martedì 6 aprile 2010

6

Shutter Island: una tranquilla pasquetta di paura

Dopo quell'enorme stronzata del remake hollywoodiano di Infernal Affair (The Departed) e il concert film sui Rolling Stones (che non hai visto. E non credi vedrai mai), Martin Scorsese torna a fare un film che è Quasi Scorsese sulla scala da 1 a Scorsese. [...]


Ora, andrà detto subito che Shutter Island è un bel film. Di quei - per quanto la definizione sia aberrante, fin troppo abusata e ti stia abbastanza sui coglioni - thriller psicologici che ti trascinano prima a pensare una cosa, poi una completamente diversa. E anche quella tanto è sbagliata.
Solo, ti chiedi, c'era proprio bisogno del finale Scooby-Doo? Del solito riepilogone finale che ti deve spiegare proprio tutto-tutto a beneficio degli spettatori più lenti? Non sarebbe stato molto più d'effetto, in un puzzle mentale del genere, lasciare a chi guarda il compitino di rimettere a posto gli ultimi tasselli? Cazzo ci voleva?
Dobbiamo per forza tenergliela bassa la mangiatoia, al popolo dei ruminatori di pop-corn? Spider di Cronenberg (2002) pur in tutt'altra ambientazione e con un tono più angosciante e meno thriller-omammamiaadessocascagiùdallascogliera, affrontava lo stesso argomento, si snodava partendo da uno spunto molto simile. Ma alla fine non comparivano Fred, Daphne e Velma a sfilare maschere di gomma e ad insultare la tua intelligenza con il solito spiegone superfluo.

Ah, tornati a casa, ieri sera, vi siete visti un film che davano su Merdaset Prezzium: L'uomo che ama. Che è la storia di un tizio (Favino) che sta con la Bellucci. Ma poi se ne stanca e la molla.

Fantascienzo! Charlotto! Minchione!

6 commenti:

  1. Boh. Secondo me Scorsese doveva appendere la cinepresa al chiodo dopo "Casinò" e lasciarci così, col botto. Che tanto un capolavoro del genere quando stracazzo lo rigira?

    RispondiElimina
  2. Beh, qui la discussione si fa pesa. E' vero che Scorsese un nuovo Taxi Driver o un nuovo Toro Scatenato (il suo film che mi piace di più) non lo tira più fuori, ma Gangs of New York è un bel film. Shutter Island, alla fine, pure.

    RispondiElimina
  3. Ma sì, sì, Gangs of New York è un bel film ed è piaciuto anche a me (DiCaprio nonostante tutto), ma vuoi mettermi un Casinò, un Goodfellas, un Taxi Driver, un Toro Scatenato, un Cape Fear qualsiasi.. Ammettiamolo: il buon Martin le cartucce migliori le ha già sparate, e da tempo (e visto che stiamo affermando praticamente la stessa cosa, non mi dilungo e la chiudo qui).

    RispondiElimina
  4. Non ho ancora visto Shutter Island (ce l'ho in programma a fine mese), però la mania della spiega è proprio un problema del cinema ammerigano recente. Guarda Spielberg, fra quella minchia di scena del furgone televisivo nella Guerra dei mondi e lo spiegone finale di Minority Report...

    Ma lo stesso Scorsese: uno dei grossi problemi di The Departed rispetto a Infernal Affairs è proprio la voglia di spiegare ogni minima cazzata, non lasciare niente di non detto, mettere le didascalie a ogni cosa.

    RispondiElimina
  5. Assolutamente d'accordo: la sfilza di film rovinati sul filo di lana dallo spiegone finale è infinita. Del resto credo che film come Memento mi siano piaciuti molto proprio perché non collegavano i puntini per conto dello spettatore. Poi, chiaro, il pubblico si abitua (e all'uscita dal cinema, quando andai a vedere Memento, era tutto un coro di "nonc'hocapitouncazzo!")

    RispondiElimina
  6. Io avevo capito (credo), però in effetti non mi piaceva molto quel che avevo capito. :D

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails