, ndr) ma la Nastro Azzurro?"
    Lui:"Manco i piedi me ce lavo!"
    Di quelle commerciali degna di essere bevute è la Peroni gran riserva, e al gusto mio quella in bottiglia è anche meglio della spillata. la Heineken solo in Olanda, quella italiana è robbetta... a me una coca cola grazie.
    poi ce n'è un altra... allego rvm
    http://www.youtube.com/watch?v=sYtecO7ypTE#t=3m14s

    RispondiElimina
  40. "...ne ho viste tante. Gustose, fragranti. Non ce la faccio a stare senza, le ho provate tutte. Americane, tedesche, olandesi, piccole e grandi, con la sorpresa. Le prendevo così, senza tanti complimenti, anche tre alla volta. Ma nessuna è come questa. Fidati di uno che le ha provate tutte..."(*)
    Guinness scura, nera da far paura!

    (*) Courtesy of Rocco

    RispondiElimina
  41. http://it.wikipedia.org/wiki/Duvel

    RispondiElimina
  42. la birra dell'HB (la più famosa birreria di Monaco di Baviera) bevuta direttamente all'oktoberfest... qualcosa di unico...

    RispondiElimina
  43. Io vado pazzo per la birra crucca!
    Quindi direi Bitburger, che dove ho casa in Germania si trova ad ogni metro, qui da noi un po' di meno...

    RispondiElimina
  44. Nastro azzurro.
    C'è più gusto ad essere Itagliani!

    RispondiElimina
  45. Anche io c'ho brutti rapporti con la birra (nel senso che per qualche strano motivo, mi si piazza sul gargarozzo e ci resta per delle ore, risultandomi indigesta...). Comunque quando si va in quel di "Pedavena" solitamente si prendono le caraffe della "Centenario"... ;)

    Ad ogni modo, la birra più buona del mondo è la "Afflingem".

    RispondiElimina
  46. Cameriere altre due Ichnusa per favore.... belle croccanti!!!

    RispondiElimina
  47. Và che bell'argomentino oggi! allora... intanto per la mitica Asahi siamo almeno in 4, Doc: te, Hugh Jackman, Bubba Ho-Tep ed io, che l'ho scoperta quando apparve per magia nel mio bar di fiducia e l'ho subito amata, salvo perderla prestissimo causa scarse vendite (tipo una, la mia). Altro amore giovanile fu la Prinzregent Luitpold, da consumarsi con pasti ultrapesanti e in multipli di 50 cl. Ora invece mi sono attestato sull'onestissima Tennent's Super: buon sapore, giusta cattiveria, facile da trovare quasi ovunque.

    RispondiElimina
  48. La birra dell'oktoberfest è annacquatissima, l'ultima volta che ci son stato ho incominciato alle 8 del mattino finendo per berne 4 ed essere sobrio,o perlomeno non come se avessi bevuto quel quantitativo da cirrosi alcolica. Comunque un'altra birra pilsner discreta è la king fisher indiana,che in realtà producono in Inghilterra per royalty,abbastanza luppolata e gradevole. Ci sono poi le semi sconosciute del birrificio Lambrate, tipo la "Brighella" e quella artigianale dell'Officina della Birra di Milano,collocato fieramente a circa 400 metri da casa mia...

    RispondiElimina
  49. Molto dissetante ed ottima con la grigliata è la Brahma una birra brasiliana! P.s. Ma la gif con la tipa che si spoglia da che film è tratta?

    RispondiElimina
  50. Klaus: non saprei dire, anche perché sono passati anni dall'ultima volta. Di sicuro ricordo che in quei rari casi in cui ho osato sforare i 10 gradi (vino, spumante, vodka), oltre ai sintomi già descritti e a un qualche sconquasso gastrointestinale sentivo stringermi la gola in una morsa.

    Capee: Lumines, uno dei miei giochi preferiti di sempre

    Bender: no, non è la caffeina in sé, perché nei soft drink non mi fa nulla. E' qualcos'altro nel caffé (lungo ammerrigano, ristretto, coppa del nonno, whatev) a farmi l'effetto cicuta.

    RispondiElimina
  51. Se si magna una weiss, magari una pauliner, niente di esoterico che altrimenti non finisci il caraffone.
    mentre se devo bermela così solitaria, una Corsendonk scura, è probabilmente la birra (non artigianale) più buona che io abbia mai assaggiato.
    Poi ci sono tutte le artigianali del caso che non sto qui a farvi il pippone.

    RispondiElimina
  52. La Chouffe, birra bionda delle Ardenne (Belgio) 8 gradi.
    La riconoscete perchè ha uno gnomo dal cappello rosso sull' etichetta.
    Se non la conoscete ... beh, peggio per voi!
    Ne ho una gelata proprio davanti...

    RispondiElimina
  53. Vita senza caffè cominciata due anni fa e mai più toccato, vita senza alcool, se ne parla alla prossima reincarnazione!
    Per la birra dipende molto da dove mi trovo, visto che da 5 anni a questa parte non ho dimora fissa e molto spesso sono obbligato a bere quel che trovo, a dovermi adattare. Di birre buone ce ne sono comunque in tutto il mondo. Di solito le serate con amici e colleghi badano più alla quantità che alla qualità. Se però devo scegliere, la Tennent's Super siede sul trono!

    RispondiElimina
  54. Adelscott! La birra con il malto al whisky. Anche se dopo 2 bottiglie mi nausea, al primo sorso è sempre amore!

    Un posto nel cuore pero lo tengo sempre libero per la guinnes.

    Menzione speciale per le serate estive alla Corona.

    RispondiElimina
  55. Hoegarden (birra bianca).
    Freschissima e piacevolissima d'estate, la passione per le birre da meditazione (tipo le belghe d'abbazia ambrate quadruplo malto con triplo salto mortale carpiato mancino) ce l'avevo da giovine ma m'è passata da un pezzo.

    RispondiElimina
  56. Non sei il solo: anche i miei enzimi mi hanno abbandonato...solo che io vivo in Friuli.
    Orso Gobbo

    RispondiElimina
  57. Voto deciso anche io per Tennent's Super, la migliore doppio malto che ci sia! anche se la Moretti rossa non è male...
    a morte la Corona e la Nastro Azzurro, piuttosto bevo acqua...
    Ah, le birre tedesche che arrivano qui (soprattutto la Becks) non hanno niente in comune con quelle che si bevono là: la Becks qui non riesco a berla, mi sembra urina fredda, invece là era spettacolare; ugale la Carlsberg, che bevuta in Danimarca in un pub di marinai vicino al porto di Copenhagen mi è sembrata la bionda più buona di sempre.

    RispondiElimina
  58. All'anonimo che chiedeva da che film fosse presa quella gif, dovrebbe essere Star System, se non ci sei non esisti, un film molto simpatico con Simon Pegg (L'alba dei morti dementi e Hot Fuzz) e le bellerrime Kirsten Dunst e Megan Fox.

    RispondiElimina
  59. Non ci crederete, ma sono astemio.
    Mai bevuto birra in vita mia.
    Anzi, una volta , un sorso a dieci anni e la trovai aspra.
    Dovrei provare a berne una da adulto, ma perchè rischiare di diventare un novello Barney Gumble?

    RispondiElimina
  60. Adelscott, aromatizzata al malto di whisky <3

    RispondiElimina
  61. Tennent's Schotch Ale i giorni pari,Guinnes i dispari!
    Mariestad comprata da Ikea,che mi fà sentire a casa!

    RispondiElimina
  62. @"The" Shocker
    Si, la pubblicità l'ho vista pure io, ma negli scaffali nisba... devo girare altri super mi sa...

    RispondiElimina
  63. Tennent's super in assoluto la migliore!
    Poi per le sessioni notturne a Fallout 3 (moglie e figlia a letto), un paio di Bavaria 8.6 rossa non me le toglie nessuno. Meglio poi se accompagnate da patatine e "Salsa terremoto livello 3" che forse è la cosa più piccante che esista in commercio :-)
    Di sicuro una bomba per lo stomaco, ma di godimento... TANTO ;-)

    RispondiElimina
  64. direi la Guinness, ma ho un rapporto di amore-odio con lei: non riesco mai ad andare più là del bicchiere piccolo per quanto è pastosa ma le prime sorsate sono sempre quelle del piacere.
    dunque mi butto sulle rosse doppio malto, e dico senza manco pensarci MacFarland.

    RispondiElimina
  65. Asahi o Miller, se voglio qualcosa di fresco e leggero: estive.
    Belhaven Scottish Ale, se voglio qualcosa di gustoso ma non troppo pesante.
    Saint Sebastiaan Gran Cru (nella bottiglia di coccio) quando voglio fare sul serio. :)

    RispondiElimina
  66. La Castle. In sudafrica un'istituzione, qua non sanno nememno cosa sia...

    Buonissima da bere gelata...

    RispondiElimina
  67. Ichnusa normale, ma possibilmente ghiacciata e bevuta fronte mare.. ;)

    RispondiElimina
  68. Questa è la famosa domanda del cazzo... come fai a scegliere UNA, dico UNA, birra..?

    Certo che, se dovessi passare il resto della vita sulla famosa isola deserta, probabilmente la scorta eterna la vorrei di birra Hooegarden, una weisse belga delle Fiandre che fa 5 gradi e dal sapore fresco e acido, colore tendente al platino.

    Scoperta, e da lì sempre apprezzata, lavorando in un pub che la serviva.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails