martedì 7 dicembre 2010

17

The Walking Dead: l'episodio 6 e le differenze rispetto al fumetto. O: "E anche questa stagione ce la siamo tolti dalle palle" (cit)

Ora, non per fare il fissato a tutti i costi, di quelli che escono dal cinema dopo aver visto La Compagnia dell'Anello di Peter Jackson e al grido di "Brutto nano barbuto eretico di merda vaffanculo tu e tutta la Nuova Zelanda!" prendono a sfasciare le vetrine e a dar fuoco alle auto in sosta, ma questa cosa delle profonde differenze tra The Walking Dead il fumetto e The Walking Dead la serie tv di AMC ti ha tenuto sulla corda per tutti e sei gli episodi. Il sesto e ultimo della prima stagione, ieri sera, non ha fatto ovviamente eccezione. Anzi. Chi ha visto il tutto e non teme spoiler alcuno prosegua pure fiducioso nella lettura, gli altri no. A meno che, certo, non siano dei masochisti senza rispetto alcuno per sé stessi. Hai visto mai [...]
"Brindiamo! E' la fine del mondo! Evviva!"
Come mette in luce in un post dedicato alla diesamina di questo sesto episodio il sito comicvine.com (che ha gentilmente concesso queste foto, diciamo), il grosso l'ha fatto l'aver inserito a tradimento nella trama questo subplot del CDC (Center of Disease Control) di Atlanta, questa GRANDE CAZZATA, dicevamo una settimana fa, dello spunto fantascienzo alla Lost che non c'entrava una well-loved cippa. Ma andiamo con ordine:
Innanzitutto la puntata si apre con questo flashbacco gradevole perché a) spiega come Shane in effetti a salvare Rick dall'ospedale ci abbia provato, prima di cagarsi in mano dalla paura e lasciarlo lì; b) ti dice la rava e la fava del cosa ci facessero, all'inizio del primo episodio, tutti quegli zombie con un buco in testa infilati nei sacchi e quelle robe militari abbandonate. Shane, ovviamente, nel fumetto non ci pensa manco per niente a salvare Rick. Ma proprio zero.
Il DCP, si diceva. Una delle cose che ti piacciono di più in The Walking Dead di Kirkman è il fatto che si sia sempre risparmiato quei FOTTUTI SPIEGONI da film americano medio. Quelle pippe tipo finale di un episodio di Scooby-Doo che a un certo punto di ogni pellicola horror, fantascienza, thriller, laqualunque, devono prender per mano lo spettatore coglione e fargli capire tutto quanto, ché altrimenti quello si rende conto di essere un povero stupido e si incazza, magari c'è caso voglia pure indietro i soldi. Ecco, The Walking Dead in 80 numeri non ha mai sentito il dovere di spiegare come funzioni il cervello di uno zombie, le possibili cause dell'epidemia e, soprattutto, CHE MINCHIA STESSERO FACENDO I FOTTUTISSIMI FRANCESI. La serie AMC, evidentemente, proprio non poteva farne a meno. Venga, spettatore coglione, venga: da questa parte, prego!
No, anche la scena del confronto amoroso mutato in tentato stupro non c'era nel fumetto. Ma non hai fatto a tempo a seguire bene il dialogo tra Lori e Shane perché eri ipnotizzato dal coin-op di Ms. Pac-Man sullo sfondo, tutto preso a immaginarti almeno tre buone ragioni per convincere tua moglie a lasciartene piazzare uno in salotto.
Ma soprattutto, c'è questo fatto che Shane arriva vivo alla fine della stagione, e non c'avresti scommesso sopra un fico secco. Nel fumetto le cose andavano in modo MOLTO diverso, ma per non spoilerare niente a nessuno non dirai nulla, se non CARL, COLLO e PROIETTILE.
Fatto quello che doveva fare, aiutato lo spettatore medio coglione a sentirsi meno solo al mondo e incompreso, il CDC di Atlanta può finalmente andarsene a fare in coolo in una giga-esplosione in CGI fintissima. Rick Grimes e la sua banda di disperati sono di nuovo là fuori, dove trovano il maniaco omicida senza una mano Merle che li stava aspettando per vendicarsi e li ammazza tutti con una sventagliata larga di AK-47. Anzi, no. Ché Merle non si sa che razza di fine abbia fatto, e vabbé. Fine della stagione, continua nella prossima, per vedere la quale basterà aspettare giusto UNDICI MESI.
Il team di sceneggiatori di questi primi sei episodi, nel frattempo, è stato liquidato con una pedata nel culo meccanica di Zio Paperone. Ufficialmente, per questioni di budget. Ufficiosamente, perché erano tutti così entusiasti di questa grande trovata del DCP, i poveri stronzi.

17 commenti:

  1. Sono contento che sia vivo, nel serial è il personaggio migliore. Guarda possiamo scommettere che tutte le tematiche più scomode del fumetto veranno eliminate, già l'età di Andrea ne è una prova. Intanto in America l'hano visto tutti e la critica americana lo premia; sopravvalutato. Nella versione americana i francesi iniziavano un'orgia gay inneggiando a satana. Doc quando ci fai post su telefilm di qualità come mad man, damages e in treatment?

    RispondiElimina
  2. Il problema è che sono un pessimo spettatore di serial. Non riesco a seguirne più di tre o quattro alla volta e preferisco in genere (ma evidentemente non in questo caso) sottrarmi allo stillicidio della diretta, per pupparmeli in ampie dosi e con i miei tempi in DVD. Per dire, di quelli che citi ho visto solo Mad Men, e solo le prime due serie. Damages, però, interessava all'altra metà della famiglia, quindi è in lista

    RispondiElimina
  3. Ho visto 3 puntate di Walking Dead, tutte maledettamente lente! Onestamente non si può fare così ed evidentemente Frank Darabont se ne è reso conto visto quello che ha fatto.
    Non resterò male se questa serie verrà cancellata, come penso succederà a metà della seconda stagione o al più tardi alla fine.

    Staremo a vedere :P

    RispondiElimina
  4. In treatment e damages devi vederli,di questi anch'io ho visto solo la prima serie; è che spesso i serial si dilungano troppo,e se vedo una prima serie perfetta che mi regala una conclusione soddisfacente, evito di rovinarmela con continui pretestuosi. Cmq è la prima volta che vedo americani che non insultano la Francia(c'è il trucco però; lo scrittore è canadese),epica è quella di capitan america:"surrender?surrender??!!You think this letter on my head stands fo France?" Ah, un complimento alla tua persona:scrivi da Dio(non che la bibbia sia paragonabile ai tuoi scritti)

    RispondiElimina
  5. Grazie mille, anche a nome della mia catechista

    PS
    Il Cap Ultimate rulla supremo

    RispondiElimina
  6. Uncle Anesthesia8 dicembre 2010 03:30

    Ciao Doc! Grande post! Uno dei più divertenti da quando seguo l'antro. In realtà sto postando per togliermi un dubbio e cioè: siccome volevo cominciare il fumetto, fino a che volume posso comprare senza spoilerarmi nulla o quasi della serie tv dalla seconda stagione in poi? Non so se hai capito che voglio dire, ma sono le tre e mezza e non ce la faccio a mettermi a pensare se mi sono espresso bene, se mi sono fatto capire. Ok? Grazie Doc

    RispondiElimina
  7. Chiaro, fresco e dolce acquo. Tecnicamente potresti leggere il primo volume italiano ("Giorni Perduti", Saldapress). Il problema è che, di proposito, nel serial hanno posticipato un evento MOLTO GROSSO. Ergo, leggendo anche solo il primo volume rischi il giga-spoiler.

    RispondiElimina
  8. cacchio li ho registrati tutti con mysky ma la prima puntata è corrotta, non parte nemmeno, doc non è che hai voglia di rigirarla tipo fanmovie? dai così inauguriamo la sezione movie dell'antro, mi basta una cosa sullo stile di metal gear philanthropy

    RispondiElimina
  9. Hai detto fischi. Bastano un ventimila euro e cinque anni di tempo, dai. Cazzo ci vuole.

    RispondiElimina
  10. non avevi altro da fare che scrivere cazzate? no, davvero, non scherzo. abbiamo capito che hai letto il fumetto, ma mi pare ti sia sfuggito tutto il resto ed ora rivendichi in qualche modo il tuo "elitarismo", o puzzasottoilnasismo, classico di colui che ha letto un'opera prima della sua trasposizione.
    davvero, scrivi altro la prossima volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e che ti dobbiamo dire... guardati una serie molto meno interessante e figa del fumetto... da "coglione" come direbbe l'amico che ha scritto l'articolo... resta il fatto che questa serie è di una lentezza e piattezza unica... a parte che fanno molta più paura le persone che gli zombie... tutto il contrario di come la serie sarebbe dovuta essere insomma... we love USA

      Elimina
  11. No, perché adeguarmi ai rimbrotti di chi si firma con un underscore è proprio una mia regola di vita. Quale parte di quell' "episodio 6 e le differenze rispetto al fumetto" nel TITOLO del post non hai afferrato, ciccio?

    RispondiElimina
  12. Non te la prendere, doc. Google ti porta nuovi lettori, ma anche parecchi nuovi rompicoglioni, naturale. Uno che se la prende perché gli hai trattato male il telefilm del cuore, solo perchè non ha capito senso e motivo del post, si commenta da solo.

    RispondiElimina
  13. Uncle Anesthesia9 dicembre 2010 14:20

    Ok, grazie per la risposta doc. Alla fine credo che lo prenderò. Il fatto è che il telefilm ho provato a farmelo piacere, ma non sono riuscito ad affezionarmi a nessuno dei personaggi. Linee di dialogo che ti rimangono impresse: zero, i dialoghi tra Rick e Lori sembravano presi da cuore selvaggio, e non mi riferisco al film di Lynch http://it.wikipedia.org/wiki/Cuore_selvaggio_(telenovela). Lo so che erano solo sei episodi, ma sicuramente poteva e doveva essere fatto di più. A tratti The walking dead non sembra nemmeno una serie della AMC, e pensare che sono gli stessi di Mad Man e sopratutto di Breaking bad, una delle cose più belle della televisione dai tempi dei Soprano e Six Feet Under. Si spera in qualcosa di meglio nella seconda stagione.

    P.S. Ma qualcuno ha capito cosa dice lo scienziato a Rick nell'orecchio, verso la fine, quando stanno per scappare dal laboratorio?

    P.P.S. Ho sentito che nella seconda stagione ci sarà una versione modificata di un nuovo gruppo di zombie. Sembra che il capo sia questo qui:

    http://www.sportecalcio.it/wp-content/uploads/2010/04/rafa-benitez-22.jpg

    RispondiElimina
  14. E che facciamo, spariamo sulla croce rossa?
    Gli zombie hanno molta più vita davanti di Rafa, ora come ora

    RispondiElimina
  15. Ciao ti seguo da poco e mi fai sbellicare ^__^ in senso buono ovviamente.
    Ammetto di non aver letto il fumetto quindi il mio parere è solo pe ril telefilm.
    Mi rendo anche conto che spesso trasportare un telefilm da fumetto sia difficile un pò come capita per i libri, più che altro perchè un telefilm viene fatto per milioni di spettatori "costretti" (in un certo senso) a dover guardare quel programma, mentre in un fumetto o libro uno è più libero di scegliere se leggere o no qualcosa. Quindi ovvio che dei personaggi vengono modificati altri aggiunti (vedi anche in true blood)
    Di base è già entrato nella mia lista dei telefilm preferiti, vuoi che gli zombie siano i miei mostri preferiti, vuoi che mi piacciono gli attori scelti e in generale lo trovo un telefilm ben fatto.
    Ammetto che il finale della prima serie mi ha ricordato un pò troppo LOST, quel centro non centrava nulla nello svolgimento della storia e non ha dato nulla di più se non una vaga spiegazione del tutto inutile su cosa rianimi gli umani, però a me sta cosa non è dispiaciuta nel senso, in tutti i film degli zombie loro esistono e basta escludendo resident evil ovviamente dove era ben chiaro il motivo della loro esistenza, quindi questa cosa mi è piaciuta e no cioè la potrebbero approfondire altrimenti sarebbe una storia di zombie uguale a tutte le altre e uno ovviamente si annoia.
    Per il resto credo sia un telefilm molto seguito però lo ammetto...è lentissimo sono le 6 puntate più lunghe della storia... torno a leggerti^__^

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails