venerdì 24 giugno 2011

30

Benvenuto (?) Gasperini

Nei tuoi sogni, quelli che hanno come colonna sonora sempre e solo "All I have to do is dream" degli Everly Brothers, il nuovo allenatore dell'ImmensInter non poteva che essere il piccolo Mourinho, lo Special Two Villas Boas. Al limite Guus Hiddink, visto che comunque è uno che allena in Europa più o meno da quando è nato il concetto geografico di Europa. Invece tutto quello che Moratti è riuscito a pescare, dopo che il caghella Leonardo è fuggito all'estero, è stato Gian Piero Gasperini. Gian Piero scritto staccato […]

André Villas-Boas da piccolo
Gasperini te lo ricordi allenatore nel Crotone, prima ancora del Genoa. Di lui si dice che a Genova abbia fatto benissimo (cioè, prima che un anno fa lo mandassero via con una pedata nel culo dopo la decima giornata), che nei tre anni precedenti abbia portato i rossoblù a esprimere un buon calcio (con quel quarto posto acciuffato in coabitazione con i viola nel 2009), che abbia lasciato dei buoni ricordi, nonostante l'esonero.
Milito, per dire, quando si sono lasciati piangeva. Come nelle vere storiedammmore
Sarà. Cioè, intendiamoci: quando e fintanto che uno allena l'Inter, purché non faccia di nome Marcello e di cognome Lippi, tu lo sostieni alla morte. È l'allenatore della tua squadra, e se l'avventura col panzone ci ha insegnato qualcosa, un anno fa, è che non si giudica nessuno prima di averne visto i risultati. È solo che… boh.
Quello che non capisci, non capisci proprio, è perché ci sia voluto tutto questo tempo per annunciare Gasperini. Dopo aver incassato i no di tutti i primi quattro, cinque nomi della lista, che diavolo si stava aspettando? 

Gasperini questa mattina, in attesa della chiamata di Moratti
Ah, la notizia buona è che nello staff tecnico non entreranno né il preparatore Ventrone né l'allenatore dei portieri Rampulla. Due amici di Moggi in meno, grazie al cielo.

30 commenti:

  1. Solo in due possono fare peggio di Leonardo: uno è Mihajlović e l'altro Gasperini. Entrambi allenatori sopravvalutatissimi.
    Io di solito non mi sbilancio nemmeno a fine stagione, ma questa volta mi sento di dire che la prossima è già bruciata in partenza.
    La cosa interessante è che anche la società sembra essere consapevole della situazione (mi sa che anche per per sopportare la campagna acquisti ci sarà da prendere tonnellate di anti-emetici): il tutto in attesa non si sa di cosa e soprattutto di chi (si parla di Guardiola nel 2012, ma quest'anno?!).

    RispondiElimina
  2. Da anti-interista, ESULTO!
    Credo proprio che torneremo a vedere la cara, vecchia Inter.

    E, tipico di voi nerazzurri, lanciate sganassoni su Marcello Lippi, che in 6 mesi da voi ha raggiunto livelli di pippaggine clamorosi (ma credo sia un'abitudine tutta Morattiana, vedi Bergkamp, Adriano e Ronaldo)

    RispondiElimina
  3. È scattato il piano Guardiola

    RispondiElimina
  4. Da neo seguitore del blog e tifosisssssssssimo dei cugini.... Vi faccio i migliori AUGURI!!! E comunque durerà poco anche gamberetti ehm gamberini no no Gasperini!

    RispondiElimina
  5. Eh, già. Gasperini, questo emerito sconosciuto. Tale e quale un certo Allegri.. Che magra figura quest'anno sulla panchina del Milan!

    Ah, no. Aspetta..

    P.S.: ma che bello esser genoani.. :D

    RispondiElimina
  6. pessimo gasperini, ma l'ultima parte del post mi risolleva parzialmente

    RispondiElimina
  7. @Queto Demone:che Ronaldo all'Inter fosse definibile "pippa" mi pare un attimo eccessivo, eh!:-)
    Gasperini invece, potrebbe essere un ottimo allenatore:cioè, ha fatto arrivare quarto il Genoa(!), è un tecnico che può dare tanto, anche in una grande.
    Il problema che deve avere una rosa di un certo tipo a disposizione, che è capace di mettere Cambiasso nella difesa a tre.

    RispondiElimina
  8. si diceva lo stesso l'anno scorso di Allegri, e a suon di culate atomiche guarda che cosa è riuscito a fare... quindi aspettiamo Gasperinho e vediamo che combinerà. io dico solo AMALA e tutto il resto è noia!

    RispondiElimina
  9. http://it.wikipedia.org/wiki/Jonathan_Cícero_Moreira

    RispondiElimina
  10. Diciamola tutta. Il gioco espresso nel periodo Leonardo non era male (ma nemmeno bene) a tratti la squadra giochicchiava bene. C'era giusto quel piccolissimo problemino dell'allenatore che non era in grado di sistemare le partite in corsa quando iniziavano male. Direi non proprio un problema di secondo piano.
    Per quanto riguarda gli allenatore (tra possibili o meno) che ho sentito io li dividerei in alcuni gruppi.
    I sognati ma impossibili(in ordine):
    -Mourinho;
    -Guardiola;
    -Villas Boas

    Appare strano vedere un Mourinho sopra l'allenatore di una delle migliori macchine da gol della storia. Ebbene ci sono da considerare due cose: l'ambiente in casa Inter non è quello del Barca e in secondo luogo Guardiola ha dato un gioco fantastico ma la squadra ci ha messo comunque molto del suo.

    Ottimi candidati (sempre in ordine):
    -Spalletti;
    -Capello ex aequo con Gasperini;
    -Rossi;

    Spalletti probabilmente sarebbe stato il migliore. Sembrerà una bestemmia mettere Gasperini a Capello ma secondo me la mentalità di gioco di Don Fabio è un po' troppo vecchia in un periodo dove regnano le idee fresche. Certo le sue squadre esprimono un gioco solido ma mai bello. Gasperini invece a me intriga molto.

    Da escludere (dal meno peggio in giù):
    -Bielsa;
    -Zenga;
    -Leonardo;
    -Mihajlovic;

    Alcuni si chiederanno perchè Bielsa risulta in questo gruppo e non tra gli ottimi candidati. La risposta è semplice: quanti allenatori sudamericani che hanno fatto successo in Italia ultumamente vi vengono in mente? Zenga alla lunga potrebbe essere un buon allenatore, ma non ora. Leonardo sta qua per i motivi appena descritti. Mihajlovic veramente non ho ancora capito quando ha dimostrato di essere un allenatore. La Fiorentina giocava male male male!

    RispondiElimina
  11. Visto che non li si è cacciati per il tecnico portoghese, almeno speriamo che i soldi Moratti li cacci per qualche giocatore di livello. Anche se, se tanto mi dà tanto...

    RispondiElimina
  12. Il solo fatto che non avremo più Mr. Abbracci in panchina è un gran passo avanti.
    L'unica cosa che non mi convince è che non abbiamo una rosa adatta al 3-4-3 di Gasperini e che lui non è uno di quelli che cambiano moduli in corsa e che fa esperimenti... occorrerebbe investire sul mercato e vendere 2, 3 big della rosa (anche per svecchiarla).

    RispondiElimina
  13. Non mi sorprenderei se alla fine, a settembre, vedrò sulla panchina della mitica Inter Mazzone, un grande ritorno.

    RispondiElimina
  14. Abbiamo preso il terzino Jonathan del Santos. Jonathan il gabbiano.

    RispondiElimina
  15. ma mi sa ora che maicon andrà da Mourinho a consolarsi

    RispondiElimina
  16. Gasperini è gobbo e ha sempre dichiarato che calciopoli è tutta una montatura. Spero che ciò non faccia che aumentare la stima che già mi pare si percepisca nell'ambiente interista asd

    RispondiElimina
  17. Premesso che meglio di Leonardo anche un babbuino cieco e con problemi di intestino, non sono convinto. per nulla.

    Ah, e non credo che sia giusto paragonare Allegri a Gasperson per un semplice fatto: il Milan l'ha scelto subito, convintissimi... Moratti & Co. ne hanno contattati un vespaio prima di lui, segno che, boh, non era proprio proprio la prima scelta.

    Che poi possa far bene ci sta, per il semplice fatto che in Italia l'Inter rimane ancora la squadra con la rosa più forte. Del Milan di poco ma di dieci spanne sulle altre.

    E poi se si è considerata positiva la parentesi Leonardiana, toda joia toda belessa, che c'ha fatto umiliare da una mediocre squadra tedesca, perdere un campionato ampiamente alla portata e quasi perdere pure la coppa italia se il Palermo avesse avuto un centravanti, insomma, basterà poco per far bene......

    RispondiElimina
  18. Per quanto sia stato una scelta di ripiego (quarta? quinta?) il fatto che abbia prevalso la linea di Branca, piuttosto che quella di Moratti mi da un po' di fiducia. Oltretutto Gasperini è un allenatore, non uno che non ha ancora capito cosa fare come Leonardo e nemmeno uno che, per ora, da allenatore ha fatto abbastanza cagare, come Sinisa.

    Non ha esperienza internazionale ed è un male, arriva nell'ambiente tradizionalmente peggiore ed in cui ci sono ancora milioni di vedove mouriniane sconsolate ed è ancora peggio, bisogna vedere come lo accoglierà lo spogliatoio. Se sarà ben disposto potrà far bene, se inizieranno a fare muro contro muro dopo 5 minuti come successo col ciccione l'anno scorso, non arriva nemmeno a mangiare il pan dei morti, altro che il panettone.

    L'unica cosa è che lui si dovrà adattare a fare un gioco un po' diverso da quello che faceva a Genova, non abbiamo i giocatori adatti a correre e dubito la società farà una campagna acquisti decente.

    Speriamo bene, intanto continuiamo ad "AMALA!"

    RispondiElimina
  19. Anche perché l'ultima volta che un nostro allenatore ha chiesto due esterni veloci per fare il 3-4-3 sono arrivati Quaresma e ManSìni.

    RispondiElimina
  20. Alt doc! Ci sarebbero da notare alcune cose diverse dall'ultima volta che un allenatore dell'Inter ha pensato di giocare con 3 punte. La prima cosa è una creatura di razza superiore che risponde al nome di Eto'o. Non presente all'epoca in cui sono stati acquistati i due innominabili che tu hai nominato. Perfetto per giocare esterno in un 3-4-3 o in un 4-3-3, in realtà Samu si trova a suo agio con qualsiasi modulo che prevede almeno una punta o qualcosa che gli somigli.
    L'altro essere superiore (ma un po' meno rispetto al precedente) risponde al nome di Sneijder che, in pochi lo sanno, nell'Ajax non faceva il trequartista ma l'esterno di centrocampo. E' stato spostato al centro giusto perchè largo ci giocava un certo Robben.
    Poi dopo essere stato pagato 27 milioni e aver disputato un'ottima stagione con 30 presenze e 9 gol a Madrid e un'altra altalenante dovuto anche ad un infortunio che lo ha tenuto fuori dai campi per 3 mesi al Real hanno pensato bene di svenderlo a metà prezzo all'Inter, grazie a Dio (Dio che risponde al nome di José e al cognome di Mourinho). Ma perchè al Real, si sa, ci vedono lungo!

    RispondiElimina
  21. Caro Doc,
    a parte il fatto che su Gasperini ho dele riserve, che naturalemtne contano una cippa non essendo io nessuno ( dal punto di vista calcistico) mi viene spontanea una domanda.
    Ma come mai nel mondo del calcio i contratti firmati da calciatori e allenatori non contano un benamato CAZZO ?
    Scusandomi pr la caduta di stile ti sottopongo questa riflessione: nella vita normale tu prova a scioglierti dal contratto che hai stipulato con il locatore per l'affitto di casa se lui non vuole, oppure prova a annullare la compravendita di un appartamento o di un elettrodomestico.
    99 volte su 100 si finisce in tribunale.
    Perchè, invece, nel calcio un allenatore o un giocatore ben pagato, coccolato, stimato e addirittura amato da presidenti , stampa e tifosi ha tanto potere da indurre il povero presidente di turno a dire sconsolatamente "ma se non vuole restare non posso mica trattenerlo con la forza ".
    Ah il magico mondo del calcio , pieno di misteri.
    Saluti

    RispondiElimina
  22. data di scadenza 20 novembre more or less...
    detto questo..
    AMALAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!

    RispondiElimina
  23. Addirittura?
    Nagatomo salvaci tu.

    RispondiElimina
  24. Ah, Pangio, nel calcio funziona così perché conviene a tutti. Anche ai presidenti che quei contratti li firmano.

    RispondiElimina
  25. Pangio ti spiego la situazione un po' più concretamente.
    Tenere un giocatore o allenatore contro la loro voglia non solo potrebbe essere controproducente ma anche un costo. Passiamo all'esempio dove prenderò in considerazione il caso di un giocatore (ma per gli allenatori è uguale):
    Giocatore: "Presidente vorrei essere ceduto".
    Presidente: "No! Noi ti vogliamo tenere a tutti i costi, perchè sei bravo".
    Giocatore: "allora rimango per rispettare il contratto, ma sarò scontento".

    Quello "scontento" significa che probabilmente giocherà di merda e allora o fai come Cellino che nel caso di Marchetti si è sobbarcato il costo dello stipendio (non così alto a dirla tutta) rovinandogli la carriera, oppure lo vendi fino a quando ha un valore.

    L'ipotesi peggiore sarebbe quello di tenerlo per farlo giocare e dopo una stagione di merda provare a dimostrare che ha giocato volontariamente di merda. Ovvio che dimostrarlo è impossibile anche se tu mi dirai "è impossibile che un fenomeno da un giorno all'altro diventi un brocco" e io ti risponderò "quanto ci hanno messo, per esempio, Ronaldinho e Adriano a diventare semi-ciofeche?".

    Con gli allenatori la situazione non è molto differente se non per il fatto che rimanere un anno fermo non gli cambia un cazzo, mentre per un calciatore può essere un grosso stop alla carriera.

    Ora detto questo è normale che giocatori e allenatori si trovano in una posizione diversa da qualsiasi altro firmatario di contratto. Se tu vai dal tuo capo e gli dici "lavorerò di merda se non mi alzi lo stipendio" quello ti da un calcio nel culo e ti licenzia. Ma licenziare in tronco un giocatore significa perdere un bene del valore di svariati milioni e che dunque ti conviene vendere.

    RispondiElimina
  26. Il solito pessimista Sciuscia prevede la solita stagione sprecata che ci capita sempre quando cazzeggiamo sull'allenatore.

    RispondiElimina
  27. caro doc, se consideri ventrone rampulla due "moggiani", dovresti considerare tale anche il tuo attuale neo-allenatore, visto che fu proprio moggi a sceglierlo per il settore giovanile della juve e che lo sponsorizzava negli ultimi anni ogni qualvolta i bianconeri erano alla ricerca di un tecnico.

    RispondiElimina
  28. Caro Doc,
    non credo proprio che al buon Aurelio faccia piacere che tutto a un tratto il Marekiaro si metta a fare dichiarazioni d'amore per il M, (ovvero la squadra con cui l'Inter gioca il derby) fottendosene allegramente di avere col Napoli un contratto per ancora 3/4 anni.
    Alla fine il vero potere è nelle mani dei giocatori e dei loro procuratori ( vedi dietro Marek chi c'è e poi mi darai ragione).
    Saluti

    RispondiElimina
  29. Caro ManOwar
    la tua analisi è esatta ma se permetti aggiungo qualche ulteriore considerazione.
    Prendiamo un giocatore a caso, un certo Marek che un bel giorno quando sembra tutto bello felice di vestire la maglia azzurra inizia a dichiarare il suo amore per il M e a dire che vorrebbe andare al M
    Capisco che il buon Marek e il suo procuratore hanno la possibilità di ricorrere ai metodi che tu hai ben descritto.
    Però prendiamo anche un presidente a caso, ad esempio Aurelio, abbastanza sborone e chiacchierone , ma cazzuto al punto giusto ( ricorda che qualche estate fa il Lavezzi e il suo procuratore ci hanno rotto i cosiddetti che voleva l'aumento, che voleva partire fino a quando Aurelio non lo ha rimeso in riga.
    A questo punto mescola tutto e non so cosa potrà accadere.
    Anche che il Marek si faccia un anno in tribuna o
    che si rimetta in riga.
    Vedremo
    Saluti

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails