domenica 24 luglio 2011

66

Saturd... Sunday Night Sondaggismo: la meglio bibita analcolica

In configurazione M.A.S.K. mette le ali
Altro sondaggismo molto estivo, perché è fine luglio, sei triste che la Winehouse se ne sia andata, stai cercando di trovare il coraggio necessario per provare la unholy alliance della crema philadelphia - milka che hai in frigo da ieri (nel caso, segue recensione). Dopo la Royal Rumble delle birre che ti ha visto settimana scorsa tristemente spettatore non pagante, oggi tocca scegliere la migliore bibita analcolica, il soft drink supremo dell'universo, conosciuto e non [...]
La temibile Fanta Grape giapponese assassina
La verità è che sei sempre stato un tipo da Fanta. Una passione rafforzata negli anni dagli screzi insanabili con l'alcol di cui si diceva settimana scorsa e da una scarsa simpatia per la cola. Troppo, troppo dolce. A un certo punto però, come nel film di James L. Brooks, qualcosa è cambiato. La Fanta, in un moltiplicarsi di gusti inutili, è diventata Fanta Orange, ha cambiato colore e coloranti, ha cambiato soprattutto gusto. E' solo uno dei tanti tradimenti perpetrati ai danni della vostra generazione, come le merendine rimpicciolite e i gelati che non sono più com'erano una volta, ma per te è stato un colpo durissimo. Ogni tanto vi rivedete ancora, tu e la Fanta, ma non è più come un tempo. Non c'è più l'ammmore.
abbiamo troppe cose insieme (tranne il camion da corsa)
Ammmore che invece, proprio quando non te l'aspettavi, è sbocciato con questo beverone dalla lattina blue e metallo che sa di schifo prodotto a Salisburgo. Come nelle più grandi storie di passione, all'inizio era indifferenza e financo un pizzico di antipatia a pelle. Ma poi il bisogno di un surrogato del caffè che ti tenesse sveglio vi ha fatti incontrare, e alla fine diventare intimi. Sei stato uno tra i primi grandi consumatori di Red Bull in Italia, prima che invadesse le discoteche in combutta con la vodka, prima della Formula 1, prima ancora delle leggende metropolitane montate su quello 0,4% di taurina. E magari sarà la gratitudine perché ti tiene sveglio quando ti deve tenere sveglio, sarà una storia di gusto acquisito a mezzo dipendenza feroce, sarà che la bevi sempre così fredda da anestetizzare le papille gustative, sarà che un qualche dio benevolo ha fatto sì che ne riempissero perfino la macchinetta dell'ufficio (quel giorno sei caduto in ginocchio, commosso, sapendo che la tua fine era ormai vicina), ma se pensi a qualcosa di freddo da bere in un momento qualsiasi della giornata non ti viene in mente di meglio che una Red Bull. Classica però, non quella schifezza della Sugarfree con la lattina celestina.
Da quando l'Antro Atomico è entrato in modalità supernova una decina di mesi fa, decuplicando i propri aficionados, hai ricevuto almeno quattro diverse proposte di sponsorizzazioni. Le hai rifiutate tutte, per quella storia del blog che deve restare un hobby, e che fintanto che deve restare un hobby non devi stare lì a preoccuparti di banner e click sugli stessi. Però se un giorno la Red Bull bussasse alla tua porta accetteresti. D'istinto. Prima ancora di sentire la loro offerta. Appena suonano il campanello. Buon giorno siamo qui per, ci sto. Ma noi volevamo, ci sto. Se qualcuno della Red Bull Italia leggesse mai queste righe può contattarti: l'indirizzo email lo trova nella colonna qui accanto. Non vuoi soldi, sia chiaro. Ti accontenti di una fornitura di Red Bull. A vita. Love is a losing game, come cantava la povera, disperata Amy: ché alla fine finisce per piacerti un casino anche un energy drink austriaco che sa di schifo. Votate.

66 commenti:

  1. 7up senza pensarci, quella con Fido Dido però, sempre dannatamente anni 80.

    RispondiElimina
  2. Ammazza se la coca cola è troppo dolce la red bull che sa di chewing gum bigbabol che è?

    Schweppes al limone è, sebbene rarissima nei distributori, la migliore sul pianeta, altrimenti bisogna accontentarsi di una sprite, che fa la sua figura ma....non ha quell'appeal

    RispondiElimina
  3. E' incredibile il successo mondiale della Red Bull malgrado non piaccia quasi a nessuno.
    A me si, ma ogni volta che ne bevo una è tutto un levarsi di:
    "Che schifo!"
    "Ma sa di Big Babol!"
    "Lo sai che c'è lo sperma di toro?(sic!)".
    Trovo molto gradevole anche la Red Bull Cola, meno dolce delle Cole tradizionali.
    Però, se devo scegliere un qualcosa di analcolico da bere, direi The freddo, anche se oramai pure il Beltè è ha il sapore di malaria.
    Buonissimo era quello Rauch, in tetra pack da due litri, era come farselo in casa e costava niente, ma nel mio paese non è stato capito quindi ciccia.

    RispondiElimina
  4. Tralasciando succhi di frutta vari, il mio eterno amore se lo merita solo il Chinotto, ora però sto in argentina e non lo tocco da un mese.
    :(

    PS: 'Sticazzi della Whinehouse, se l'è cercata. Anzi, che in norvegia c'è stata una strage di un centinaio di persone ma passa inosservata.

    RispondiElimina
  5. La mai troppo rimpianta Fanta Tropical, durata troppo poco sul mercato italiano.

    Per puntare su qualcosa di presente, direi Lemonsoda, che c'ha pure le scorzette di limone...

    RispondiElimina
  6. Quando usci sul mercato per circa un annetto, in Italia, avrei detto l'introvabile Dr. Pepper... oggi sicuramente Chinò a carrettate.

    Darei un dito per la lattina della Fanta Grape a far ingrassare la mia collezione!!!

    RispondiElimina
  7. coca light ghiaccio e limone... niente di più rinfrescante..

    RispondiElimina
  8. Wargarv: è tutta una questione di retrogusto. Forse.

    macphisto: ti basta se ti dico che la Fanta Grape è la peggio roba che abbia mai assaggiato nei miei viaggi in Giappone? In assoluto? Proprio senza gara?

    RispondiElimina
  9. Coca-cola classica, anche tiepida, anche un po' sgasata (ma preferibilmente non tiepida e non sgasata, ecco).

    RispondiElimina
  10. Doc, bevi una cosa terrificante...
    L'odore ricorda un impianto chimico che sta per esplodere, il colore e la consistenza un olio per motori esausto, il sapore, non lo scoprirò mai!
    Per le bevande analcoliche direi che la Coca Cola è la Nutella della situazione, sempre buona e piacevole, io per esempio, nelle serate dove alzo un pò il gomito, mi regalo sempre una lattina per risorgere.
    Menzione d'onore per la Pelmosoda (Pompelmosoda?!?), bevuta un'estate al mare a garganella, nonostante fosse caldissima e praticamente amarerrima.

    RispondiElimina
  11. Cedrata Tassoni tutta la vita, con la sua pubblicità mai cambiata dagli anni 80

    RispondiElimina
  12. Mi accodo anch'io alla coke classifica.
    Le versioni dietetiche, grazie ma no grazie, non fan per me.

    E la RB mi ricorda le gomme dei distributori automatici anni 80. Magari big babol, dottò, la sostituirei con l'acqua

    RispondiElimina
  13. ..all'acqua.
    Datemi un tasto edit!

    RispondiElimina
  14. Chinotto, ma non un chinotto qualsiasi... Chinotto Neri! Difficile da trovare, soprattutto in vetro, ma decisamente il migliore.

    RispondiElimina
  15. "Quante cose al mondo puoi fare, costruire, inventare. Ma trova un minuto per me". Un minuto per fare uno spot nuovo, però, alla Tassoni negli ultimi trent'anni non l'hanno trovato mica.

    Ho scoperto che delle Red Bull esistono anche le BOTTIGLIE DA DUE LITRI E MEZZO. LA MORTE. VOGLIO, fortissimamente voglio.

    Agli altri energy drink hai dedicato un qualche post comparativo anni addietro. Mancavano però tutti quelli terrificanti che hai provato in Olanda un'estate fa (drink. Hai scritto drink, eh).

    RispondiElimina
  16. A me tra gli analcolici piacciono i bitter, ma proprio qualunque marca mi sta bene (ne ho un paio di bottigliette in frigo probabilmente prodotte fuori dal sistema solare). Dico crodino, ma solo per dare delle coordinate.

    RispondiElimina
  17. Doc... ho bevuto del cappuccino gasato in lattina (freddo chiaramente) di provenienza tedesca, e il succo di rana della foresta directly from China... non c'è Fanta Grape che possa spaventarmi!

    E il succo di rana era la cosa più buona tra le due citate!

    RispondiElimina
  18. Red Bull è stata una scoperta, un'appuntamento mancato con una lattina di Coca Cola, un sabato sera come tanti, la barista mi dice "Mi dispiace, ho finito la Coca Cola (tra me e me dicevo "che bar di m...a), se vuoi ho questa... E via, da allora non l'ho più abbandonata...

    RispondiElimina
  19. Anch'io ho avuto il periodo red bull, quando dovevo laurearmi ed ero in ritardo con tutto ci facevo colazione, pranzo e cena.

    Ultimamente avevo ripreso causa lavoro, però passando alla burn, che ha un gusto meno forte e che in generale preferisco.

    Ovviamente in entrambi i casi ho dovuto smettere dopo un po' causa acidità di stomaco alle stelle e fisico che in generale stava andando a pezzi, però bei momenti.

    RispondiElimina
  20. Voto la dolcissima Vanilla Coke, che ormai non si trova neanche più in Francia. Sbaglio, doc, o piaceva anche a te?

    RispondiElimina
  21. Prima della Red Bull arriva indiscutibilmente la Spuma.

    RispondiElimina
  22. Chinotto. Ma senza nemmeno pensarci troppo su. :)

    RispondiElimina
  23. Coca e 7up. Senza sarebbe una vita più triste.

    RispondiElimina
  24. La Red Bull non mi faceva un tubo, come il caffè del resto.

    Le bibite analcoliche sono un mondo difficile, quasi sempre troppo dolci ed essendo quasi astemio finisco per bere acqua o succhi... comunque voto il Pelmo Soda, per la punta d'amaro che stempera un po'.

    RispondiElimina
  25. Al primo posto metto Coca-Cola gelata. Seguono Mountain Dew (sono costretto a recuperarla su Ebay), Ginger ale e Cedrata Tassoni.

    RispondiElimina
  26. Chinotto, rulez.
    Gli energy drink, fortissimamente volli ma proprio nun ce la faccio.

    RispondiElimina
  27. Da ragazzin/bembin andavo pazzo per la Dr Pepper che purtroppo però in Italia sparì troppo presto.

    Ora dico cedrata Spumador (0.70€ per un litro e mezzo di puro godimento).


    @Dr Manhattan: Visto che (immagino) sarai un esperto di energy drink, perché non dedichi un topic solo a Red Bull, Burn e compagnia saltellante?

    RispondiElimina
  28. Ah, by the way, la combo Philadelphia-Milka l'ho provata (leggi: una ditata) a casa della mia fidanzata.

    Non mi sembrava malvagia ma mi riservo un test più approfondito prossimamente.

    RispondiElimina
  29. Dalle mie parti si suol dire "Fanta, poco buona ma tanta" (nel mio mestiere di barista part-time, le lattine che avanzano sempre finiscono consumate dal personale)

    Comunque Red Bull, oh yea. Saltuariamente sostituita dalla collega Burn, per il suo retrogusto fruttato, ma la mamma è sempre la mamma. Ora che riprende la stagione dei mirtilli (sì, il barista part-time paga poco, e nel rest-time mi tocca inventarmi di tutto) dovrò alzarmi ogni mattina alle 6 a faticare come un toro. E alle 6 per faticare come un toro, c'è solo una cosa che la spinta ti da.

    RispondiElimina
  30. Ricordo con gran piacere la one O one della Sanpellegrino (per chi non la ricorda http://youtu.be/OM7S6UNwd_0 ) ma calcolando che non la fanno più o almeno non la trovo più a Roma da eoni, devo dare il mio voto alla oransoda.

    RispondiElimina
  31. Poi un posto a se lo do alla Cedrata Tassoni con una spruzzata da Aperol.
    Ma la uso come aperitivo con gli amici.

    RispondiElimina
  32. La strana roba-bibita semi gasata al gusto pera, biologica, comprata oggi all'Ikea di Carugate. Il nome: Kolsyrad Parondryck

    RispondiElimina
  33. Doc anche io ho avuto il mio periodo Red Bull, qualche hanno fa quando facevo football ce la mettevano li d'avanti quando si vinceva una partita e tutti li a spaccarsi di lattine ripiene di TAURINA, che quando leggevo quel nome li mi immaginavo che ci facessero pisciare un toro dentro la lattina, ma poi finivo la lattina e finiva anche l'effetto doping che creava.

    Comunque "ciancio alle bande o bando alle ciance o bando ciance alle o alle ciancio bande" insomma la bibita che me gusta più delle altre è l'aranciata Tomarchio, una pseudo aranciata che consumo giornalmente a pranzo, a cena, a colazione inzuppata nel latte da ormai 5-6 anni più o meno, un'aranciata che proprio non sai se la smercino anche oltre la tua Trinacria (quando mi riferisco alla seconda persona singolare, è come se mi riferissi a me, cioè io sono un tu, tu sono io, insomma si capiva e non so perché l'ho spiegato bah...) ma pensi proprio di forse...

    RispondiElimina
  34. red bull e redbull cola per sempre!!
    nonostante le numerose extrasistoli...

    RispondiElimina
  35. Chinò Sanpellegrino of course, che domande, di gran lunga la bibita meglio buona.
    Doc ma vista la modesta quantità di zuccheri contenuti nella RB, i tuoi denti come se la cavano? Li hai ancora? O hai optato per un'elegante dentiera?

    RispondiElimina
  36. Capee: lolle, no, tuttappò.
    Peraltro i soft drink senza zucchero non sono soft drink, ma figli del demonio.

    RispondiElimina
  37. La Coca Cola per me è l'acqua delle bibite, nel senso che c'è sempre, che è la costante.
    Ma quando voglio scegliere chiedo una Lemonsoda, la divinità delle bibite. Quando lavoravo in un supermercato in pausa pranzo era l'unica cosa che bevevo. A bottiglie da un litro e mezzo a botta. Da solo. Il problema è che, non so se è lo zucchero, non so se è il limone, ma dopo mi viene più sete di prima.
    Quindi anche io mi schiero per la fanta (e pure io con la lacrimuccia per la Fanta quella vera dei bei tempi che quando eravamo piccoli era tutto più meglio), che a pranzo con la pizza o col kebab (maledetto il giorno che l'ho incontrato, il kebab) è la bibita di default.

    La redbul l'ho provata ai tempi del supermercato di cui sopra, ma non mi ha fatto una buona impressione. Magari ora, con qualche anno (troppi) in più sulle spalle ed la conseguente crescita del bisogno di procurarmi fonti di energia extra (e l'antipatia al caffè di cui ti ho già raccontato nel post sulla birra) chissà...

    RispondiElimina
  38. Fanta Icy Lemon... Nella prima versione uscita sul mercato. Quella che c'è ora non mi entusiasma molto...

    RispondiElimina
  39. Paptimus Scirocco24 luglio 2011 20:59

    la Burn, ha il gusto più fruttato rispetto alla RB (che mi piace anch'essa)

    RispondiElimina
  40. direi 7up a manetta più cool-attona sicuramente della sprite

    RispondiElimina
  41. Lemon soda e Redbull entrambi congelati. Non so scegliere fra i due, ultimamente comunque mi bevo sempre una Redbull ghiacciata verso le 3 del pomeriggio. Mi hai fatto venire voglia, non ho la Redbull a portata di mano, ma per fortuna ho la Lemon soda in frigo. Sbavo!!!

    RispondiElimina
  42. Red Bull godibile assai (mi ricorda tanto li sciroppi della mia infanzia)!!!

    Ma credo che la mia bibita analcolica preferita sia, almeno da un paio di anni, il succo d'ananas. Meraviglioso.
    L'anno scorso, in vacanza in Sicilia ha salvato dalla disidratazione me e la mia dolce metà!

    RispondiElimina
  43. Coca Cola. Senza discussioni, nonostante qui in Svezia sia veramente troppo dolce.

    RispondiElimina
  44. Acqua tonica della Recoaro, altresì nota come acqua brillante. Introvabile in gran parte d'italia, ma di spanne avanti alla tonica shweppes in quanto più amara, più dura, più tutto. solo per palati raffinati

    RispondiElimina
  45. Per gli amanti delle "bibbitechesannodibigbabol", le mie vecchie esperienze (dovute prevalentemente dalla ex fidanzata di origini peruviane) mi hanno portato a conoscere, in un ristorante peruviano, la Inka Cola, sconosciuta qua in italia, curiosa per il suo colore giallo-acea, strana per quel gusto da ciuingam... ma fredda al punto giusto, è buonissima...

    Per il resto del sondaggissimo, approvo sia la RedBull del doc (conosciuta in una mattinata di Lucca Comics, quando, dopo 3 ore di sonno e 3 di macchina, avevo bisogno di svegliarmi e lì la regalavano a manetta... e pensare che prima mi faceva schifo...) sia per il Chinotto pronunciato da altri fedelissimi... soprattutto il chinotto Neri (perché, "Chi beve Neri, Neri-beve"... che slogan... che sex-appeal...)

    RispondiElimina
  46. Il chinotto, senza sè e senza ma. Il sanpellegrino o il chinotto neri, poi, sono i migliori.
    La redbull timetteleaaali sa di... boh.

    P.S. Cioè, Doc... là fuori c'è un servizio del tiggìuno che identifica i videogiochi come la causa della strage in Norvegia, come la causa della follia di Breivik... con unomila spezzoni di modern warfare 2 nel video, con commenti tipo "l'eroe che viene chiamato a sterminare ogni forma di vita" e non c'è ancora un post al riguardo? O magari preferisci astenerti dal commentare?

    RispondiElimina
  47. Mi stupisce che nessuno -me compreso- abbia citato la sanguinella dei patronati

    RispondiElimina
  48. Chin8 Neri, il Re dei Chinotti. A seguire la più banale Coca Cola...la Red Bull l'ho apprezzata come corroborante nei logoranti festival estivi Metallici. Nonostante il sapore da lucidacruscotti, l'apporto energetico è notevole!

    RispondiElimina
  49. La Red Bull nuoooooooooh!!1!!!11 Mi fa troppo schifo, è buona la Sprite per dire, o la Coca Cola classica.

    Però andiamoci piano, le bibite gassate ti fanno finire come la Winehouse.

    RispondiElimina
  50. un noto attore australiano25 luglio 2011 11:15

    chinotto! Lurisia tutta la vita o se son sotto Parma il Chin8 Neri!

    RispondiElimina
  51. Sìiiiiiiiiii! Il Chinotto Lurisia che goduria! E anche la gazzosa coi limoni di Sorrento, sempre Lurisia. Costosetti ma inimitabili.

    RispondiElimina
  52. Un giorno dovremmo parlare del costume tipicamente calabro delle gazzose al caffè.
    Nel frattempo, chi cercava il post sugli energy drink lo trova qui:

    http://docmanhattan.blogspot.com/2009/10/le-bibite-energetiche-oggi-vanno-via.html

    E piantatela con questa storia della RB che sa di cingomma, ché mi bruciate i ponti con lo sponsor.

    RispondiElimina
  53. Doc ne guadagnerai con lo sponsor della BigBabol :P

    P.S. mi arriva un sacco di spam come risposte ai commenti delle "pubblicità fuorvianti"... Normale?

    RispondiElimina
  54. Aranciata Amara SanPellegrino

    La Red Bull non riesco proprio, ci ho provato diverse volte, ma appena sento quell'odore di sciroppo per la tosse per infanti non riesco a berla. Dovrei tapparmi il naso, oppure dovremmo dire al signor Red Bull di cambiarci l'odore.

    Il Philadelphia al Milka (o il Milka al Philadelphia) l'ho provato. E'... boh, non saprei come definirlo. Sembra la versione acidula della Nutella...

    RispondiElimina
  55. Macphisto: purtroppo sì. Arrivano tonnellate di spam nei commenti. I filtri bloccano quasi tutto (e ogni sera do una passata per svuotarli) ma se sei abbonato ai commenti la notifica ti arriva comunque.

    RispondiElimina
  56. Preferisco la Burn o la Monster: sapori meno schifosi... Ma qualcuno di voi ha provato l'energy drink Fi.Ga? (non è uno scherzo: esiste!)

    RispondiElimina
  57. hei, ma nel post dedicato alle bibite hai scritto che fa cagare!

    I ponti con lo sponsor te li sei bruciati da solo :D.

    Cmq anche per me la red bull non piace... ma devo dire che ti sveglia moooolto meglio di un 50cl di nescafe', sono un tipo molto sonnacchione e quando devo stare in piedi tutta la notte la bevo ....ma come fosse una medicina.
    Io voto per la pepsi...a differenza della cocacola riesco a berla tutta d'un sorso!

    RispondiElimina
  58. Indubbiamente un classico da cliente di osteria veneta post-alcoolismo: l'acqua brillante Recoaro. In aereo non potendo bere alcoolici è un classico intramontabile!
    @mapel76: è con immenso dispiacere che ti comunico di aver appena visto (magari gira da mesi e io non lo sapevo) la pubblicità della Tassoni con la musica e senza parole! Mi ha lasciato proprio senza parole, un altro mito che se ne va!

    RispondiElimina
  59. Per me è la gazzosa (rigorosamente in bottiglietta di vetro), meglio se al caffè (vedi alla voce brasilena o caffè siesta)... NOOO WAYYY

    RispondiElimina
  60. vedo che il gas, in tutte le sue forme, la fa da padrone.

    Provate il latte di mandorla e poi mi dite.

    O al limite l'acqua con le amarene (ho detto amarene, non sciroppo di amarena...)

    RispondiElimina
  61. lo so che arrivo terribilmente in ritardo, (dalle mie parti si direbbe che arrivo dopo la puzza) ma volevo dire anche io la mia:
    in italia, senza dubbio l'aranciata san pellegrino, altro che fanta, sta una anzi due spanne sopra, è fantastica!
    in brasile (paese della mia donzella) assolutamente il guaranà antartica, sapore appena simile alla redbull ma con più bollicine, più dissetanza, più felicità! se capitate in un ristorante brasiliano provatelo, non ve ne pentirete!

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails