venerdì 15 luglio 2011

31

L'estate in un Estathé, ma senza berlo

Max Biaggi, non sei nessuno
Sai che là fuori è l'estate, l'estate tutta intorno. Lo sai perché ci sono trenta gradi all'ombra alle sette del mattino, tanto per iniziare, ma anche perché migliaia di auto sono già in colonna sulla strada che porta al mare, quella che taglia a mezza costa le colline punteggiate da incendi dolosi tipici e venditori di origano che parlano l'aspra lingua dothraki della costa. C'è chi il concetto d'estate lo associa mentalmente al cornetto algida, o anche solo a una foto del cornetto algida. A un materassino. Agli occhiali da sole viola altamente nocivi in regalo con le riviste da 1 euro. A un qualche posto dov'è stato in vacanza da ragazzino. Alle canzoni dei Righeira, tutte quante. Ai vecchi coin-op fuori dalle pizzerie. Ai giochi senza frontiere. Alle buste con dentro tre fumetti, quello al centro sempre una sola. Per te, invece, da qualche anno a questa parte l'estate è racchiusa in un bric di plastica da 20cl di Estathé. Con tutto che l'Estathé ti ha sempre fatto cagare e non ne bevi uno da una vita […]
Il fatto è che è tutta colpa di quella pubblicità. Quella solita, quella con Dancing in the Moonlight dei King Harvest in sottofondo, quella che gira a nastro in tivù da anni, ogni estate torrida che il cielo e il riscaldamento globale mandano in terra. Ecco, quella pubblicità rappresenta in qualche modo un sunto perfetto di tutto ciò che di bello ti viene in mente quando pensi a questa stagione dell'anno francamente un po' sopravvalutata. E qui avresti dovuto inserire delle schermate dello spot in questione, ok?, ma un video dello stesso non si trovava, perciò facciamo di necessità Virtus Bologna e raccontiamoli quei momenti lì, via. Dunque:
Ci stanno due ragazzini che sfrecciano su un viale alberato in sella a una Vespa
E questo ti fa venire in mente l'estate dell'88, tredici anni non compiuti, il primo veicolo a motore che tu abbia mai guidato. Un Vespone con le marce, giusto per non farti mancare niente. La Vespa non è chiaramente tua, siete a Sorrento, sulle colline che chiudono lassù in alto il paese da cui gli Apreda hanno mosso alla conquista del mondo, o quantomeno, per quel che riguarda il tuo ramo familiare, dell'alto Tirreno cosentino. Un amico di poco più grande di te ti spiega come funziona la frizione. Metti la prima e la lasci, ti dice, e tu la lasci, ma tutta d'un colpo. La prima, migliore, fantastica, ultima, mai più nella vita, se sopravvivo non lo faccio più partenza con una penna clamorosa tipo Max Biaggi a Brno nel '98 della tua vita. Quel pomeriggio, a sfrecciare sui saliscendi pazzeschi, a volare giù per discese che ricordavano San Francisco ma con molti più alberi di limoni, vi sentivate vivi, giovani, inarrestabili.
Quando però vi hanno fermato i caramba ed eravate in due su una Vespa e senza neanche un casco, molto, molto meno.

Ci sta una tizia che fa vedere le pere (sort of) la sera del falò e tutti si tuffano in acqua
E questo ti fa venire in mente quell'estate, boh, del '93? La Cri era una del nord, e lo capivi perché era biondissima, e anche perché questa cosa degli articoli determinativi davanti al nome da voi, su al sud, non è che si portasse molto. La Cri ti piaceva, ma ti facevi mille problemi perché ti parlava sempre del fidanzato e poi piaceva anche a un tuo amico e lui l'aveva detto prima e quando un amico ti dice una cosa del genere devi essere proprio stronzo per fregartene. Era come lo specchio riflesso senza ritorno di dieci anni prima: dovevi abbozzare e basta. Quella sera vi imbucate a un falò che non è il vostro, ma poi quelli cantano dimmerda e allora ve ne andate e in qualche modo vi ritrovate da soli a camminare sul bagnasciuga parlando di niente e lei canticchia Dreams dei Cranberries e poi dice dai, facciamoci un bagno. E quando tu fai presente che non avete il costume lei ti dice dai chi se ne frega e tipo in una scena da film si sfila jeans e maglietta e si tuffa e allora tu da persona molto corretta e responsabile qual eri hai pensato al suo ragazzo a casa là da qualche parte nelle outland milanesi e al tuo amico che non aveva occhi che per lei e ti sei detto Oh, sticazzi, e ti sei buttato.
Ci sta la partita in spiaggia con la sforbiciata acrobatica da figurine Panini
E questo ti fa venire in mente quell'estate del '97 quando era questione di vita o di morte far bella figura in quel torneo di beach soccer e hai fatto un gol uguale che non sai neanche tu come e se non ci fosse stata la sabbia non c'avresti mai avuto il coraggio ed era quasi la fine del secondo tempo ed era il tramonto e insomma era una scena troppo Karate Kid e ti hanno portato tutti in trionfo, anche se nel ricadere hai preso una botta sull'anca pazzesca e per due giorni poi camminavi come un ottantenne con la sciatica, quella grave.

ma soprattutto ci sta alla fine una ragazza con gli orecchini che beve tutta beata l'Estathé e sorride, sorride felice
E questo ti fa venire in mente quell'estate del 2004 quando c'era questa nuova collega bellissima con gli occhi grandi che faceva girare la testa a tutti e siete a una festa e lei ti sorride mentre beve una fanta e tu ti sei detto vai, non fare il coglione. E sei andato, e non hai fatto il coglione e due anni dopo vi siete sposati ed era esattamente il 15 luglio come oggi e sono passati cinque anni minchia come vola il tempo, auguri amò. Ché poi dici sempre che non scrivo mai niente su di te su questo stupido blog.
 

Amò? La storia della milanese al falò… So' cose di ragazzi, eh.

31 commenti:

  1. Scusa se faccio il pierino ma la versione di Dancing in the moonlight nella pubblicità dell' Estathè è una cover dei Toploader. Ho voluto precisare perchè anche per me questa rappresenta la miglior foto dell' estate e merita il dovuto rispetto.
    Saluti da chi accende il PC la mattina e per prima cosa fa visita al Dr. Manhattan.

    RispondiElimina
  2. Congratulazioni famiglia Apreda :)

    RispondiElimina
  3. menghia il gancio strappalagrime finale! Comunque in estate (per me quel thè finto diventa droga, per poi farmi schifo con l'arrivo del freddo

    RispondiElimina
  4. Congratùlescion!
    Io cominciai con l'Atala Master di un amico,e credevo fosse la cosa più veloce al mondo,ed anche i carabinieri furono di questa opinione.La seconda roba con le marce che guidai,anni dopo,fu una R1,e mi ricredetti.
    Estathè non ho mai potuto soffrirlo,quel gusto sinto-zuccherato mi dava "la sciolta",in compenso ci davo giù con la Seven Up e gli Yonkers.
    Il mio territorio di caccia era il lago,e vigeva la legge del più veloce,chi prima "quagliava",aveva la prelazione,ma di solito,verso i primi di settembre le carte si mischiavano,e più o meno tutti combinavano qualcosa.
    Ah!nostalgia canaglia!(ed anche un pó coniglia,chè lasciare una pischella per un'altra era sempre un problema!)

    RispondiElimina
  5. Genuino momento emozione©
    Ce le ho tutte, Doc... Auguri!

    RispondiElimina
  6. Buon anniversario al Doc e signora!

    RispondiElimina
  7. Tanti auguri a voi, bellissimo post!

    p.s. l'Estathe fa davvero schifo, nonnostante l'effetto nostalgia.

    RispondiElimina
  8. bella doc! :D
    un modo decisamente originale di farle gli auguri :D

    RispondiElimina
  9. Congratulazioni Doc: 5 anni... nozze di legno (no, davvero! A scanso di equivoci, il link è merito di google, non è che io frequenti certi lidi per abitudine, eh... xD)...
    E tanta comprensione per la Signora-Doc.
    Ho festeggiato giusto sabato quelle di ferro con la Signora-Ragno, e si, insomma, alla fine le si ama anche perché ci sopportano. Che non è cosa da poco xD

    RispondiElimina
  10. Auguri a voi!

    RispondiElimina
  11. eccheppoi è la storia di tutti noi.. ciclomotore atala idea a pedivella, carabinieri, campeggio, limonate ai falò, intrugli di mentorzata etc etc..

    Auguri Doc.!!!!

    RispondiElimina
  12. Ma questo post...è stupendo!

    Auguroni Doc! E signora Doc! :D

    RispondiElimina
  13. Questi tuoi post mi fanno impazzire. Poche righe e ogni volta è il racconto di una generazione. Dimenticavo: auguri!

    RispondiElimina
  14. Complimenti per l'articolo e per il coraggio! E auguri!

    RispondiElimina
  15. sotto la dura scorza del Doc batte un cuore umano.
    forse.
    diciamo un cuore ebbasta.
    conratulazioni. :D

    RispondiElimina
  16. Bella, doc!
    Lol per "che parlano l'aspra lingua dothraki della costa". Ci sono i khalasar a spasso per la costa tirrenica? :)

    RispondiElimina
  17. LOL! Bellissimo post con sorpresone finale! Tanticentodiquestiggiorni Auguri DOC!

    RispondiElimina
  18. Come ho detto ad amico prima: questo post è una filosofia estiva!
    Bella DOC!

    RispondiElimina
  19. Ma auguroni alla famiglia Manhattan !
    Dai che per lei hai scritto il post nostalgia/romantico, che letto con la musica in sottofondo fa ancora più effetto nostalgia/romantico.

    RispondiElimina
  20. Ma Limone o Pesca?

    Auguroni alla famiglia Apreda!

    RispondiElimina
  21. .....e allora AUGURI AI MANHATTAN, Dottore e Signora ^_^

    RispondiElimina
  22. Doc, come trasmetti te quella sensazione di nostalgica gioventù non lo fa nessuno :D
    Sarà una cosa di voi over 30 :P

    Comunque tantissimi auguri a te e alla signora Manhattan!

    RispondiElimina
  23. Con un po' di ritardo, auguri alla famiglia Manhattan! :)

    ...tanta stima per la storia del falò.

    RispondiElimina
  24. AhAh! Grande!
    La mia prima esperienza con la frizione della Vespa, ha fatto si che mi si ribaltasse sulla testa, altro che partenza con penna.

    RispondiElimina
  25. Complimenti Doc. Per il post e per tutto il resto.

    Ma nessuno ha ancora buttato li la pubblicità della Tassoni? Quella che sono quarant'anni (come minimo) che è sempre quella? Ma tira così tanto la Tassoni d'estate? O si sono comprati a 20.000 di allora uno spazio vitalizio sulle reti nazionali (nel qual caso bell'investimento)?

    RispondiElimina
  26. tante angurie.

    ...cmq per me l'estate è "professione vacanze", che l'anno scorso mi sono ri-ri-ri(etc)-visto in streaming perchè ero in astinenza.

    RispondiElimina
  27. l'estaté è una cagata pazzesca!

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails