martedì 16 novembre 2010

16

Gli Orsetti del Cuore e l'omosessualità

La colpa, se di colpa si può parlare - e no, non si può, dai, ché mica siamo tesserati del carroccio col fazzoletto verde speranza al collo - non è di una madre troppo apprensiva. O di un padre troppo severo e distaccato. O della genetica. O dei pantaloncini sergiotacchini troppo stretti al corso di tennis. Nossignore. Se oggi molti trentenni si scoprono omosessuali, la colpa è esclusivamente di quei fottuti Orsetti del Cuore. […]
Amore, amicizia, bontà, volemosebene
E pure un po' dei Mio Mini Pony, ma di quelli parliamo magari un'altra volta. O magari anche no. Dicevamo: gli Orsetti del Cuore, o Care Bears, o quei peluche colorati stramaledetti. Nascono nell'81, e per uno scopo apparentemente innocuo: la American Greetings stampa infatti un'illustrazione di Elena Kucharik su una serie di bigliettini augurali. Sembra finita lì, nel melenso sottobosco a forte rischio diabete dei bigliettini tutti cuori, fiori, colori pastello, ammmore e gattini, ma purtroppo non è così. La stessa Kenner della serie M.A.S.K. scatena infatti su un ignaro pianeta Terra un attacco coordinato su vasta scala, picchiando duro su più fronti con una linea di orsacchiotti di peluche colorati dedicati a questi, uh, orsacchiotti di peluche colorati, e tutta una certa qual gadgettistica a tema. E non è ancora tutto. Tra l'83 e l'87 ne cava la bellezza di: 1) numero due film animati per la televisione, 2) numero tre film animati per il cinema, 3) una serie tv.
C'è stato un periodo preciso, giusto a metà degli anni 80, in cui non potevi sfogliare in santa pace un topolino o accendere la tele senza trovarti davanti questi cazzi di orsetti ognuno con il suo colore e un simbolo diverso sulla panza da cui scaturisce il raggio d'amore che sconfigge il male ché tutti si abbracciano e si vogliono bene. No, sul serio. Voialtri selvaggi eravate venuti su vedendo le torture disumane cui Jerry sottoponeva Tom, le brutali umiliazioni di Wile. E. Coyote, e ora vi toccava imbattervi in queste puttanate new age. E siccome con dieci personaggi non è che potessero farci poi più di tanto, a un certo punto sono saltati fuori pure i "Cugini degli Orsetti del cuore", tutta un'epifania di leoni, coniglietti, pinguini e altre bestie schifose frutto di oscure parentele promiscue e collaterali.

Anni 80, colore, stupore, specchio della natura, sinudyne, gioia, orticaria, nausea
Ora. Uno pensa che a distanza di così tanti anni, questi fottutissimi Orsetti del Cuore, queste merde di Mattacchiorso, Brontolorso e tutto il resto della dannata famiglia, non diano più il fastidio di un tempo. Ma invece non è così. Cioè, se siete donne, ok. Vi si perdona (forse). Ma se siete uomini, o anche solo caporali, provate ad ascoltare una delle nenie urticanti di uno dei film:
(tipo questa qui)
Ascoltatela, e poi riscopritevi tutto d'un tratto aggressivi e maneschi. Oppure con una gran voglia di provare il rimmel nuovo di vostra sorella. Una delle due.

16 commenti:

  1. =))
    E come se me li ricordo!!Il periodo che andavo alle elementari!
    Avevo le figurine di questi orsetti e ricordo ancora che un "maschietto" della mia classe mi diede due figurine al posto di quella dell'orsetto rosa con il doppio cuore sulla pancia!!!
    Chissà che fine abbia fatto adesso questo mio amichetto!:D

    RispondiElimina
  2. Boh, io ho sempre saputo della loro esistenza, proprio a causa della martellante pubblicità di cui godettero negli anni 80. Ed è sempre stato a causa di quella pubblicità che mi son ben guardato di curiosare oltre. Mai visto nemmeno mezzo minuto di niente. E poi ero già abbastanza violento di mio. Una volta diedi fuoco proprio ad un peluche d'orso, ma prima di conoscere gli orsetti ghei.

    RispondiElimina
  3. Ahhhhh! Gli orsetti del cuore nooooo!!!! Ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhh!!!

    RispondiElimina
  4. Beh, allora perdonatemi. Perché io da ragazzina ne andavo pazza! :X

    RispondiElimina
  5. E infatti, scommetto, non ti piace la fica.

    RispondiElimina
  6. Li detestavo.
    Il fatto strano è che l'autore, Joe Bacal, non ha creato solo questa serie animata, My Little Pony o Jem, ma anche Transformes G1, G.I. Joe e Ritorno di Titani (Inhumanoids)

    RispondiElimina
  7. Dai, ho capito tutto.

    Prossimo post: "Iridella". ;)

    RispondiElimina
  8. Iri_chi?
    Sciuscia, occhio che PDA è una che mena.

    RispondiElimina
  9. Marte, tu mi preoccupi sempre di più.
    Oddio, non che il Doc con post del genere non sia da meno.

    RispondiElimina
  10. Chi non è preoccupato da chi, al giorno d'oggi!? :P

    Ad ogni modo, se consideri l'aurea regola della navigazione Internet che sancisce che: "chiunque faccia un uso smodato delle tecnologie web è irribediabilmente gay (pure le donne!)", il tutto rientra nell'ottica della normalità, fidati! :P

    RispondiElimina
  11. doc,e dove lo metti denver? nella versione originale diceva "Oh Denvie Faggie!" mentre nella traduzione italiana è diventata "Oh mamma saura!".
    E pensare che io lo guardavo con ammirazione.. fottuto dinosauro.

    RispondiElimina
  12. Denver era un povero cristo. Lascialo stare

    RispondiElimina
  13. Secondo me uno alquanto gay potrebbe essere di certo Braccobaldo Bau...

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails