lunedì 31 gennaio 2011

19

L'Antro Nagatomico

Il nuovo acquisto dell'Inter, quando ancora giocava con Paul Diamond, Tom Becker e gli altri
Nella grande passerella internazionale che è stata l'Inter di Moratti negli ultimi quindici anni, nel gran scialare di giocatori di ogni latitudine, nazionalità, sesso (perché ricordiamo tutti il triste caso Vampeta) e religione, ci mancava un giapponese. Ed era un po' un peccato, perché i giapponesi amano l'Inter, il nostro calcio e la nostra cucina. Tranne i formaggi, ché quelli gli restano sullo stomaco. Era, perché un pony express ha appena consegnato sotto la sede di Via Durini un pacco EMS con dentro Yuto Nagatomo […]
Appena arrivato nella sede dell'Inter, Nagatomo ha deciso di dedicare alla sua nuova squadra un haiku:
"Un giorno la maglia del cielo
e della notte mi scelse.
E io fui abbastanza felice. Arigatoo"
E no, per piacere, risparmiamoci le solite battute da seconda elementare. Tipo come si chiama il più forte giocatore giapponese? Yokopoko Mayoko, tipo Holly & Benji, Shingo Tamai e i giochi di parole su samurai e kamikaze. Risparmiamocele, ché sicuramente verranno buone per il resto del campionato. Yuto Nagatomo (長友 佑都, cioè Nagatomo Yuto: lì hanno ancora questo viziaccio di usare prima il cognome, come i carabinieri) nasce calcisticamente nell'FC Tokyo nel 2008 e giapponesicamente nel settembre '86 a Saijo. Arriva in prestito dal Cesena al quale si è girato con la stessa formula Santon, subito dopo averlo convinto nel pomeriggio ad accettare il trasferimento. A cazzotti. Nagatomo ha appena vinto la coppa d'Asia con il Giappone di Zaccheroni (ma lì il merito è tutto della piesseppì), è alto un po' meno di te e ha una meravigliosa faccia da impiegato frustrato e senza più fiducia alcuna nella vita.
Cosa non si fa per vendere qualche cazzo di maglietta*.

*Che poi le magliette nelle viuzze di Tokyo le vendiamo già. Agevoliamo il reperto fotografico del settembre '09 gentilmente riesumato da Sole. Regia? Grazie:
La maglia di lei aveva pure nome e numero di Zanetti. Applausi

19 commenti:

  1. Lo sapevo che avresti scritto un post su Nagatomo!!!

    Dovevo essere il primo a commentarlo, ora lo leggo.

    RispondiElimina
  2. Mi dispiace per Santon, 2 anni fa era tipo il miglior terzino italiano, oggi è diventato una pippa degna del peggior Centofanti. Ora aspetto con trepidazione la catapulta infernale Nagatomo-Coutinho. Con Coutinho che si smalta sulla traversa, of course.

    RispondiElimina
  3. "Con Coutinho che si smalta sulla traversa"

    Verrebbe fuori meglio del gol di Djorkaeff contro la Roma.

    RispondiElimina
  4. Cazzo mi hai rimesso in mente Santon.

    RispondiElimina
  5. O meglio anche del gol di Checco Moriero in uefa.

    Scatta il contributo dalla regia:

    http://www.youtube.com/watch?v=Ud8iBZBWMFE
    http://www.youtube.com/watch?v=zpCPKblYAw4

    ah, quelli sì erano bei tempi, quando si perdeva di gusto.

    RispondiElimina
  6. Alfieri del bel calcio, alfieri dell'uomo del Giappone.

    RispondiElimina
  7. Oh, "Nagatomò" (come correggeva sempre e costantemente l'ospite giapponese della Gialappa's durante le radiocronache degli ultimi mondiali... :D

    Che poi le domandavano se il suo nome avesse tipo qualche significato e lei rispondeva "risaia centrale", se non ricordo male. ;)

    RispondiElimina
  8. ovviamente non commento sul giapponese che ha se non altro il merito di liberarci di santon: in generale un'onesta campagna acquisti, anche alla luce della cessione di rivas (che con biabiany forma un bel tridente di personaggi che spero di non rivedere mai più).
    certo avrebbero dovuto fare di più e meglio in estate, e magari evitare di farci vedere oltre a questi 3 qui anche natalino, alibec, stevanovic e coutinho, ma questa è storia vecchia e sotto gli occhi di tutti.
    al momento l'unico veramente buono sembra pazzini, ranocchia e kharja sono due speranze col punto interrogativo.
    troppo poco per una squadra a -9.

    RispondiElimina
  9. Animo, animo! Ora abbiamo Nagatomo! Nagatomo salvaci tu!

    (o quantomeno non fare minchiate col fuorigioco come l'amico di Balotelli)

    RispondiElimina
  10. e dire che ero passato proprio per questo!
    beh mi risparmio per la prima "impresa" del nipponico in campionato per prendere per il sedere, anche se punto alla rovesciata di tacco più che alla catapulta, che di nipponi gliene servivano due almeno :D

    RispondiElimina
  11. mi ero dimenticato delle cessioni di muntari e mancini: decisamente un mercato in uscita da 10 (ottenuto sommando i voti delle esperienze in nerazzurro dei 5 "giocatori" in questione)

    RispondiElimina
  12. Muntari: quanto ci mancherà la sua intelligenza tattica da vaso di gerani!

    Ma ora abbiamo Nagatomo. Nagatomo, guidaci tu!

    RispondiElimina
  13. Ma LOL: te gli interisti li becchi proprio ovunque, eh? Ancora mi ricordo le tue foto su tumblr del tizio sudamericano nella metro di NY... :D

    RispondiElimina
  14. La giapponesina è caruccia. E, devo essere sincera, neanche lui è malaccio! :)
    Che maglia aveva lui?

    RispondiElimina
  15. mitch: c'è solo l'Inter.

    pda: quella di Zingarimovich. Gli ho spiegato che l'avevamo spedito a Barcellona e lui mi ha risposto che gli stava simpatico lo stesso e la maglia se la teneva.

    RispondiElimina
  16. io mi chiedo: ma perchè con Santon non potevamo dargli pure Chivu? un prendi uno paghi due.
    Comunque Nagatomo sarà il mio nuovo idolo. Mi dispiace per Mariga.

    RispondiElimina
  17. E a giugno arriva dal Feyenoord (che ha confermato ieri la notizia) Castaignos, l'attaccante che ti toglie le caldarroste dal fuoco. E se le mangia.

    RispondiElimina
  18. Comune Denuclearizzato3 febbraio 2011 16:46

    Non canzoniamo i giapponesi. Hanno fatto quello che dovevano fare con la solita precisione chirurgica che li contraddistingue.
    ZAC... Con una bel fendente di Katana il samurai del Sol Levante si è appena ritagliato una succulenta fetta della torta planetaria. Per ulteriori delucidazioni Chiedete pure ai cittadini residenti di Cesenatico. Quelli della Curva Nord si astengono da ogni commento.
    Nemmeno la coppa delle grandi orecchie può cancellare l'onta delle cinque pappine britanniche... Quella sera a San Siro...

    Ps Checco Moriero? Che tempi, quando s'improvvisava Sciuscià...

    Muntari: quanto ci mancherà la sua intelligenza tattica da vaso di gerani!
    Sì, anche la sua indubbia versalità a raccattare l'encomio colorato dell'arbitro nei momenti topici della partita.

    RispondiElimina
  19. Comune, le tue descrizioni epiche mi fanno morire. Sembra il calcio narrato da Tolkien, ed è bellerrimo :)

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails