sabato 23 aprile 2011

11

Inter-Lazio, 2-1: un ragazzino di nome Zanetti

"Se tornasse Mou sarei contento". A chi cacchio lo dici
Nello scontro fratricida del sabato di Pasqua, Inter e Lazio trascorrono i primi venti minuti di gara in quella che i telecronisti definirebbero una fase di studio e che tu invece chiameresti fase in cui non succede una cippa. Comunque, la Lazio sembra più pimpante e al 23° si procura con Zarate un rigore. Il rigore c'è tutto, l'espulsione di Julio Cesar forse meno, ma fatto sta che Zarate si prende la palla e tira una minella centrale su cui Castellazzi, svegliato dalla pennica in panchina meno di un minuto prima, non può fare nulla. Sotto di un gol e con un uomo in meno per settanta minuti: sembrerebbe il prologo di un dramma, ma in effetti a uscire per far posto al secondo portiere è stato Milito, il Milito pandevizzato degli ultimi tempi, quindi sostanzialmente non cambia una minchia. Anzi, i ragazzi ci provano, la Ladzie si fa inspiegabilmente timida, e al 40° arriva questo calcio di punizione dalla mattonella di Sneijder. L'olandesino si aggiusta la maglia per la foto ricordo, manda un bacio a Yolante e poi la schiaffa alle spalle di Muslera. Solo a quel punto Reja si alza dalla panchina e caccia un urlo, ricordando ai suoi che quella cosa che dovevano farvi vincere per incoolare la Roma valeva solo l'anno scorso [...]
Wesley e Ranocchia durante una fase della rappresentazione pasquale all'intervallo. Il centurione crudele lo faceva ovviamente Lucio
Ma i biancocelesti evidentemente non ascoltano il proprio allenatore, perché dopo l'intervallo rientrano in campo molli molli. Al 7° Zanetti si lancia in ripartenza da un calcio d'angolo, solo contro tutti, poi la butta in avanti, Biava va a farfalle sul terreno saponetto del Meazza, Eto'o si beve Muslera e porta in vantaggio le forze del bene. La Lazio avrebbe in effetti tra il 12° e il 15° almeno due occasioni nette per pareggiare, anche perché Sneijder è fuori per un presunto infortunio e si gioca di fatto in nove. Ma in agguato c'è la SUPERMINCHIATA©, quando Mauri scalcia Nagatomo da dietro dopo esser stato saltato, riportando in parità il conto degli uomini in mutande in campo. Poi Wesley rientra, che era solo cagotto, e quando il pubblico saluta lo scampato pericolo agitando allegramente giornali e carta igienica sugli spalti l'arbitro Morganti pensa erroneamente alla panolada e la prende malissimo. Il solito permaloso della fungia.
L'ultima grande occasione per la Ladzie è la traversa spaccata dall'ispettore Kozac al 30°. Poi è solo Inter (con il colpo sotto di Maicon e un paio di occasioni sprecate da Eto'o, che arrivato a correre il 47° chilometro della sua partita non ne ha evidentemente più) e una colonna sonora di ottantamila fischi a ogni tocco di palla per Brocchi, che con grande intelligenza si era prenotato in settimana una calda accoglienza a San Siro con qualche dichiarazione della minchia.
Finisce così, nella gloria dell'EROICO NAGATOMO, mentre nella capitale, a un passo dal grande raccordo anulare, si sente il pianto sommesso di un uomo. Un uomo chiamato Vitoiuvara.

11 commenti:

  1. e da romanista sfighè mi tocca ringraziarvi! almeno la soddisfazione di mettere un pó di pepe al culo ai cugini biancazzurri!

    RispondiElimina
  2. Ma seriamente, Zanetti come diavolo fa a correre a quel modo alla sua età? Impressionante.

    RispondiElimina
  3. ma allora wes via? siamo sicuri?

    RispondiElimina
  4. Zanetti non è lui, lo abbiamo sostituito anni fa con un replicante.

    RispondiElimina
  5. sì però sta panolade son patetiche... manco fosse stata sfavorita l'inter negli ultimi anni...

    RispondiElimina
  6. Doc per la par conditio commenta anche le partite del Milan! Dai! :D

    RispondiElimina
  7. Anaheim82: Ma anche no

    Ordog: io gente come Wesley non la venderei MAI

    RispondiElimina
  8. Vorrei essere il figlio di Zanetti. Prima di tutto perchè erediterei un po' di quei geni di un essere umano (passatemi il diminutivo) che a 37 anni non ha mai avuto uno straccio di infortunio degno di essere chiamato tale. Poi perchè alla sua età corre ancora come un ragazzino. E poi perchè economicamente mi sa che non se la cava poi tanto male!

    RispondiElimina
  9. ma manco io infatti, per quello leggere sui giornali che è in partenza perchè è quello che "ha più mercato" mi sembra una belinata. anche messi avrebbe mercato, allora vendiamo tutti e facciamo una squadra da lega pro

    RispondiElimina
  10. Scampoli di vera Inter: quella che si mangia gli avversari con l'uomo in meno e ribalta qualsiasi situazione negativa, me l'ero scordata *.*

    RispondiElimina
  11. Non posso fare come tanti che quando le cose per la laro squadra vanno male spariscono.
    No io sono qui e dico che per la mia squadra i sogni sono svaniti e che se non ci diamo da fare (ovvero se non battiamo il Genoa) sono cavoletti acidi per la chempion.
    E intanto la grande corazzata rosso nera (non voglio fare commenti) si avvia a vincere lo scudetto.
    Poi, però, con calma, Doc, se vuoi, potresti aprire un post sulla pressione che volutamente i mass media esercitano su questa o quella squadra, in modo da destabilizzare l'ambiente e sull'influenza degli stessi mass media sui vari elementi del mondo calcistico, possibilmente senza tirare in ballo il concetto di vittimismo.
    Saluti

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails